Bioflavonoidi (vitamina P)

Struttura

Le sostanze P-attive sono state considerate vitamine dal 1936, quando i ricercatori ungheresi (Szent-Gyorgyi) isolarono dalla paprica e dai limoni una sostanza che aveva un effetto pronunciato sulla permeabilità della parete vascolare. Questa sostanza era chiamata vitamina P (dal latino permeabilitas - permeabilità).

Nelle proprietà biologiche della vitamina P, c'era molto in comune con la vitamina C. Inoltre, marcato sinergismo di queste due vitamine nella manifestazione dei loro effetti biologici.

In futuro, la presenza di un gran numero di sostanze in possesso di attività della vitamina P è stata rivelata nella natura della pianta. Tutti hanno ricevuto il nome generico di bioflavonoidi, il cui numero ha raggiunto 150.

Con bioflavonoidi includono flavanoni (esperidina, eriodiktin), flavanoli (rutina, quercetina, quercitrina), calconi (esperidina - metilhalkon) degidrohalkony (floridina), catechine (1-epicatechina, 1-epigalokatehin, 1-epigalokatehingallat) antociani (cianidina) leucoantociani, cumarine (esculina), benzofenoni (maklurin e acido gallico).

I bioflavonoidi più comuni sono l'esperidina, ottenuta dagli agrumi, la rutina dal grano saraceno, la catechina dalle foglie di tè.

Il significato fisiologico dei bioflavonoidi

Il ruolo biologico principale dei bioflavonoidi risiede nel loro effetto di rinforzo capillare e nella diminuzione della permeabilità della parete vascolare. I bioflavonoidi normalizzano lo stato dei capillari e aumentano la loro forza. Il meccanismo d'azione sui capillari è determinato dalla stabilizzazione del collagene, dalla protezione dell'adrenalina dall'ossidazione e dalla soppressione dell'attività della ialuronidasi.

I bioflavonoidi hanno la capacità di attivare processi ossidativi nei tessuti e anche di migliorare il recupero dell'acido deidroascorbico nell'acido ascorbico. È stata stabilita una connessione indiscussa, sinergia e parallelismo nell'azione biologica della vitamina C e della vitamina P. La sindrome emorragica può anche essere osservata con P-avitaminosi. Entrambe le vitamine sono efficaci nel trattamento dello scorbuto. I bioflavonoidi hanno effetto antipertensivo e possono essere utilizzati nel trattamento dell'ipertensione. È stato notato l'effetto positivo dell'uso di bioflavonoidi nella perdita di sangue, mentre la durata del sanguinamento si riduce, il grado di coagulazione del sangue diminuisce.

I bioflavonoidi hanno azione antistaminica; inibiscono l'attività dell'istidina decarbossilasi, che impedisce la formazione di istamina. Queste proprietà dei bioflavonoidi possono essere utilizzate nella prevenzione dello shock anafilattico.

Bioflavonoidi insufficienti

La mancanza di bioflavonoidi può essere la natura esogena ed endogena. insufficiente apporto di bioflavonoidi con prodotti alimentari, spesso in combinazione con insufficiente apporto di vitamina C e altre vitamine, porta allo sviluppo di sintomatologia caratterizzata da fragilità e permeabilità dei capillari, debolezza generale, tendenza all'emorragia.

Insufficienza endogena di bioflavonoidi può svilupparsi come disturbo secondario causato da danni tossici alla parete dei capillari, nonché a causa di un'interruzione della funzione delle membrane vascolari. L'aumentata fragilità dei capillari è stata osservata nell'ipertensione essenziale, nel diabete, nella tossicità della gravidanza, nella malattia da radiazioni e come conseguenza della dicumarinoterapia.

La necessità di bioflavonoidi

Il bisogno di vitamina P non è stabilito. È approssimativamente stimato nella quantità di 10 mg per 1000 kcal o 35-50 mg al giorno, in metà della quantità in relazione al fabbisogno di vitamina C.

Fonti di bioflavonoidi

I bioflavonoidi sono ampiamente rappresentati nei prodotti vegetali e il loro contenuto è (in mg%):

  • chokeberry - 2000
  • ribes nero - 1000
  • rosa canina - 680
  • arance e limoni - 500
  • mirtilli rossi - 320-600
  • mirtilli rossi - 240-330
  • fragola - 150-172
  • ciliegia - 280
  • prugne - 110-300
  • mirtilli - 290
  • uva - 290-430
  • mele - 10-70
  • barbabietola - 37-75
  • cavolo - 10-69
  • carote - 50-100
  • patate - 15-35

Uso terapeutico dei bioflavonoidi. I bioflavonoidi sono usati a scopo terapeutico nel trattamento della diatesi emorragica, della capillarotossicosi, del sanguinamento di varia origine, dell'ipertensione, della glomerulonefrite e anche della somministrazione di anticoagulanti.

La barbabietola da colorare (antociani) contiene bioflavonoidi betaina e betanina. Il primo ha proprietà lipotropiche e il secondo - effetto ipotensivo, normalizza la pressione sanguigna.

Dosi terapeutiche di vitamina P 100-150 mg al giorno.

bioflavonoidi

In un momento in cui il freddo esterno e il corpo richiedono energia, non è superfluo ricordare le vitamine. O meglio, uno di loro, noto come "vitamina P". La vitamina R, o bioflavonoidi, fu scoperta per la prima volta nel peperone rosso bulgaro e solo dopo un po 'furono trovati in altre verdure, frutta, bacche, erbe, cereali e noci.

Prodotti ricchi di bioflavonoidi:

Nonostante il fatto che in tutti i suddetti prodotti ci siano bioflavonoidi, la loro concentrazione in essi è molto eterogenea. Ad esempio, nella maggior parte di frutta e verdura, questi composti si trovano prevalentemente nella pelle. L'eccezione è frutto con carne colorata. In essi, i bioflavonoidi sono distribuiti su tutto il volume in modo più uniforme.

Caratteristiche generali dei bioflavonoidi

I bioflavonoidi appartengono alla classe dei pigmenti vegetali polifenoli. Gli scienziati conoscono più di 6.500 varietà di queste sostanze.

Questi composti prendono parte attiva al metabolismo delle piante e sono ampiamente distribuiti tra le piante superiori. Nelle piante, i bioflavonoidi sono presenti sotto forma di glicosidi.

Tutti i flavonoidi differiscono nel colore. Ad esempio, gli antociani danno alle piante un colore rosso, blu e viola. E flavoni, chalcons, flavonols e aurons - giallo e arancione. I flavonoidi partecipano alla fotosintesi e alla formazione della lignina.

Nel corpo umano, i bioflavonoidi partecipano al rafforzamento delle pareti dei vasi sanguigni. Inoltre, sono in grado di neutralizzare i radicali liberi, svolgono un ruolo essenziale nel fornire energia al corpo.

Domanda giornaliera di bioflavonoidi

La necessità di un organismo nei bioflavonoidi è in media di 25-50 mg al giorno. In questo caso, va notato che la vitamina P nel corpo umano non si forma indipendentemente, deve essere consumata con cibo di origine vegetale.

La necessità di aumentare i bioflavonoidi:

  • nella stagione fredda;
  • con debolezza e stanchezza;
  • con ulcera peptica dello stomaco e del duodeno;
  • in situazioni stressanti;
  • con aumento della fragilità dei capillari;
  • con ferite e ferite esterne e interne.

La necessità di bioflavonoidi diminuisce:

  • in presenza di intolleranza individuale di un particolare gruppo di bioflavonoidi;
  • nel caso di malattie associate a una violazione dell'assimilazione di queste sostanze;
  • con l'uso di additivi biologicamente attivi, che contengono già bioflavonoidi.

Assimilazione di bioflavonoidi

Poiché i bioflavonoidi appartengono al gruppo dei carboidrati polifenolici, interagiscono attivamente con gli zuccheri. Nel fare ciò, si deve ricordare che per la loro completa assimilazione dovrebbe essere consumata una quantità sufficiente di acqua.

Proprietà utili dei bioflavonoidi, il loro effetto sul corpo

I bioflavonoidi, usati insieme al cibo vegetale, hanno i seguenti effetti sul nostro corpo:

  • ridurre la fragilità e la permeabilità dei capillari;
  • partecipare ai processi di riduzione dell'ossidazione;
  • proteggere la vitamina C dall'ossidazione;
  • regolare il livello di zucchero nel sangue;
  • prevenire il verificarsi di cataratta;
  • abbassare il livello di colesterolo nel sangue e normalizzare la composizione della bile;
  • migliorare la respirazione dei tessuti;
  • sono usati per trattare malattie cardiache, gastriche, renali e vascolari;
  • aumentare la resistenza allo stress e ridurre l'affaticamento.

I bioflavonoidi sono usati per malattie associate a alterata permeabilità della parete vascolare. Sono prescritti per diatesi emorragica, ictus, emorragia nella retina dell'occhio, malattia da radiazioni.

Utilizzando bioflavonoidi, buoni risultati possono essere raggiunti con reumatismi, endocardite, ipertensione, miocardite, la glomerulonefrite cronica, aterosclerosi, malattia coronarica e ulcere gastriche.

Interazione con elementi essenziali

Tutti i bioflavonoidi interagiscono attivamente con i carboidrati (un gruppo di zuccheri). In tal modo, formano composti complessi - glicosidi, su cui sono assegnate le funzioni di protezione del corpo da condizioni ambientali sfavorevoli. Inoltre, praticamente tutti i bioflavonoidi si combinano bene con acidi di routine e organici.

Segni di una mancanza di bioflavonoidi nel corpo:

  • debolezza generale;
  • malessere generale;
  • affaticamento veloce;
  • dolore alle articolazioni;
  • piccole emorragie sulla pelle (nella zona dei capelli).

Segni di eccesso di bioflavonoidi nel corpo:

  • mal di testa;
  • dolori alle articolazioni;
  • affaticamento veloce;
  • irritabilità;
  • allergie.

Fattori che influenzano il contenuto di bioflavonoidi nel corpo

I fattori che influenzano il contenuto di flavonoidi nel nostro corpo includono solo uno: l'uso regolare di prodotti contenenti questi composti. È auspicabile che i prodotti siano soggetti a effetti termici minimi. Solo con questo metodo, i bioflavonoidi sono in grado di esercitare effetti appropriati sul corpo.

Bioflavonoidi per la bellezza e la salute

Molti probabilmente hanno sentito che le generazioni precedenti erano più sane di oggi. I medici dicono che ciò è dovuto non solo alla situazione ambientale nel mondo, ma anche a quei prodotti che regolarmente vengono al nostro tavolo.

In passato, specialmente negli anni della carestia, venivano consumate molte verdure, dalle barbabietole ai kalachikami e ai pestelli di pino, molte bacche fresche, noci e verdure venivano servite al tavolo. E poiché i bioflavonoidi sono presenti nelle piante, il loro uso ha contribuito al fatto che la salute era migliore, e i capelli e la pelle erano caratterizzati da bellezza e splendore speciali.

Pertanto, se hai problemi con unghie, pelle e capelli, dovresti mangiare cibi vegetali ricchi di bioflavonoidi. In questo caso, è desiderabile che il cibo fosse vario e contenesse diversi gruppi di queste sostanze necessarie per il corpo.

Cosa sono i bioflavonoidi e perché ne abbiamo bisogno?

I primi flavonoidi ottenuti dalla pianta erano gialli. I bioflavonoidi svolgono un ruolo importante per l'uomo e le piante stesse. Perché hanno bisogno di una persona e quali proprietà preziose hanno?

Il ruolo dei bioflavonoidi nella vita

Gli scienziati hanno a lungo studiato il ruolo dei bioflavonoidi nella vita, nella salute delle piante e hanno continuato a studiare i loro benefici per gli esseri umani. Cosa sono utili?

  1. Danno a fiori, frutta e verdura un colore speciale, che svolge un ruolo importante nell'impollinazione.
  2. Diversi colori attirano l'attenzione di vari insetti.
  3. Salvare le piante da fattori ambientali dannosi, dall'ultravioletto all'ozono.
  4. Il loro scopo principale è quello di rinnovare le funzioni protettive delle cellule vegetali colpite da ultravioletti, funghi, virus, insetti, radicali liberi.
  5. La loro partecipazione allo sviluppo e alla crescita delle piante è stata rivelata.
  6. Hanno un'azione antifungina e antibatterica. Il ruolo protettivo dei bioflavonoidi è dovuto all'effetto antiossidante.
  7. Dopo lunghi studi è stato scoperto che queste sostanze hanno importanti proprietà chimiche, biologiche e biochimiche importanti per la prevenzione delle malattie.
  8. Hanno un potente effetto antiossidante.
  9. Hanno la capacità di ridurre la trasmissibilità delle pareti dei vasi sanguigni. Questa qualità è dovuta alla capacità di indurre la produzione di collagene, l'elemento principale del tessuto connettivo. Bene qui studiato la routine. Fa parte delle medicine destinate a rafforzare i vasi sanguigni.
  10. Ridurre la pressione sanguigna e aiutare a curare l'ipertensione. Se all'improvviso non hai alcun farmaco al salto di pressione, prova a mangiare un'arancia, siediti in silenzio e cerca di rilassarti.
  11. Alleviare il dolore, lividi, abrasioni, lividi.
  12. Migliora l'attività del fegato.
  13. Quando si prende con la vitamina C ridurre la manifestazione di herpes.

L'uso degli agrumi è stato fortemente sottovalutato, si è sempre creduto che causassero allergie e questo veniva costantemente sottolineato. Ora i medici sono più fedeli e non raccomandano di escludere completamente i frutti al primo sospetto di allergia alimentare.

I bioflavonoidi contenuti negli agrumi sono ben studiati. Nella buccia bianca interna delle arance, i mandarini, i pompelmi, i bioflavonoidi aiutano a preservare la vitamina C dall'ossidazione e praticamente senza perdita.

Va notato che i bioflavonoidi non sono contenuti nella polpa, ma nelle bucce morbide amare, che di solito scartiamo.

Ma non appena iniziamo a tagliare l'arancia, la vitamina C inizia a collassare rapidamente sotto l'influenza dell'aria.

Oggi i bioflavonoidi naturali sono conosciuti e ben studiati:

La quercetina è un bioflavonoide, un potente antiossidante

La quercetina è il più potente antiossidante tra i flavonoidi. Gli scienziati ritengono che la sua forza antiossidante sia superiore a quella della vitamina E.

Proprietà utili della quercetina

  1. Ha un effetto antiallergico, sopprimendo il processo di combinazione di istamina.
  2. Ritarda l'azione di alcuni enzimi coinvolti nel metabolismo dell'acido arachidonico, che aiuta a combattere varie infiammazioni.
  3. In medicina è usato per la prevenzione delle malattie cardiache e vascolari.
  4. Supporta il lavoro del cuore, migliora l'apporto energetico del muscolo cardiaco rafforzando la circolazione coronarica, abbassa la pressione.
  5. Una persona che consuma una quantità sufficiente di quercetina con il cibo ha un rischio inferiore di infarto e ictus, ha meno probabilità di trombosi.
  6. Recentemente, è stata resa nota un'altra importante proprietà: la capacità di uccidere le cellule tumorali. Risultati eccellenti sono stati ottenuti nel trattamento del cancro al seno, alla prostata e al colon.
  7. Azione antivirale e immunostimolante. Migliora la funzione delle cellule immunitarie, aumenta l'immunità, aumenta la produzione di anticorpi.

Routine bioflavonoide

Le piante di Rutina sono prodotte dalla quercetina e dal disaccaride rutinoso. La sua struttura è simile alla struttura dei flavonoidi, che si trovano nell'estratto di foglie di ginkgo biloba.

  1. Funziona come un diuretico.
  2. Conserva il fegato
  3. Protegge i vasi sanguigni.
  4. Fa parte di vari preparati multivitaminici ed erboristici.
  5. Riduce visibilmente l'edema venoso.
  6. Riduce l'effetto del colesterolo dannoso sui vasi sanguigni, riducendo il rischio di malattie cardiovascolari.

Curioso sua capacità di legarsi con cationi metallici, ferro bivalente particolare, proteggendoli da perossidazione, la conversione di ferro libero nel terribile ossigeno radicale dannosa per le cellule, in particolare muscolo cardiaco.

Esperidina di bioflavonoidi

  1. Protegge non solo gli esseri umani, ma anche altri bioflavonoidi dai traumi dei radicali liberi.
  2. Forti proprietà venotoniche e venoprotettive. Pertanto, è il componente principale di molti farmaci per il trattamento delle vene varicose, ulcere trofiche, emorroidi, tromboflebiti.
  3. L'antistaminico non è più debole della quercetina, quindi è usato per la rinopinosi allergica, vari tipi di allergie.
  4. Aiuta ad alleviare lo spiacevole stato della menopausa, è usato per trattare i tumori del sistema riproduttivo femminile.
  5. È usato per la prevenzione e il trattamento dell'obesità, la cirrosi epatica.
  6. L'azione di formazione del collagene divenne la base per ottenere creme contro rughe e borse sotto gli occhi.

Bioflavonoidi. Dove trovarli?

Quali prodotti utilizziamo per ottenere preziosi bioflavonoidi?

Rutina - foglie di ruta e grano saraceno, buccia di mela, pomodori, rosa canina, ribes nero.

Quercetina - bucce di cipolla, tè verde, uva nera, erba di San Giovanni, insalata, fragole, diversi tipi di cavolo.

Esperidina - scorza, succo di agrumi, scorza di agrumi.

Un gran numero di bioflavonoidi contiene:

  • buccia bianca sotto la buccia di agrumi;
  • Pepe bulgaro;
  • fragole;
  • albicocche;
  • ciliegio;
  • ribes nero;
  • rosa canina;
  • limone;
  • prugne;
  • uve;
  • vino rosso;
  • prezzemolo;
  • mirtilli;
  • chokeberry;
  • aneto;
  • sorbo;
  • bacche di biancospino.

Conclusione: i bioflavonoidi sono le sostanze vegetali più utili, quindi se non si hanno allergie, mangiare gli agrumi in qualsiasi momento dell'anno.

bioflavonoidi

I bioflavonoidi sono una classe di nutrienti antiossidanti, a volte chiamati "vitamina P".

Caratteristiche generali

Amplificando le proprietà utili di vitamina C, bioflavonoidi askorbinki evitare la decomposizione del corpo. Nel 1935 fu dimostrato che l'estratto ottenuto dalla buccia di limone è molto più efficace contro lo scorbuto rispetto alla pura vitamina C. E l'anno seguente si scoprì che l'estratto di citrino è una miscela di bioflavonoidi. Oggi molti ricercatori e medici ritengono che il consumo di queste sostanze sia utile per i vasi sanguigni e come rimedio per le malattie cardiache.

Ci sono oltre 6 mila flavonoidi naturali a cui si applicano diverse classificazioni.

I tipi più comuni di questa sostanza sono:

Secondo un'altra classificazione, ci sono 4 categorie di sostanze:

  • proantocianidine (che si trova in molte piante, vino rosso, semi d'uva, corteccia di pino marino, il corpo umano è multifunzionale);
  • la quercetina (la più attiva, serve come base per altri flavonoidi, è utile per l'infiammazione e le allergie);
  • bioflavonoidi di agrumi (includono rutina, quercitrina, esperidina, naringina, usati nel trattamento dei vasi sanguigni);
  • polifenoli di tè verde (farmaco anti-cancro).

Rappresentanti di diversi tipi sono leggermente diversi nella loro struttura, ma le proprietà principali sono comuni a tutte le sostanze. Tutti i bioflavonoidi di solito svolgono il ruolo di sostanze anticancerogene, regolano lo sfondo ormonale e rafforzano anche il tessuto osseo.

Di quanto sono utili?

Nel loro stato naturale, i bioflavonoidi, di norma, sono accoppiati con acido ascorbico. E durante l'interazione, entrambe le sostanze migliorano le proprietà l'una dell'altra. Quando si assumono integratori alimentari, è importante considerare questo. Inoltre, i bioflavonoidi sono utili per l'uomo come antiossidanti, farmaci antivirali e antinfiammatori.

I bioflavonoidi ad alta concentrazione sono contenuti nella buccia di agrumi, rosa canina e ribes nero. Nella medicina alternativa, queste sostanze sono utilizzate come mezzo per rafforzare l'immunità, come un potenziatore dell'azione dell'acido ascorbico, nonché per il trattamento di virus, allergie, artriti e malattie infiammatorie.

Altri vantaggi dei bioflavonoidi:

  • Importante per la prevenzione delle emorragie nasali e postpartum;
  • prevenire aborti nelle diverse fasi della gravidanza;
  • trattare i disturbi del ciclo mestruale;
  • proteggere da malattie cardiache e cancro;
  • prevenire un'eccessiva coagulazione del sangue;
  • ridurre il livello di colesterolo nel sangue;
  • prevenire l'invecchiamento precoce;
  • proteggere dalle infezioni;
  • può ridurre il dolore;
  • migliorare le prestazioni del fegato e degli organi visivi;
  • rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.

Rappresentanti del gruppo

Ruthin

Tratta insufficienza venosa cronica, glaucoma, febbre da fieno, emorroidi, vene varicose, disturbi circolatori, herpes, cirrosi, lo stress, la cataratta. Utile per le malattie reumatoidi, come la gotta, artrite, lupus eritematoso, spondilite.

Contenuto in albicocche, grano saraceno, prugne, fianchi, parti bianche della buccia di agrumi, cambia da pepe verde.

Antociani, proantocianidine

Efficace per il trattamento delle malattie degli occhi, come la cataratta, la cecità notturna, la retinopatia diabetica, la degenerazione maculare. Utile anche per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, che aiuta a prevenire lividi, vene varicose, emorroidi. Questi bioflavonoidi sono utili per la prevenzione dell'osteoporosi, poiché la quantità di collagene, una proteina importante per la salute del tessuto osseo, è stabilizzata. Inoltre previene la crescita di colesterolo nel sangue, lo sviluppo di malattie cardiache e ictus. Gli antociani e le proantocianidine agiscono anche come vasodilatatori che impediscono la formazione di coaguli di sangue. È interessante notare che le proantocianidine sono in grado di attraversare la barriera emato-encefalica per proteggere le cellule cerebrali dai radicali liberi e dalle malattie infettive.

Contenuto in mirtilli, mirtilli rossi, tè nero e verde, lamponi, uva, melanzane, cavolo rosso, sambuco, vino rosso.

esperidina

Utile per le donne durante la menopausa e anche efficace nel combattere i virus che causano l'herpes, l'influenza e alcune malattie respiratorie. Aiuta a combattere con reazioni allergiche, edema alle gambe. La carenza della sostanza nel corpo si manifesta con la fragilità dei vasi, il dolore alle mani e ai piedi, i crampi alle gambe durante la notte.

Contenuto in polpa e buccia di agrumi.

Acido ellagico

Incluso nel numero di sostanze anti-cancro, in particolare a causa della capacità di neutralizzare l'azione degli agenti cancerogeni. Riduce l'impatto negativo di alcune sostanze nocive contenute nel fumo di tabacco e nei prodotti a base di carne trasformati. Riduce l'effetto sul corpo delle aflatossine (sostanze cancerogene), che possono causare gravi malattie del fegato e cancro.

Contenuto in fragole, uva, mele, mirtilli, more, noci.

quercetina

Antistaminico, che riduce l'infiammazione, raffreddore da fieno, allergie, borsite, gotta, artrite e asma. Importante per la disintossicazione del fegato e il rafforzamento dei vasi sanguigni, è utile per trattare l'aterosclerosi e abbassare il colesterolo. Esiste un parere secondo cui la quercetina riduce il rischio di sviluppare tumori maligni e impedisce la riproduzione di batteri nocivi. Efficace nel trattamento delle complicazioni del diabete mellito associate al funzionamento dei reni, del sistema nervoso e degli occhi. Aiuta anche a influenzare i virus dell'herpes, della polio e del virus Epstein-Barr, che causa la mononucleosi.

Contenuta nel tè verde, scaglie di cipolla, diversi tipi di cavoli, fagiolini, pomodori, patate, lattuga, fragole, ciliegie, uva e altri prodotti.

Catechine e tannini

Aiutano nel processo di pulizia del fegato, rafforzano i vasi, riducono le manifestazioni delle reazioni infiammatorie. Appartengono anche a sostanze che inibiscono la crescita delle oncocelle. Prevenire la distruzione del collagene. Può essere utile per il trattamento dell'epatite e dell'artrite.

Contenuto in tè verde e nero.

kaempferol

Questo flavonoide naturale favorisce una pulizia epatica rapida ed efficace, rafforza il sistema vascolare. Conosciuto come rimedio contro i tumori cancerosi.

Contenuto in fragole, porri, cavoli, broccoli, ravanelli, barbabietole.

naringina

Rallenta la progressione di malattie cardiache e problemi oftalmici che sono apparsi sullo sfondo del diabete mellito. Un potente anticoagulante che mantiene la salute e la forza delle arterie. È una sostanza importante per la prevenzione di ictus, infarti, cecità a causa del diabete.

Contenuto in pompelmo (dà un gusto amaro alla frutta).

genisteina

Un noto regolatore flavonoide degli estrogeni. C'è un'opinione secondo cui questa sostanza può fermare lo sviluppo del cancro in diverse fasi. Protegge il sistema cardiovascolare. Utile per il mantenimento della salute maschile e anche per le donne durante la menopausa.

Contenuto in soia e prodotti da esso.

Cosa è importante sapere sui bioflavonoidi

Oggi, nell'era dell'estrema popolarità degli integratori alimentari e di tutti i tipi di medicinali "naturali", è aumentata anche la popolarità dei bioflavonoidi, in particolare delle medicine a base di erbe. Nel frattempo, quando acquisti un medicinale di questo tipo, è importante sapere dove sono state raccolte le piante, come sono rispettose dell'ambiente e se il preparato contiene impurità nocive.

Inoltre, "dove le gambe crescono" dalla vitamina P, è importante conoscere, a chi e quando può essere necessario. E ci possono essere diverse ragioni per la terapia vitaminica. Comprese, queste sono ulcere allo stomaco e problemi vascolari, tutti i tipi di traumi fisici e disturbi emotivi. Inoltre, "sedersi" sui bioflavonoidi è auspicabile e nelle stagioni fredde, quando il corpo ha più bisogno di sostanze utili e di supporto per l'immunità. C'era una debolezza di origine incomprensibile, dolori articolari, lividi sulla pelle (soprattutto nel punto di crescita dei capelli) - un sicuro segno di ipovitaminosi R.

Applicazione: tariffe giornaliere e raccomandazioni

I bioflavonoidi si trovano in grandi quantità in molti frutti. Una concentrazione particolarmente elevata della sostanza trovata in prodotti freschi di origine vegetale, così come frutta fresca.

Anche se l'assunzione giornaliera ottimale di bioflavonoidi non è determinata. Alcuni esperti consigliano di arricchire il loro menu giornaliero con questa sostanza utile nella quantità di 2000-6000 mg. Ma in questo caso, come fonte per prendere esclusivamente agrumi, perché hanno una tossicità molto bassa. La norma giornaliera dei bioflavonoidi, ottenuta dai polifenoli del tè verde, non deve superare i 300-400 mg, dalla quercetina - 200-400 mg. I proantocianuri vengono prelevati per scopi profilattici 50 mg al giorno (ad esempio, dall'estratto di semi d'uva) e la norma terapeutica è 150-300 mg al giorno.

Nel frattempo, è opportuno ricordare che alcuni bioflavonoidi, in particolare dal succo di pompelmo, possono influenzare l'attività biologica di alcuni farmaci. Per questo motivo, prendendo antiossidanti e farmaci naturali, è importante consultare un medico in merito alla liceità di tale combinazione. Se ciò non è possibile, seguire le istruzioni per l'uso e non superare le dosi raccomandate. Tutti i preparati a base di bioflavonoidi devono essere lavati con abbondante acqua pulita. Conservare la sostanza a temperatura ambiente, in un luogo protetto dalla luce solare diretta e dall'umidità.

I ricercatori dicono che questa sostanza non è tossica e non causerà danni anche a dosi elevate. I bioflavonoidi si sciolgono facilmente con l'acqua e l'eccesso viene espulso dal corpo con l'urina. Nel frattempo, non raccomandare l'assunzione di porzioni troppo grandi di bioflavonoidi alle donne in gravidanza. C'è un'opinione secondo cui la leucemia infantile può essere causata da un'alta concentrazione di bioflavonoidi nella madre. Inoltre, in alcuni casi, un sovradosaggio della sostanza può causare reazioni allergiche sotto forma di alveari, mancanza di respiro, gonfiore del viso, delle labbra, della lingua o della gola.

Fonti di bioflavonoidi

I bioflavonoidi in alte concentrazioni si trovano nella polpa e nella buccia degli agrumi e in altri frutti in cui è presente la vitamina C. Presente anche in alcuni tipi di ortaggi (soia, tuberi). Altre fonti sono tè, semi di lino, cereali integrali.

I bioflavonoidi sono un ingrediente di molti medicinali, di origine vegetale. In particolare, in grandi quantità sono contenuti in piretro, tanaceto, ginkgo biloba, radice di liquirizia, echinacea, erba di San Giovanni.

La frutta e la verdura fresche sono, di norma, la scelta migliore per ottenere una grande quantità di bioflavonoidi. Nel frattempo, è importante sapere che, dopo il trattamento termico, la maggior parte degli elementi utili viene persa.

La maggior parte di tutti i bioflavonoidi contiene:

  • Pepe rosso bulgaro (secondo alcune fonti, contiene 3 volte più vitamina C rispetto al succo d'arancia);
  • fragole;
  • frutta (agrumi: arance, limoni, lime, così come nettarine, pesche);
  • broccoli;
  • Cavoletti di Bruxelles;
  • frutti tropicali (mango, papaia);
  • aglio;
  • spinaci;
  • tè.

E altro ancora. È importante ricordare che la maggiore concentrazione di vitamina P è concentrata nella buccia di frutta e bacche. L'eccezione è frutto con carne colorata. E per colore, puoi capire che tipo di flavonoide è contenuto nel prodotto. Quindi, i colori rosso, viola, blu - sono antociani, gialli, arancioni - flavoni, calcoli, flavonoli, auroni.

I bioflavonoidi, come la maggior parte degli altri nutrienti, aiutano a mantenere sani i capelli e le unghie e la pelle è tesa e levigata. L'effetto benefico di questa sostanza è sentito dall'intero organismo. E in più, trovare prodotti ricchi di vitamina P non sarà un problema: sono ovunque, letteralmente sotto i nostri piedi, poiché la maggior parte delle piante sono ottime fonti di flavonoidi.

Bioflavonoidi nella vita umana - Diidroquercetina / Taxifolina - un antiossidante naturale e flavonoide. Proprietà. Applicazione. Il prezzo

Cosa sono i BIOFLAVONOIDI e qual è il loro uso per MAN?

"Lo stato di salute di qualsiasi persona che vive sulla terra è piuttosto cattivo. Si chiama "il solito buono stato di salute", ma dovrebbe essere chiamato "il solito cattivo stato di salute", ha detto Linus Pauling. Era convinto della possibilità di estendere la nostra vita di 25-35 anni, se nella gioventù o nella mezza età cominciasse a prendere la giusta quantità di vitamine. "È questa parte della vita che si allungherà quando una persona è felice", ha scritto Pauling. Era convinto della possibilità di estendere la nostra vita di 25-35 anni, se nella gioventù o nella mezza età cominciasse a prendere la giusta quantità di vitamine. "Quella parte della vita crescerà più a lungo quando una persona è felice", ha scritto Pauling.

Hai mai pensato che dia a piante diverse un colore brillante? Le foglie e i frutti giallo-arancio, viola-rosso, blu-violetto stupiscono l'immaginazione. Tali colori brillanti nella colorazione di varie parti della pianta nella maggior parte dei casi sono dovuti alla presenza in essi di bioflavonoidi. Queste sostanze sono note da tempo alla scienza, ma negli ultimi decenni è stata fatta una vera svolta nello studio del ruolo fisiologico e del valore biologico dei bioflavonoidi per l'uomo. Cosa c'è di così prezioso in questi "artisti naturali"? Il termine "bioflavonoidi" è apparso per la prima volta a metà del secolo scorso. biochimico ungherese di V1936-1937 Albert Szent-Györgyi nella ricerca risulta fattori alimentari antiscorbutico identificati da un limone e pepe rosso sostanza, che ha contribuito a rafforzare i capillari e aumenta l'attività antiscorbutico di acido ascorbico. Questa sostanza è stata chiamata vitamina P, e la sua capacità di migliorare la funzione della parete vascolare - Attività della vitamina P.. Ma presto divenne chiaro che sostanze con un effetto simile in cibo e piante medicinali sono trovate abbastanza spesso. Tutti hanno una struttura diversa, ma la loro caratteristica comune è la presenza nella formula chimica degli anelli aromatici del benzene. Hanno chiamato queste sostanze bioflavonoidi.

bioflavonoidi - gruppo di sostanze idrosolubili di origine vegetale. Si trovano nelle foglie, fiori, frutti, radici e legno di molte piante, in particolare agrumi e famiglia delle Rosaceae. Così, catechine è stato preparato da foglia di tè, antociani - guscio di specie ferrosi di uva, ciliegie, chokeberry, barbabietola, ecc La barbabietola colorante -. Antocianina comprende bioflavonoidi betaina e betanina. Il primo ha proprietà anti-sclerotiche, lipotropiche, il secondo - la capacità di normalizzare la pressione sanguigna. principale valore bioflavonoidi - kapillyaroukreplyayuschim nella loro azione e diminuiscono la permeabilità vascolare. I bioflavonoidi normalizzano e rafforzano la condizione dei capillari e aumentano la loro forza. Bioflavonoidi oltre a rafforzare lo stato e la normalizzazione dei capillari e per migliorare la loro forza, hanno la capacità di attivare i processi ossidativi nei tessuti, e per migliorare il recupero di acido deidroascorbico in acido ascorbico efficace altamente attivo. Attualmente sono noti circa 4000 bioflavonoidi. Tutti loro hanno proprietà antiossidanti in una certa misura. Aumentano l'assorbimento di vitamina C.

bioflavonoidi sono usati in grandi quantità per trattamento di infortuni sportivi, in quanto allevia il dolore, lividi, contusioni. Inoltre riducono il dolore localizzato agli arti inferiori o nella parte posteriore, riducono i sintomi associati a sanguinamento prolungato e bassi livelli di calcio. I bioflavonoidi agiscono sinergicamente con la vitamina C, rafforzando la parete dei capillari. Inoltre, i bioflavonoidi hanno un effetto antibatterico e migliorano la circolazione sanguigna, migliorano la funzionalità epatica, riducono il colesterolo, sono necessari per il trattamento e la prevenzione della cataratta. Con la somministrazione simultanea di vitamina C, i bioflavonoidi riducono anche la manifestazione dell'herpes. Recentemente, ci sono state segnalazioni di un effetto antitumorale di flavonoidi.

bioflavonoidi ampiamente distribuito in vari organi della pianta: fiori, foglie, frutti. I fiori più giovani, i frutti immaturi, sono i più ricchi in loro. Localizzato nella linfa delle cellule in una forma dissolta. In molti frutti e bacche, i bioflavonoidi sono distribuiti più o meno uniformemente sulla pelle e sulla carne. Pertanto, prugna, ciliegia, mirtilli hanno un colore uniforme. Al contrario, il frutto di alcuni altri flavonoidi vegetali contenuta principalmente nella pelle e, in misura minore - nella carne. E nelle mele, per esempio, sono solo nella pelle. Il maggior numero di bioflavonoidi si trovano in chokeberry, fianchi, uva, ribes nero, pepe rosso, mirtillo e lampone rosa. Le fonti sono anche: guscio bianco sotto la scorza di agrumi, peperoni, grano saraceno, ribes nero e albicocche, ciliegie, pompelmo, uva, limoni, arance, prugne, rosa canina, sambuco, bacche di biancospino, coda di cavallo rosa.

I bioflavonoidi non sono sintetizzati nel corpo umano, quindi è necessario mangiare gli alimenti in cui sono contenuti e anche assumere speciali integratori alimentari naturali biologicamente attivi. Tuttavia, preparati contenenti flavonoidi puri, mentre c'è poco. Più spesso questi composti si trovano nelle piante in combinazione con altre sostanze biologicamente attive. Le forme medicinali contenenti flavonoidi possono essere tessuti vegetali essiccati, estratti di materiale vegetale o complessi flavonoidi isolati in forma pura.

Bioflavonoidi: tipi, proprietà, benefici per l'organismo

I bioflavonoidi sono sostanze di origine naturale che si trovano in varie parti delle piante (ossa e semi, foglie, ecc.). Appartengono a un'enorme classe di polifenoli, non tossici. Il loro nome è dovuto al termine latino flavus, poiché i primi flavonoidi estratti dall'uomo (oltre un secolo fa) avevano una sfumatura gialla.

Lo scopo e le proprietà dei bioflavonoidi

Gli scienziati conoscono più di 6,5 mila nomi di vari flavonoidi vegetali. Sono classificati secondo varie caratteristiche, ma il più delle volte - dalle proprietà dominanti.

Un maggiore interesse per i bioflavonoidi è dovuto alle loro qualità antiossidanti uniche, così come all'assenza di effetti collaterali sul corpo umano a causa della loro non tossicità e anti-allergenicità.

I flavonoidi svolgono diversi compiti importanti:

  • responsabile per il colore brillante delle infiorescenze, che attira gli insetti durante il periodo di impollinazione;
  • fornire un aspetto attraente alle foglie e ai frutti delle piante (foglie gialle sugli alberi in autunno, succo ricco di uva scura, ecc.);
  • partecipare ai più importanti processi di flora: fotosintesi, patogenesi, germinazione dei semi;
  • creare una protezione efficace contro l'impatto negativo dell'ambiente (raggi ultravioletti, ecc.) a causa delle proprietà antiossidanti.

Lo scopo principale dei bioflavonoidi è il ripristino delle proprietà protettive delle cellule che sono state danneggiate dall'esterno (funghi, danni agli insetti). Inoltre, i polifenoli aiutano a fornire auxina (ormone della crescita) a varie parti delle piante - steli, foglie.

Alcuni tipi di bioflavonoidi hanno altre qualità utili, che agiscono come:

  • antisettico;
  • agente fungicida.

Per l'uomo, il loro valore è inestimabile. Queste sostanze aiutano a mantenere la salute e prevenire varie malattie.

Qual è l'uso di tali sostanze per il corpo umano

I bioflavonoidi agiscono come:

  • antiossidanti naturali (sostanze che legano i radicali liberi e aiutano a purificare il corpo dalle tossine);
  • Attivatore della vitamina P (poiché rinforzano le pareti dei vasi sanguigni stimolando la produzione di collagene).

Inoltre, i polifenoli vegetali hanno una massa di ulteriori vantaggi:

  • aiuta a fermare qualsiasi emorragia (dopo parto, nasale), ma allo stesso tempo impedisce una coagulazione troppo rapida del sangue;
  • prevenire la nascita prematura;
  • contribuire ad abbassare il colesterolo;
  • sono efficaci nella lotta contro l'invecchiamento;
  • può ridurre l'intensità del dolore;
  • migliorare il funzionamento del fegato.

Utilizzare in cosmetologia

Oltre ad un uso diffuso in medicina, i bioflavonoidi sono ampiamente utilizzati nella produzione di cosmetici. Ad esempio, la preziosa esperidina può accelerare la produzione di collagene, cioè ripristinare l'elasticità della pelle e ringiovanirla in modo naturale. Questa qualità è utilizzata in:

  • Creme e sieri per il viso con effetto levigante;
  • creme da borse sotto gli occhi.

I polifenoli migliorano la condizione delle unghie e dei capelli.

Fonti di bioflavonoidi

Le fonti di bioflavonoidi sono cibi o bevande con ingredienti vegetali:

  • una buccia di agrumi;
  • peperone rosso dolce (bulgaro);
  • vari tipi di tè verde;
  • cipolla - verde, cipolla, lattuga, ecc.;
  • birre scure;
  • frutti e ossa di olivello spinoso;
  • cioccolato nero (amaro), con una percentuale di cacao almeno del 70%;
  • vino rosso;
  • bacche (prugna, mirtillo, ciliegia, ribes nero);
  • frutta (pesche, manghi).

I flavonoidi vegetali si trovano nei frutti immaturi, nelle giovani infiorescenze e in altre parti delle piante medicinali:

  • biancospino;
  • ashberry, aronia;
  • liquirizia;
  • pochechuyny dell'altopiano;
  • tanaceto;
  • campo di equiseto;
  • Sophora giapponese;
  • imbracatura di campo (radici);
  • eucalipto (foglie);
  • bluette (infiorescenza);
  • corteccia e resina di larice;
  • mirtilli (frutta), ecc.

È interessante Per la prima volta, uno scienziato della Chevrolet riuscì a ottenere i flavonoidi vegetali dalla corteccia di quercia (all'inizio del XIX secolo). Tuttavia, uno studio più approfondito di queste sostanze è ufficialmente attribuito ad A. Szent-Gyorgyi quasi un secolo dopo. Era in grado di ottenere dal pepe rosso di Cayenna e dal limone una sostanza che rinforza i capillari sanguigni e previene lo scorbuto.

Rappresentanti del gruppo bioflavonoide

Morbido strato di bianco sotto la buccia degli agrumi - limoni, arance, mandarini, pompelmi - contiene non solo la vitamina C, ma anche alcuni flavonoidi:

  • esperidina;
  • quercetina (precedentemente chiamata vitamina P);
  • rutina.

Sono in grado di ridurre l'ipertensione, ridurre la manifestazione di allergie.

esperidina

L'esperidina flavonoide ha un effetto positivo sul sistema circolatorio, ha diverse qualità pronunciate:

  • venoprotektornym;
  • tonico;
  • antistaminico;
  • estrogeni;
  • inibitorio (migliora il metabolismo dei lipidi).

Attualmente, l'esperidina è un componente integrante dei prodotti farmaceutici utilizzati nel trattamento di:

  • emorroidi;
  • vene varicose;
  • tromboflebite;
  • le allergie;
  • malattie autoimmuni;
  • febbre da fieno;
  • carenza di estrogeni che si verifica durante la menopausa, così come nei tumori degli organi riproduttivi femminili;
  • obesità e altri

Questo è importante I flavonoidi meglio "funzionano" non separatamente, ma in un mucchio. Ad esempio, l'esperidina agisce come una specie di protezione per altri rappresentanti del gruppo di polifenoli dai radicali liberi e aumenta anche la loro attività. L'aggiunta sotto forma di vitamina C migliora ulteriormente le qualità utili dei flavonoidi. Un chiaro esempio di questo è complessi multivitaminici, che sono prescritti durante il periodo di trattamento e riabilitazione per bambini e adulti.

quercetina

Il più potente tra i bioflavonoidi, anche l'alfa-tocoferolo (vitamina E), è considerato quercetina. Ha qualità così utili:

  • opprime i processi di sintesi di istamina e leucotrieni, eliminando in tal modo reazioni allergiche (arrossamento, eruzione cutanea, ecc.);
  • previene le malattie cardiovascolari (compresi infarti e ictus), migliorando il flusso sanguigno coronarico e abbassando la pressione sanguigna;
  • porta alla morte delle cellule tumorali, supportando il funzionamento del gene "anticancro" P53;
  • sopprime efficacemente i microrganismi virali;
  • riduce l'infiammazione delle articolazioni;
  • rafforza il sistema immunitario.

La quercetina può essere trovato nelle scale di cipolle e tutte le varietà di cavolo (bianco e di rosso, Pechino, Bruxelles), così come diverse varietà di tè verde e fagioli.

Ruthin

Il glicoside della quercetina (rutina) è molto simile nella struttura alla sostanza estratta dalle foglie di gingko biloba. È capace di:

  • rafforzare e proteggere i vasi sanguigni;
  • ridurre il gonfiore venoso;
  • ridurre il rischio di malattie cardiovascolari ("rottura" delle placche sclerotiche);
  • legare i cationi di ferro e altri metalli, proteggendo così le pareti del muscolo cardiaco e altri organi importanti dall'usura prematura;
  • prevenire l'apparizione e lo sviluppo di retinopatia, cataratta e glaucoma - malattie pericolose della retina oculare.

La routine viene anche utilizzata nel trattamento dell'herpes e per eliminare gli effetti dello stress grave. È contenuto in:

  • grano saraceno;
  • fianchi (freschi e secchi);
  • carne di albicocche;
  • prugne;
  • semi di peperone verde

Devi sapere. I bioflavonoidi degli agrumi hanno una proprietà speciale: sono in grado di prevenire lo shock anafilattico.

proantocianidine

Forti proprietà antiossidanti hanno un gruppo separato di bioflavonoidi - proantocianidine. Attirano e legano i radicali liberi, prevenendo così la formazione di tumori, così come le malattie del cuore e dei vasi, hanno un eccellente effetto anti-infiammatorio. Sono utilizzati nel trattamento di varie malattie della retina oculare, delle emorroidi e delle varici, dell'osteoporosi e della trombosi.

Le proantocianidine sono contenute in:

  • estratto di semi d'uva e vino rosso, ottenuto da succo d'uva naturale;
  • corteccia di pino marittimo e albero di limoni;
  • foglie di nocciolo;
  • mirtilli;
  • lamponi;
  • melanzane;
  • i frutti di sambuco nero.

Polifenoli del tè (catechine e tannini)

I bioflavonoidi, che si trovano in vari tipi di tè, hanno un potente effetto antitumorale. Aiutano anche:

  • purificare il fegato dalle tossine derivanti dalla lavorazione del cibo;
  • rafforzare le pareti dei vasi sanguigni;
  • estinguere il fuoco dell'infiammazione;
  • fermare la proliferazione delle cellule tumorali;
  • sintetizzare il collagene.

Le catechine si trovano in entrambi i tè verdi e neri.

genisteina

Questo bioflavonoide è indispensabile per le donne con menopausa, in quanto aiuta a regolare la produzione di estrogeni e aiuta anche a rallentare lo sviluppo dell'oncologia. È in grado di proteggere il cuore e i vasi sanguigni dall'usura prematura. Oltre alle donne, la genisteina è raccomandata agli uomini - per mantenere la potenza.

Il polifenolo può essere trovato in tutti i prodotti di soia.

Acido ellagico

Agisce come un potente rimedio contro il cancro e le malattie del fegato, perché può ridurre al minimo l'impatto degli agenti cancerogeni (aflatossine) sulle cellule. Nel corpo umano, gli agenti cancerogeni vengono con:

  • fumo di sigaretta;
  • prodotti a base di carne trasformati (salsicce, paté, ecc.).

L'acido ellagico si trova nei chicchi di noci, uva e mirtilli rossi.

Caratteristiche dell'applicazione: tariffe giornaliere e altri consigli per l'ammissione

Non è stata ancora sviluppata una chiara definizione delle norme giornaliere per l'uso dei bioflavonoidi negli alimenti. Dopo tutto, il loro contenuto in ciascun prodotto è difficile da calcolare. Ciò è dovuto a una varietà di condizioni, a partire dalla genetica delle piante e fino al metodo di conservazione degli alimenti.

Un fatto interessante In Olanda, sono stati condotti studi sperimentali, cercando di calcolare quanti bioflavonoidi un adulto sano ha bisogno al giorno. Gli scienziati hanno determinato che questo tasso è molto piccolo, dell'ordine di 25-32 mg.

Alcuni esperti stranieri ritengono che la quantità giornaliera di quercetina può essere aumentata a 50 mg (si tratta di circa 2 bicchieri, o circa 400 grammi di vino rosso). La dose massima giornaliera di tè verde è di 400 mg e proantocianuro 300 mg. I migliori sono i flavonoidi degli agrumi, poiché sono i meno tossici. Tuttavia, possono ridurre l'efficacia di determinati farmaci.

I bioflavonoidi avvantaggiano non solo le piante, ma anche gli esseri umani. Tuttavia, il corpo umano non può avviare il meccanismo della loro produzione, quindi è necessario garantire la fornitura regolare di queste sostanze insieme a cibo e bevande. In autunno e in inverno, quando l'accesso a frutta e verdura fresca è limitato, è possibile utilizzare speciali complessi multivitaminici e integratori alimentari contenenti polifenoli vegetali. Nella sua forma pura, i bioflavonoidi non sono ancora disponibili. Si consiglia di lavare le capsule e le compresse contenenti quercetina, acido ellagico e altre sostanze benefiche con abbondante acqua. Le eccedenze non si accumulano nel corpo, ma sono facilmente e rapidamente eliminate con l'urina.

Durante il periodo di gestazione e l'allattamento al seno, è necessario limitare l'uso di bioflavonoidi. Alcuni medici ritengono che un eccesso di polifenoli causi la leucemia nei bambini.

Nella stagione estiva, quando sono disponibili frutta e bacche, gli scienziati raccomandano di usarle regolarmente. I prodotti freschi e freschi sono il modo migliore per coccolare il corpo con sostanze utili.

Per colmare la mancanza di vitamine e oligoelementi nel corpo è necessario ragionevolmente. Un aiuto in questo sarà in grado di bioflavonoidi, che possono essere facilmente trovati in bacche fresche, frutta e verdura, integratori alimentari e complessi multivitaminici. Il loro uso regolare aiuterà a mantenere la salute e migliorare l'aspetto.

bioflavonoidi

I bioflavonoidi sono sostanze biologicamente attive con attività principalmente a vitamina P. Da flavonoidi includere composti che si basano sull'anello Y-pyrone, ad esempio phenylbenzo-Y-pyrone (flavone) e suoi derivati, isoflavoni, flavonoli, flavanoni e altri. Essi sono ampiamente distribuiti in natura in forma libera, di solito costituito da glicosidi (vedi.), formando pigmenti vegetali di frutta, fiori, foglie, corteccia. Tra i bioflavonoidi, i più importanti sono il citrino e la quercetina. Citrin (vitamina P) comprende un glucoside generalmente Hesperidin e conservati in agrumi, in una rosa selvatica, ribes nero, peperoncino, noci immature, foglie di tè verde. La quercetina è una parte glicosidi comuni -. Quercitrina (nella corteccia di quercia americana), rutina (colori e foglie di grano saraceno, piani di patate, tabacco e molte altre piante), esculin (in ippocastano), ecc Molti bioflavonoidi sono stati preparati sinteticamente. Su una scala industriale bioflavonoidi estratti da materiale vegetale mediante estrazione con acqua, con soluzioni acquose di alcali e alcool.

L'azione farmacologica dei bioflavonoidi non è stata studiata in modo completo e completo. Stabilito loro capacità insieme alla vitamina C permeabilità normalizzare capillare, ridurre la loro fragilità, per ridurre il tempo di sanguinamento e accelerare la coagulazione del sangue, di inibire l'ossidazione di adrenalina, inibire l'azione della ialuronidasi, diminuire la tossicità di istamina (eventualmente inibendo l'attività di istidina decarbossilasi) e t. D. Alcuni bioflavonoidi ( isoflavoni) di alcune cultivar di trifoglio, erba medica, farina di soia (genistin) hanno attività estrogenica. In piccole quantità, possono migliorare la crescita degli animali da allevamento, in gran - portare a sterilità.

Nel miele bioflavonoidi pratica con vitamina C è utilizzato nei disturbi della circolazione periferica nei pazienti con ipertensione, per evitare complicazioni emorragiche derivanti da un impiego a lungo termine di anticoagulanti (bishydroxycoumarin et al.), per ridurre la permeabilità capillare e sanguinamento in malattie infettive, nei casi di sanguinamento dal tratto gastrointestinale, così come lesioni da radiazione, nefrite, infezioni da streptococco, malattie reumatiche, la poliomielite, e altri. bioflavonoidi Tuttavia, la vitamina C, K e sali di calcio usato per il trattamento del sanguinamento durante la gravidanza e la prevenzione di aborti spontanei abituali.

Bioflavonoidi contro malattie e invecchiamento

La normale attività vitale del corpo dipende in gran parte dalla presenza di vitamine necessarie. Questo, soprattutto, si riferisce alla vitamina P (rutina), che è una componente obbligatoria per il flusso qualitativo delle reazioni biochimiche. È stato dimostrato che, con la sua carenza, le piccole navi vengono distrutte e questo è irto di emorragie, edema cerebrale, immunità indebolita, riduzione della vista e, di conseguenza, aumento del rischio di varie malattie.

Bioflavonoidi: che cos'è?

Questa vitamina è contenuta nella composizione dei bioflavonoidi (sono chiamati fitormoni contro l'invecchiamento), che non sono sintetizzati nel corpo, ma vengono consegnati insieme al cibo vegetale. I loro rappresentanti comuni sono diidroquercetina, resveratrolo e altri.

Per il corretto funzionamento, il corpo ha bisogno di almeno 10 mg di vitamina P o circa 1 mg di diidroquercetina al giorno. Si dissolve abbastanza facilmente in acqua calda, che consente l'uso di farmaci a base di esso come tè. Tuttavia, è necessario sapere che nel tè raffreddato (sotto + 25 °) questo bioflavonoide è completamente precipitato e, una volta combinato con i tannini (tannini), diventa inutile. Il riscaldamento successivo non lo ripristina, quindi ogni volta che devi preparare un nuovo tè.

Il consumo regolare ea lungo termine di dosi fisiologicamente necessarie di diidroquercetina influisce positivamente sui vasi sanguigni, aumenta la loro elasticità, stabilizza la pressione sanguigna, riducendo del 50% il rischio di infarti e ictus. Allo stesso tempo, aiuta a ridurre la sintesi delle lipoproteine ​​a bassa densità nel fegato e aumenta la sintesi di alta densità, con un effetto "protettivo" sui vasi. Oltre a ciò, è il più potente antiossidante. Legando nel corpo le cosiddette reazioni biochimiche di rifiuto, protegge dai danni alle pareti cellulari in vari tessuti, con conseguente riduzione significativa del rischio di malattie oncologiche.

Diidroquercetina non ha controindicazioni. È particolarmente utile all'età di 40 anni, con donne in menopausa e carenza di androgeni negli uomini.

Questo bioflavonoide e, di conseguenza, la vitamina P, si trova in frutta e verdura, ma non in tutto. Ad esempio, le patate ne sono private del tutto. È presente nei frutti di rosa selvatica, biancospino, mora d'Aronia, sophora giapponese, limone, mandarino, uva. È un sacco di mirtilli e mirtilli nei frutti di bosco. Sono anche ricchi di foglie di betulla e farfara, sambuco nero, tiglio, camomilla, grano saraceno, erba di prato, prato di trifoglio. Le materie prime secche vengono prodotte come tè normale (1: 70-100) e bevono 0,4-0,6 litri al giorno in forma piccante.

Molto più diidroquercetina si trova nel legno di larice. Previene lo sviluppo di batteri decadenti, che creano una grande quantità di larice nella produzione di materiali da costruzione in legno e nella costruzione di case. Tuttavia, non è possibile prenderlo dal legno da solo. È possibile acquistare un farmaco "Flavit", contenente questo fitoormone, ma il suo costo è considerevole.

È noto un metodo abbastanza semplice ed economico: l'arricchimento del tè con ioni di rame, che agiscono da catalizzatore per la sintesi di diidroquercetina. Per fare questo, posizionare un oggetto di rame per 5 minuti nel tè caldo. I piatti in cui viene preparato non devono essere metallici, ma solo ceramica, vetro o smaltato. Aggiungi al tè un limone, marmellata o qualche altro additivo contenente acidi, puoi solo dopo che il rame viene estratto dal tè, altrimenti il ​​numero di ioni supererà gli standard richiesti. E l'ultima condizione: viene utilizzato solo rame di alta qualità.

Come si è detto sopra, per ottenere la quantità necessaria di diidrotercetina dall'organismo, è necessario bere 0,4-0,6 litri di tè, preparato nel modo consueto, o 0,2 litri di tè preparati giornalmente sull'acqua di rame.

conclusione

Negli ultimi anni, ci sono spettacoli di medici e scienziati russi, che stanno valutando il trattamento e la prevenzione della malattia, prolungare la vita di un organismo con le piante medicinali. Questa è una tendenza mondiale. Già oggi il mentolo ottenuto dalla resina di pino, e nella corteccia di catrame di betulla trovato antitumorale e agenti antivirali, legno e rami di larice corteccia, che in precedenza era andato a rifiuti siano recuperati bioflavonoidi, particolarmente diidroquercetina. Tutto questo - i farmaci più importanti per il trattamento delle malattie cardiovascolari, malattie del sangue e capillari, immunità ridotta e mezzi per la vita umana attiva.

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Trental

Struttura

contenutoProprietà farmacologiche del farmaco TrentalPentossifillina (3,7-dimetil-1- (5-ossoesil) -3,7-diidro-1H-purina-2,6-dione) - derivato metilxantina. Il meccanismo di azione di pentossifillina è dovuta all'inibizione della fosfodiesterasi e di cAMP nelle cellule muscolari lisce vascolari, cellule del sangue e altri tessuti e organi....

Trattamento di emorroidi negli uomini

Struttura

Negli uomini, le emorroidi non sono rare. Circa il 77% del sesso più forte è più o meno colpito da questa malattia. La maggior parte delle persone è malata di età superiore a 30 anni, ma l'incidenza di picco, di norma, cade sul confine di quarant'anni....