Vita dopo chirurgia varicocele: recupero, possibili conseguenze e complicazioni, vita sessuale

Prevenzione

Per prima cosa ti suggeriamo di definire cosa è il varicocele?

Questo è eccezionale malattia maschile, associato a una violazione del flusso di sangue nei testicoli.

I vasi di questo organo hanno una caratteristica: formano un plesso lobato, nel quale scorre il sangue dal testicolo e dal dotto deferente. Questo plesso forma la vena del testicolo, da cui il sangue entra nella cavità addominale.

Tuttavia, secondo alcune ragioni (pareti deboli di vasi sanguigni, pressione) il flusso sanguigno nel testicolo peggiora e si verifica il ristagno del sangue, la temperatura negli organi genitali aumenta, gli spermatozoi muoiono, si verifica la necrosi del testicolo.

Secondo le statistiche, il 15-17% degli uomini viene infettato dal varicocele. Il 35% dei casi di varicocele viene diagnosticato con ultrasuoni negli uomini che hanno raggiunto la pubertà. Il maggior numero di esordio della malattia è stato registrato negli adolescenti (14-15 anni) - 19,3%.

Col tempo, la malattia è curabile. Nelle fasi iniziali è sufficiente eliminare la causa concomitante (per esempio, vene varicose).

Nelle 3-4 fasi della malattia, il trattamento è esclusivamente utilizzabile.

I tipi più comuni di operazioni

  1. L'operazione aperta (secondo Ivanissevich): la pelle viene tagliata nell'ileo, quindi il tessuto muscolare e tendine viene tagliato nel canale inguinale, il testicolo viene separato e fasciato sull'anello interno del canale inguinale.
  2. Rivascolarizzazione testicolare microchirurgica (secondo Marmara): eseguito da una piccola incisione, utilizzando uno speciale microscopio chirurgico. Durante l'operazione, la vena dell'uovo viene trapiantata nella parete addominale. Quindi, il deflusso di sangue nel testicolo avviene attraverso le vene superficiali.
  3. Operazione endoscopica: la vena è legata al testicolo. Gli strumenti per la vena sono alimentati attraverso 3 forature della parete addominale anteriore, durante l'operazione sono guidati dall'immagine sul monitor (videocamera). Questa operazione ha il più piccolo periodo di riabilitazione, il paziente può tornare a casa il giorno successivo.
  4. Chirurgia endovascolare a raggi X.: raramente implementato; La sclerosi della vena nel testicolo sotto controllo a raggi X viene eseguita (una sostanza viene iniettata nella vena che lo ostruirà).

Cosa succede dopo l'intervento?

Si ritiene che si verifichino complicazioni dopo l'operazione varicocele Raramente.

Fondamentalmente, sono causati da un lavoro impreciso del medico o da difficoltà impreviste emerse durante l'operazione. Tuttavia, non ignorare tutti i possibili rischi.

A volte dopo un'operazione varicocele tale conseguenze:

  • piccoli ematomi;
  • arrossamento della pelle;
  • gonfiore dei tessuti attorno alle incisioni;
  • dalla ferita è possibile una scarica rosata o trasparente.

Tali sintomi sono considerati normali, non richiedono l'intervento di un medico.

È più facile da prevenire che trattare. Scopri le cause del varicocele, quindi non devi ricorrere alla chirurgia. Il farmaco che migliora la circolazione sanguigna La Troxerutina, che puoi leggere nel nostro materiale, aiuta con molte malattie venose.

Ma a volte può essere il seguente sintomi:

  • temperatura prolungata dopo l'intervento chirurgico;
  • forte dolore ai testicoli, gonfiore, arrossamento;
  • scarico giallastro, marrone dalla ferita, odore sgradevole;
  • un aumento dello scroto dal lato dove è stata eseguita la chirurgia (si verifica la stasi linfatica).

Complicanze posticipate

A volte, dopo molto tempo dopo l'operazione varicocele, certo problemi:

  1. Irritato di testicolo dopo l'operazione varicocele (idrocele). Apparirà solo se i vasi linfatici nel testicolo si sono incrociati durante l'operazione. La comparsa di idropisia dopo l'intervento chirurgico è stata registrata nel 9-10% delle operazioni eseguite. Quasi tutti i casi sono pazienti sottoposti a chirurgia a cielo aperto.
  2. dolore dopo l'intervento chirurgico varicocele (3-5% dei casi). Il disagio può durare abbastanza a lungo (la sua insorgenza è associata ad un'estensione delle appendici di uovo con sangue venoso).
  3. Molto raramente - atrofia o ipertrofia del testicolo, problemi con la produzione di sperma.
  4. Casi singoli lesioni del nervo genitale-femorale nel canale inguinale (manifestato dalla perdita di sensibilità del lato interno della coscia).
  5. A volte dopo l'operazione, alle vene non importa rimanere esteso. In questo caso, è possibile assegnare una ri-operazione o una correzione.
  6. Occasionalmente, l'operazione può influenzare negativamente la quantità di testosterone prodotta.
  7. È anche possibile ricaduta (25-40% - recidiva dopo chirurgia aperta, probabilità del 10-15% di ritorno della malattia dopo il metodo endovascolare, metodo enodoscopico - recidiva del 10%, trattamento microchirurgico - 2%). I bambini hanno maggiori probabilità di riportare problemi di flusso sanguigno.

Recupero dopo l'intervento chirurgico

L'intervento chirurgico con varicocele non è molto difficile e il recupero dopo l'intervento chirurgico varicocele avviene rapidamente e senza problemi.

Il paziente Un giorno o due possono essere scaricati in modalità home (di solito, 7-10 giorni si consiglia di essere a casa). Tuttavia, ogni caso è individuale, a volte è necessario mantenere il paziente in clinica più a lungo.

Ambulatoriale, la paziente visita il medico in un mese, mezzo anno, un anno e mezzo. L'esame, lo spermogramma è effettuato. Il dottore dà raccomandazioni generali riguardo a nat. carichi e misure preventive.

Periodo di recupero dipende dal tipo di operazione eseguita (ad esempio, l'intervento chirurgico con il metodo di Ivanissevich richiede 7-14 giorni di riabilitazione, chirurgia endovascolare - 1-2 giorni, varicellectomia microscopica - 2-3 giorni).

Inoltre, il periodo dipenderà dall'età del paziente (più alta è la fascia d'età, maggiore è il tempo di recupero).

Riabilitazione dopo l'intervento chirurgico varicocele Esso comprende:

  • la selezione di una modalità adeguata di attività sessuale e fisica;
  • terapia per prevenire l'infiammazione;
  • ulteriori metodi dipenderanno dal successo della guarigione e dal recupero del testicolo.

Vita sessuale

Su desiderio sessuale e potenza, malattia non ha influenza Dopo l'operazione, tutte le funzioni sessuali sono preservate.

L'unica cosa che il sesso dopo un'operazione varikotsele può prima causare sensazioni dolorose, quindi è possibile che un po 'di tempo dovrà astenersi (circa, 3 settimane).

Lo sperma viene completamente rigenerato 75 giorni dopo l'intervento.

Altri aspetti della vita

L'esercito

Dopo l'operazione, i pazienti ricevono un ritardo di 6 mesi.

sport

I carichi sono consentiti non prima di un mese. Le lezioni di bodybuilding sono escluse (o qualsiasi altro sport associato al sollevamento pesi). È necessario ridurre al minimo il carico sulla cavità addominale.

masturbazione

L'eccitazione sessuale troppo frequente di natura prolungata aumenta il flusso sanguigno di organi intimi e provoca una ricaduta.

Trattamento del varicocele e l'ulteriore possibilità di avere figli

Nella foto, spermatogramma dopo varicocele

Quando si verifica una malattia, la motilità degli spermatozoi diminuisce, riducendo la probabilità di successo del concepimento.

Tuttavia, se l'operazione viene eseguita in modo tempestivo, la funzione riproduttiva verrà preservata.

Molti uomini la funzione di spermatozoa è restaurata dopo l'intervento chirurgico (come si può vedere dallo spermogramma).

Gli esperti sostengono che se la funzione spermatica è normale, non è necessario trattare il varicocele.

Se ora stai attivamente cercando di avere un bambino, ma non succede nulla, fai una diagnosi bidirezionale (entrambi i partner). Forse la ragione sta nel varicocele! Se il problema può essere identificato in modo tempestivo - il trattamento aumenterà la probabilità di concepimento del bambino a volte!

Hai bisogno di un intervento chirurgico al varicocele?

Come si manifesta il varicocele nelle prime fasi e come identificare in modo indipendente la malattia? Sull'impatto della malattia sull'ulteriore possibilità di avere figli e vita intima in generale.

Cosa vuol dire se il testicolo sinistro fa male dopo un'operazione varicocele

contenuto

Perché il testicolo sinistro fa male dopo l'operazione varicocele? Questa domanda viene spesso posta da persone che hanno subito questa procedura. L'esecuzione del flusso delle vene varicose nello scroto richiede un intervento chirurgico, che può portare a dolore dopo l'intervento chirurgico varicocele. Nel periodo di recupero, sono osservati in quasi tutti i casi. Alcuni pazienti hanno dolore in pochi giorni, altri non si attenuano per molto tempo. Le cause di questa condizione patologica possono essere diverse, ma gli esperti concordano sul fatto che il testicolo fa male a causa dello sviluppo di complicanze.

Periodo postoperatorio

Dopo l'intervento chirurgico associato all'esacerbazione del varicocele in un uomo, è necessario un periodo di recupero, a volte piuttosto lungo. A seconda del metodo di funzionamento, è da 2 giorni a un mese.

Per il periodo di riabilitazione, ci sono lievi sensazioni dolorose nella regione testis sinistra. La metà destra dello scroto, di regola, non causa alcun inconveniente al paziente a causa del fatto che è il lato sinistro ad essere più spesso colpito.

Le statistiche forniscono i seguenti fatti:

  • in oltre il 90% dei casi negli uomini dopo l'operazione si verifica una diminuzione o una completa scomparsa della sindrome del dolore in un paio di giorni. La norma è un leggero o moderato dolore nel testicolo dopo l'intervento chirurgico per i primi tre mesi. Nel flusso non complicato passa già nei primi giorni di recupero;
  • circa il 5% dei casi lungo il corso del cordone spermatico, e anche nel testicolo dopo l'operazione varicocele, si sviluppa una sindrome dolorosa di intensità variabile. In alcuni casi, questa condizione patologica può durare mesi, a volte per anni.

Con un'operazione eseguita con successo durante il periodo di guarigione della ferita, è possibile osservare le seguenti condizioni:

  1. Piccoli lividi
  2. Leggero pizzicore o dolore dolorante.
  3. Rossore dei tessuti attorno all'incisione.
  4. Edema.
  5. Scarico incolore dalla zona della ferita.

Il paziente può essere dimesso dalla struttura medica il terzo giorno. In questo caso, gli viene mostrata un'osservazione ambulatoriale.

Se un uomo sviluppa un processo infiammatorio purulento, la temperatura corporea aumenta, rimangono edema e arrossamento - c'è una natura complicata del periodo postoperatorio. Questa condizione è accompagnata da sensazioni dolorose nel testicolo sinistro a riposo, al tatto e anche al certificato o atto sessuale.

In questo caso, è necessario consultare immediatamente un medico dal proprio medico.

Il dolore dopo l'intervento con flusso aggravato può segnalare lo sviluppo delle seguenti complicanze:

  • linfostasi;
  • ipotrofia / atrofia testicolare;
  • idrocele;
  • recidiva della malattia.

Ognuno di essi provoca una persona non solo sensazioni dolorose, ma anche altri sintomi espressi.

Sindrome del dolore con linfostasi

La linfostasi (congestione nella linfa) è attribuita alle precoci condizioni complicate dopo un'operazione varicocele. Ha un carattere innato e acquisito.

Nel primo caso, la patologia si sviluppa abbastanza raramente, ma un lieve dolore al fodero può essere fonte di preoccupazione per una persona.

La complicazione acquisita è il risultato di effetti avversi della chirurgia, il più delle volte con una legatura dei linfonodi.

Tra tutte le possibili conseguenze, la linfostasi della metà sinistra dello scroto occupa il primo posto.

I suddetti segni sono stati osservati già il primo giorno dopo l'intervento.

Per liberarsi da linfostasi, al paziente vengono prescritte sospensioni (per esempio, con un unguento Vishnevsky). Il corso del trattamento varia a seconda delle condizioni del paziente, ma dopo 5 giorni viene il recupero. Rimuovere completamente l'edema dello scroto è possibile durante le prime 2 settimane di terapia.

Sindrome del dolore con atrofia / ipotrofia

Ridurre il volume del testicolo sinistro dopo una precedente operazione varicocele può portare a una complicanza molto grave - atrofia. In questa condizione, il lato sinistro dello scroto è completamente atrofico. Il contenuto del testicolo scompare e al suo posto rimane solo una membrana sottile. La pelle dell'organo riproduttivo diventa flaccida e slogata.

Le sensazioni di dolore si sviluppano non immediatamente dopo l'intervento chirurgico, che è associato al periodo di insorgenza della malattia stessa. Potrebbe volerci molto tempo prima che appaiano i primi segni.

Atrofia del testicolo con varicocele si sviluppa in due casi:

  1. Sullo sfondo di problemi con i vasi sanguigni come patologia secondaria. Allo stesso tempo, l'atrofia è il risultato di un complicato decorso di varicocele. In assenza di un trattamento efficace e competente, la sindrome del dolore può disturbare il paziente per un lungo periodo.
  2. Dopo intervento chirurgico analfabetico nello scroto. Il testicolo sinistro fa male dopo varikotsele operazioni a volte così fortemente, che offre all'uomo notevole disagio in casa e sessualmente.

Un errore medico nel corso di un'operazione può comportare un bendaggio accidentale dell'arteria addominale al posto della vena del testicolo. Questa negligenza è piena di gravi problemi con la salute del paziente. L'atrofia è una patologia molto seria, che porta alla sterilità dovuta alla diminuzione degli spermatozoi e degli ormoni prodotti.

L'atrofia del testicolo sinistro è molto rara, in circa 2 casi per 1000 operazioni. Ma se si sviluppa, ha gravi conseguenze.

Sindrome del dolore con un testicolo idropisiaco (idrocele)

Idrocele, o idrocefalo dei testicoli, si riferisce a condizioni complicate ritardate, che possono manifestarsi non immediatamente, ma dopo un certo periodo di tempo (circa 6-25 mesi dopo l'operazione). La patologia si sviluppa se i vasi linfatici nella regione sinistra del testicolo sono stati incrociati durante l'intervento chirurgico. Come risultato di un errore medico, il liquido sieroso inizia ad accumularsi tra i fogli del guscio del testicolo, il cui volume varia da 15 ml a 3 litri.

L'edema secondario che si verifica dopo l'intervento chirurgico nell'area dello scroto avviene in due forme principali:

  1. La forma acuta. Sviluppa con processo infiammatorio acuto. Sorge improvvisamente con un aumento di quella metà dello scroto, che è stato utilizzato senza successo. Le sensazioni dolorose diventano forti, a volte intollerabili.
  2. Forma cronica Spesso si sviluppa a causa del trattamento avanzato dei testicoli dell'acidosi, ma ci sono casi di sviluppo iniziale di questa forma.

Con edemi cronici dell'occhio sinistro, la sindrome del dolore è scarsamente espressa. Secondo i pazienti, sono preoccupati per il dolore sordo della natura dolorante. A volte potrebbe non esserlo affatto.

Sindrome del dolore con recidiva di varicocele

Ci sono casi in cui dopo l'intervento varicocele il testicolo sinistro fa male a causa dello sviluppo di recidiva della malattia. La sua frequenza di insorgenza dipende direttamente dall'età del paziente, nonché dal metodo di esecuzione dell'intervento chirurgico.

La percentuale è la seguente:

  1. Dopo un intervento chirurgico aperto, l'esacerbazione secondaria si sviluppa nel 27-40% dei casi.
  2. Nel metodo endovascolare, la recidiva si verifica nel 15% dei pazienti.
  3. Dopo il metodo endoscopico, il disturbo ritorna nel 10% dei casi.
  4. Nel metodo microchirurgico - nel 2% dei casi.

Nei bambini dopo l'intervento chirurgico, la patologia ritorna nel 2-20% dei casi, mentre negli adulti è del 7%.

Alcuni uomini celebrano i dolori incessanti della loro dolorosa natura nell'area scrotale. Possono disturbare una persona per diversi mesi, a volte anni. Le sensazioni dolorose variano di intensità: da lieve dolore a moderato.

In ogni caso, dovrebbero avvisare il paziente. Dopo tutto, il dolore dopo l'intervento chirurgico è un segno di una procedura fallita, e anche un'occasione per chiedere il parere di un medico.

La ricorrenza della malattia può svilupparsi nel primo o nel tardo periodo postoperatorio, ma tali casi non sono così comuni. In questo caso, si osservano ripetute dilatazioni delle vene dello scroto e altri sintomi della malattia.

Dopo le misure diagnostiche, può essere confermata una ripetuta esacerbazione del varicocele del testicolo sinistro. In questo caso, si raccomanda di sottoporsi a terapia ripetuta, a volte - una ripetizione, per l'eliminazione di cui non tutti i metodi di intervento chirurgico sono adatti, ma solo alcuni di essi.

Il rispetto del trattamento speciale del paziente e le raccomandazioni degli operatori sanitari ridurranno anche il rischio di possibili complicanze.

Dolore dopo chirurgia varicocele

Non mortale, ma anche molto sgradevole, complicazione dopo operazione varikotsele là è un danno del nervo, passando nel canale inguinale. Questo è il nervo genitale-femorale. Inoltre, non è bene che le complicanze vengano rilevate più spesso solo dopo un intervento chirurgico, quando il dolore si verifica al posto della ferita postoperatoria, inoltre, vi è una perdita di sensibilità nell'area interna della coscia.

Complicazioni dopo l'intervento chirurgico varicocele sono osservati abbastanza raramente e nella maggior parte dei casi ciò è dovuto sia all'inesattezza del chirurgo che alle caratteristiche tecniche e alle complessità che si sono manifestate durante l'operazione.

Complicazioni dopo la chirurgia varicocele

Se il dolore dopo l'operazione varicocele, c'è una possibilità che si sono verificate complicazioni. La complicazione più pericolosa è il danneggiamento di un'arteria iliaca abbastanza grande, che si trova più in profondità della vena del testicolo. Tuttavia, se ci sono difficoltà nel trovare questa vena, il chirurgo può commettere un errore prendendo quest'arteria come una vena, e quindi può bendarla o semplicemente causare lesioni allo strumento.

I medici affermano che il periodo di riabilitazione dopo questo intervento chirurgico dipende direttamente dal tipo di intervento eseguito. Tuttavia, in qualsiasi forma, con una diagnosi di varicocele, varicocele postoperatorio Un po 'di tempo dovrebbe essere in ospedale, e prima di tutto questo è dovuto al fatto che è necessario monitorare in modo obbligatorio l'insorgenza di complicanze.

E le complicazioni sono ancora possibili. Questi includono sanguinamento, idropisia e infezione nel sito della ferita chirurgica.

Tuttavia, tutte queste complicazioni dopo l'intervento sono molto rare. Soprattutto ai nostri tempi, quando i moderni metodi di trattamento del varicocele sono stati introdotti nella chirurgia e tra questi metodi microchirurgici e laparoscopici. Dopo l'introduzione di queste innovazioni, le statistiche hanno iniziato a indicare che la percentuale di complicanze specifiche registrate era significativamente ridotta.

Perché il dolore dopo l'operazione?

Una delle prime complicazioni del trattamento chirurgico del varicocele è la linfostasi della metà sinistra dello scroto. Dal suo aspetto, è obbligato a sconfiggere e bendare i vasi linfatici durante l'operazione.

Ci sono complicanze più gravi del varicocele, sebbene siano estremamente rare. Questi sono:

  • atrofia
  • ipertrofia
  • azoospermia di testicolo.

Ad esempio, atrofia testicolare dopo varicocele è osservato in due casi su mille operazioni. Tuttavia, per i pazienti giovani che sono tra questi due casi, questa complicazione è davvero tragica.

La riduzione o la scomparsa del dolore dopo l'intervento si verifica nella grande maggioranza dei pazienti, questo numero è chiaramente superiore al 90%. Eppure, il 3-5 per cento dei pazienti dopo questa operazione sperimenta dolore sia lungo il cordone spermatico che nel testicolo, e questa patologia può manifestarsi per un tempo molto lungo.

Per impedire il sanguinamento e lo sviluppo di gonfiore nel dopo operazione al sito di ferita durante due ore mettono il raffreddore - una bolla con ghiaccio. Inoltre, dopo l'intervento chirurgico i medici del varicocele sono fortemente consigliati di indossare sospensioni per diversi giorni.

Le suture dopo l'intervento chirurgico con varicocele vengono solitamente rimosse non prima di sette-otto giorni dopo. I metodi chirurgici tradizionali di trattamento del varicocele, suggeriscono che dopo l'operazione il paziente può iniziare la normale attività fisica non prima di un mese. Ma, ancora, non applicare alcuno sforzo fisico pesante per diversi mesi.

Il testicolo sinistro fa male dopo l'operazione Varikotsele

Le vene varicose dello scroto (varicocele) in uno stato trascurato richiedono un intervento chirurgico. Di per sé, la patologia non è pericolosa, quindi viene eseguita in presenza di dolore grave, a causa di disagio estetico, fermando la crescita del testicolo durante il periodo puberale. Esistono diverse tecniche disponibili per il medico: endoscopia, chirurgia a cielo aperto, microchirurgia. Come dopo ogni altra operazione, immediatamente dopo la procedura e per diversi giorni il paziente sentirà dolore, che dopo un po 'passa. In alcuni casi, il processo di recupero è più veloce e possono presto dimenticare la malattia, mentre altri dopo l'operazione Varikotse hanno un dolore ai testicoli da molto tempo. Le ragioni sono diverse, ma gli esperti ritengono che siano tutte correlate a complicanze postoperatorie.

Il periodo di recupero dura da un paio di giorni a un mese. Per tutto questo tempo, nell'area del testicolo sinistro, c'è disagio, dolore minore. Sul lato destro, le sensazioni spiacevoli di solito non accadono. Per scartare il panico non necessario sulla tua malattia, devi valutare le statistiche:

  • un paio di giorni dopo l'operazione nel 90% dei casi, la sindrome del dolore diminuisce o scompare del tutto. I medici dicono che il normale dolore nel testicolo dopo l'intervento chirurgico al Varicocel è normale per 3 mesi. Se non ci sono complicazioni, i sintomi spiacevoli vanno via entro la prima settimana dopo l'operazione;
  • circa il 5% dei pazienti dopo l'operazione nel testicolo e il cavo spermatico appare dolore. L'intensità delle sensazioni spiacevoli può essere diversa, così come la durata. Alcune persone hanno dolori al testicolo da mesi, altri anche da anni.

Cosa aspettarsi dopo varicocele

Durante il periodo di recupero, fino a quando le ferite postoperatorie non guariscono, i seguenti sintomi possono essere rivelati in un uomo:

  • dolore dolorante, formicolio allo scroto;
  • piccoli ematomi;
  • la pelle attorno al sito di operazione diventa rossa;
  • gonfiore;
  • scarico trasparente dalla ferita postoperatoria.

3 giorni dopo l'operazione, il paziente può tornare a casa dalla clinica, ma osserva il programma della visita del medico per monitorare la sua salute e il recupero. Le complicazioni nel periodo postoperatorio possono manifestarsi come segni di un processo infiammatorio purulento - il gonfiore non scompare, la pelle diventa rossa, la temperatura aumenta. Questo fa spesso male al testicolo sinistro dopo l'operazione di Varikotsele a riposo, al tatto e durante il sesso. Tali sintomi richiedono cure mediche urgenti. La presenza di dolore dopo l'intervento Varicocele può parlare della presenza di tali complicazioni:

  • linfostasi;
  • atrofia o ipotrofia testicolare;
  • idrocele;
  • recidiva varikotsele.

Ognuna di queste complicazioni è caratterizzata non solo dal dolore, ma anche da altri sintomi, che puoi scoprire in dettaglio più avanti. Qualunque sia la complicazione, l'automedicazione è pericolosa.

Dolore al testicolo con linfostasi

La linfostasi è la stasi del fluido linfatico di carattere innato e acquisito. Questa complicanza può verificarsi subito dopo l'operazione varicocele. La linfostasi congenita è rara, ma può provocare piccoli dolori dolorosi. La linfostasi acquisita inizia a causa dell'operazione, spesso dopo la legatura dei linfonodi. Se il medico commette un errore, la capsula dell'epididimo si espande a causa del riempimento di sangue, che porterà a forti dolori. È la linfostasi che è considerata la complicanza più comune dopo la chirurgia varicocele. Puoi determinarlo con tali segni:

  • forte dolore;
  • lo scroto viene ingrandito dal lato dove è stata eseguita l'operazione;
  • gonfiore e arrossamento dello scroto.

Tutti i segni elencati sono rilevati più spesso nelle prime 24 ore dopo l'operazione. Per eliminare tali conseguenze, vengono prescritte sospensioni con pomata Vishnevsky e altri farmaci. Saranno necessari circa 5 giorni per eliminare il decorso acuto della complicazione e l'intero ciclo di terapia durerà a seconda delle condizioni generali del paziente. Il gonfiore dello scroto viene eliminato in circa 2 settimane.

Dolore al testicolo con atrofia

Dopo l'intervento chirurgico, una diminuzione del volume del testicolo può minacciare l'atrofia - una grave complicanza, in cui il lato dolente dello scroto diventa atrofico. In realtà, il contenuto del testicolo non rimane, e invece di esso - un guscio sottile. La pelle dello scroto è tesa e flaccida. Il dolore non inizia immediatamente, che è associato al decorso della patologia. Potrebbe volerci molto tempo prima che si verifichi un'atrofia. La malattia non si verifica molto spesso - in 2 casi su 1000 interventi, ma se lo fa, le conseguenze saranno gravi. La complicazione può essere provocata in due casi:

  • Come patologia secondaria, se c'è un problema serio con le navi. In questo caso, l'atrofia testicolare è provocata da un complicato decorso di varicocele. Se le misure appropriate non vengono prese in tempo, il dolore nella parte sinistra dello scroto può tormentare l'uomo per un lungo periodo.
  • Come risultato dell'operazione analfabeta sullo scroto. Dopo l'operazione varicocele, il dolore nel testicolo sinistro può essere così forte che la qualità della vita in una persona è ridotta al minimo. Questo si applica alla vita normale e ai contatti sessuali. Un uomo semplicemente non può eseguire azioni ordinarie, perché sperimenta costantemente un estremo disagio. Come errore medico che può portare all'atrofia, è possibile specificare una situazione in cui il chirurgo, invece del testicolo, benda l'arteria iliaca. Tale negligenza è gravida da una grave minaccia per la salute del paziente, tra cui, a causa dell'atrofia, l'infertilità si sta sviluppando.

Hydrocele (idropisia)

Un testicolo idropico, un idrocele, è considerato una complicazione che può manifestarsi non immediatamente, ma dopo sei mesi e anche dopo 2 anni dopo l'operazione varicocele. Un mignolo minaccia quando il chirurgo tocca i vasi linfatici nella zona del testicolo sinistro durante l'intervento. A causa di un errore del dottore, un fluido sieroso viene raccolto tra le foglie del guscio del testicolo. Di conseguenza, l'idropisia può accumulare un volume sufficiente di liquido nello scroto - da 15 ml a 3 litri. Se è comparso edema, come complicazione dopo il varicocele, è classificato come malattia secondaria. Scorre in due forme:

  • idropisia acuta. Scorre sullo sfondo di un'infiammazione acuta. Il processo inizia rapidamente - lo scroto inizia ad aumentare di dimensioni dal lato dove l'operazione è stata precedentemente eseguita. Il dolore è molto forte, quasi intollerabile;
  • edema cronico. Spesso si verifica a causa dell'idropisia non curata in forma acuta, sebbene possa verificarsi anche come patologia indipendente. La forma cronica è accompagnata da una lieve sindrome del dolore. Come dicono i pazienti, il dolore è noioso e doloroso ea volte scompare del tutto.

Secondo fonti mediche, l'idrocele sta diventando una complicazione nel 10% di tutti gli ambulatori di varicocele. Tali dati si riferiscono a quelle operazioni che sono state condotte in modo aperto. Se si forniscono statistiche sulla microchirurgia, l'idrocele si verifica solo nell'1% dei casi.

Ricorrenza di varicocele

Oltre alle anomalie elencate sopra, che causano una sindrome dolorosa nel testicolo, dopo l'intervento chirurgico ci si può aspettare una ricomparsa del varicocele. In questo caso, il paziente sperimenterà sintomi simili. La frequenza della recidiva dipende dalla modalità della chirurgia e dall'età del paziente. Di seguito è riportata una stima approssimativa di questa dipendenza:

  • operazione aperta. La ricaduta si verifica nel 27-40% dei casi;
  • metodo endovascolare. La ricaduta si verifica nel 15% dei casi;
  • Endoscopia. Il varicocele compare nel 10% dei casi;
  • microchirurgia. La probabilità di riemergenza della malattia in un paziente è ridotta al 2% dei casi.

Se parliamo della dipendenza del rischio di recidiva sull'età del paziente, negli adulti dopo un intervento di successo la patologia si ripresenta nuovamente nel 7% dei casi e nei bambini - nel 2-20% dei casi.

Cosa fare con il dolore nel testicolo

Notando il dolore nello scroto per lungo tempo, molti uomini, però, non ha fretta di medico, e cercano di trattare i materiali a portata di mano - le ricette della medicina tradizionale, antidolorifici, ecc Questa è una tattica sbagliata, che può portare a problemi di salute..

Non importa quanto sia doloroso il dolore, ma se sono dopo l'intervento chirurgico, è necessario consultare urgentemente un chirurgo che ha eseguito l'operazione. Di solito, il dolore può parlare delle complicazioni che sono sorte nel corso di un intervento chirurgico senza successo, ecco perché è necessario contattare lo stesso specialista e non un altro, perché il chirurgo operativo è responsabile.

Le moderne tecnologie hanno permesso di ridurre il numero di possibili complicazioni dopo l'operazione varicocele. Vengono utilizzati nuovi metodi, attrezzature, medicinali. Dopo una corretta riabilitazione, compreso il trattamento e le procedure, la malattia di solito non viene restituita.

Una norma o una patologia se i dolori dopo che l'operazione varikotsele è rimasta

La rimozione delle vene varicose del cordone spermatico è l'unico modo disponibile per trattare il varicocele. La medicina moderna ha un arsenale di tecniche operative con cui garantisce il completo smaltimento della malattia. La prognosi del mantenimento della fertilità dipenderà dalle caratteristiche individuali di ogni singolo paziente.

Le vene varicose di solito si verificano in giovane età, ma non è esclusa negli uomini adulti. Il trattamento chirurgico è necessario per la progressione della malattia, il dolore nello scroto e la minaccia di infertilità. Nella maggior parte dei casi, l'intervento chirurgico passa senza lo sviluppo di complicanze postoperatorie.

Ma nessuno dei metodi applicati di trattamento strumentale può assicurare la completa assenza di effetti collaterali di varia gravità, ma ci sono operazioni dopo le quali i rischi di complicanze sono minimi.

L'articolo è dedicato alla descrizione delle tecniche operative in termini di affidabilità, probabili complicazioni e ricadute, nonché delle regole di riabilitazione. Se il dolore dopo l'intervento è rimasto, questo non sempre significa trattamento sbagliato perché tutto dipende dalla fisiologia dell'uomo e dall'osservanza delle condizioni della riabilitazione.

Cosa devi sapere sul trattamento con varicocele

Il varicocele è una patologia comune. Secondo le informazioni pubblicate dalla World Association of Health, la malattia è registrata per ogni settimo abitante del pianeta maschio. Molto spesso, il disturbo è ereditario e si manifesta nei giovani che entrano in pubertà, quindi l'incidenza di picco cade in tenera età da circa 12 a 16 anni, a seconda delle caratteristiche fisiologiche.

Il sistema venoso di un giovane durante il periodo di crescita intensiva e di ristrutturazione sessuale dell'organismo, associato all'attività ormonale, non regge ed è suscettibile di deformazione.

Fai attenzione. Se i parenti stretti del bambino hanno varicocele o vene varicose degli arti inferiori, i genitori dovrebbero prestare attenzione a questo e mostrare regolarmente il bambino all'urologo. Nell'adolescenza, il giovane dovrebbe essere informato della probabilità della malattia ed essere consapevole dei suoi sintomi.

A causa del rischio di sviluppo delle vene varicose, gli adolescenti sono costantemente sottoposti a esami medici in varie istituzioni municipali, ad esempio, in una scuola o in una registrazione militare e in un ufficio di arruolamento per l'individuazione di sintomi precoci.

Se il ragazzo viene trovato varicocele nelle prime fasi in uno stato stabile, l'operazione può essere posticipata fino alla fine della pubertà o fino a quando la condizione peggiora. In presenza di dolore, l'operazione viene eseguita anche se la malattia è nella prima fase. Assicurati di leggere fino alla fine di questo articolo per scoprire perché ci sono stati dolori dopo l'operazione varicocele.

Se non si trova la completa maturazione del sistema endocrino maschile varicocele, allora c'è un'alta probabilità che l'uomo non incontrerà mai il problema della malattia venosa del cordone spermatico. Ma questo è più sull'eredità.

La formazione di varicose scrotalica può contribuire a cause secondarie:

  • sviluppo di malattie degli organi vicini a seguito delle quali verranno trasmesse le vene del cordone spermatico;
  • trauma di organi sessuali e vicini;
  • sviluppo di tumori renali;
  • indossare biancheria intima troppo stretta, stringendo lo scroto;
  • lavoro frequente con oggetti pesanti;
  • entusiasmo per gli sport di potenza;
  • aumento della pressione nella parte inferiore del peritoneo per vari motivi, ad esempio a causa di una tosse cronica.

Sopra elencati sono le cause secondarie più comuni che portano alla formazione della patologia, ma ce ne sono molte di più. Tutta la loro essenza si riduce alla creazione di due fattori che provocano il varicocele: aumento della pressione sanguigna e ristagno del sangue venoso.

Di conseguenza, nelle vene del cordone spermatico non si verifica la completa chiusura delle valvole e vi è un lieve retromarcia del reflusso sanguigno. All'inizio non è evidente quindi la sintomatologia è completamente assente. Questo stadio di varicocele è chiamato preclinico o subclinico perché procede in modo latente. In questo periodo non c'è nulla di male al corpo.

Nel corso del tempo, le valvole venose operano tanto peggio nei vasi aumenta la pressione che si tradurrà in allungamento e pareti venose malattia transizione in forma clinica con sintomi evidenti, determinati facilmente utilizzando diagnosi fisica.

È importante Se un uomo viene identificato, è necessario che il varicocele esegua immediatamente un trattamento chirurgico, altrimenti sussistono rischi significativi di sviluppare l'infertilità. Secondo le statistiche, ogni quarto uomo su dieci dopo la malattia non può avere figli.

Pertanto, gli approcci alla nomina di operazioni in persone di età diverse sono leggermente diversi, come indicato nella tabella 1.

Tabella 1. I motivi per cui l'operazione di rimozione delle vene del cordone spermatico non viene eseguita (quando si prende la decisione "+" - significa che il motivo è preso in considerazione, "-" - il motivo non viene preso in considerazione).

I bambini non sono operati a causa della prima età, la mancanza di spermatogenesi e una significativa probabilità di recidiva, che raggiunge il 30% durante la pubertà. Pertanto, si ritiene che in assenza di dolore o progressione della varicosi, sia consigliabile attendere.

Tuttavia, questa opinione è gradualmente sostituita da un'altra. In precedenza varicocele gestito esclusivamente dal metodo Ivanissevicha o Palomo (in casi molto rari), ma oggi ci sono stati interventi chirurgici con il minimo rischio di complicanze postoperatorie o recidive, così i bambini hanno maggiori probabilità di avvelenare l'intervento chirurgico è ridotta a quasi a nulla tutte le conseguenze negative che possono svilupparsi sullo sfondo vene varicose del cordone spermatico.

Per gli adulti, sempre più inequivocabile - se c'è il varicocele, allora ha bisogno di un trattamento tempestivo. Altrimenti, aumentano i rischi di perdita di fertilità, disfunzione testicolare e atrofia successiva. Ma ci sono delle eccezioni.

Ai pensionati l'operazione non può essere eseguita se la presenza di vene varicose nello scroto non impedisce loro di vivere. Lo stesso approccio si applica agli uomini che hanno già figli e non li vogliono più.

In parole povere, se per gli uomini la fertilità non è rilevante e il varicocele non causa disagio, possono tranquillamente abbandonare la chirurgia a condizione che la malattia si stabilizzi. Se la condizione del trattamento chirurgico peggiora, non sarà possibile evitare.

Trattamento del varicocele

Il varicocele può essere curato medicamente, con l'aiuto della medicina popolare, della ginnastica curativa e della fisioterapia, e può essere curato completamente esclusivamente mediante rimozione strumentale delle vene deformate. Perchè questo è descritto più dettagliatamente in seguito e indicato sul video in questo articolo.

Importante! Per curare varikotsele è possibile solo operativamente! Tutti gli altri metodi sono riconosciuti dalla medicina tradizionale, ma solo come terapia aggiuntiva. Dovrebbe essere capito che la vena testicolare che ha perso la sua morfologia a causa delle vene varicose non sarà mai in grado di tornare al suo stato precedente.

Trattamento operativo

L'essenza principale del trattamento chirurgico è la disattivazione delle vene deformate dal flusso sanguigno, che dopo il trattamento verrà eseguita attraverso altre navi. Le vene malate vengono rimosse, fasciate o intasate e negli ultimi due casi i vasi sanguigni che non circolano gradualmente si dissolvono.

L'intervento strumentale può essere eseguito in molti modi, ma nella pratica medica reale non vengono utilizzate più di dieci tecniche o le loro modifiche. Le caratteristiche comparative delle operazioni principali sono riportate nella Tabella 2 e sono descritte in maggior dettaglio nelle sottosezioni successive.

Tabella 2. Caratteristiche comparative delle operazioni di base per alcuni parametri.

Operazioni Ivanissevich e Palomo

Le tecniche sono simili l'una all'altra, ma nell'operazione di Palomo, non vengono solo soppresse le vene ma anche l'arteria ovarica. La maggior parte dei medici non ne vede la necessità, quindi il varicocele è stato principalmente trattato con il metodo proposto da Ivanissevich.

La sua essenza consiste nella soppressione della vena testicolare. Al fine di ottenere al medico recipiente desiderato deve fare un'incisione nella regione iliaca, che ricorda la stessa come per la rimozione di appendicite ma nella maggior parte dei casi sarà sul lato sinistro, come nel 95% dei casi di varicocele sinistra.

L'operazione non è complicata e per la sua condotta non richiede particolari condizioni, pertanto ha ricevuto un riconoscimento di massa dalla metà del secolo scorso. Tuttavia, a causa dell'elevata probabilità di ricadute, prolungato periodo di riabilitazione, dolore all'inguine dopo l'intervento varicocele e tracce apprezzabili sul corpo, questa tecnica operativa è attivamente soppiantata dalle moderne operazioni microchirurgiche.

A ovvi vantaggi includono il basso costo e la capacità di operare il paziente in una sala operatoria convenzionale.

Varicocelectomia microchirurgica secondo Marmara

Questa moderna chirurgia microvascolare è comparsa dopo la comparsa di un microscopio operatorio, presentato nella foto, che consente di manipolare le vene con un aumento di 6-7 volte. Possiamo dire che Marmar ha perfezionato i metodi descritti sopra.

A causa del fatto che l'accesso alle vene del seme non comporta la dissezione dei tessuti muscolari, il periodo di riabilitazione è diminuito di parecchie volte e il trattamento viene effettuato in regime ambulatoriale. La ferita chirurgica si trova vicino alla base del pene, quindi la cicatrice sarà praticamente invisibile.

Il principale vantaggio è ridurre la probabilità di recidiva e complicanze postoperatorie. Ciò è ottenuto dal fatto che, prima di convogliare le vene, tutti i vasi e i nervi adiacenti vengono deviati sul lato, il che impedisce il loro danno.

Il chirurgo ha l'opportunità di esaminare la vena del testicolo quasi completamente, e di legare tre dei suoi collettori, a causa della quale si verifica più spesso una re-malattia. L'operazione Marmara è considerata una delle migliori, l'unico inconveniente è il prezzo elevato, ma il rapporto qualità-prezzo è pienamente giustificato.

laparoscopia

Laparoscopio è una delle varietà di un endoscopio. È dotato di una videocamera miniaturizzata e illuminazione a freddo, che consente al chirurgo di vedere sul monitor tutte le azioni in tempo reale, quindi questa tecnica operativa si distingue per l'elevata precisione delle manipolazioni.

L'anestesia generale viene utilizzata per diversi motivi: gonfiando il peritone con anidride carbonica, è necessario immobilizzare completamente il paziente perché non è possibile consentire anche il minimo spostamento. Le vene sono ispezionate per tutta la lunghezza e sono legate nei posti necessari, quindi questa tecnica è la migliore per eliminare le ricadute e trattare un varicocele bilaterale.

Con l'intervento chirurgico, i rischi minimi di complicanze sono dovuti al fatto che i tessuti delle navi vicine o dei nervi sono molto raramente traumatizzati. La recidiva è possibile con una scarsa fissazione dei ligandi, che avviene in non più del 2% dei casi.

Embolizzazione e sclerotizzazione della vena testicolare

Queste sono due diverse operazioni. Sono inclusi in una sottosezione perché l'essenza e il principio delle loro azioni sono gli stessi e le differenze sono nell'agente principale. Nel primo caso si tratta di emboli, spirali o punti in titanio, nel secondo caso lo sclerosante è una sostanza speciale che, quando ingerita, aderisce alle pareti vascolari del vaso in una vena.

In entrambi i casi, viene perseguito un unico obiettivo: fermare il flusso di sangue nella vena malata, dopo di che il sangue scorrerà attraverso vasi sani adiacenti e la varicosi si dissolverà dopo un po '. In questo caso, le complicanze postoperatorie vengono eliminate poiché il lavoro sull'occlusione venosa viene eseguito all'interno della vena con l'aiuto di un'imbarcazione speciale, che esclude qualsiasi danno ad altre strutture tissutali.

La diagnosi preliminare e il monitoraggio dell'installazione dell'otturatore vengono eseguiti con l'ausilio di apparecchiature a raggi X, pertanto il paziente riceve una irradiazione minore. Il metodo è usato raramente, soprattutto in quei casi in cui una persona è controindicata nello svolgimento di operazioni di dissezione tissutale.

Rivascolarizzazione della vena del testicolo

Un complesso intervento chirurgico microvascolare, durante il quale una vena vicina viene cucita al posto della vena dell'ovaia varicosa. Un altro nome meno accurato, ma più comprensibile per questa tecnica chirurgica è la chirurgia di bypass. Il principale punto positivo è il rapido ripristino della circolazione sanguigna nella giusta quantità, che influisce sul funzionamento del testicolo.

L'operazione è indicata principalmente per quegli uomini che hanno segni di atrofia e richiedono il ripristino immediato del flusso sanguigno. Lo svantaggio principale è l'alta probabilità di trombo nella zona shunt. Le ricadute sono estremamente rare con una corretta sutura delle vene.

Effetti postoperatori

Momenti negativi con interferenze strumentali sono indesiderabili, ma nessun medico e nessuna tecnica chirurgica, per quanto innovativa, può garantire la loro assoluta assenza. Il dolore dopo l'intervento chirurgico varicocele è una reazione naturale del corpo all'intervento chirurgico e può essere causato non solo da danni agli elementi istologici, ma anche dal processo di ripristino del flusso sanguigno al testicolo malato.

È importante che un uomo comprenda le cause del dolore dopo la chirurgia varicocele, sia che si tratti di un processo patologico in via di sviluppo o che abbia solo bisogno di aspettare e aspettare che si fermi. Di seguito parleremo di quali sono le manifestazioni negative dopo l'operazione e come si manifestano.

Ricorrenza di varicocele

Se dopo un trattamento strumentale dallo stesso lato dello scroto è apparso di nuovo o le vene infiammate non scompaiono - dicono sulla ricaduta della malattia. A differenza delle complicanze postoperatorie, la recidiva è sempre associata alla conservazione del reflusso nella vena del testicolo e non può manifestarsi immediatamente, ma dopo un tempo abbastanza lungo.

Ragioni di recidiva:

  • impedito tutte le navi infiammate o lasciato i collettori della vena del testicolo;
  • le vene sono debolmente legate o legate;
  • insufficiente occlusione delle vene durante l'embolizzazione (sclerotizzazione) o spostamento dell'agente ostruttore;
  • il dottore ha confuso il testicolo con un altro.

Fai attenzione. Se il chirurgo, che avviene raramente, erroneamente messo fine alla vena errato, viene indicato come recidive, ma in realtà in questo caso è opportuno parlare all'assenza di trattamento varicocele come manipolazione con recipiente varicose stata effettuata.

Dolore tirante dopo l'intervento chirurgico varicocele non può indicare in modo affidabile la presenza di una ricaduta, ma se dopo l'intervento chirurgico, che non passano o sono vene infiammate per lungo tempo v'è un motivo per vedere un medico per la ri-diagnosi, al fine di individuare le cause di disagio.

La più grande probabilità di recidiva esiste nei ragazzi di età compresa tra 11 e 16 anni, e anche nel caso in cui la rimozione delle vene infiammate è stata effettuata secondo il metodo di Ivanissevich o Palomo. Gli uomini possono lamentare dolore nel lato dopo l'operazione varicocele, nel qual caso è necessaria una diagnosi aggiuntiva dei reni.

Nel caso del varicocele sul lato destro, vi è un'alta probabilità di sviluppare processi tumorali sul rene destro.

Fai attenzione. Le complicanze e le recidive più suscettibili alle complicanze postoperatorie sono i bambini e gli adolescenti, quindi nelle prime fasi dei medici varicocele si sta cercando di rimandare l'operazione per un periodo successivo.

Il trattamento della ricaduta, così come la malattia di base, è possibile solo in modo operativo. Nelle nostre cliniche, questo viene spesso fatto usando il metodo con cui è stato eseguito il trattamento principale, sebbene l'istruzione nei paesi dell'Europa occidentale raccomanda che la ricaduta sia rimossa da un altro metodo strumentale, specialmente se la malattia ricorrente si è verificata dopo molto tempo.

Il più ottimale per il trattamento della ricorrenza del varicocele è l'endoscopia, in cui viene raggiunto il massimo effetto, ma anche la varicocelectomia secondo il metodo di Marmara riesce a far fronte al compito.

Tuttavia, nel nostro paese, nella maggior parte delle cliniche non hanno le costose attrezzature e un gran numero di chirurghi altamente specializzati, che è particolarmente importante per le piccole città e villaggi in modo che il trattamento principale, così come l'eliminazione delle recidive è tradizionalmente realizzate utilizzando le operazioni classiche metodo Ivanissevicha.

Complicazioni dopo la rimozione del varicocele

Le complicazioni, a differenza delle recidive, si presentano nel caso di danni a tessuti, vasi o nervi situati vicino al cordone seminale, sebbene molte persone pensino che la ricaduta e la complicazione siano le stesse. Il rischio di complicanze durante l'intervento chirurgico diminuisce in proporzione diretta all'accuratezza del metodo chirurgico.

Ad esempio, gli stessi metodi tradizionali di Palomo e Ivanissevich restano i meno pratici da questo punto di vista, mentre le operazioni e la laparoscopia di Marmara hanno molte meno probabilità di sviluppare complicanze. Qui di seguito sono considerate le principali patologie che si presentano dopo il trattamento delle vene varicose del cordone spermatico.

Irritato di testicolo

L'idropisia o l'idrocele è la complicazione postoperatoria più frequente perché i vasi linfatici del cordone spermatico sono trasparenti, sottili, difficilmente percettibili e facilmente lesionati. Se la loro integrità è compromessa, il drenaggio cambia, con conseguente grande accumulo di linfa nello scroto.

La patologia si manifesta rapidamente, di solito nel primo, meno spesso nel secondo giorno. Il trattamento è possibile pompando linfa dallo scroto con danni minori ai vasi linfatici, ma molto spesso è necessario un intervento chirurgico.

La patologia non è pericolosa, rapidamente e trattata con successo. Nella stragrande maggioranza degli idroceli è una conseguenza di errori tecnici del chirurgo.

Atrofia del testicolo

Questa complicazione si verifica meno spesso e il difetto principale in questo caso risiede più nel paziente che nel medico curante. Atrofia del testicolo - questo fine fase ipossia quando tessuti al testicolo non viene ricevuto sufficiente nutrienti, scambio di gas e viene degradato dalla influenza accumulando gradualmente metaboliti tossici.

Se si visita un medico in modo tempestivo tale patologia nella stragrande maggioranza dei casi non può sorgere. Quando i processi distruttivi attività funzionale della ghiandola è drasticamente ridotto, e segni di atrofia immediatamente visualizzate su qualsiasi test specifici - conta diminuzione degli spermatozoi e diminuire il livello di testosterone nel sangue.

Atrofia può verificarsi quando l'integrità dell'arteria testicolo. In questo caso, di regola, vi è un'emorragia abbondante, un ematoma in costante crescita, una diminuzione della dimensione del testicolo e il suo cedimento. Il trattamento consiste nel ripristino operatorio dell'integrità dell'arteria testicolare per un rifornimento di sangue completo del testicolo.

Cambiando lo sfondo ormonale

La sintesi di testosterone il più spesso diminuisce, in casi rari aumenta. Se il numero di ormoni sessuali maschili nel sangue è inferiore e non si recupera, può segnalare l'ipossia in via di sviluppo del testicolo.

Salti e piccole deviazioni sono possibili a seconda del processo di recupero. Si raccomandano monitoraggio continuo e correzione dei farmaci.

Violazione dell'innervazione della superficie interna della coscia

Il danno al nervo genitale-femorale, che va a fianco del cordone spermatico, porterà ad una perdita di sensibilità dell'area cutanea sulla superficie interna della coscia. La situazione deve essere corretta immediatamente, poiché se l'integrità del tessuto nervoso non può essere ripristinata in modo tempestivo, può perdere completamente la capacità di condurre un impulso elettrico, per cui sarà impossibile recuperare la sensibilità persa.

Testicolo aumentato dopo l'intervento chirurgico

Non è una patologia se il testicolo viene ingrandito nei primi giorni e di solito c'è un piccolo gonfiore dello scroto e una ferita che fa male dopo l'operazione varicocele. Questi fenomeni sono la normale reazione del corpo all'intervento chirurgico.

Nei tessuti preoccupati, i leucociti si accumulano e si osserva un processo infiammatorio naturale, che se tutto è normale dovrebbe essere di breve durata e iniziare a passare rapidamente. Se i tessuti sviluppano un'infezione l'infiammazione si intensificherà, comparirà la temperatura.

In questo caso, avremo bisogno di aiuto. A volte c'è abbastanza terapia antibiotica, e in alcune situazioni sarà necessario aprire e trattare con mezzi strumentali.

Per alleviare il dolore e l'infiammazione in un punto dolente, si consiglia di applicare il freddo, prendere farmaci antinfiammatori non steroidei. La situazione deve essere sotto il controllo del medico curante.

Grave dolore ai testicoli

Molte persone sono interessate alla risposta alla domanda ovvia, come è il trattamento varicocele doloroso dopo l'operazione. È importante capire che in ogni operazione esiste una sindrome del dolore. È più pronunciato quando si usano le operazioni a banda, specialmente quando il tessuto muscolare è sezionato.

In poche parole, il più piccolo è il danno è stato, il meno dolore, ad esempio, rispetto al funzionamento della procedura di Ivanissevicha testicolare vena embolizzazione, le sensazioni sgradevoli nel primo caso sarà molto più forte e più a lungo.

Dovrebbe essere considerato naturale, quando il posto di operazione varicocele fa male perché anche una ferita minore in qualche modo causa qualche disagio. Sensazioni spiacevoli nello scroto dal lato del cordone spermatico possono essere causate dal suo stiramento dovuto al sangue venoso accumulante.

In rari casi, il sidro doloroso durante il prolungamento dura a lungo. Non esiste un trattamento speciale per eliminare questo particolare problema. Al paziente vengono prescritte procedure standard progettate per ridurre il dolore postoperatorio e per rimuovere il gonfiore.

Se un uomo soffre di varicocele dopo l'intervento chirurgico, si consiglia di indossare una sospensione - una speciale fasciatura che supporta i testicoli, allevia il carico dal cordone spermatico e dai suoi muscoli, che riduce tremori e disagi molto più velocemente.

Le vene infiammate non scompaiono

Qualsiasi trattamento strumentale del varicocele comporta l'eliminazione delle vene varicose. A seconda del tipo di operazione, le vene varicose dovrebbero andare via, e con esso dolore e disagio.

Un ruolo importante è giocato dalla fisiologia del paziente stesso. Il paziente deve essere informato in anticipo sul corso della riabilitazione, i tempi di recupero ed essere sotto costante controllo medico.

È importante Più informazioni un uomo riceverà dal suo medico riguardo alle sfumature del trattamento e della riabilitazione, più sarà facile rilevare l'insorgenza dello sviluppo patologico e iniziare un trattamento tempestivo riducendo i rischi di sviluppare patologie.

Nel caso in cui le vene varicose siano preservate, vengono eseguite ulteriori diagnostiche, la causa viene determinata e viene eseguita la correzione, compresi i metodi strumentali.

Sintomi dopo l'intervento chirurgico

La qualità, i tempi e la probabilità delle complicanze postoperatorie dipendono da tali fattori:

  • metodologia operativa;
  • l'età del paziente;
  • caratteristiche individuali (anatomiche, fisiologiche) del paziente e diagnosi;
  • comportamento di un uomo durante la riabilitazione;
  • errori medici.

Come risultato di qualsiasi intervento, si manifestano sintomi sintomatici.

Le manifestazioni normali sono:

  • dopo l'operazione varicocele c'era dolore nel testicolo, vicino alla ferita, nello scroto di natura temporanea con tendenza a diminuire;
  • edema minore della ferita, testicolo o scroto;
  • potrebbe esserci un leggero aumento della temperatura corporea o dello scroto;
  • la debolezza;
  • ematomi, che non aumentano di dimensioni;
  • dalle cuciture possono essere le secrezioni non coinvolte della sifilide, senza odore sgradevole, trasparente o con una sfumatura rosa, senza pus

Presta attenzione a questi sintomi. Non dovrebbero rimanere più a lungo di qualche giorno e gradualmente svanire. In caso di un diverso corso degli eventi, il medico dovrebbe prestare attenzione ad esso immediatamente.

Le manifestazioni negative che indicano lo sviluppo di complicanze postoperatorie includono:

  • dolore aumentato o non passa;
  • cambiare la dimensione del testicolo;
  • aumento della temperatura a 38 gradi e oltre;
  • la comparsa di lividi, aumento di dimensioni o sanguinamento;
  • aumento del gonfiore dello scroto o delle suture, sviluppo dell'infiammazione;
  • un liquido torbido viene rilasciato dalla ferita, che ha un odore sgradevole;
  • perdita di sensibilità sulla superficie interna della coscia;
  • le vene varicose non passano;
  • la comparsa di altri sintomi di disturbo associati all'operazione.

Caratteristiche di riabilitazione

La durata della riabilitazione dipende principalmente dal tipo di trattamento chirurgico. Tuttavia, se un uomo non aderisce alle regole, il trattamento può essere ritardato. Assicurati di seguire il regime prescritto. Nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico, si consiglia di passare a letto.

Quindi puoi iniziare l'attività fisica, ma non correre, bodybuilding, non sollevare il peso fino a quando il medico lo consente. È obbligatorio visitare il medico dopo 7, 30 e 60 giorni dopo la rimozione dei punti o la dimissione. Non è consigliato impegnarsi nell'auto-medicazione.

I farmaci indicati nella Tabella 3 e la dose devono essere prescritti dal medico e, senza il suo permesso, non è possibile modificare le concentrazioni o interrompere l'assunzione.

Tabella 3. Farmaci nel trattamento del varicocele.

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Chi è prescritto Vazobral: istruzioni e recensioni

Prevenzione

Vazobral è un farmaco unico, la sua formula di dosaggio contiene due principi attivi di diversa azione.Uno aiuta a migliorare la circolazione del sangue, l'altro attiva i processi metabolici nel cervello....

Candele con metiluracile: una descrizione del farmaco e la sua efficacia

Prevenzione

Secondo le istruzioni per l'uso, il farmaco Metiluratsil dalle emorroidi è finalizzato al rapido recupero dei focolai affetti del retto....