L'insufficienza venosa cronica è una delle malattie della civiltà

Prevenzione

Insufficienza venosa cronica (CVI) è un frequente compagno di un uomo, pagando per camminare su due gambe. I flebologi sotto questo termine uniscono diverse malattie che appaiono a causa di una violazione del flusso sanguigno nelle gambe.

Cos'è il CVI

loading...

Questa è la malattia più comune dei vasi periferici. Si verifica a causa di una violazione del deflusso venoso negli arti inferiori. Spesso non ci sono cambiamenti visibili nelle vene superficiali sulle gambe.

Molti confondono l'insufficienza venosa cronica con le vene varicose, ma queste sono malattie diverse. Insufficienza venosa cronica appare a causa di una trombosi venosa differita, o sono presenti vene varicose.

Meno comune è questa malattia a causa di condizioni patologiche congenite o acquisite che portano a una violazione del flusso di sangue attraverso le vene profonde delle gambe.

Cause e fattori dell'insufficienza venosa cronica

loading...

Le principali cause della comparsa dell'insufficienza venosa cronica sono i cambiamenti patologici nelle valvole delle vene e la violazione del tono della parete venosa. Inoltre, insufficienza venosa cronica può iniziare a causa flebotrobozov o trombosi venosa, a causa di anomalie congenite o lesioni degli arti inferiori.

I fattori di rischio più importanti per lo sviluppo dell'insufficienza venosa cronica:

  • Gravidanza e parto.
  • Eccesso di peso corporeo.
  • Eredità.
  • Costipazione cronica.
  • Esercizio costante nello sport.
  • Ammissione di farmaci ormonali
  • L'età cambia
  • Stile di vita sedentario
  • Lesioni delle gambe.

Come viene classificato CVI?

loading...

Nel nostro paese dal 2000, esiste una classificazione unificata che tiene conto della forma della malattia, del suo grado e delle sue complicanze.

  • Grado 0. Con lei, non ci sono sintomi di insufficienza venosa cronica.

Questo grado non è stato scelto per caso. Spesso, l'esame mostra una pronuncia delle vene varicose, anche se non ci sono sintomi evidenti e nessuna lamentela da parte dei pazienti.

  • Grado 1. I pazienti lamentano una sensazione di pesantezza e dolore alle gambe, sono disturbati da crampi notturni ed edema transitorio.
  • Grado 2. Sugli arti inferiori, le macchie pigmentate sono chiaramente visibili, l'edema è già persistente. Appare la bagnatura dell'eczema o secchezza e lipodermatosclerosi.
  • Grado 3. Il paziente ha un'ulcera trofica aperta o guarita.

Esiste anche un sistema di classificazione internazionale CEAP, sviluppato nel 1994.

Secondo questo sistema, nella valutazione della CVI, un sistema di punti secondo cui ciascun attributo valutato a 0, 1 o 2 punti (dolore, edema, ulcera, pigmentazione, zoppia, lipodermatosclerosi) è anche preso in considerazione il loro numero e la durata, frequenza delle recidive

Il sistema di classificazione CEAP tiene conto delle diverse manifestazioni di CVI

Manifestazioni cliniche:

  • Grado 0: mancano i segni visivi e palpatori della malattia venosa;
  • Grado 1 - telangiectasia;
  • Il grado 2 è molto varicoso;
  • Grado 3: presenza di edema;
  • Grado 4 - sugli arti inferiori ci sono iperpigmentazione, eczema venoso, lipodermatosclerosi,
  • Grado 5 - In presenza di ulcere cicatrizzate ci sono cambiamenti della pelle;
  • Grado 6 - Se c'è un'ulcera fresca ci sono cambiamenti della pelle.

Cause eziologiche di CVI:

  1. Patologia congenita (CE);
  2. (EP) CVI primario avente una causa sconosciuta;
  3. (ES) CVI secondario, che è apparso a causa di lesioni, trombosi, ecc. (ES).
  4. (PR) - e CVI con i fenomeni di reflusso
  5. (PO) - CVI con fenomeni di ostruzione
  6. (PR, O) CV con reflusso e ostruzione

Aspetti fisiopatologici del CVI:

  1. (PR) - e CVI con i fenomeni di reflusso
  2. (PO) - CVI con fenomeni di ostruzione
  3. (PR, O) CV con reflusso e ostruzione

Il CEAP applica anche una scala di disabilità:

  • 0 - completa assenza di sintomi;
  • Sono presenti 1 sintomi di CVI, ma il paziente è in grado di lavorare e non ha bisogno di fondi di supporto;
  • 2 - al paziente è permesso di lavorare a tempo pieno, usando mezzi di supporto
  • 3 - il paziente viene rilasciato dal lavoro, anche se usa mezzi di supporto.

Nella classificazione anatomica, prendere in considerazione il livello di lesione, localizzazione (inferiore cavo, grande sottocutaneo) e segmento (comunicativo, superficiale, profondo).

Come viene diagnosticata l'insufficienza venosa cronica?

loading...

Quando si diagnostica questo tipo di malattia, viene eseguita un'analisi approfondita dei reclami del paziente. Nel nostro tempo, con le varie forme di insufficienza venosa cronica, il metodo principale di diagnostica strumentale è l'angioscansione duplex. I moderni scanner ad ultrasuoni ti permettono di esplorare le vene profonde, superficiali e comunicative e di dare informazioni complete sull'Hvn. L'efficacia di questo metodo è ridotta nello studio di pazienti completi.

L'angiografia ad ultrasuoni è indicata per i pazienti con forme complicate di insufficienza venosa cronica. Aiuta a esaminare meglio le vene perforanti della parte inferiore della gamba e della coscia, così come le vene profonde situate in luoghi "difficili".

Come vengono trattati i pazienti con CVI

loading...

I metodi più comuni per trattare l'insufficienza venosa cronica sono la terapia farmacologica, la terapia compressiva e il trattamento chirurgico.

Terapia di compressione

Viene usato al primo grado, quando la malattia non è ancora iniziata, ma i cambiamenti nelle vene profonde sono già iniziati o c'è una patologia delle vene perforanti. Oggi, grazie al vasto arsenale di compressione elastica: speciale Golf medici, calze e collant permettono di distribuire la pressione, è possibile creare le migliori condizioni per drenaggio linfatico e venoso. La compressione elastica è giustificata se vi sono manifestazioni minime di disturbi del deflusso venoso.

medicazione

I principali agenti utilizzati in qualsiasi stadio della malattia sono venotonici o flebotrattori. Hanno una proprietà comune: stabilizzano i componenti strutturali della parete venosa, aumentano il tono, accelerano il flusso di sangue venoso e riducono il riempimento di sangue dell'area interessata.

Se la forma venosi anticoagulanti insufficienza pesante e accompagnato da un disturbo del sistema emostasi, in cui lo sviluppo e iperviscosità sindromi ipercoagulabilità e trombosi comincia conseguenza, viene utilizzato croniche.

Inoltre, nel trattamento del CVI, utilizzare i rimedi sintomatici ausiliari in caso di erisipela, ulcere venose e trofiche. Con l'eczema venoso e la dermatite si prescrivono antistaminici. Se c'è una sindrome edematosa pronunciata prendi diuretici risparmiatori di potassio.

I farmaci antinfiammatori non steroidei sono usati se ci sono gravi sindromi dolorose e convulsive o infiammazione asettica del tegumento cutaneo dello stinco.

Trattamento con unguenti e gel

Un posto importante nel trattamento dell'insufficienza venosa cronica è occupato da unguenti e gel. Sono facili da applicare, hanno un effetto distraente, antiedematoso e anti-infiammatorio, prevengono la formazione di coaguli di sangue. Di solito, le reazioni avverse non vengono rilevate, ma se si utilizzano farmaci locali incontrollati, possono verificarsi dermatite, eczema o ipercheratosi a causa dell'uso prolungato di un rimedio.

Metodi chirurgici

L'intervento chirurgico è necessario se l'insorgenza di insufficienza venosa acuta, come avviene nella fase iniziale di varici, con tutti i meccanismi malattie rimossi e problemi estetici. Le moderne tecnologie minimamente invasive rendono possibile condurre un'operazione di risparmio.

Durante il trattamento chirurgico:

  • croce e bendare le vene;
  • ascessi aperti;
  • rimuovere le vene trombizzate;
  • evita le vene e ripristina la funzione delle valvole.

Profilassi dell'insufficienza venosa cronica

loading...

È meglio prevenire la malattia che curarla in un secondo momento. Questa regola è nota a tutti. La gestione di uno stile di vita razionale, il supporto del peso normale, l'attività fisica misurata e regolare, contribuiranno ad evitare questa spiacevole malattia. In tutte le fasi della malattia, i medici sono invitati a prendere farmaci preparati da un estratto di foglie rosse di uva, che contengono antociani e polifenoli. Grazie a questi componenti unici, viene fornita una potente protezione antiossidante.

Il trattamento e la prevenzione delle malattie croniche delle vene dovrebbero essere effettuati costantemente. È necessario non solo eliminare le manifestazioni della malattia, ma anche influenzare la causa del loro aspetto.

Segni di insufficienza venosa acuta e cronica delle gambe - cause, gradi e terapia

loading...

La violazione di circolazione venosa, accompagnato da un sintomi pronunciati, causa una malattia chiamata insufficienza venosa degli arti inferiori - sintomi, il trattamento e la prevenzione della sua attenzione sul flusso di sangue all'interno della ricostruzione vena. La malattia è associata con la condotta di una vita sedentaria e predisposizione genetica, in determinate fasi accompagnati da vene varicose.

Qual è l'insufficienza venosa degli arti inferiori

loading...

L'insufficienza venosa degli arti inferiori è al primo posto nella prevalenza tra le patologie vascolari. Più spesso soffre le donne, e tutto, secondo le statistiche, è interessato quasi un terzo della popolazione adulta. Quando un numero di ragioni, anche a causa della maggiore carico, foglioline delle valvole venose che regolano processo flusso di sangue nelle estremità inferiori flusso sanguigno costante comincia premuto contro il movimento verso l'alto interrotto, al cuore, c'è il primo sintomo - un senso di pesantezza alle gambe.

Se la malattia si sviluppa, la pressione sulle pareti dei vasi aumenta costantemente, il che porta al loro assottigliamento. Possono esserci blocchi di vene e se non si inizia una terapia tempestiva, ulcere trofiche dei vasi venosi circostanti dei tessuti. Vi sono sintomi dell'allargamento varicoso - gonfiore degli arti inferiori, convulsioni notturne, un chiaro pattern venoso vicino alla superficie della pelle.

sintomi

loading...

I sintomi dell'insufficienza venosa dipendono dalla forma in cui si manifesta - acuta (OVH) o cronica (CVI), gravità, stadio della malattia. OVN degli arti inferiori si sviluppa rapidamente, è accompagnato da forte dolore, gonfiore, un focolaio di pattern venoso sulla pelle. I principali sintomi di CVI degli arti inferiori sono:

  • sensazione sistematica di pesantezza alle gambe;
  • crampi muscolari durante la notte e durante il riposo;
  • gonfiore;
  • ipo- o iperpigmentazione della pelle, dermatite venosa;
  • ulcere trofiche, secchezza, arrossamento della pelle;
  • vertigini, svenimento.

motivi

loading...

Il gruppo medico di cause, cioè malattie e condizioni, a causa delle quali si manifesta l'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, sono malattie in cui il lavoro del sistema di pompaggio venoso-muscolare è interrotto:

  • flebotromboz;
  • tromboflebite;
  • patologie congenite del sistema vascolare;
  • lesioni e gravi lesioni agli arti inferiori.

Esistono fattori secondari, cosiddetti non modificanti, che non sono la causa dell'inizio di OVH e CVI, ma sono a rischio, possono contribuire allo sviluppo della malattia o al deterioramento delle condizioni del paziente. Questi includono:

  • predisposizione genetica alla malattia;
  • genere - le donne soffrono di CVI in media tre volte più spesso degli uomini, a causa di un livello più alto dell'ormone estrogeno;
  • gravidanza, travaglio - aumento della pressione sui vasi venosi, c'è un cambiamento nel background ormonale nel corpo di una donna;
  • vecchiaia;
  • in sovrappeso;
  • bassa attività motoria;
  • regolare lavoro fisico pesante, sollevamento pesi.

forma

loading...

Isoli l'insufficienza venosa delle estremità più basse di forma affilata e cronica (c'è anche un'insufficienza venosa del cervello). OVH si forma come conseguenza della sovrapposizione delle vene profonde degli arti inferiori, durante la trombosi o lesioni alle gambe. I vasi sottocutanei non sono interessati. Il sintomo principale del mal di testa acuto è il dolore intenso, che si interrompe dopo l'applicazione di un impacco freddo, perché il freddo riduce il volume di sangue nei vasi.

Il CVI, al contrario, colpisce le vene localizzate vicino alla superficie della pelle, quindi è accompagnato da alterazioni degenerative e della pigmentazione nella pelle - macchie di pigmento, ulcere trofiche. Se ritardato con il trattamento, l'insorgenza di tali anomalie vascolari come la piodermite, la formazione di trombi, la patologia del traffico articolare della caviglia diventa inevitabile.

Classificazione di CVI

loading...

Esiste un sistema internazionale per la classificazione dell'insufficienza venosa nel CEAP. Secondo questo sistema, si distinguono tre fasi del CVI:

  • CVI 1 grado - accompagnato da dolore, gonfiore, sindrome convulsiva, il paziente è disturbato da una sensazione di pesantezza alle gambe;
  • CVI 2 gradi - accompagnato da eczema, dermatosclerosi, iperpigmentazione;
  • CVI 3 gradi - ulcere trofiche sulla pelle degli arti inferiori.

diagnostica

loading...

Per chiarire il quadro clinico della malattia, stabilire una diagnosi accurata e fornire assistenza, dopo un esame esterno, il medico invia il paziente alla consegna dei seguenti test:

  • Ultrasuoni degli arti inferiori;
  • analisi del sangue generale e biochimica;
  • venografia.

Trattamento dell'insufficienza venosa degli arti inferiori

loading...

La violazione del deflusso venoso degli arti inferiori, chiamata insufficienza venosa, viene trattata con l'aiuto di una terapia complessa, che include:

  • eliminazione dei fattori di rischio;
  • terapia farmacologica;
  • correzione dell'attività fisica del paziente con l'aiuto di ginnastica medica;
  • fisioterapia;
  • intervento chirurgico;
  • metodo di compressione elastica.

farmaci

Il meccanismo di trattamento del CV con i preparati medici è sviluppato a seconda della fase dello sviluppo della malattia. Con il primo grado di CVI, viene utilizzata la scleroterapia - iniezione endovenosa del farmaco, che riduce significativamente il flusso sanguigno nella porzione deformata della nave. Durante il secondo grado, la terapia viene applicata con farmaci che aumentano il tono generale dei vasi venosi e stabiliscono i processi di circolazione dei tessuti adiacenti. In questo caso, i risultati principali sono raggiunti solo per 3-4 mesi di trattamento e la durata totale del corso è di 6-8 mesi.

Nella terza fase il paziente necessita di un trattamento complesso dei principali sintomi e complicanze. Preparati nominati dello spettro generale di azione e unguenti per applicazione topica. Nel corso di una terapia complessa, è obbligatorio nominare flebotonie, farmaci antinfiammatori non steroidei, anticoagulanti, disaggregati e antistaminici. I preparati per uso esterno sono selezionati dal gruppo di farmaci contenenti corticosteroidi.

È importante nominare le giuste procedure fisioterapiche e la selezione di un complesso di ginnastica terapeutica. Nella maggior parte dei casi, nominato;

  • elettroforesi;
  • balneoterapia;
  • corrente diadinamica.

Le ulcere trofiche associate al terzo stadio, si riferiscono a un tipo molto pericoloso di malattie della pelle, irto di una serie di gravi complicanze e l'insorgenza di infezioni. Al paziente viene prescritto un riposo a letto, una terapia antibatterica a lungo termine, un trattamento igienico locale regolare con antisettici. Per accelerare il processo, raccomandiamo i mezzi con il contenuto di antisettici vegetali naturali - propoli, olivello spinoso - e l'uso della maglia medica.

Mezzi della gente

Agli stadi iniziali dell'insufficienza venosa degli arti inferiori e come misura preventiva per migliorare la circolazione sanguigna e ridurre le sensazioni dolorose ricorrere ai rimedi popolari. Dall'aiuto della malattia:

  • sapore di ippocastano;
  • olio di camomilla;
  • tintura alcolica di rue fragrante;
  • tintura di assenzio argentato;
  • comprime dal cappuccio - scrofa ordinaria;
  • avvolge con siero di latte;
  • tintura alcolica di Kalanchoe.

Per prevenire l'insufficienza venosa degli arti inferiori, è importante seguire il regime alimentare della nutrizione - rinunciare a cibi fritti e grassi. Si raccomanda di mangiare cibi che hanno proprietà anticoagulanti:

Terapia di compressione

Il trattamento con il metodo di compressione elastica comporta due punti principali: l'uso del lino a compressione (altamente raccomandato per le donne incinte) e il bendaggio degli arti inferiori con una benda elastica. Con l'aiuto della terapia compressiva, un miglioramento significativo delle condizioni del paziente con insufficienza venosa degli arti inferiori si ottiene con le seguenti caratteristiche:

  • riduzione del gonfiore;
  • ripristino del normale funzionamento della pompa muscolare-valvola;
  • miglioramento della microcircolazione dei tessuti e emodinamica delle vene.

Le bende perdono elasticità dopo alcuni lavaggi, quindi dovresti sostituirle in media una volta ogni due o tre mesi e alternarle con calze o pantaloni a compressione. Il bendaggio a compressione degli arti inferiori viene eseguito secondo le seguenti regole:

  • prodotto prima della salita;
  • Le gambe sono fasciate dal basso verso l'alto, dalla caviglia al centro della coscia;
  • Il bendaggio deve essere stretto, ma non si devono avvertire dolore e spremitura.

Intervento chirurgico

Quando un paziente si rivolge a uno stadio tardivo di insufficienza venosa degli arti inferiori, il medico può prescrivere il funzionamento del seguente tipo:

  • scleroterapia;
  • irradiazione laser;
  • flebectomia;
  • abelyatsiyu.

prevenzione

loading...

Come prevenzione dell'insufficienza venosa, i fattori di rischio vengono ridotti attraverso stili di vita attivi, adeguando le abitudini alimentari, evitando il fumo e l'alcol, scarpe scomode e vestiti stretti. Se c'è una predisposizione genetica in presenza di una storia medica, si raccomanda di sottoporsi a un esame ecografico profilattico delle vene per rilevare i sintomi patologici e il trattamento tempestivo dell'insufficienza venosa.

Video: insufficienza venosa cronica

loading...

Le informazioni presentate in questo articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono un trattamento indipendente. Solo un medico qualificato può diagnosticare e dare consigli sul trattamento in base alle caratteristiche individuali del singolo paziente.

Insufficienza venosa cronica (CVI): sintomi e sviluppo della malattia, pericolo e trattamento

loading...

Navigazione veloce della pagina

L'uomo è una creatura che sta in piedi. E paghiamo per la posizione verticale del corpo con molte malattie, che possono essere chiamate non "malattie della civiltà", come l'obesità, l'ipodynamia e l'ipertensione, ma le malattie della "rettitudine". Questi includono, per esempio, osteocondrosi della colonna vertebrale e CVI.

Circa l'osteocondrosi, che è l'invecchiamento e il deterioramento dei dischi intervertebrali, e numerose complicazioni associate a questo - ernie e protrusioni - sono stati più volte citati negli articoli precedenti. E CVI - che cos'è?

Incontra - CVI

loading...

"Si sa che una persona, quando è in piedi e quando è seduta, le sue gambe sono in basso, e solo di notte, quando riposa in posizione orizzontale, le sue gambe non sono abbassate. E durante il giorno il cuore è solo difficile sollevare il sangue, quindi le gambe e il ristagno del sangue, e c'è un peso ". Questa risposta del laureato in biologia può sembrare maldestra, ma cattura uno dei meccanismi di violazione del ritorno venoso del sangue.

In termini scientifici, l'insufficienza venosa cronica (CVI) è un gruppo di malattie in cui le vene degli arti inferiori soffrono. Interrompono il lavoro dell'apparato valvolare, che facilita il ritorno del sangue al cuore. Di conseguenza, si verifica restringimento o obliterazione dei vasi principali.

Violazione della circolazione venosa e comparsa di manifestazioni esterne: alterazioni trofiche della pelle, che alla fine portano all'ulcerazione, alla formazione di complicanze come la tromboflebite e all'attacco di un'infezione batterica secondaria.

Va notato che l'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori non è una causa, ma una conseguenza della ben nota malattia varicosa, così come della sindrome post tromboflebitica.

Perché l'insufficienza venosa si verifica nelle gambe?

loading...

Pesantezza nelle gambe e asterischi vascolari?

È noto che per far fluire il sangue dal basso verso l'alto sono necessarie contrazioni muscolari attive che "spingono" il sangue più in alto, e le valvole che si trovano solo nelle vene ostruiscono il flusso verso di esso. Nel caso in cui inizi un processo che interferisca con il lavoro ben coordinato delle vene, delle valvole e dei muscoli, si sviluppa un processo patologico che, prima o poi, porta alla CVI.

Molto brevemente le fasi di sviluppo di CVI possono essere rappresentate in 7 passaggi:

  1. La dilatazione primaria (dilatazione della vena) si verifica sotto la valvola;
  2. C'è un'interruzione della valvola venosa;
  3. L'inizio del reflusso, cioè lo scarico del sangue dall'alto verso il basso, attraverso la valvola;
  4. Si sviluppa una congestione venosa;
  5. La pressione sanguigna sulla parete del vaso aumenta;
  6. Si sviluppa un aumento della permeabilità della parete vascolare;
  7. Vi è un rigonfiamento della parte liquida del sangue nel tessuto, con lo sviluppo di edemi e la successiva violazione del trofismo.

È importante sapere che questo meccanismo è lanciato più velocemente in presenza di fattori aggravanti. Includono:

  • Debolezza ereditaria del tessuto connettivo, in cui si formano le valvole "difettose", a causa della mancanza di collagene;
  • Bellissimo pavimento Alti livelli di estrogeni, gravidanza, che è un test per i vasi sanguigni, e semplicemente una lunga durata della vita portano ad una maggiore incidenza di CVI;
  • Età avanzata
  • L'uso di farmaci che contengono ormoni sessuali. Questi includono contraccettivi orali;
  • Presenza di obesità e ipodynamia;
  • Lunga seduta o in piedi. Può essere come un viaggio al volante e un lavoro in piedi.

Dato che i fattori predisponenti si verificano molto spesso, di conseguenza, l'incidenza di varie forme di CVI nei paesi civilizzati può raggiungere anche il 50%, fornendo una diagnosi completa e completa nelle fasi iniziali.

Come si manifesta l'insufficienza venosa e come avviene?

Gradi e sintomi di CVI degli arti inferiori

loading...

Come si manifesta l'insufficienza venosa?

Ci sono molte diverse classificazioni di insufficienza venosa cronica, ma la classificazione acquistato più popolare, secondo la quale qualsiasi medico senza chirurgia vascolare, possono fare una diagnosi preliminare del paziente, sulla base di denunce e segni visibili, senza ricorrere a metodi strumentali. Comprende quattro gradi:

  • Per lo stadio zero sono le condizioni in cui vi è un certo disagio nelle gambe, che viene intensificata dalla sera, vi è una sensazione di bruciore, stanchezza dei muscoli, raspiraniya nelle gambe. L'aspetto dell'edema è caratteristico, ma anche insignificante. In questa fase, nessun dolore è presente;
  • Il primo stadio è caratterizzato dalla comparsa di crampi notturni nei muscoli, c'è una notevole sindrome del dolore. Sulla pelle degli stinchi e delle cosce si possono vedere singole aree di vene sottocutanee allargate, così come l'aspetto di asterischi vascolari, o telangiectasie;
  • Il secondo stadio è il "fiorire" del CVI, in cui non esistono ancora disturbi trofici pronunciati. Con il CVI di secondo grado, il dolore è spesso turbato, è più forte, le vene sporgono in numerose aree, e sono più lunghe di 5 cm, i nodi varicosi si verificano;
  • Nel terzo stadio, l'iperpigmentazione focale della pelle sulle vene alterate viene aggiunta ai segni di cui sopra. A volte puoi leggere che questa condizione si chiama "dermatite varicosa". Questa condizione significa che se non si adottano misure urgenti, appariranno i difetti della pelle;
  • Il quarto stadio è la formazione di ulcere trofiche, difficili da trattare, poiché l'apporto di sangue e la microcircolazione sono disturbati.

Se qualcuno pensa che il quarto stadio sia il finale, allora questo non è vero. Di solito è associata un'infezione secondaria, può verificarsi tromboflebite e gli emboli infetti possono raggiungere il cuore destro, causando embolia polmonare. Tuttavia, molto più spesso, i pazienti sviluppano complicanze settiche e un esito fatale è possibile contro uno sfondo di sepsi e insufficienza multiorgano.

Pertanto, i principali sintomi dell'insufficienza venosa cronica nelle fasi iniziali sono disagio alle gambe, edema, convulsioni, insorgenza della sindrome del dolore. Nella fase espansa, i contorni visibili delle vene e dei nodi si uniscono e in fasi successive si sviluppano ulcere difficili da trattare, a lungo e, ovviamente, costose.

Questo è il motivo per cui la diagnosi dell'insufficienza venosa cronica, soprattutto nelle prime fasi, diventa particolarmente importante.

Ci sono altre classificazioni di CVI. È necessario specificare la classificazione internazionale del CEAP, a cui i phlebologists di tutto il mondo sono orientati. È diviso in 6 fasi. Lo stadio zero è l'assenza di segni esterni, al primo stadio gli asterischi vascolari sono apprezzabili, sul terzo - c'è un varicose, visibile da un occhio. Al quarto stadio, ci sono cambiamenti della pelle (pigmentazione o ipercheratosi). Il quinto stadio è la presenza di un'ulcera guarita e il sesto stadio è la presenza di un'ulcera attiva nel paziente.

diagnostica

Nella classificazione di cui sopra, non c'è nulla di complicato: ogni medico può determinare lo stadio di CVI. Per fare ciò, è necessario condurre un esame nella posizione eretta di un paziente, assicurarsi di esaminare e confrontare entrambe le gambe, disegnare attentamente una palpazione.

chirurghi vascolari e medici - flebologi condurre test funzionali aggiuntivi (Troyanova - sovrapposizione con Trendelenburg polsini emostatico, Campione Pratt) che indicano guasto del sistema venoso e un guasto della valvola.

Ma per fare una diagnosi accurata - CVI e scegliere il metodo ottimale di trattamento, è necessario applicare ulteriori metodi di ricerca. Tali metodi includono:

  • Ultrasuoni - dopplerografia. Con il suo aiuto, puoi vedere quanto è bello l'apparato valvolare, quanto sono penetrabili le vene e ottenere un'immagine diretta delle velocità del flusso sanguigno e del suo volume. Questo è il metodo principale di diagnostica strumentale;
  • Ultrasuoni: angioscanning o "color doppler". Si tratta di un "plug-in" aggiuntivo all'ecografia usuale, che mostra le caratteristiche del cambiamento nel letto venoso e consente di scegliere il tipo di trattamento più favorevole;
  • Venografia. Questo è uno studio a raggi X sotto forma di una serie di immagini del sistema venoso degli arti inferiori, con l'introduzione di un agente di contrasto;
  • Rheovasography. Mostra lo stato funzionale delle navi ed è un metodo di indagine ausiliario.

Dopo aver impostato la diagnosi esatta, è necessario scegliere il tipo di trattamento. Nel caso del secondo stadio e sopra, il trattamento conservativo non porta al recupero, ma ritarda solo temporaneamente la progressione della malattia, sebbene possa causare un miglioramento persistente.

È dimostrato che solo la correzione chirurgica della malattia può portare al recupero. Ma nel caso in cui l'insufficienza venosa sia diagnosticata in una fase precoce, il trattamento tempestivo può evitare l'intervento chirurgico.

Trattamento di CVI - farmaci o chirurgia?

Prima di usare droghe per il trattamento di CVI, è necessario prestare la dovuta attenzione alle tecniche non medicinali, che sono probabilmente agli stadi precoci e subclinici, forse in testa. Questi includono:

  • Modifica dei fattori di rischio. È necessario perdere peso, eliminare lunghi periodi di seduta o in piedi. È necessario fare passeggiate quotidiane e abbandonare cattive abitudini;
  • Ginnastica terapeutica Una serie speciale di esercizi, la maggior parte dei quali viene eseguita da "sollevare le gambe", consente di normalizzare il deflusso dalle vene superficiali al profondo, che previene il gonfiore delle estremità;
  • Nuoto. Durante il nuoto, una persona fa vari movimenti con le gambe, collegando altri muscoli piuttosto che camminare. Allo stesso tempo, il suo corpo è orizzontale, il che è molto buono per normalizzare il deflusso di sangue;
  • Infine, a volte è utile riposare, "su le gambe".

Informazioni sulla maglieria a compressione

Una fase molto importante nel trattamento di CVI e vene varicose è l'abbigliamento a compressione (calze, calzini, collant). Dovrebbe essere acquistato solo in saloni ortopedici specializzati. La biancheria intima è graduata in millimetri di mercurio e, in base alla pressione creata, ha diverse classi di compressione.

La prima, la classe più debole, può essere utilizzata allo stadio zero e anche nelle persone sane, ad esempio durante la gravidanza e durante una prolungata permanenza a letto per la prevenzione della trombosi venosa. La biancheria delle classi superiori di compressione è solitamente prescritta dalla prescrizione e nominata dal medico curante - flebologo. La maglia di compressione viene indossata al mattino, sdraiata a letto e rimossa la sera, appena sdraiata. Quando compaiono ulcere trofiche, indossare maglieria a compressione non ha più senso.

preparativi

Attualmente, ci sono molti diversi farmaci che vengono utilizzati per il trattamento di CVI. Il gruppo principale è la venotonica, che non consente alle vene di espandersi e interrompe il meccanismo valvolare di deflusso del sangue. I farmaci più famosi includono Detralex, Flebodia e i loro numerosi analoghi contenenti diosmina e ipoperidina. Un estratto di ippocastano è efficace, sulla base del quale è stata creata un'intera famiglia di preparati: "Escuzan" e i suoi derivati.

Oltre alla venotonica, il trattamento utilizza:

  • FANS per il sollievo dell'infiammazione e dell'anestesia (meloxicam, ketoprofene);
  • Spasmolitici che arrestano lo spasmo vascolare (papaverina e "No-shpa");
  • Mezzi per migliorare la microcircolazione (aspirina, pentossifillina, clopidogrel);
  • Vitamine di vari gruppi e specialmente derivati ​​della routine, che rinforzano la parete vascolare (Anavenol, Venoruton, Troxevasin, Troxerutin);
  • Preparati contenenti eparina e suoi derivati: pomata con eparina;
  • Tecniche di fisioterapia (varie sessioni di elettroforesi).

Trattamento operativo

Attualmente, il "gold standard" è la correzione laser endovascolare, in cui una grande vena safena viene perforata sotto guida ecografica e alla fine viene posizionata una sonda flessibile monouso miniaturizzata con un diodo a emissione di luce laser. Emette calore e "fa" il lume della vena, e dopo alcune settimane si dissolve, e così il sangue scorre nelle vene profonde viene ripristinato, e anche il reflusso cessa.

  • L'operazione è rapida e indolore, senza anestesia generale, incisioni e suture: il paziente lascia "sui propri piedi".

Questa è una meravigliosa alternativa alle classiche operazioni "sanguinose", associate, per la maggior parte, alla rimozione della grande vena safena della coscia. Ma a volte, (ad esempio, con pronunciata tortuosità e impossibilità di condurre un catetere), bisogna ricorrere a questi interventi.

Sul trattamento delle ulcere trofiche

Forse questo è il problema più difficile, specialmente se le ulcere esistono in un contesto di grave patologia generale: diabete mellito, insufficienza alimentare, grave aterosclerosi. Più spesso le ulcere trofiche, per esempio, con le vene varicose, sorgono nell'area del malleolo interno o mediale.

Nel trattamento delle ulcere trofiche vengono utilizzati enzimi (Wobenzym), riparanti (Pantenolo, pomata metiluracilica). Viene eseguita la necrektomi o escissione di tessuti morti, trattamento chirurgico, antisettici (clorexidina, miramistina, perossido di idrogeno).

prospettiva

Il CVI degli arti inferiori è una malattia che è una "cartina di tornasole" di come una persona tratta la propria salute. È difficile da capire, ma quasi l'80% dei pazienti con ulcera trofica non ha prestato abbastanza attenzione alle loro condizioni. Dopotutto durante questa malattia ci sono diverse "chiamate allarmanti": se non facevi ginnastica e non hai cambiato il tuo stile di vita, hai bisogno di trattamenti conservativi, droghe, jersey di compressione. Se lo ignoro, allora solo la chirurgia può curare. Infine, se si formano ulcere, allora l'operazione non ha più senso.

Quindi, dopo aver letto questo articolo, vale la pena considerare: "Ho serietà e disagio alle gambe"? E nel caso in cui tu stesso risponda affermativamente - firmi l'ecografia dei vasi degli arti inferiori e visiti il ​​flebologo o il chirurgo vascolare. Se tutto è in ordine, allora puoi semplicemente controllare le condizioni delle navi ogni anno ed essere calmo per il tuo futuro.

Insufficienza venosa delle gambe: tipi, cause, manifestazioni, complicanze, trattamento

Secondo la ricerca condotta dall'Unione internazionale di flebologi e epidemiologi russi, l'insufficienza venosa degli arti inferiori, che fino a poco tempo fa era considerata una malattia degli anziani, è significativamente "ringiovanita". Negli ultimi anni, i segni di questa malattia sono stati identificati negli adolescenti di età compresa tra 14 e 16 anni. Allora, qual è l'insufficienza venosa, quali sono le sue manifestazioni e trattamenti iniziali? Come prevenire questa malattia? Per rispondere a queste domande, è necessario capire come avviene il flusso sanguigno nelle gambe e ciò che è associato a disturbi circolatori che portano a CVI.

L'essenza dell'insufficienza venosa

Si crede che un uomo, avendo imparato a camminare direttamente, si sia condannato all'insufficienza venosa, poiché le forze gravitazionali (secondo le leggi fisiche) hanno un effetto significativo sul deflusso del sangue. Il sistema vascolare della circolazione sanguigna degli arti inferiori è costituito da vene profonde (90%) e superficiali (10%). Sono collegati da perforatori (vene di comunicazione). Le vene perforanti sottocutanee (superficiali), profonde e dirette hanno valvole che permettono al sangue di fluire nel cuore, creando un ostacolo al flusso retrogrado.

Con un tono stabile delle vene, la trasformazione del lume tra di loro, durante il cambiamento della posizione del corpo, avviene secondo le leggi della fisiologia. L'apparato valvolare funziona anche normalmente, cioè, dopo il rilascio del sangue, si chiude, non lasciandolo indietro. Ma, non appena uno di questi meccanismi fallisce, il reflusso (flusso inverso di sangue verso il cuore nei vasi principali) viene interrotto.

Molto spesso ciò accade quando una persona deve stare in piedi o sedersi a lungo. Ciò porta alla stagnazione del sangue nelle parti inferiori delle vene. Aumenta la pressione sulle pareti venose, provocandone l'espansione. Di conseguenza, gli alettoni della valvola non sono più completamente impegnati. Il sangue invece di salire, inizia a muoversi in modo anomalo. C'è una mancanza di vene.

A seconda delle vene in cui il flusso sanguigno è disturbato, si distinguono i seguenti tipi:

  • CVI è un'insufficienza venosa cronica che si sviluppa nelle vene sottocutanee. Questa è la malattia più comune.
  • Fallimento valvolare delle vene perforanti.
  • Insufficienza acuta di vene, che si alza in vasi di tronco profondi. Questa forma della malattia è molto meno comune e pertanto non è stata sufficientemente studiata.

Insufficienza venosa acuta

Quando vi è un forte blocco dei vasi del tronco profondo degli arti inferiori, vi è una violazione immediata del flusso di sangue dalle vene. Questa sindrome è chiamata insufficienza venosa acuta. Il più delle volte è causato da un trauma, accompagnato da una medicazione di vene profonde e forme acute di trombosi. Questa forma della malattia non si sviluppa mai nelle vene superficiali. Il luogo della sua localizzazione è solo le vene profonde.

Insufficienza venosa acuta si manifesta con gonfiore delle gambe, la pelle acquisisce un colore cianotico. Mostra chiaramente lo schema delle vene. In tutta la direzione delle navi principali ci sono forti dolori. Per rimuovere la sindrome del dolore nella forma acuta della malattia, si consiglia di applicare impacchi freddi, che riducono il riempimento delle vene con il sangue.

Le regole di imporre un impacco freddo

Con un alto grado di danno, è meglio usare un tessuto stratificato e raffreddato. Prendi due pezzi. Uno per due o tre minuti è coperto da un'area infiammata, l'altro in questo momento viene raffreddato in un contenitore di acqua e ghiaccio. La procedura deve essere eseguita per almeno un'ora. Per una piccola area, è possibile utilizzare gli impacchi di ghiaccio.

Quando vengono eliminate le fasi del processo infiammatorio acuto, è consentito il trattamento con unguenti che rallentano la coagulazione del sangue (epatotrombina, eparina, eparoide). Sono usati sotto forma di impacchi caldi.

Regole per applicare un impacco caldo

  1. Prendi una garza in tre o quattro aggiunte.
  2. Saturare con un unguento riscaldato.
  3. Mettere sul sito malato.
  4. Coprire con una copertura in polietilene o carta compressa, una garza sovrapposta con un unguento.
  5. Riscaldare con cotone o panno di lana. Fissare con una benda bendaggio. Lascialo durante la notte.

Superficie, dopo aver rimosso l'impacco, trattare con l'alcol.

CVI e il suo pericolo

insufficienza venosa cronica - l'anomalia più comune di flusso di sangue nelle gambe, cresce solo nelle vene sottocutanee. Non è così innocuo come sembra a prima vista. Come risultato di disturbi circolatori degli arti inferiori, contribuisce alla progressione delle alterazioni patologiche dei tessuti molli trofismo caviglia. Nella fase iniziale appaiono macchie pigmentate sulla pelle dello stinco. Crescono rapidamente in ampiezza e penetrano in profondità nel tessuto molle, formando una difficile da trattare ferite. Spesso il CVI finisce con l'erisipela. Nelle fasi successive di trombosi sviluppo (formazione di coaguli nelle vene profonde) e tromboflebite (coaguli di sangue nelle vene superficiali), pioderma e altre anomalie delle vene.

Una delle peggiori conseguenze dell'insufficienza venosa può essere lo sviluppo di trombosi con successiva separazione dalla parete vascolare del trombo (embolo). Il "viaggio" del coagulo attraverso il sistema circolatorio minaccia il pericoloso fenomeno che porta ai decessi: embolia polmonare.

Inoltre, il flusso sanguigno anomalo porta ad una diminuzione del volume microcircolatorio. C'è una sindrome di sottocarico del cuore. E questo causa una diminuzione dell'attività mentale e una rapida stanchezza. La violazione del flusso sanguigno promuove l'accumulo di prodotti metabolici nei tessuti, che provoca la comparsa di reazioni allergiche sotto forma di varie eruzioni cutanee e dermatiti. Aumentano il numero di enzimi lisosomiali e radicali liberi. Ciò aumenta la moltiplicazione della microflora patogena, che causa processi infiammatori e, di conseguenza, si attivano macrofagi e leucociti.

Cause di patologia

Le cause più comuni di CVI sono l'ipodynamia, il sovrappeso e lo sforzo fisico intenso (sollevamento pesi, in piedi o seduti in modo prolungato). A volte l'insufficienza venosa si sviluppa dopo la lesione degli arti. In molti casi, la malattia si verifica sullo sfondo di ipertensione o anomalie congenite del sistema venoso.

Le seguenti persone sono a rischio di sviluppare CVI:

  • Le donne durante la gravidanza e il parto, o prendendo contraccettivi.
  • Le persone di età avanzata, in cui il tono delle pareti venose è ridotto a causa dell'invecchiamento.
  • Adolescenti, nei quali l'infezione cardiovascolare può manifestarsi sullo sfondo di cambiamenti nel lavoro del sistema ormonale durante la pubertà.
  • Le persone che usano farmaci ormonali per il trattamento.

Principali manifestazioni di CVI

Le prime manifestazioni di CVI sono sensazione di pesantezza nelle gambe e l'impressione che stiano scoppiando dall'interno. Queste sensazioni si intensificano quando una persona svolge un lavoro permanente da molto tempo (insegnanti, venditori, lavoratori alla macchina) o seduta. Qualche tempo dopo l'inizio del movimento (a piedi), diminuiscono e infine passano nella posizione "sdraiata", con le gambe sollevate.

Molti pazienti lamentano la comparsa di varici (segni varicose) sulla pelle, iperpigmentazione e varie dermatiti. In luoghi dove la pigmentazione cambia, i capelli cadono, la pelle perde la sua elasticità. A poco a poco, atrofia e tessuto sottocutaneo morbido. La fase più grave della malattia è comparsa manifestata di ulcere venose, che possono essere piccolo (non più di mezzo centimetro di diametro) o circondare la parte inferiore della gamba sopra la caviglia. In questo caso, la condizione generale del paziente peggiora. Ha forti mal di testa, debolezza e mancanza di respiro.

Il problema principale della diagnosi di CVI risiede nella scarsa consapevolezza della popolazione. La maggior parte delle persone ha pesantezza alle gambe, gonfiore e altri problemi associati a una giornata impegnativa, affaticamento, ecc. Non si rendono nemmeno conto che questi sono segni di una grave malattia dei vasi sanguigni. E i farmaci pubblicitari che allevia rapidamente questi disturbi, disinformano le persone, li ingannano, invocano l'autotrattamento. Di conseguenza, una persona non ha fretta di ricevere assistenza medica. E la malattia progredisce, la diagnosi viene stabilita nelle ultime fasi, quando la patologia si è già diffusa in vaste aree e affrontarla è molto più difficile.

Insufficienza venosa - trattamento dei flebologi

L'insufficienza venosa cronica è una patologia indipendente, sebbene tra i suoi sintomi vi siano spesso segni di vene varicose e malattie post-tromboflebitiche. Procedendo da questo, il metodo di trattamento e le misure preventive dovrebbero essere completi, volti ad eliminare le cause che causano la manifestazione della malattia. Gli esperti russi coinvolti nello sviluppo di standard nel trattamento di tutti i tipi di malattie venose hanno raccomandato l'uso della classificazione KVN YG Yablokova, costruita secondo il seguente principio:

  • Lo stadio iniziale della malattia (I) è rappresentato in esso dai principali segni clinici: pesantezza alle gambe, gonfiore, comparsa di asterischi delle vene varicose.
  • Ogni successivo (II e III) è completato da segni, che aumentano la gravità della malattia. Ad esempio, nell'II stadio c'è l'iperpigmentazione, la dermatite, le vene allargate sono visibili sotto la pelle.
  • Per la terza fase, la comparsa di ulcere, atrofia della pelle (e talvolta dei tessuti molli). Segni progressivi di post-tromboflebite.

In questa classificazione c'è un grado zero isolato (0), in cui non ci sono manifestazioni di CVI, ma il cambiamento delle vene varicose è pronunciato. Ciò indica che il metodo di trattamento in questa fase dovrebbe differire fondamentalmente dalla terapia di 1,2 o 3 gradi della malattia.

Spesso, l'insufficienza venosa porta alla disabilità. Il grado di riduzione dell'incapacità di una persona affetta da questa malattia è determinato dalla classificazione internazionale delle malattie flebologiche. Si chiama CEAP. Comprende quattro parti:

  1. Clinica. In esso, sotto il determinato codice, sono specificati i segni caratteristici (segni) della malattia.
  2. Eziologico. In questa parte l'origine della malattia è codificata: congenita o acquisita; è sorto per la prima volta o è secondario; con un'eziologia inspiegabile.
  3. Anatomico. Indica quale dei tre tipi di vene (tronco, perforante, sottocutaneo), c'è stato un cambiamento patologico nel flusso sanguigno.
  4. Fisiopatologico. Indica il tipo di violazione.

Ogni sintomo (sindrome del dolore, gonfiore, pigmentazione) è valutato in punti:

  • Se non ci sono sintomi, 0;
  • Manifestazione moderata / insignificante - 1 punto;
  • Segni fortemente espressi - 2 punti.

Lo stesso sistema valuta la durata dei sintomi e l'insorgenza di recidive:

  1. In assenza di - 0 punti;
  2. Durata delle manifestazioni meno di tre mesi / una recidiva - 1 punto,
  3. I sintomi durano più di tre mesi / recidiva ripetuta più volte - 2 punti.

Sulla base dei punti ottenuti (principalmente sui sintomi), viene rivelato il grado di incapacità al lavoro:

  • 1 ° grado - una persona può adempiere ai propri doveri lavorativi senza restrizioni.
  • 2 ° grado: è consentito lavorare per non più di 8 ore, con terapia di mantenimento.
  • 3 ° grado - una persona non è in grado di lavorare anche con la terapia di mantenimento.

Trattamento di CVI

Il trattamento dell'insufficienza venosa sulla base della terapia farmaco che ha lo scopo di arrestare il processo infiammatorio, la correzione disturbi del flusso sanguigno, l'effetto sulla circolazione sanguigna, migliora il drenaggio linfatico, aumentando il tono della parete venosa. La base è flebotonica. Nelle forme lievi, nelle prime fasi della malattia, sono sufficienti per eliminare i sintomi sottostanti della malattia. Ma quando la malattia è aggravato dallo sviluppo del processo infiammatorio, la formazione di ulcere e dermatite richiedono ulteriori farmaci - enzimi Antiaggreganti, antibiotici, farmaci antinfiammatori non steroidei e una serie di altri farmaci.

I farmaci più comunemente usati sono:

  1. Flebotonica - detraleks e Antistar; così come un farmaco efficace, approvato per l'uso nella seconda metà della gravidanza - Forte di Ginkor;
  2. Anti-infiammatorio - Meloxicam, Diclofenac e un numero di altri;
  3. Disaggregants - Dipiridamolo, Clopidogrel, Aspirina (acido acetilsalicilico);
  4. Antistaminici - Promestazina, Clemastin.
  5. Antiossidanti - Emoxipina e altri.

Tutti questi farmaci possono essere utilizzati in qualsiasi fase della malattia. Ma il loro scopo dovrebbe essere giustificato dai sintomi del decorso della malattia.

Nel trattamento di gravi fasi insufficienza venosa, che è spesso accompagnata pioderma (formazione di ulcere sulla pelle), per impedire ulteriore infezione dell'organismo e l'insorgenza di complicanze gravi (ad esempio, sepsi) vengono assegnati antibiotici e antibatterici - fluorochinoloni, cefalosporine (generazione I e II), penicilline semisintetiche. In questa fase farmaci phlebotropic non danno l'effetto desiderato, quindi il loro uso è considerato inappropriato.

Come anestetici locali e farmaci antinfiammatori con vene superficiali insufficienti (se non c'è complicazione delle ulcere trofiche) si usano pomate:

  • Butadionico e indometacina - per alleviare l'infiammazione;
  • Eparoide ed eparinico - ridurre la coagulabilità del sangue e prevenire la formazione di coaguli di sangue e il rischio di manifestazioni ulcerative-necrotiche;
  • Lyoton 1000 - previene la formazione di trombi, rimuove l'infiammazione. Ma con l'uso di questo unguento, sono possibili reazioni allergiche.
  • Venobene - rallenta la coagulazione del sangue, previene la formazione di nuovi e scioglie i trombi già esistenti, aiuta a migliorare il flusso sanguigno e la rigenerazione della pelle.

Attualmente viene prodotto un numero enorme di compresse da insufficienza venosa. Ciò complica enormemente la loro scelta, dal momento che molti di loro hanno la stessa sostanza attiva alla base, ma nomi completamente diversi. Questo introduce confusione. Di conseguenza, prima di tutto soffrono i pazienti che difficilmente riescono ad abituarsi a un nome del farmaco, come il medico ne scrive un altro. E, cosa più importante, tutti loro, infatti, agiscono allo stesso modo, hanno un prezzo diverso, che a volte colpisce la tasca di una persona malata.

Prevenzione dell'insufficienza venosa

Le persone a rischio di sviluppare CVI devono monitorare la propria salute. E un ruolo importante nella prevenzione dello sviluppo di questa malattia è la prevenzione. Consiste nel seguente:

  1. Per prevenire l'insorgenza di insufficienza venosa, è necessario aumentare l'attività vitale. È molto utile camminare, andare in bicicletta, nuotare, correre o camminare. Ma gli sport di potenza sono controindicati.
  2. Con l'insufficienza venosa, dovrai abbandonare il bagno di vapore, la sauna e fare i bagni caldi. Controindicato tutto ciò che provoca l'espansione dei vasi venosi, portando al loro trabocco e disturbi del flusso sanguigno.
  3. Non è consigliabile stare a lungo al sole e nel solarium (questo vale soprattutto per le donne). Prendere il sole è meglio nelle ore serali (dopo le 16 00).
  4. Se è necessario effettuare un massaggio anticellulite degli arti inferiori (cosce), è necessario ottenere il permesso di un flebologo, poiché questa procedura provoca spesso una ricaduta delle vene varicose e può portare alla formazione di trombi.
  5. Cerca di mantenere il peso nella norma. Il cibo dovrebbe essere equilibrato. L'accento principale dovrebbe essere posto su prodotti ad alto contenuto di fibre, acido folico, routine, vitamina B1 e B5, C e A. Viene mostrato il ricevimento di complessi multivitaminici, che include elementi in traccia (ferro, magnesio, zinco e rame).
  6. Dovrebbe ridurre l'assunzione di liquidi, escludere dalla dieta cibi acuti e salati, così come i prodotti che favoriscono la deposizione di grasso e aumentare il peso.

Esercizi in CVI

Insufficienza venosa funzionale (FVN)

Tra i vari tipi di patologia delle navi venose, l'insufficienza venosa funzionale (FVN) è isolata come forma indipendente. Da altri tipi di malattie croniche, questa patologia è caratterizzata dal fatto che edema e altro i sintomi del ristagno di sangue nelle vene si sviluppano indipendentemente dall'anomalia esistente dei vasi venosi. Qualche volta è annotato e in persone sane che non hanno cambiamenti patologici in loro. Distingua i seguenti tipi di questa malattia:

  • Flusso del fluido ortostatico. Dolore, gonfiore, pesantezza alle gambe si verificano quando una persona è a lungo in una posizione statica (statica). Ad esempio, in un lungo volo, viaggiando in autobus o in auto, sul treno. Questo tipo di FVN è inerente a insegnanti, chirurghi, impiegati e persone anziane.
  • L'HF è indotto da ormoni. Questo tipo di malattia è associato all'uso di farmaci ormonali contraccettivi medici, estrogeni, progestogeni, ecc.
  • FBV è costituzionale. È causato da varie deviazioni dalla norma del corpo umano. Le cause più comuni sono sovrappeso e crescita troppo alta.
  • FVR misto. Si verifica quando più fattori agiscono contemporaneamente. Il più spesso osservato in donne incinte. Ciò è dovuto al fatto che durante il periodo di gestazione la donna ha uno sfondo ormonale. E lo sviluppo del feto aumenta le dimensioni dell'utero, che preme sulle vene iliache e cave, creando in esse un'ulteriore compressione, che porta a una violazione del flusso sanguigno negli arti inferiori. C'è un'insufficienza venosa delle gambe.

Trattamento di IVF

L'insufficienza venosa funzionale nella maggior parte dei casi viene trattata indossando uno speciale jersey a compressione (calza, collant) o applicando una benda elastica. Allo stesso tempo, il medico necessario dovrebbe selezionare la compressione necessaria. Indossare calze o applicare una benda elastica nella posizione "sdraiata". Le gambe dovrebbero essere sollevate.

Da medicine è raccomandato Detraleks. Le donne incinte se necessario (se si indossa biancheria di compressione non è sufficiente) è raccomandato Ginkor Fort. Un buon effetto è fornito dalla scleroterapia - una procedura durante la quale il farmaco viene iniettato nella nave colpita (Fibro-Vein, ethoxyclerol o thromboplast). Spesso, questo tipo di trattamento viene utilizzato quando è interessata una grande vena sottocutanea. Ma per eseguire questa procedura, ci sono controindicazioni. Tra questi ci sono i seguenti:

  1. Gambe troppo spesse;
  2. Perdita della capacità del paziente di muoversi a causa di artrite, paralisi e altre malattie;
  3. La cellulite è nella fase di infiammazione acuta.
  4. Aumento della temperatura ambiente. Si raccomanda di eseguire la scleroterapia nel periodo autunno-inverno o in primavera.
  5. La tendenza del paziente a reazioni allergiche.

La scleroterapia ha una serie di vantaggi rispetto ai metodi di trattamento radicali. È condotto fuori paziente e indolore. Ma il suo principale vantaggio è che ti permette di eliminare la patologia del flusso sanguigno nella BPV senza rimuovere le vene superficiali sullo stinco. Tutti i pazienti con diagnosi di FNI, indipendentemente dalla sua origine, devono sottoporsi a un controllo regolare ogni 1,5 anni.

Insufficienza linfovena

Tra le violazioni del flusso sanguigno va segnalata una malattia come l'insufficienza linfovena cronica. È soggetto a oltre il 40% delle persone in età lavorativa. Si manifesta, sia nella forma di decompressione lieve che in quella grave, accompagnata da alterazioni patologiche della pelle e formazione di ulcere trofiche.

Il trattamento delle violazioni della linfostasi viene selezionato in base alla gravità della malattia. Come dimostra la pratica, il trattamento radicale (operazione chirurgica) non può sempre essere eseguito a causa di controindicazioni relative allo stato di salute dei pazienti. Pertanto, un'attenzione particolare è rivolta al miglioramento del trattamento conservativo, che, tra le altre cose, è obbligatorio quando si prepara un paziente per un intervento chirurgico.

medicazione

La base del corso di trattamento conservativo per una deficienza del sistema linfoveno è i seguenti farmaci:

  • Flebotonizzante - Eskuzan, Glivenol, Anvenol;
  • Aumento del drenaggio linfatico - Venoruton, Troxevasin;
  • Per la correzione del flusso sanguigno e della microcircolazione - Plavix, Trental e un numero di altri;
  • Farmaci anti-infiammatori - Ketoprofene, Diclofenac e simili;
  • Flebotonica di nuova generazione - Ginkor Fort, Endotel, Detralex, Cyclo-3 Fort.

Nel trattamento dell'insufficienza del sistema linfoveno, i metodi fisioterapici sono ampiamente praticati, dando risultati altamente positivi.

Nella fase iniziale della malattia, quando il linfangiolo non ha ancora perso la sua attività contrattile, Buoni risultati sono forniti dall'elettrostimolazione correnti sinusoidali modulate di media frequenza. Questo attiva la pompa venoso-muscolare e si verifica un flusso linfatico collaterale che normalizza il suo movimento.

magnetoterapia

Magnetoterapia, accompagnata da un bagno, con il contenuto di sali di silicio e carboidrati. Questo è uno dei metodi progressivi che non causano disagio al paziente. Per condurre la procedura, utilizzare:

  • Campo magnetico - bassa frequenza, variabile.
  • Soluzione di carboni di silice per il bagno, il contenuto di sali di silicio in cui è da 150 a 200 g / l, carboidrati - fino a 2 g / l.
  1. Esposizione al campo magnetico. Il tempo di consegna è di massimo 15 minuti.
  2. Riposa per un'ora.
  3. Adozione di un bagno di siliceo-carbonio (fino a 20 minuti).

Terapia di compressione

Metodo di compressione variabile pneumatica utilizzando l'apparecchio "Lymph-E" e gel di alga bruna "Lamifaren". L'ordine di esecuzione della procedura:

  • Ai pazienti sugli arti del paziente viene somministrato un gel freddo (t = 28-30 °).
  • Avvolgili con uno speciale materiale non tessuto (tovaglioli o fogli).
  • Eseguire immediatamente la compressione hardware. Il tempo della procedura dipende dalle condizioni del paziente e varia da 40 a 60 minuti.

Impostazioni del dispositivo per la procedura:

  1. Pressione - da 60 a 90 mm Hg. Art.
  2. Modalità di funzionamento - "onda ascendente" con la funzione di fissare la pressione.

Con l'intensificazione della sindrome del dolore, l'aspetto e la progressione delle ulcere trofiche, così come l'aspetto della necrosi del piede, l'insufficienza vascolare viene trattata solo con metodi chirurgici. Questo può essere angioplastica a palloncino, protesi utilizzando una vena artificiale o smistamento con le proprie vene venose prelevate da aree sane. Nei casi trascurati che hanno portato allo sviluppo di cancrena, l'arto può essere amputato.

Da tutto quanto sopra, è necessario trarre la seguente conclusione: nonostante il nome intrepido L'insufficienza venosa è una malattia grave. Pertanto, il trattamento precedente è iniziato, meno perdite morali e finanziarie saranno.

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Pillole di Venarus: guida per l'utente e feedback

Prevenzione

Venarus è uno dei farmaci venotonici più efficaci che vengono utilizzati nel trattamento conservativo dell'insufficienza venosa degli arti inferiori.Fa anche parte della terapia antiemorrhoid....

Dopo flebectomia, la gamba si gonfia

Prevenzione

Kirill
Il marito 30 anni.
MurmanskBuona giornata
Sono un atleta (Canottaggio). 30 anni. Due settimane fa è stata eseguita un'operazione su due gambe per rimuovere il BPV (flebectomia radicale)....