Linfostasi degli arti inferiori

Motivi

Limfostazom estremità inferiori (linfedema, linfedema) - una condizione patologica che si sviluppa a seguito di violazioni del deflusso della linfa dai tessuti dei piedi e manifesta gonfiore persistente, pelle ruvida, tenuta tessuto sottocutaneo, screpolature e ulcere trofiche.

Il grave decorso della linfostasi degli arti inferiori è accompagnato dallo sviluppo di alterazioni cistiche fibrocistiche irreversibili nei tessuti molli.

La linfostasi degli arti inferiori è una patologia comune. Secondo l'OMS, in una certa misura, si osserva in circa il 10% della popolazione adulta e le donne sono molte volte più probabili degli uomini. La progressione della linfostasi porta ad un graduale aumento delle dimensioni dell'arto interessato fino allo sviluppo dell'elefantiasi.

Cause di linfostasi degli arti inferiori e fattori di rischio

Le cause della linfostasi degli arti inferiori possono essere una varietà di fattori. L'evento più comune di disturbi nella formazione della linfa e del suo deflusso è facilitato dalle seguenti malattie e condizioni patologiche:

  • insufficienza cardiaca;
  • ipoproteinemia;
  • malattia renale, accompagnata da una violazione della loro funzione escretoria;
  • insufficienza venosa cronica nello stadio di scompenso;
  • fistola artero-venosa (comunicazione patologica tra arteria e vena);
  • sindrome post-tromboflebitica;
  • malformazioni del sistema linfatico;
  • ostruzione dei vasi linfatici causata dalla compressione dei loro tumori o infiltrati di natura infiammatoria, cicatrici dopo interventi chirurgici o traumi, ustioni.

Predisposizione allo sviluppo di linfostasi dei fattori degli arti inferiori può essere:

  • cancro alla prostata;
  • rimozione dei linfonodi inguinali e femorali;
  • linfoma;
  • Radioterapia della zona pelvica, dell'inguine, delle cosce;
  • linfangite streptococcica ricorrente, che si manifesta sullo sfondo di erisipela, flemmone.

Nei paesi tropicali, la linfostasi degli arti inferiori è spesso causata dalla filariosi linfatica (sinonimi: elefantiasi, elefantesimo, filariosi).

I pazienti con linfostasi degli arti inferiori devono sottoporsi a regolari corsi di terapia di supporto per tutta la loro vita.

Gli agenti causali sono piccoli vermi parassiti (filarie), che sono trasportati dalle zanzare e penetrano nel corpo con i loro morsi. La filariosi è manifestata dai seguenti sintomi:

  • aumento della temperatura corporea;
  • linfonodi ingrossati;
  • ipertrofia dei genitali, petto, braccia o gambe;
  • forte dolore nella zona interessata.

Forme della malattia

A seconda delle cause della linfostasi degli arti inferiori è diviso in due tipi:

  • primaria - la base del meccanismo patologico del suo sviluppo sono anomalie congenite nella struttura del sistema linfatico (insufficienza valvolare, ostruzione, agenesia o ipoplasia dei vasi linfatici). I sintomi della malattia iniziano a manifestarsi durante l'infanzia e gradualmente progrediscono. Molto spesso colpiti sono entrambi gli arti;
  • secondaria - in questo caso, le violazioni della circolazione linfatica non sono causate da anomalie del sistema linfatico, ma da malattie e lesioni. Il processo patologico interessa solo un arto, inizialmente l'edema linfatico è localizzato nella maggior parte dei casi nella regione del piede e nel terzo inferiore dello stinco.

A seconda dell'età in cui compaiono i sintomi dell'edema linfatico, ci sono:

  • linfedema giovanile - si verifica prima dei 30 anni;
  • linfedema tardivo - dopo 30 anni.

Fasi della malattia

Nel decorso clinico della linfostasi degli arti inferiori si distinguono tre stadi:

  1. Gonfiore transitorio morbido.
  2. Edema irreversibile (fibredema).
  3. Elephancy (fibrosi, cisti).

Sintomi di linfostasi degli arti inferiori

Il quadro clinico della linfostasi degli arti inferiori è determinato dallo stadio della malattia.

Edema lieve transitorio è caratterizzato da gonfiore dell'arto colpito. L'edema aumenta di sera, e dopo una notte di sonno scompare quasi completamente. I fattori che contribuiscono alla sua crescita sono:

  • lunga permanenza sulle gambe;
  • restrizione della mobilità prolungata;
  • attività fisica.

Si raccomanda ai pazienti con linfostasi degli arti inferiori di aderire a una dieta con limitazione del sale da cucina.

In questa fase della malattia, il paziente non ha una proliferazione irreversibile e cambiamenti nel tessuto connettivo, grazie ai quali la terapia prescritta durante questo periodo consente di ottenere regressione costante di tutti i segni di linfostasi degli arti inferiori.

Nella fase successiva della malattia, il gonfiore diventa permanente e non scompare nemmeno dopo un lungo riposo. C'è una proliferazione di tessuto connettivo, le coperture della pelle sono tese e compattate. Ci sono lamentele di dolore nell'arto colpito e la sua maggiore stanchezza, convulsioni. Quando si preme il dito sulla pelle, rimane una traccia depressa, che persiste per diversi minuti ea volte per ore.

Il grave decorso della linfostasi degli arti inferiori è accompagnato dallo sviluppo di alterazioni fibrocistiche irreversibili nei tessuti molli, che disturbano ulteriormente il deflusso della linfa. Di conseguenza, l'arto interessato perde i suoi normali contorni anatomici e aumenta significativamente le dimensioni (elefantiasi), mentre le sue funzioni motorie ne risentono.

Linfostasi degli arti inferiori nelle donne in gravidanza

La linfostasi degli arti inferiori nelle donne in gravidanza si presenta frequentemente, provocata dai seguenti fattori:

  • restrizione dell'attività fisica;
  • un brusco cambiamento nell'equilibrio ormonale;
  • compressione dei vasi venosi e linfatici da un utero in crescita.

Insufficienza venosa cronica aumenta significativamente il rischio di sviluppare linfostasi degli arti inferiori nelle donne in gravidanza.

Nella maggior parte dei casi, il linfedema delle gambe nelle donne in gravidanza è reversibile e passa indipendentemente dopo la nascita del bambino. Per prevenire la progressione dell'edema linfatico, si raccomanda alle donne di indossare regolarmente maglieria a compressione.

Si consiglia di abbandonare il pedicure orlato, invece di eseguire un pedicure medico hardware, di utilizzare mezzi speciali per la cura terapeutica e igienica della pelle delle gambe.

La linfostasi degli arti inferiori nelle donne in gravidanza dovrebbe essere differenziata dall'edema causato da altre cause (vene varicose, nefropatia).

Linfostasi degli arti inferiori nei bambini

La causa della linfostasi degli arti inferiori nei bambini è più spesso la patologia congenita della struttura del sistema linfatico (sottosviluppo dell'apparato valvolare, aumentata estensibilità e assottigliamento delle pareti dei vasi linfatici). I vasi linfatici formati in modo incompleto non sono in grado di funzionare pienamente e rimuovono la linfa dal tessuto sottocutaneo e dai muscoli degli arti inferiori.

In tenera età nei bambini, un sistema linfatico sviluppato in modo improprio di solito continua a far fronte alle sue funzioni. Tuttavia, man mano che il bambino cresce e si sviluppa, e la sua attività fisica aumenta, comincia ad apparire un edema linfatico morbido. Sono più pronunciati entro la fine della giornata, e al mattino, dopo una notte di sonno, scompaiono. I bambini si lamentano del dolore alle gambe, affaticamento a fast-inizio delle gambe. I genitori possono notare che le scarpe che si adattano per taglia alla fine della giornata diventano vicine al bambino.

Con l'inizio della pubertà avviene una ristrutturazione ormonale nel corpo, contro la quale lo stato di vasi linfatici indebitamente formati peggiora ancora di più. Di conseguenza, il gonfiore linfatico degli arti inferiori cresce rapidamente, diventa permanente. Se il trattamento non viene avviato, il bambino sviluppa elefantiasi, compaiono ulcere trofiche non cicatrizzanti a lunga durata.

diagnostica

La diagnosi di linfostasi degli arti inferiori di difficoltà non rappresenta in considerazione della gravità del sintomo principale - edema. È molto più difficile identificare la causa che ha portato al suo sviluppo. Ai fini della sua rilevazione, viene effettuato un esame strumentale, tra cui:

  • esame ecografico degli organi addominali e pelvici;
  • limfostintsigrafiyu;
  • Linfografia a raggi X;
  • computer e / o risonanza magnetica.

Nello stadio II-III, la linfostasi degli arti inferiori è spesso complicata dallo sviluppo di osteoartrite e contratture deformanti, eczema, ulcere trofiche, erisipela.

La linfostasi degli arti inferiori deve essere differenziata dalla sindrome post-flebitica e dalla trombosi venosa profonda, che sono caratterizzati da lieve edema, vene varicose, eczema varicoso e iperpigmentazione della pelle. Se è necessario escludere la patologia delle vene, viene eseguita la dopplerografia a ultrasuoni (UZDG).

Trattamento di linfostasi degli arti inferiori

L'obiettivo principale del trattamento è ripristinare il normale deflusso della linfa dai tessuti dell'arto colpito. A tal fine, è assegnato:

  • pneumocompressione dell'hardware;
  • massaggio linfodrenante;
  • indossare maglieria a compressione;
  • Procedure fisioterapeutiche (idromassaggio, laserterapia, magnetoterapia).

I farmaci comprendono l'uso di angioprotettori, flebotonici con azione linfotropica, immunostimolanti, enzimi.

Si raccomanda ai pazienti con linfostasi degli arti inferiori di aderire a una dieta con limitazione del sale da cucina. Inoltre, è necessario garantire un livello adeguato di attività fisica (nordic walking, nuoto, terapia fisica).

Con lo sviluppo di crepe e ulcere trofiche sulla pelle dell'arto colpito, vengono sottoposti a trattamento locale - trattamento con antisettici, farmaci anti-infiammatori, con l'attacco di infezione batterica - con antibiotici.

Le indicazioni per il trattamento chirurgico della linfostasi degli arti inferiori sono:

  • inefficienza della terapia conservativa;
  • rapida progressione dell'edema linfatico;
  • formazione di sacche linfatiche deformanti;
  • fibrosi grave.

La linfostasi degli arti inferiori nelle donne in gravidanza dovrebbe essere differenziata dall'edema causato da altre cause.

Esistono diversi modi per trattare prontamente la linfostasi degli arti inferiori:

  • creazione di anastomosi linfonodali;
  • dermatofastsiolipektomiya;
  • liposuzione;
  • trapianto di un complesso linfoide a pieno titolo - eseguito con la forma primaria di linfedema;
  • la creazione di tunnel attraverso i quali la linfa dei tessuti interessati viene deviata verso quelli sani - questo tipo di operazioni viene eseguito con lo sviluppo dell'elefantiasi.

Possibili conseguenze e complicazioni

Nello stadio II-III, la linfostasi degli arti inferiori è spesso complicata dallo sviluppo di osteoartrite e contratture deformanti, eczema, ulcere trofiche, erisipela. L'adesione di infezioni secondarie porta a complicazioni purulente (foruncoli, flemmoni, osteomieliti) che, a loro volta, possono causare sepsi e morte del paziente da shock tossico-infettivo.

La linfostasi degli arti inferiori è spesso complicata dalla linfangite. Al fine di prevenire questa complicazione, è necessario esercitare un'adeguata cura del piede. Si consiglia di abbandonare il pedicure orlato, invece di eseguire un pedicure medico hardware, di utilizzare mezzi speciali per la cura terapeutica e igienica della pelle delle gambe. Quando si allega un'infezione fungina usare agenti antimicotici.

prospettiva

I pazienti con linfostasi degli arti inferiori devono sottoporsi a regolari corsi di terapia di supporto per tutta la loro vita. Il ritiro dalla terapia porta a una rapida progressione della malattia, all'attacco di infezioni secondarie e a gravi gravi lesioni purulente a esso provocate, alla compromissione della funzione motoria dell'arto colpito.

Nei paesi tropicali, la linfostasi degli arti inferiori è spesso causata dalla filariosi linfatica.

prevenzione

Per prevenire lo sviluppo della linfostasi degli arti inferiori, è necessario:

  • gestire tempestivamente e trattare eventuali ferite, in particolare quelle infette;
  • regolare e adeguato esercizio di cura del piede igienica, in particolare i piedi e le unghie;
  • diagnosticare tempestivamente e trattare attivamente le malattie delle vene, del cuore e dei reni.

Video di YouTube sull'argomento dell'articolo:

Istruzione: laurea presso l'Istituto medico statale di Tashkent, laureando in pratica medica nel 1991. Ha ripetutamente superato i corsi di perfezionamento delle capacità professionali.

Esperienza lavorativa: anestesista-rianimatore dell'ospedale di maternità della città, rianimatore del reparto di emodialisi.

L'informazione è generalizzata e viene fornita solo a scopo informativo. Ai primi segni di malattia, consultare un medico. L'autotrattamento è pericoloso per la salute!

Una persona che assume antidepressivi, nella maggior parte dei casi, soffrirà ancora di depressione. Se una persona ha affrontato la depressione da sola, ha tutte le possibilità di dimenticare per sempre questo stato.

Nel tentativo di far uscire il paziente, i medici spesso vanno troppo lontano. Quindi, per esempio, un certo Charles Jensen nel periodo dal 1954 al 1994 gg. sopravvissuto a più di 900 operazioni per rimuovere le neoplasie.

Secondo gli studi dell'OMS, una conversazione quotidiana di mezz'ora su un telefono cellulare aumenta la probabilità di sviluppare un tumore al cervello del 40%.

Il 74enne residente in Australia, James Harrison, è diventato un donatore di sangue circa 1000 volte. Ha un gruppo sanguigno raro, i cui anticorpi aiutano a sopravvivere ai neonati con grave anemia. Pertanto, l'australiano ha salvato circa due milioni di bambini.

La maggior parte delle donne può ottenere più piacere dal contemplare il loro bellissimo corpo nello specchio che dal sesso. Quindi, donne, cercate l'armonia.

Lo stomaco di un uomo si comporta bene con oggetti estranei e senza intervento medico. È noto che il succo gastrico può sciogliere persino le monete.

Il peso del cervello umano è circa il 2% del peso corporeo totale, ma consuma circa il 20% dell'ossigeno che entra nel sangue. Questo fatto rende il cervello umano estremamente suscettibile ai danni causati dalla mancanza di ossigeno.

In quattro fette di cioccolato fondente contiene circa duecento calorie. Quindi se non vuoi guarire, è meglio non mangiare più di due pezzi al giorno.

Le ossa umane sono quattro volte più forti del cemento.

Se sorridi solo due volte al giorno, puoi abbassare la pressione sanguigna e ridurre il rischio di infarti e ictus.

Se il tuo fegato smettesse di funzionare, la morte sarebbe arrivata entro 24 ore.

Per dire anche le parole più brevi e semplici, usiamo 72 muscoli.

Secondo molti scienziati, i complessi vitaminici sono praticamente inutili per gli esseri umani.

Nel nostro intestino milioni di batteri nascono, vivono e muoiono. Possono essere visti solo con un forte aumento, ma se si unissero, si adatterebbero in una normale tazza di caffè.

La malattia più rara è la malattia di Kuru. Solo i rappresentanti della tribù di Fores in Nuova Guinea sono malati. Il paziente muore dalle risate. Si ritiene che la causa della malattia sia il consumo del cervello umano.

Salvisar è un farmaco da banco russo contro varie malattie dell'apparato muscolo-scheletrico. Viene mostrato a tutti coloro che si allena attivamente e il tempo da.

Trattamento efficace della linfostasi degli arti inferiori a casa

Puffiness degli arti inferiori - fenomeno frequente, che si verifica in un gran numero di persone.

L'edema che appare nelle gambe dopo una giornata di lavoro e scompare al mattino dopo il riposo deve avvisare la persona, perché tali sintomi possono essere primi sintomi vene varicose o lo stadio iniziale della tromboflebite.

Tuttavia, se il gonfiore nell'area del piede o dello stinco diventa più pronunciato ogni giorno, è importante appena possibile consultare un medico per escludere lo sviluppo di linfostasi.

Cos'è la linfostasi?

La linfostasi è un processo patologico caratterizzato dallo sviluppo di edema persistente causato da disturbi del flusso linfatico. La malattia si sviluppa a causa di un disturbo della circolazione linfatica nel sistema linfatico periferico e nelle sue parti centrali.

Un tale stato aiuta a rallentare il deflusso del liquido da vasi capillari e vasi linfatici. La patologia si manifesta con un significativo gonfiore delle estremità, l'accumulo di liquido nella cavità addominale e nello sterno.

Forme e stadi della malattia

Nello sviluppo della patologia, ci sono 3 fasi:

  1. edema reversibile (linfedema), in cui non si rileva un aumento del volume dell'arto, la proliferazione del tessuto connettivo;
  2. edema irreversibile (fibredema), in cui la pelle si indurisce, il tessuto connettivo inizia ad espandersi. Il paziente inizia a sentire dolore quando tocca o allunga la pelle nella zona interessata;
  3. elefantiasi (elefantesimo), che è caratterizzato dalla deformità dell'arto, dallo sviluppo dell'osteoartrosi, dalla limitazione della mobilità.

Nella foto in basso, tre fasi della linfostasi degli arti inferiori:

La linfostasi è classificata in:

  1. primario, che è una patologia congenita, e il suo sviluppo è dovuto all'inadeguatezza delle funzioni del sistema linfatico a causa della struttura anormale del tratto linfatico. Una caratteristica distintiva della linfostasi primaria è la sua manifestazione nell'infanzia, con successiva progressione nell'adolescenza;
  2. secondario, il cui sviluppo si verifica durante la vita sotto l'influenza di una serie di fattori. La linfostasi secondaria degli arti inferiori è divisa in un giovane, il cui sviluppo si osserva in pazienti di età compresa tra 15 e 30 anni, che colpisce le persone di età superiore a 30 anni.

Localizzazione della malattia

Linfostasi nella maggior parte dei casi si sviluppa nelle gambe e nelle mani. Molto meno spesso la patologia si concentra sul sistema riproduttivo, sulla regione peritoneale, sulle ghiandole mammarie e sul viso.

La linfostasi degli arti inferiori si verifica quasi nel 90% dei casi.

Complicazioni e prognosi

La malattia stessa non rappresenta una minaccia per la vita umana, Tuttavia, ha una serie di complicazioni che possono portare a conseguenze irreversibili.

Ad esempio, un forte gonfiore può limitare i movimenti del paziente, causando disagio e dolore.

Se il trattamento prematura di una persona perde la capacità di servire se stesso indipendentemente, il che peggiora significativamente la qualità della sua vita.

Inoltre, lo sviluppo di linfostasi porta a disturbi funzionali dei tessuti situati nell'epicentro della patologia, risultando in questo luogo fibrosi (consolidamento dei tessuti) e ulcere trofiche.

Questa condizione è complicata da una diminuzione dell'immunità locale e dall'incapacità di resistere a vari tipi di infezioni.

Con diagnosi e trattamento tempestivi, gli specialisti danno una prognosi positiva per il decorso della malattia.

Cause dell'apparenza

Tra le cause che causano lo sviluppo della patologia, ci sono:

  • patologie congenite e anomalie del sistema linfatico;
  • rimozione di neoplasie maligne e benigne;
  • conseguenze del trattamento del cancro;
  • disordini metabolici, compresa l'obesità;
  • uno stile di vita sedentario, una lunga permanenza in posizione seduta;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • disturbi ormonali;
  • lesioni meccaniche;
  • tumori maligni e benigni nel sistema linfatico;
  • malattie infettive;
  • insufficienza delle valvole delle vene profonde;
  • conseguenze della rimozione dei linfonodi;
  • patologia renale;
  • ipoalbuminemia;
  • interventi chirurgici

Guarda il video sulle cause di linfostasi:

sintomi

Ogni stadio della malattia ha i suoi segni e sintomi:

  • linfedema. Vi è gonfiore alla caviglia, alla base delle dita dei piedi e tra le ossa sul retro del piede. Spesso un sintomo compare dopo l'attività fisica e alla sera. Al posto del gonfiore, la pelle diventa pallida, con una palpazione facilmente assemblata nella piega. Dopo il riposo la condizione dell'arto è normalizzata.
  • Fibredema. Il decorso della malattia è lento, può richiedere diversi anni. Il gonfiore si osserva non solo nell'articolazione della caviglia, ma anche nella parte alta della gamba, ha una struttura densa. La pelle al posto dell'edema si ispessisce, si ingrossa, il colore cambia in cianotico, non è possibile raccoglierlo in una piega. Spesso, le verruche si formano nella zona interessata. L'edema è permanente, il suo aspetto non dipende da alcun fattore, non passa da solo. Durante lo sforzo fisico, si verificano pesantezza, dolore e crampi. Si sviluppa una deformazione iniziale dell'arto, un aumento della sua circonferenza.
  • elefantiasi. L'ultimo stadio della malattia. Si manifesta con una forte proliferazione di tessuto connettivo sotto l'edema formato. Pelle ruvida, allungata, blu. L'arto è considerevolmente ingrandito (la differenza tra arti sani e affetti è superiore a 50 cm). I contorni della gamba sono persi, i cambiamenti cistici si formano nel tessuto.

I sintomi generali della malattia includono:

  • affaticamento veloce;
  • la debolezza;
  • mal di testa, emicranie;
  • placca sulla lingua;
  • disturbi dell'attenzione;
  • un forte aumento del peso corporeo;
  • dolore articolare e muscolare.
al contenuto ↑

Diagnosi della malattia

La diagnosi e la nomina del trattamento necessario per la linfostasi devono essere gestite da uno specialista!

Dopo che il dottore ha raccolto un anamnesi, incluso uno familiare, e ha anche effettuato un esame e una palpazione delle aree colpite, nominerà una serie di ulteriori misure diagnostiche, tra cui:

  1. linfografia. Questo tipo di studio appartiene alla categoria di radiologia. Durante la procedura, una quantità di una sostanza colorante speciale viene iniettata nell'area tra 1 e 2 dita, e tra le ossa 1 e 2 del metatarso viene effettuata una piccola incisione attraverso la quale sono visibili i vasi linfatici colorati. In questi vasi viene iniettato un mezzo di contrasto, dopo di che scatta foto. La linfografia aiuta gli specialisti a dare una valutazione qualitativa e quantitativa dei vasi linfatici.
  2. linfoscintigrafia. Studio radioisotopico condotto da una gamma camera speciale, che riprende immagini di vasi sanguigni in cui si trova una sostanza isotopica introdotta attraverso il tessuto sottocutaneo. Con l'aiuto della linfoscintigrafia, vengono determinati lo stato del sistema linfatico e la natura del flusso linfatico.
  3. Ultrasuoni con doplerografia;
  4. Ultrasuoni degli organi pelvici (per determinare la presenza di processi infiammatori o tumorali);
  5. Un esame del sangue clinico che aiuta a identificare possibili reazioni infiammatorie nel corpo del paziente;
  6. Analisi delle urine, che consente di determinare l'eventuale presenza di patrologia renale;
  7. Un ecografia del cuore, un ECG del cuore, che consente di identificare o escludere la patologia del cuore.

Presta attenzione alle condizioni dei linfonodi. Se sono ingranditi, iniziare il trattamento, altrimenti la malattia può evolvere in una più seria.

trattamento

La linfostasi degli arti inferiori è una patologia che può diventare irreversibile, pertanto il trattamento (entrambi i rimedi medicinali e quelli folcloristici) deve essere eseguito sotto la supervisione di uno specialista.

medicazione

Il trattamento della linfostasi si riduce alla normalizzazione del flusso linfatico nella gamba interessata. Un ruolo importante nella terapia è svolto dalle medicine:

  1. prodotti-flebotoniki, aiutando a migliorare la microcircolazione nei tessuti. Di regola, usano preparazioni "Flebodia", "Vasoket".
  2. prodotti-venotoniki, come Detralex, Venodiol. Aiutare a migliorare il drenaggio linfatico e migliorare il tono della rete venosa;
  3. diuretici, o diuretici come "Veroshpiron", "Furosemide";
  4. antinfiammatorio farmaci e antibiotici (con infezione dei tessuti della gamba malata).
al contenuto ↑

Mezzi della gente

  • Cipolla comprime con catrame. Una grande cipolla con buccia dovrebbe essere cotta in forno per 10 minuti. Staccare i gusci e macinare fino allo stato di pappa. Mescolare la massa risultante con 1 cucchiaio. l. catrame di betulla Metti la miscela su un lembo morbido di stoffa e attacca alla zona interessata. La benda dovrebbe essere fissata e lasciata sul piede per tutta la notte. Al mattino rimuovere i resti della pomata con acqua tiepida, asciugare con un asciugamano. Il corso del trattamento è di 50-60 giorni.
  • Comprime da latte materno e miele. Mescola latte reale d'api e miele fresco in proporzioni uguali, introduce dell'acqua fresca. In una soluzione, inumidire un panno di cotone morbido e attaccare a una gamba malata. Avvolgilo con un fazzoletto caldo, aggiustalo e lascialo durante la notte. Al mattino, sciacquare i piedi con acqua tiepida. La procedura deve essere eseguita ogni giorno per 2 mesi.
  • Aglio e miele. 300 g di aglio tritato mescolato con 400 ml di miele fresco, coprire e insistere in un luogo fresco e buio per 15 giorni. Il prodotto ricevuto viene preso 15 ml (1 cucchiaio) tre volte al giorno prima dei pasti. Durata del trattamento - 2 mesi.
  • Rosa canina e ribes. Unire i fianchi con le foglie di ribes in parti uguali. Brew come tè, insistendo almeno 30 minuti. Assumere 3-4 volte al giorno prima di mangiare mezza tazza.
al contenuto ↑

dieta

Durante il trattamento della linfostasi delle gambe, è necessario regolare la dieta del paziente. Per fare ciò, limitare rigorosamente:

  • quantità di fluido consumato;
  • sale e i suoi prodotti;
  • prodotti da forno;
  • riso;
  • zucchero;
  • patate.

La nutrizione del paziente dovrebbe includere:

  1. verdure e frutta;
  2. prodotti a base di latte fermentato.

Il trattamento della linfostasi è un processo lungo. È importante capirlo far fronte al problema a casa può essere solo nella fase iniziale della malattia.

Se dopo 2 mesi non si osservano cambiamenti nelle condizioni del paziente o se la malattia progredisce, è necessario contattare urgentemente il medico che correggerà le tattiche di trattamento o prescriverà l'operazione.

prevenzione

Avvertire lo sviluppo della linfostasi può essere, osservando un certo numero di semplici regole:

  • consumare più proteine ​​e limitare l'assunzione di sale;
  • non esporre il corpo a sforzi fisici eccessivi;
  • trattare tempestivamente e correttamente eventuali malattie;
  • indossare solo vestiti e scarpe comode che non ostacolino il movimento (abbandonare pantaloni stretti, scarpe, ecc.).

Non è superfluo come la profilassi sarà massaggio ai piedi limfodrenazhny. Come farlo da solo, leggi qui.

Cos'è la linfostasi degli arti inferiori e come trattarla

Un sacco di persone si trovano di fronte a gonfiore dei piedi. Spesso questo fenomeno si verifica la sera. Il gonfiore sistematico delle gambe indica lo sviluppo del processo patologico. L'aumento costante del gonfiore nella regione delle vene sulle gambe indica lo sviluppo di vene varicose, tromboflebiti. Il gonfiore può essere un segno dello sviluppo della linfostasi degli arti inferiori. La malattia colpisce un decimo della popolazione mondiale.

Il concetto di linfostasi

La linfostasi è una malattia in cui la circolazione è compromessa linfa. La malattia colpisce il sistema linfatico umano. Se il sistema non funziona correttamente il ritorno del liquido al sistema circolatorio viene violato tessuti del corpo.

La malattia colpisce spesso gli arti inferiori ed è più spesso rilevata nelle donne.

Sistema linfatico

Il sistema linfatico del corpo umano fa parte del sistema circolatorio e interagisce attivamente con il sistema cardiovascolare. I vasi fungono da via di trasporto per il movimento della linfa. La linfa stessa è un prodotto di purificazione del plasma sanguigno. Il liquido viene prima indirizzato allo spazio intercellulare e quindi reindirizzato ai capillari insieme alle proteine.

I capillari lo trasportano al linfonodi, dove il sangue passa la purificazione finale e viene distribuito in tutto il corpo, iniziando il movimento dalle parti superiori del collo.

Il sistema linfatico svolge le seguenti funzioni:

  • Trasporto di grassi dall'intestino tenue nel sistema sanguigno;
  • la formazione di anticorpi;
  • Trasporto di liquidi dallo spazio interstiziale per prevenire il gonfiore;
  • partecipazione alla formazione dei leucociti, svolgendo un ruolo protettivo nel corpo;
  • purificazione del fluido tissutale che è entrato nei linfonodi da microrganismi, sostanze tossiche;
  • ritorno del fluido tissutale purificato dovuto alle proteine ​​nel sistema circolatorio del corpo.

Importante! La perturbazione del sistema linfatico a causa dell'intasamento delle navi o della loro crescita eccessiva causa uno scarso deflusso di fluido tissutale. Questo contribuisce alla comparsa di edema, che sono i precursori della linfostasi.

Linfostasi degli arti inferiori

Cos'è la linfostasi degli arti inferiori e come trattarla? Questa è una sorta di patologia, in cui sorge e si sviluppa gonfiore del piede. In un certo numero di casi, la patologia si estende ad entrambe le estremità. La malattia è di natura cronica.

È caratterizzato da un debole deflusso di liquido dal sistema linfatico e dal suo ristagno nello spazio interstiziale. La progressione della malattia porta ad un forte ispessimento delle gambe e allo sviluppo della cosiddetta elefantiasi (elefantiasi).

Sul trattamento dell'edema delle gambe con vene varicose, puoi leggere nel nostro articolo.

Classificazione di linfostasi

La malattia ha due forme di percolazione: primaria e secondaria. Entrambe le forme differiscono l'una dall'altra nelle cause della loro origine e sviluppo.

Forma primaria

La linfostasi primaria si sviluppa in background patologia congenita. La malattia si sviluppa nei bambini piccoli e la causa della sua comparsa può essere più fattori contemporaneamente:

  • insufficienza delle valvole cardiache.
  • sindromi genetiche;
  • sottosviluppo di tessuti o organi;
  • intasamento dei vasi sanguigni.

Le complicazioni della malattia aumentano di una persona man mano che cresce. La linfostasi primaria colpisce più spesso una gamba, ma può coprire entrambe le gambe contemporaneamente.

Forma secondaria

Forma secondaria della malattia non ha un carattere innato. Il suo aspetto è associato a danno un sistema linfatico normalmente funzionante. La malattia spesso colpisce solo un arto.

localizzazione La malattia è annotata in due posti:

  • nella parte inferiore della tibia;
  • nel luogo di sollevare il piede.

Linfostasi secondaria può svilupparsi sullo sfondo delle conseguenze ferita o come conseguenza processo infiammatorio.

Cause della linfostasi

Entrambe le forme di linfostasi dovute a diversa natura hanno diverse cause di origine.

Forma primaria della malattia

  • costrizioni del tipo amniotico, derivanti dal verificarsi di cicatrici sui vasi;
  • fattore ereditario;
  • un piccolo numero di percorsi nel sistema linfatico che devia la linfa;
  • la presenza di tumori nel sistema linfatico nel bambino dalla nascita;
  • una struttura anormale dei vasi linfatici dovuta al loro raddoppiamento o infezione;
  • piccolo diametro congenito dei vasi linfatici.

Forma secondaria

  • l'obesità;
  • patologie renali;
  • neoplasie nel sistema linfatico (benigne o maligne);
  • insufficienza cardiovascolare;
  • rimozione dei linfonodi;
  • infiammazione della pelle sugli arti inferiori;
  • la tromboflebite trasferita e lo sviluppo dell'insufficienza venosa in forma cronica;
  • le conseguenze delle scarse prestazioni dell'operazione sul petto;
  • basso livello di proteine ​​nel corpo;
  • stasi degli arti a causa della loro lunga immobilità;
  • ustioni degli arti;
  • irradiazione del corpo;
  • fratture e lussazioni delle estremità.

Determinare cosa e come trattare la linfostasi degli arti inferiori, consente lo studio dei sintomi della malattia.

Sintomi di linfostasi

Poiché il corso di linfostasi è caratteristico tre fasi principali, differendo in diverse manifestazioni.

La prima fase

Il primo stadio della malattia è caratterizzato da processi reversibili nei tessuti delle gambe. In questa fase, viene chiamata la malattia linfedema. Appare il gonfiore delle gambe in una persona di sera o dopo un carico grave in piedi. Il gonfiore si verifica alla base delle dita o nell'articolazione della caviglia.

Con successo al primo stadio della malattia è trattato in modo conservativo. Con la malattia, i farmaci per il trattamento della linfostasi degli arti inferiori si affrontano rapidamente.

Includono: Venastat, Venoruton, Ginkon Fort, Detraleks, Troxerutin, Aescusan. Buoni farmaci diuretici e anticoagulanti.

Con una leggera forma di tessuto connettivo non si espande e il gonfiore non ha forti dolori e passa al mattino dopo un normale riposo corporeo.

Il secondo

Nella seconda fase, il gonfiore sta già diventando un fenomeno permanente. È caratterizzato dalle seguenti manifestazioni:

  • sviluppo di fibredemy (edema delle gambe persistente);
  • crescita graduale del tessuto;
  • verso l'alto che si gonfia fino alla caviglia e alla sua compattazione;
  • deformità dell'arto e aumento del suo spessore;
  • la comparsa di crampi nei polpacci e nelle articolazioni del piede;
  • tonalità della pelle blu in caso di edema.

Caratteristiche! Nella seconda fase della malattia, l'aspetto delle protuberanze sulle gambe sotto forma di verruche non è raro. In una persona con un grado medio di linfostasi, la dimensione del gambo nella circonferenza aumenta notevolmente. Può superare il diametro della gamba in uno stato di salute di 45 cm o più.

Il terzo

Alla fase finale della malattia il dolore si intensifica più volte. Questo stadio è chiamato elefantiasi o elefantiasi.

La linfostasi causa il più forte gonfiore del piede, aumenta di molte volte il diametro, acquisisce una tinta blu e il tessuto connettivo cresce ancora di più.

La pelle in posti edematosi è finalmente ingrossata e compattata. Per i tessuti molli delle gambe è caratteristico manifestazione di cambiamenti fibrocistici. La gamba umana sta gradualmente perdendo le sue funzioni.

La malattia nella terza fase diventa spesso un precursore di ulteriori complicazioni sotto forma di:

  • eczema;
  • osteoartrite;
  • ulcere trofiche;
  • infiammazioni di erisipela.

I sintomi particolari sono integrati da manifestazioni comuni sotto forma di:

  • mal di testa;
  • la debolezza;
  • dolore articolare;
  • placca bianca sulla lingua;
  • affaticamento.

Nella seconda e ultima tappa trattamento farmacologico linfostasi degli arti inferiori non ha alcun effetto: a operazione chirurgica.

Attenzione per favore! Con la completa assenza di trattamento, vi è un'alta probabilità di morte a causa dello sviluppo di avvelenamento del sangue.

Diagnosi di linfostasi

Non tutti i pazienti sanno quale medico tratti la linfostasi degli arti inferiori. Il trattamento di questa malattia è linfologia. In assenza di un tale specialista in un istituto medico, un flebologo o angio-chirurgo è impegnato nel trattamento. Il medico, dopo aver ispezionato il paziente, assegna vari metodi di diagnosi:

  • dopplerografia di navi;
  • linfoscintigrafia;
  • linfografia;
  • analisi delle urine;
  • ultrasuoni;
  • un esame del sangue (generale e biochimica);
  • ECG del cuore.

Con la dopplerografia dei vasi delle gambe, i vasi vengono esaminati mediante ultrasuoni. Il metodo consente di rilevare il gonfiore delle vene e dei linfonodi.

a linfoscintigrafia l'introduzione di una sostanza sotto la pelle del paziente, che entra nel flusso linfatico e mediante la gamma camera rende necessarie le immagini dello stato del sistema linfatico.

linfografia è un caso speciale di raggi X. Determina il numero di vasi, la forma, la permeabilità delle loro pareti. Il metodo consiste nel gestire il colorante tra il primo e il secondo dito e formare un'incisione tra le ossa del piede medio. Nella tacca le navi sono colorate in blu.

ultrasuono rivela la presenza di tumori e infiammazioni nel sistema linfatico e la possibile violazione del flusso linfatico. consegna analisi delle urine consente di identificare la patologia renale del paziente. Esame del sangue fornisce informazioni sul livello di proteine ​​e sulla presenza di infiammazione. Con l'aiuto di ECG è possibile stabilire la relazione tra lo sviluppo della malattia e le patologie del cuore.

trattamento

Con linfostasi degli arti inferiori, trattamento dipende dallo stadio e dalla forma il suo corso.

Ti ricordiamo: il trattamento conservativo risulta solo nella prima fase della malattia. Nelle fasi successive, è inefficace.

Il paziente deve seguire una serie di raccomandazioni:

  • non sollevare pesi, evitare carichi;
  • sedersi correttamente, evitando di lanciarsi le gambe l'un l'altro, che spezza il flusso linfatico;
  • usare oli, crema per i piedi dopo la doccia;
  • rifiutare di visitare le saune;
  • evitare una lunga esposizione al sole;
  • Non indossare indumenti stretti e biancheria intima;
  • Non camminare a piedi nudi per evitare la comparsa di ulcere cicatrizzanti difficili;
  • applicare una polvere speciale per i piedi con la loro sudorazione;
  • tagliare regolarmente le unghie sulle gambe;
  • Non indossare scarpe con il tacco e con i lacci, comprimendo i vasi e disturbando il deflusso della linfa;
  • gestire sempre i punti di morsi e lesioni alle gambe con soluzioni antisettiche.

Alimentazione

La regolazione della nutrizione influisce sulla linfostasi degli arti inferiori. Può essere curato con una corretta alimentazione? Questo è possibile con il rigoroso rispetto delle condizioni:

  • rifiuto quasi totale di mangiare cibi salati e piccanti;
  • assunzione di 1,5-2 litri di acqua al giorno;
  • rifiuto di bevande gassate;
  • riduzione del consumo di caffè con tè e loro sostituzione con tè alle erbe, composte con una piccola quantità di zucchero;
  • sostituzione di cottura e pane dolce con crusca;
  • introduzione alla dieta di orzo, porridge di miglio su acqua e latte;
  • ridurre il consumo di carne e sostituirlo con cibo vegetale;
  • preferisci le insalate all'olio vegetale;
  • rifiuto del cibo fritto e sostituzione con bollito o al vapore;
  • uso attivo di prodotti lattiero-caseari fermentati, legumi, grano saraceno, frutti di mare, noci, sottoprodotti.

Farmaci e farmaci

Come curare la linfostasi degli arti inferiori con preparazioni medicinali? Per questo è necessario prendere significa, normalizzando il flusso linfatico e aumentare l'elasticità dei vasi sanguigni. Questi farmaci includono:

  • agenti enzimatici (Phlogenzym);
  • diuretici nominati sotto la supervisione costante di un medico;
  • Solcoseryl, che promuove la formazione di collagene nelle pareti vascolari;
  • vitamina E;
  • antibiotici con un'ampia azione;
  • acido ascorbico;
  • significa contenente componenti di ippocastano;
  • Kumarin, che riduce l'edema e diluisce il sangue;
  • Troxevasin con Detralex, che aumenta il tono delle vene;
  • Lymphomiazot come rimedio omeopatico per migliorare il flusso linfatico;
  • Trental, che aiuta a diluire il sangue;
  • farmaci, antistaminici;
  • Lycopid e acido succinico, stimolando l'immunità.

Il feedback sul trattamento della linfostasi degli arti inferiori indica la necessità di farlo nel tempo e nella fase iniziale della malattia.

Prodotti a compressione

Per il trattamento della linfostasi vengono utilizzati mezzi di compressione:

  • bendaggio elastico;
  • pneumocompression.

Nel primo caso, elastico la benda viene avvolta su una gamba dal basso verso l'alto, iniziando con un dito e terminando con l'anca. Prima di andare a letto, colui che cura la linfostasi degli arti inferiori, li allevia di un impacco.

Con pneumocompressione La gamba del paziente viene inserita in uno stivale speciale, dove viene applicata la pressione. C'è una compressione consistente del piede pompando aria nel bagagliaio.

Metodi tradizionali di trattamento

Nel contesto della medicina alternativa, viene applicata la terapia della linfostasi degli arti inferiori con il metodo del dott. Kapustin. Quando si tratta il paziente con questo metodo le iniezioni sono fatte, la composizione di cui include il contenuto di un uovo di gallina e soluzione salina. Il trattamento dura per un mese e include 4 iniezioni.

Gli specialisti non consigliano di eseguire questo trattamento da soli. È necessario consultare il medico in anticipo.

Per il trattamento della linfostasi vengono utilizzate varie compressioni folcloristiche, tra cui:

  • Comprimi da cavolo (Le foglie di cavolo leggermente schiacciate vengono applicate sulla gamba malata sul 7 ore o al giorno con sostituzione periodica di vecchi fogli con quelli nuovi);
  • impacco al miele a base di latte uterino (Le bende sono immerse nel latte e avvolte intorno alla gamba con una copertura successiva con un fazzoletto caldo, l'impacco viene lasciato per la notte);
  • un pacchetto di catrame e cipolle al forno.

conclusione

Per un corretto trattamento della linfostasi delle gambe, è necessaria una diagnosi tempestiva. Diverse forme di malattia richiedono diversi metodi di trattamento. La terapia farmacologica è inefficace se il paziente ha una limfostasi tardiva secondaria degli arti inferiori. Il trattamento in questi casi comporta un intervento chirurgico. In caso di malattia, il paziente ha bisogno di una terapia di mantenimento per tutta la vita e di una dieta speciale con adattamenti dello stile di vita.

Linfostasi degli arti inferiori - che cos'è e come trattarla, foto

Il gonfiore alle gambe è un problema quasi familiare ad ogni persona. Con una faccia simile chi è costretto a passare molto tempo in piedi, cammina. Le donne sono più inclini a questo a causa del camminare sui talloni. Questo gonfiore appare alla fine della giornata e passa al mattino. Tuttavia, è impossibile ignorare il sintomo, poiché è possibile che questo sia lo stadio iniziale delle vene varicose o della tromboflebite, quindi la diagnostica aggiuntiva qui non sarà superflua.

Se il problema persiste a lungo e il gonfiore diventa più forte, non è esclusa una malattia così sgradevole come la stasi della linfa nelle gambe.

In questo caso, sono necessari metodi di esame approfonditi per diagnosticare e anche stabilire il grado di lesione degli arti.

Caratteristiche di patologia

Che cos'è la linfostasi degli arti inferiori e come trattarla? Domande che non vengono spesso visitate. Sfortunatamente, prestano attenzione al problema già quando i piedi vengono colpiti troppo duramente e viene richiesta una terapia seria della malattia per liberarsene.

Quindi, linfedema - cos'è, come trattare e quale dottore contattare. La trombosi linfatica è una grave patologia caratterizzata da alterazioni del flusso linfatico e conseguente stasi linfatica nei tessuti degli arti inferiori. Negli stadi successivi della malattia, la stasi viene rilevata in altre parti del corpo.

In assenza di un trattamento complesso, il paziente può sviluppare l'elefantiasi - una grave complicanza che può portare alla disabilità.

Deve essere chiaro che il disturbo non passa da solo senza la giusta terapia. Oltre alle ustioni, una violazione del deflusso della linfa può portare ad un aumento della secchezza della pelle, alla comparsa di vesciche su di esso, a un forte prurito e ad una compromissione della rimozione delle tossine dal corpo.

Linfoderm è diviso in primario (congenito) e secondario (acquisito). Più spesso, tuttavia, si può osservare una manifestazione complessa: la patologia si sviluppa sotto l'influenza di malattie concomitanti o provocando fattori esterni, ma la persona ha una predisposizione ereditaria (predisposizione genetica) o patologie congenite che possono provocare un disturbo.

cause di

Le cause della linfostasi degli arti inferiori sono convenzionalmente suddivise in 2 grandi gruppi, a seconda della forma di patologia (congenita, acquisita). Le forme della malattia (la differenza tra loro) sono importanti, poiché il trattamento dipenderà da questo. La medicina si concentra sul fatto che senza un trattamento adeguato della causa alla radice per far fronte alle manifestazioni della malattia è semplicemente impossibile.

La patologia del sistema linfatico può essere causata da vari fattori. Si incontrano frequentemente di loro:

  • predisposizione ereditaria (spesso manifestata durante la gravidanza a causa di cambiamenti ormonali);
  • trauma alla nascita (provocare patologia congenita);
  • malattia renale;
  • insufficienza cardiaca;
  • in sovrappeso;
  • malattie infettive;
  • Patologia vascolare;
  • varicosità, tromboflebite;
  • danno ai microrganismi, che provoca l'indebolimento del corpo.

Frequentemente, una violazione del deflusso della linfa negli arti inferiori è le conseguenze delle vene varicose e dell'insufficienza venosa. Queste patologie provocano il blocco del lume vascolare, ma lo sfondo di cui il fluido cellulare (linfa) non può normalmente circolare, formando ristagno.

sintomatologia

I sintomi della malattia dipendono direttamente dallo stadio della malattia. È accettato distinguere 3 fasi dello sviluppo della malattia. Alle loro caratteristiche caratteristiche è consuetudine riferirsi:

  1. Linfedema. La forma iniziale della malattia, caratterizzata da un leggero rigonfiamento degli arti inferiori (o uno di essi), che passa di mattina. La pelle non è esfoliata, ha una tonalità pallida. Il gonfiore aumenta dopo l'esercizio.
  2. Fibridema. Tale edema è già considerato irreversibile a causa dei cambiamenti caratteristici del tessuto connettivo. In questa fase esiste già una sindrome del dolore pronunciata e il gonfiore non scompare anche dopo un buon riposo. La pelle diventa densa al tatto e quando viene premuta, l'impronta è notevole. Periodicamente, il paziente può manifestare convulsioni. L'affaticamento dei piedi arriva rapidamente. Anche dopo uno sforzo fisico minore, il dolore si intensifica e il gonfiore diventa pronunciato.
  3. Elefantiasi. Una complicanza grave, che è caratterizzata da un significativo aumento del volume del tessuto connettivo sotto la pelle. La pelle diventa fortemente blu, indurisce e si estende. Le gambe aumentano di volume sempre di più, la sindrome del dolore diventa più pronunciata.

In assenza di un trattamento normale, l'arto cambia sempre di più, le deformazioni, le articolazioni cessano di piegarsi. È anche spesso possibile osservare ulcere e alterazioni necrotiche della gamba interessata.

Metodo di trattamento

Il trattamento della patologia del sistema linfatico coinvolge contemporaneamente diversi metodi, ognuno dei quali ha una predestinazione ed è di grande importanza per il recupero. Il metodo viene scelto in base a quale fase si trova la patologia. È anche importante prendere in considerazione la causa principale: se il problema si verifica sullo sfondo di un'altra causa sottostante (ad esempio, problemi renali), allora è necessario prima di tutto affrontare questa malattia. Altrimenti, anche un buon trattamento porterà un risultato a breve termine.

I metodi principali sono di solito:

  • prendere medicine Nelle prime fasi del trattamento conservativo è una terapia indipendente che può dare un buon risultato. Nelle fasi successive, le medicine sono ausiliari importanti, senza i quali è impossibile recuperare completamente;
  • l'intervento chirurgico è una misura estrema, che di solito è ricorsa in casi eccezionali quando la malattia è in una fase avanzata;
  • metodi ausiliari. Questo include esercizi terapeutici, massaggi, correzione della dieta e altre raccomandazioni che aiuteranno ad accelerare il recupero e prevenire le ricadute.

La dieta di tali pazienti deve essere basata su una diminuzione dell'assunzione di liquidi, nonché su prodotti che possono complicarne il deflusso (affumicato, salato, fritto). Si raccomanda inoltre di indossare biancheria intima da compressione con linfostasi. È in grado di esercitare un effetto di supporto sulla parete vascolare, impedendole di ridurre il tono, che in questo caso è un elemento importante nella prevenzione dei fenomeni stagnanti.

Scegliendo il trattamento giusto, sarà necessario sottoporsi a un test preventivamente per escludere l'effetto opposto (alcune patologie concomitanti sono incompatibili con singoli gruppi di farmaci).

A volte può essere un metodo efficace di trattamento dai rimedi popolari. Per coloro che sono scettici su questo, può essere consigliabile combinare questa terapia con metodi tradizionali.

Il compito principale di qualsiasi metodo è:

  • facilitare il ritiro del fluido dal corpo;
  • promuovere il riassorbimento dell'edema formato degli arti inferiori;
  • riduzione del dolore;
  • miglioramento della circolazione linfatica;
  • rafforzamento generale del corpo.

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Trattamento rapido delle emorroidi in casa

Motivi

Di volta in volta ogni persona ha problemi di salute. Se parliamo di raffreddore o avvelenamento senza imbarazzo, allora cerchiamo di non parlare di emorroidi....

Tutto sul trattamento non chirurgico delle emorroidi: metodi e soluzioni

Motivi

Anche se la parola "emorroidi" è passata da tempo nel campo del folklore, dove significa "un problema cattivo, difficile da risolvere", non ha perso la malattia delle sue posizioni fino ad ora, nonostante gli ovvi successi della medicina nella sua guarigione....