Lezioni in palestra dopo la scleroterapia

Struttura

Benvenuto! Se è possibile essere impegnato in una palestra dopo una scleroterapia in 2-3 settimane. Forse ci sono esercizi consentiti e sotto stretto divieto? O ora non puoi mai praticare sport? Grazie

sintomi: La possibilità di carichi di potenza dopo la scleroterapia
Età: 33 anni

Puoi allenarti in palestra anche durante il corso della scleroterapia - a condizione che non carichi i piedi (stiamo parlando di carichi di potenza, esercizi sui simulatori con pesi). Dopo un ciclo di scleroterapia, se non diversamente consigliato da un flebologo, puoi praticare sport senza restrizioni. Tuttavia, questi carichi, ovviamente, possono avere un effetto negativo sul sistema venoso, possono stimolare e provocare l'ulteriore sviluppo del processo patologico nel sistema venoso. Il divieto rigoroso, se esiste, sarà causato non dal trattamento, ma dai rischi per il sistema venoso nel suo complesso.

Raccomandazioni per un paziente che è in programma per la scleroterapia

I pazienti con vene varicose degli arti inferiori sono consapevoli dell'esistenza di un trattamento speciale per la loro malattia. Nel linguaggio comune sembra "trattamento con iniezioni". Il nome corretto - scleroterapia a compressione. Il primo termine enfatizza la componente obbligatoria e importante del trattamento: la compressione elastica. Il secondo mostra la natura del processo di guarigione delle vene trattate.
Oggi la scleroterapia è un metodo popolare e abbastanza efficace per trattare le vene varicose, specialmente nelle fasi iniziali della malattia. Relativa semplicità, economicità, rispetto alla chirurgia in ospedale, mancanza di ospedalizzazione, capacità di eseguire il lavoro durante il trattamento, buoni risultati estetici - ha fornito fiducia nella scleroterapia in Occidente.

Usando la scleroterapia nei paesi occidentali, viene trattato circa il 70% di tutti i pazienti con vene varicose degli arti inferiori.
Il metodo si basa sulla possibilità di alcuni farmaci con somministrazione endovenosa in un modo speciale di interagire con la parete venosa. A causa di ciò in futuro, il suo "incollaggio" ha luogo e il flusso di sangue in quest'area cessa. Al sito della vena, all'inizio c'è un punto indolore, e poi anche questa sensibilità passa. Nonostante l'apparente semplicità (come una semplice iniezione endovenosa), il metodo richiede una conoscenza approfondita e una competenza professionale.

In quali casi è applicabile la scleroterapia?

Assolutamente è mostrato a teleangiectasias e varicose reticolare. Per comprendere questi termini, devi solo misurare il diametro delle vene. Le teleangiectasie sono capillari ingranditi della tribù venosa. A volte questi capillari sono associati all'arteria, che porta ad un forte aumento della pressione intracapillare. Il diametro delle teleangiectasie, o come vengono chiamate, degli asterischi vascolari, non è superiore a 0,5 mm. La dimensione delle vene reticolari varia da 0,6 a 2 mm. Il primo si trova per via intradermica, il secondo per via sottocutanea. Le vene di cui sopra non sono sempre sclerosate, in alcuni casi, a causa della connessione con il sistema arterioso, l'effetto è inadeguato.

Nel caso di vene varicose significative, la questione della possibilità di scleroterapia viene decisa individualmente. Qui, il ruolo è giocato dalle caratteristiche anatomiche e funzionali del sistema venoso del paziente, dalla prevalenza delle vene varicose, dalla condizione delle vene profonde e perforanti. Di norma, il paziente viene sottoposto a un esame prima del trattamento: la dopplerografia o la scansione duplex delle vene.

Teoricamente, la maggior parte delle vene cede alla scleroterapia, ma sarebbe sbagliato trattare qualsiasi varicosi in questo modo. Primo: nessuno garantisce che la vena non riappaia dopo un po ', cioè, ci può essere una ricaduta. Ciò è dovuto al fatto che le vene varicose sono una malattia cronica incline alla progressione. Nelle aree in cui viene eseguita la scleroterapia, nuove vene non appaiono, ma possono apparire altrove. Qualsiasi trattamento della malattia che esiste al momento è sintomatico, cioè fornisce un trattamento dei sintomi, non le cause della malattia. Le vere cause delle vene varicose non sono ancora completamente comprese e, apparentemente, sono nel campo dei disturbi genetici. In secondo luogo: con relativa sicurezza, esistono complicazioni. Anche se è più corretto chiamarli effetti collaterali del trattamento. Se lo sclerosante colpisce la pelle, può comparire un sito di infiammazione (infiltrato) nel sito di iniezione e occasionalmente necrosi cutanea. Praticamente nel 60-70% dei casi ci sono lividi (contusioni) lungo i vasi sclerotizzati. Ciò è dovuto al riempimento parziale dei capillari con il sangue dopo la scleroterapia a causa dell'elevata pressione nelle vene. In un certo numero di casi, la pigmentazione della pelle si verifica nel corso della vena sclerosante, più spesso si verifica a seguito di tromboflebite locale, provocata da insufficiente svuotamento del vaso quando iniettato o riassorbito con ematomi. Inoltre, l'iperpigmentazione è più comune nelle persone con colore e capelli scuri della pelle, così come un elevato contenuto di ferro nel corpo, l'assunzione di preparazioni di ferro e alcuni antibiotici. Naturalmente, dopo aver eseguito una puntura venosa, la perdita parziale passiva di sclerosante e sangue avviene attraverso la puntura della parete nel punto di inserimento dell'ago, che determina la formazione di ematomi e iperpigmentazione. Inoltre, gli sclerosanti causano una riduzione della coagulazione del sangue nel sito di somministrazione, nonché un'aumentata permeabilità della parete del vaso per le cellule del sangue. L'iperpigmentazione si verifica nel 20-40% dei casi con gravità diversa. Una normale reazione al trattamento è un oscuramento della pelle per 3-4 settimane. Nei prossimi 3-6 mesi, a volte fino a 12 mesi, si verifica un graduale recupero del normale colore della pelle. Queste complicazioni sono reversibili e passano dopo un po 'da sole o dopo l'applicazione di unguenti speciali. Nessuno è immune dalle reazioni allergiche, sebbene la loro probabilità sia minima. Il paziente deve necessariamente informare il medico delle malattie concomitanti, un'attenzione particolare è rivolta agli episodi trombotici di condizioni disormonali. La presenza di condizioni trombofiliche impone gravi limitazioni alle prestazioni della scleroterapia.

Se eseguito correttamente, l'introduzione del farmaco nella vena non provoca dolore, poiché si utilizzano speciali aghi sottili. A volte c'è una leggera sensazione di bruciore nel corso della vena, che passa rapidamente. Immediatamente dopo le iniezioni, la gamba del paziente viene fasciata con una benda elastica. Camminare per trenta minuti dopo è obbligatorio. Per 3-7 giorni il paziente cammina 24 ore su 24 con questa benda. Nelle visite successive, il medico decide se effettuare iniezioni ripetute e nomina un'ulteriore modalità di bendaggio, a seconda dell'effetto e del piano di trattamento. Non è sempre possibile fare tutto in una volta.

Il numero necessario di procedure dipende dalle caratteristiche delle vene: possono essere richieste da 1 a 5 (una media di 2-3), a seconda dei casi. Durante una procedura, possono essere effettuate da 3 a 10 iniezioni, a seconda della forma della malattia e del tipo di farmaco sclerosante utilizzato e della sua concentrazione.

La scleroterapia può non solo ottenere effetti terapeutici e cosmetici, ma anche prevenire lo sviluppo delle vene varicose.

Quello che devi sapere sulla scleroterapia:

  • la scleroterapia dovrebbe preferibilmente essere eseguita nel mezzo del ciclo mestruale
  • È necessario informare il medico sull'assunzione di farmaci ormonali
  • una settimana prima della procedura dovrebbe interrompere l'assunzione di aspirina e altri anticoagulanti, così come i farmaci anti-infiammatori
  • Non bere alcolici e fumare per 2 giorni prima e dopo la scleroterapia
  • Non fare la depilazione
  • dovrebbe fare una doccia igienica, lavare i piedi con sapone abituale o antibatterico

Si consiglia di venire per il trattamento in abiti e scarpe comode e spaziose, tenendo conto dell'usura della fascia di compressione.

Attenzione per favore! Alla fine della procedura, viene applicata una speciale fasciatura elastica al piede o viene indossata una fascia di compressione, che deve essere indossata 24 ore su 24 durante il corso del trattamento.

La scleroterapia è quasi indolore. La durata della procedura è compresa tra 15 e 45 minuti.

Dopo la scleroterapia: per 10-30 minuti è necessario essere come; Si consiglia di camminare per almeno un'ora ogni giorno

  • per due settimane non puoi fare bagni caldi e 1,5-2 mesi - visita la sauna o il bagno
  • durante l'intero periodo di trattamento non dovrebbe frequentare una palestra, impegnarsi in forma fisica

Il costo del corso di scleroterapia, di norma, consiste nel pagamento del personale medico e nel pagamento di medicinali, che comprendono lo stesso sclerosante, bende speciali, speciali cuscinetti in lattice, nonché alcune forniture e farmaci.
Molto spesso i pazienti fanno una domanda - quando è meglio fare la scleroterapia In linea di principio, è possibile in qualsiasi momento dell'anno, ma la preferenza è data alla stagione fredda. La ragione nel calore, la difficoltà di mantenere il regime igienico della pelle del piede sotto la benda, soprattutto quando indossato tutto il giorno.

Recupero dopo scleroterapia

Con l'osservanza di regole appropriate, è possibile ottenere un buon risultato visivo, per curare le vene varicose. Dopo la procedura di scleroterapia è importante soddisfare la prescrizione del medico. Ciò minimizza il rischio di progressione delle complicanze.

Cosa fare dopo la scleroterapia?

La procedura corrispondente è uno dei metodi per eliminare le vene varicose. L'essenza del trattamento è l'iniezione di un farmaco speciale che fa aderire le pareti dei vasi. A causa di ciò, è possibile sbarazzarsi di una spiacevole condizione patologica senza intervento chirurgico.

I pazienti devono sapere come comportarsi dopo la scleroterapia delle vene. Ciò eviterà la formazione di una varietà di foche, lividi e altre complicazioni correlate.

Il primo aspetto di un periodo di riabilitazione di successo è indossare una benda elastica e calze speciali. Forniscono un'adeguata compressione delle vene trattate. La prima notte dopo la procedura appropriata, il paziente dovrebbe dormire in una fasciatura elastica e calze. Quindi devi indossare solo la jersey di compressione.

È un tipo speciale di abbigliamento, creato da uno speciale tessuto elastico, che assicura una compressione uniforme dei vasi per accelerare il processo di riassorbimento delle vene trattate. Queste calze sono indossate tutti i giorni al mattino, ma prese prima di coricarsi.

Quanto indossare bende e maglieria a compressione dopo la microscleroterapia? Le calze speciali vengono utilizzate per 14 giorni. Le bende vengono applicate solo nel primo giorno.

Raccomandazioni importanti dopo la scleroterapia:

  • Alla fine della procedura, devi camminare per mezz'ora. Questo dovrebbe essere fatto sotto la supervisione di un medico.
  • Dopo la scleroterapia puoi andare a fare sport. Ogni giorno è necessario passare a 3-4 km dal solito passo.
  • Se hai mal di testa, devi prendere il rimedio appropriato, che lo specialista consiglierà in via preliminare.
  • In una settimana il paziente deve sottoporsi a un esame programmato con un medico. Se necessario, ripetere la procedura dopo 14 giorni, ma previo accordo con il medico.

La progressione del dolore e del gonfiore alle gambe dovrebbe avvisare il paziente e fargli visitare un medico. Altrimenti, gli effetti della scleroterapia saranno esacerbati.

Cosa non si può fare?

Per ottenere il risultato più favorevole, il paziente deve limitare un numero di punti dopo la fine della procedura. La riabilitazione qualitativa dopo la scleroterapia proibisce quanto segue:

  • Fai bagni caldi, fai una sauna o una sauna per le prossime due settimane.
  • Prendere il sole. I primi 14 giorni di preparazione del sito di iniezione devono essere accuratamente nascosti alla luce solare diretta. Tan frena il processo di recupero.
  • Vola sull'aereo
  • Fai sport con eccessivo sforzo fisico.
  • Applicare una varietà di creme e gel. Controindicato l'uso di unguento con eparina dopo scleroterapia a causa dell'elevato rischio di lividi e lividi.

Posso assumere alcolici dopo la scleroterapia? Non ci sono divieti rigorosi sull'uso di bevande alcoliche. Tuttavia, non usare l'etanolo nei primi 2-3 giorni. Immediatamente dopo aver incollato le vene, non puoi guidare. Preparazioni specializzate contengono alcol nella loro composizione.

Per accelerare il periodo di recupero, dovresti evitare di stare seduto a lungo o stare in piedi in un posto. Ciò impedirà il ristagno di sangue nei vasi sanguigni e raggiungerà rapidamente il risultato desiderato.

Periodo di recupero

La scleroterapia è uno dei metodi più popolari per combattere le vene varicose. I pazienti devono capire che il processo di trattamento non è una tantum. Per ottenere il risultato appropriato, è necessario passare attraverso un certo periodo di riabilitazione.

Ad ogni paziente è individuale e dipende dalle caratteristiche di un organismo concreto, dalle sue capacità rigenerative. La condizione principale per il recupero qualitativo rimane l'autocontrollo e la disciplina del paziente. Il rispetto delle regole e delle raccomandazioni del medico garantisce la minimizzazione del rischio di complicanze.

Nel processo di sclerosante delle vene, c'è un'infiammazione asettica locale. Questo è spesso accompagnato da gonfiore, piccole emorragie, sindrome del dolore. Dopo la scleroterapia appaiono spesso sigilli e coni (coagulae) lungo la nave. Indicano un corso normale del processo di incollaggio delle vene. Le coagule sono piccole bolle con un liquido all'interno. Per rimuoverli, i medici usano aghi sottili e rimuovono il contenuto.

Lividi dopo scleroterapia e gonfiore sono un evento comune. I primi si formano dapprima nel sito di iniezione. Hanno un caratteristico colore cianotico. Nel tempo diventano gialli. Dopo circa 7-10 giorni, la pelle acquisisce un colore normale. Come rimuovere un difetto visivo, se durante questo lasso di tempo i lividi non passano?

È necessario continuare l'uso della maglieria a compressione e consultare un medico. Talvolta la flebite si sviluppa sullo sfondo della procedura. Nel 5-10% dei casi, l'iperpigmentazione della pelle si verifica nei siti di iniezione dei farmaci, che passa in modo indipendente dopo 2-3 mesi.

complicazioni

La scleroterapia è un metodo sicuro per eliminare i vasi dilatati, che è ampiamente usato nella pratica. Al momento, la tecnica di eseguire la procedura corrispondente ridurrà al minimo i rischi di sviluppare una serie di conseguenze indesiderabili. I pazienti tollerano bene l'intervento. La percentuale di complicazioni è insignificante.

Tuttavia, ci sono una serie di possibili effetti collaterali che possono dare a una persona un certo disagio. Questi sono:

  • Prurito della pelle nella zona di iniezione. Rimane una reazione del corpo all'introduzione di un farmaco appropriato. Questa condizione non richiede l'uso di farmaci specializzati dopo la scleroterapia. Passa indipendentemente in 1-2 ore.
  • Decolorazione della pelle La copertura del corpo lungo la nave può diventare marrone. Tale pigmentazione è osservata nel 5-10% dei pazienti e non richiede un trattamento speciale.
  • Pelle scrostata Ci sono meno del 2% dei pazienti.
  • Reazioni allergiche Sviluppare estremamente raro.
  • Evento di edema a breve termine. Se la gamba è gonfia, dolorante e cambia colore, è necessario contattare il medico. Tali sintomi possono indicare lo sviluppo della flebite.
  • Sindrome del dolore.

Le situazioni sopra descritte sono per lo più a breve termine e non causano problemi particolari al paziente. Tuttavia, è necessario evidenziare le conseguenze più pericolose della procedura.

Complicazioni dopo la scleroterapia:

  • stravaso - L'introduzione della medicina oltre la vena. Il farmaco entra nel tessuto molle. Progressione di infiltrazione nell'area interessata, accompagnata da sindrome del dolore, arrossamento e formazione di un sigillo. Nel sito patologico, si sviluppa l'infiammazione locale. Nel tempo, passa da solo.
  • tromboflebite - Infiammazione della vena. Una rara complicanza, che si verifica principalmente quando la procedura viene eseguita in modo errato o quando è attaccata un'infezione batterica. Maggiori dettagli sulla tromboflebite →

La flebite dopo scleroterapia è meno comune nella pratica. La sua diffusione nel passato era dovuta all'introduzione di preparati liquidi. Ora vengono usate sostanze schiumose. Sono meglio in contatto con la parete del vaso e minimizzano il rischio di flebiti.

L'uso della manipolazione del controllo a ultrasuoni consente l'implementazione di iniezioni ultra precise. Tale controllo fornisce un buon risultato terapeutico. Le flebite e altre complicazioni si sviluppano molto raramente.

La scleroterapia è un metodo moderno ed efficace per eliminare le vene dilatate. Ogni anno sempre più persone lo usano per eliminare le vene varicose o gli asterischi vascolari.

Cosa il paziente non può e cosa fare dopo la procedura di scleroterapia

La scleroterapia è uno dei metodi più efficaci per trattare alcune forme di vene varicose. È il processo di introduzione di una soluzione nella vena interessata, che causa il suo riassorbimento. Al momento ci sono diversi metodi di questa procedura. Quale di loro è considerato il più efficace? Se ci sono controindicazioni e dagli effetti, e la verità, che dopo una scleroterapia è impossibile guidare l'auto?

Scleroterapia a schiuma

Negli ultimi anni, il metodo della scleroterapia "a schiuma" (o terapia del phoema) è diventato particolarmente popolare.
L'essenza della procedura è che la schiuma viene introdotta nella vena deformata dalla vena, contenente tutti i componenti necessari per l'incollaggio. Una caratteristica distintiva della tecnica è la connessione di due siringhe e la frusta dello sclerosante immediatamente prima dell'inserimento nella nave richiesta.

Questo metodo offre risultati migliori rispetto alla scleroterapia tradizionale.
La procedura viene eseguita sotto la supervisione di ultrasuoni e consiste di 3-10 iniezioni. Per il recupero completo, è necessario passare attraverso circa 5 sessioni.

Determina per quanto tempo sarà trattato in ogni singolo caso, solo un flebologo può.

La procedura viene eseguita solo nella stagione fredda. È impossibile eseguire la scleroterapia in estate, poiché dopo un po 'di tempo sarà necessario indossare calze o bendaggi compressivi.

Indicazioni per la scleroterapia con schiuma

Di solito questo metodo viene utilizzato quando la malattia può essere interrotta senza intervento chirurgico o dopo l'intervento chirurgico. Principali indicazioni:

  • asterischi vascolari o un reticolo;
  • noduli varicosi;
  • espansione delle vene periferiche.

La scleroterapia a base di schiuma è completamente impotente nel trattamento delle vene profonde.
La procedura viene generalmente eseguita per pazienti adulti di età compresa tra 30 e 65 anni. Più spesso - alle donne, poiché i rappresentanti della metà forte di solito iniziano la malattia a tal punto che nessuna operazione non può essere eliminata.

Cosa non si può fare dopo la scleroterapia?

Dopo la procedura, si raccomanda di seguire alcune regole:

  • Non sedersi o sdraiarsi subito dopo le iniezioni, in modo che il sangue nei vasi non ristagni.
  • Non utilizzare il veicolo, perché l'alcol è contenuto nelle soluzioni. I driver dovranno soffrire qualche inconveniente.
  • I primi giorni non devono essere rimossi tamponi di cotone e bende. Le calze a compressione o i collant devono essere indossati per tutto il tempo indicato dal medico.
  • Entro 2 settimane dopo la procedura, dovresti astenervi dall'assumere bagni caldi, per 2 mesi - dalla visita alla sauna e dalla sauna, al centro fitness.
  • Non limitare la mobilità. Tutti sono consigliati per camminare almeno 2 km, l'opzione ideale - una passeggiata quotidiana prima di andare a letto. Questo ti aiuterà a recuperare più velocemente.

Scleroterapia: effetti collaterali e controindicazioni

È importante capire che la scleroterapia, come qualsiasi altro metodo di trattamento, può avere effetti collaterali. Può essere una reazione allergica, tromboflebite. In alcuni casi, si verifica anche la necrosi della pelle.

Le controindicazioni alla procedura di scleroterapia sono:

  1. Gravidanza e allattamento.
  2. Diabete mellito.
  3. Violazione dei processi metabolici nel corpo.
  4. Epatite.
  5. Intolleranza ad alcuni componenti dei farmaci.

Prima della procedura, è necessario avvertire il medico circa l'assunzione di farmaci ormonali o anti-infiammatori, in quanto alcuni dei loro componenti possono provocare la comparsa di lividi.

Non effettuare anche manipolazioni durante il periodo di esacerbazione di eventuali malattie croniche.

Sport dopo la scleroterapia

La scleroterapia è un metodo rimozione non chirurgica delle vene dilatate con le vene varicose. Poiché non è necessario rimanere in ospedale dopo la procedura, molti pazienti hanno una domanda: è possibile praticare sport dopo la scleroterapia? In questo articolo discuteremo di come la scleroterapia e gli sport sono correlati e forniamo consigli su quali esercizi possono essere eseguiti dopo la scleroterapia.

Come sta andando la scleroterapia?

La tecnica della scleroterapia consiste nell'introduzione nella vena allargata di un tensioattivo - sclerosante. Sclerosante sposta il sangue dal vaso e promuove l '"incollaggio" delle pareti vascolari. Dopo 3-5 mesi, i vasi sclerotizzati si dissolvono senza intervento chirurgico.

È possibile praticare sport dopo la scleroterapia?

Dopo la scleroterapia puoi fare sport, ma in quantità limitata. Quindi, subito dopo la procedura, i pazienti indossano calze compressive ospedaliere e vanno a fare una mezz'ora obbligatoria a piedi. La lingerie da compressione e una camminata accelerano lo spostamento del sangue dalla nave e migliorano il risultato. Tuttavia, tre giorni dopo l'operazione fare sport non è raccomandato. A questo punto, non è possibile rimuovere le calze elastiche, anche di notte - l'effetto di compressione dovrebbe essere 24 ore su 24.

Entro 2 settimane dall'intervento, è vietato allenarsi in palestra, sollevare pesi, prendere il sole (anche nel solarium) per più di 5 minuti e visitare la sauna e la sauna. tuttavia a piedi non solo è possibile, ma è anche necessario. Camminare si consiglia di visitare almeno un'ora al giorno.

Posso fare esercizi dopo la scleroterapia?

Tre giorni dopo la scleroterapia, è possibile fare l'esercizio - soprattutto, non usare la ponderazione, non accovacciarsi o correre. Si raccomanda di limitare il carico sulla macchina da stampa.

Come migliorare il risultato dopo la scleroterapia?

Sport dopo la scleroterapia (il tempo raccomandato dopo il quale è possibile tornare ai soliti carichi sportivi, è di 1-2 mesi, a seconda delle raccomandazioni della spalla mancante) aiuta a mantenere il corpo in forma. Tuttavia, gli atleti sono aumentati rischio di recidiva della malattia.

Per prevenire il ritorno delle vene varicose, è necessario seguire scrupolosamente le raccomandazioni del medico: è obbligatorio indossare calze compressive ospedaliere nel periodo postoperatorio e indossare indumenti di compressione quotidiani per l'allenamento sportivo.

La compagnia russa "Intertekstil corp." Produce calze ospedaliere e calze a compressione quotidiana, calze e collant studiati per mantenimento delle vene varicose indebolite. L'intimo a compressione "Intex" migliora il flusso del sangue dalle gambe, prevenendo il ripetersi delle vene varicose dopo la scleroterapia.

Scleroterapia a compressione delle vene degli arti inferiori: prima e dopo. Tipi di procedura, formazione e riabilitazione

Le vene varicose sono una malattia vascolare grave ed estremamente comune. Fino a un certo tempo, le vene varicose senza sintomi visibili. Ciò porta al fatto che la chiamata al medico si verifica nella fase avanzata della malattia. Questa fase dello sviluppo della patologia è già il secondo grado delle vene varicose. Di regola, in questo caso i metodi di trattamento conservativi non sono così efficaci e è richiesto un intervento chirurgico.

Contenuto dell'articolo

La diffusa prevalenza della malattia vascolare ci costringe a cercare nuovi metodi per curarla. Pertanto, non ci sono solo tecniche invasive, ma anche efficaci, minimamente invasive. Una delle procedure non chirurgiche più popolari è la scleroterapia delle vene varicose.

Scleroterapia delle vene degli arti inferiori: la storia della tecnica, i tipi, la preparazione

Se al paziente è stata diagnosticata la presenza di vene varicose degli arti inferiori, lo specialista prescriverà il trattamento il più presto possibile. Lo schema terapeutico sarà completo. Può consistere nelle raccomandazioni di uno specialista per quanto riguarda lo stile di vita del paziente, l'assunzione di farmaci, l'uso di prodotti topici, l'esecuzione di esercizi terapeutici e il massaggio. Nel caso in cui sia necessario un trattamento radicale, può essere prescritto un intervento chirurgico, in particolare la scleroterapia iniettiva. Qual è questo metodo e quali caratteristiche ha?

La scleroterapia a compressione delle vene degli arti inferiori è una tecnica minimamente invasiva che consente il trattamento dei sistemi linfatici e vascolari rimuovendo la patologia alterata delle vene. Questa non è un'operazione per rimuovere le vene, ma la sua alternativa. L'essenza della procedura è che i farmaci vengono iniettati nella cavità colpita dei vasi, causando un processo irreversibile di svuotamento del lume e cicatrici della parete venosa. I farmaci che impediscono il flusso sanguigno sono chiamati sclerosanti.

La procedura di scleroterapia delle vene non è nuova. Ma sin dalla prima citazione in lavori scientifici, ha subito una serie di cambiamenti significativi. Per la prima volta, la procedura di scleroterapia delle vene degli arti inferiori fu testata dai medici nella seconda metà del XIX secolo. A quel tempo, sale, eteri e sostanze chimiche complesse venivano usate come sclerosanti. Pertanto, gli effetti della scleroterapia per il corpo erano negativi. Gli effetti collaterali hanno bloccato l'intero effetto positivo del trattamento della malattia. Questi fenomeni negativi e sono diventati un ostacolo per l'ulteriore sviluppo di questo tipo di trattamento per le vene varicose per molti anni. Solo un secolo dopo è stato scoperto un farmaco che, inserito con precisione nel canale, porta al suo "incollaggio" di successo.

Più tardi la tecnica della scleroterapia è stata migliorata. Per controllare la somministrazione del farmaco, è stato deciso di utilizzare l'angioscansione duplex ultrasonico. In precedenza, veniva utilizzato solo per diagnosticare e valutare l'efficacia della terapia. L'uso del controllo a ultrasuoni migliora la qualità della procedura eseguita. Il metodo è chiamato echoscleroterapia. Inoltre, ci sono altri tipi di scleroterapia. Il più comune come schiuma (microfine), laser e microscleroterapia delle vene varicose degli arti inferiori.

Scleroterapia a schiuma

La tecnologia della schiuma o la scleroterapia con schiuma delle vene varicose viene utilizzata per rimuovere le grandi vene sottocutanee delle gambe. Questo tipo di terapia viene utilizzato quando la scleroterapia vascolare non può essere eseguita utilizzando iniezioni di farmaci solubili a causa dell'alto rischio di trombosi. Invece, la schiuma finemente dispersa viene introdotta nella vena. Il vantaggio di questo metodo è che quando una sostanza entra nel lume venoso, non si mescola con il sangue, ma lo spinge fuori. Pertanto, una sessione di scleroterapia con schiuma minimizza il rischio di coaguli di sangue. I vantaggi di questa terapia includono il risultato, che dà l'effetto desiderato dalla procedura più veloce rispetto ad altri tipi di procedura. E alla domanda: "Dopo quante delle vene scompaiono dopo la scleroterapia?", Puoi rispondere: "Momentaneamente!".

Scleroterapia laser

La rimozione delle vene varicose dal laser è abbastanza popolare e ha una grande efficacia. La procedura ha ridotto al minimo il trauma e la massima sicurezza per il paziente. Come si fa la scleroterapia laser sulle gambe con le vene varicose? La radiazione laser ha un effetto termico sulla membrana vascolare. Questo succede sotto la supervisione di ultrasuoni-doppler. Alla fine della scleroterapia, il punto in cui l'ago della guida di luce viene inserito nel segmento interessato del vaso venoso viene incollato insieme con uno speciale nastro o vengono effettuati dei tamponi di cotone per una compressione aggiuntiva. La procedura viene eseguita con analgesia novocaina. Qual è la migliore laser scleroterapia o coagulazione laser? La differenza nei metodi è che quando la coagulazione laser è leggera ed è difficile, e talvolta non può assolutamente penetrare nei tortuosi affluenti della nave. Inoltre, quando sono vicini alla pelle, sono possibili emorragie e ustioni. Pertanto, rispetto alla coagulazione laser, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori è meno traumatica e meno spesso causa complicazioni. Questo lo rende più efficace ed efficace.

Scleroterapia microscopica delle teleangectasie

La scleroterapia degli asterischi vascolari non solo sulle gambe, ma anche su parti del corpo sotto il livello del cuore (la rimozione degli asterischi vascolari sul viso deve essere eseguita con altri metodi) è denominata microscopica. Indicazione: è usato per rimuovere neoplasie vascolari fino a 0,2 cm di diametro. Come è fatto? Questa procedura è piuttosto cosmetica ed esegue il suo flebologo estetico. La scleroterapia degli asterischi sulle gambe con questo metodo comporta l'introduzione di un farmaco nel lume della nave con ago sottile e catetere. Il loro spessore è molto piccolo e pari al diametro dei capillari da rimuovere. Se necessario, lo specialista può utilizzare speciali strumenti ottici.

Preparazione per la scleroterapia delle vene degli arti inferiori

Quando il trattamento delle vene fornisce tale terapia, come la scleroterapia, allora sorge la domanda su come prepararlo? Di norma, tutte le raccomandazioni necessarie per la preparazione alla scleroterapia delle gambe sono fornite da un chirurgo vascolare o da un flebologo. Dopo tutto, il grado di danno ai vasi sanguigni è diverso. Inoltre, le condizioni aggravanti del paziente e le complicanze delle vene varicose non sono escluse. Pertanto, la preparazione per la procedura avrà caratteristiche individuali.

Esistono fasi preparatorie generali per tutte le categorie di pazienti. Su consultazione prima della procedura è necessario notificare all'esperto quali medicinali assumi. In particolare, questo vale per i farmaci ormonali e antinfiammatori. Possono aumentare il sanguinamento del tessuto e il periodo di recupero, poiché aumentano il rischio che contusioni e foche si sviluppino dopo la scleroterapia.

Oltre a qualsiasi intervento chirurgico, anche se minimamente invasivo, è necessario superare i test. Prima della scleroterapia, è necessario eseguire un esame del sangue per coagulazione e creare allergeni se il paziente ha una reazione allergica ai farmaci nell'anamnesi.

La scleroterapia non implica una dieta restrittiva preliminare. Prima della procedura dovrebbe essere solo un pasto leggero e non meno di 2 ore. È estremamente importante pulire preventivamente il corpo dalle tossine. Pertanto, la risposta alla domanda popolare sul fumo e l'alcol ("può o non può?"), Sarà negativa. Inoltre, dalle bevande alcoliche deve essere scartato non più tardi di 2 giorni, e dal fumo - non meno di 10 ore prima dell'intervento. È importante capire che l'inosservanza di queste raccomandazioni causa un cambiamento delle condizioni fisiche: aumento della pressione sanguigna, diaframma ridotto, vasospasmo, aumento della frequenza cardiaca, che possono influire negativamente sul corso dell'operazione.

Se il paziente usa creme, unguenti o gel per il trattamento, allora non possono essere applicati prima della procedura. Prepararsi per la sessione implica anche liberarsi del rivestimento dei capelli della zona operata della pelle. Meno di 72 ore prima della procedura non può essere l'epilazione. Preferire la rimozione dei peli con la rasatura. Inoltre, per almeno mezzo mese, è necessario astenersi dal visitare il solarium e prendere il sole. Prima della sessione è necessario fare una doccia igienica.

Per le cure mediche, dovresti portare una maglia di compressione medica. Lo specialista avvertirà in anticipo quali bende o calze saranno necessarie dopo la scleroterapia. È necessario scegliere vestiti e scarpe da soli. Non dovrebbe essere vicino e fatto di materiali sintetici. Il requisito principale è il comfort e la praticità, in modo da non ostacolare i movimenti quando si indossano maglieria a compressione.

Caratteristiche della procedura

La scleroterapia è una procedura minimamente invasiva. Pertanto, nonostante sia effettuato in un ospedale o in qualsiasi altro istituto medico, sarà eseguito su base ambulatoriale e non è richiesto il ricovero ospedaliero.

Il corso del trattamento può essere da 1 a 5 procedure, in media non più di 3. Il numero di sessioni dipenderà dalle caratteristiche della lesione vascolare. Una sessione dura non più di 10-20 minuti.

L'efficacia della procedura è piuttosto elevata, ma nessun esperto darà una garanzia a vita al paziente nonostante la completa eliminazione del problema. La nave sclerosata può ripristinare l'afflusso e dopo 5-10 anni ci sarà una ricaduta.

Scleroterapia e gravidanza

Una delle domande principali è se è dannoso e se è possibile fare la scleroterapia durante la gravidanza? La gravidanza è un periodo molto importante e difficile nella vita di una donna. Entro 9 mesi, il suo corpo sperimenta stress e carico colossale. Inoltre, è necessario proteggere al massimo la salute e la futura salute del bambino.

Nonostante la naturalezza, portare frutto è un processo complesso. E quasi ogni seconda donna incinta affronta patologie vascolari. Le vene varicose sono una malattia insidiosa e i suoi sintomi possono essere rilevati anche dopo l'inizio della gravidanza, anche se la malattia è presente da molto tempo. Inoltre, è possibile e lo sviluppo della patologia vascolare durante la gestazione. Dopo tutto, molti fattori contribuiscono a questo: aumento di peso, addome in crescita, carico sugli arti inferiori, diminuzione dell'attività, ecc.

Se la futura madre ha scoperto segni di una malattia vascolare, è necessario contattare immediatamente uno specialista. Effettuerà un esame e possibilmente prescriverà un sondaggio. In caso di diagnosi delle vene varicose o dei suoi primi segni, lo specialista selezionerà un trattamento appropriato per la condizione. Di norma, alle pazienti gravide viene prescritta una terapia conservativa senza farmaci. Se fare una donna incinta con scleroterapia sarà risolta da uno specialista. Perché l'uso di droghe-sclerosanti ha un certo numero di limitazioni. E di solito la gravidanza è una controindicazione alla scleroterapia. Ciò significa che molto probabilmente la risposta alla domanda, se la scleroterapia è pericolosa nel sopportare un feto, sarà affermativa. Le conseguenze dopo la scleroterapia delle vene degli arti inferiori possono essere imprevedibili in questo caso. E per il periodo di gravidanza, dovresti escludere qualsiasi rischio. Pertanto, con un alto grado di probabilità, questa procedura per il trattamento delle gambe non sarà condotta. È estremamente importante valutare e confrontare i possibili danni e i reali benefici della procedura per una donna incinta.

Cosa fare dopo la scleroterapia?

Dopo ogni intervento chirurgico, c'è un periodo di recupero. Che tipo di riabilitazione sarà, e quali restrizioni ci sono, eccita tutti i pazienti senza eccezioni. Cosa non si può fare dopo la procedura? Quanto indossare le calze a compressione dopo la scleroterapia delle vene degli arti inferiori? E molte altre domande sulle gambe operate.

La scleroterapia ha un periodo relativamente breve di riabilitazione, che è senza dubbio il suo grande vantaggio. Raccomandazioni che dopo la procedura di scleroterapia possono essere e quali dovrebbero essere i metodi di ulteriore trattamento, così come la prevenzione, dire allo specialista del trattamento.

Dopo aver eseguito la scleroterapia, è necessario iniziare immediatamente a muoversi. Una completa mancanza di stress sui piedi danneggia solo. L'unico "ma", dovrebbe essere fatto in maglia medica. Quanto ci vuole per indossare la lingerie di compressione? Dopo la scleroterapia, la compressione è estremamente importante. La biancheria da compressione non può essere rimossa i primi 2-3 giorni dopo la procedura (se non ci sono altre indicazioni). La maglieria terapeutica eliminerà il dolore quando si cammina, avverte l'edema, allevia la sgradevole sensazione di raspiraniya nelle gambe dopo la scleroterapia delle vene. La durata di indossare biancheria di compressione è determinata dal medico.

I preparati usati per "incollare" le vene contengono alcoli. Pertanto, la scleroterapia appena eseguita esclude la guida dei veicoli a motore durante le prime ore dopo la procedura.

Dopo che la vascolarizzazione o le vene varicose sono state rimosse, molti sono interessati a sapere se gli sport sono proibiti? Posso correre e quando posso andare in palestra? Certamente, dopo la scleroterapia ci sono alcune limitazioni. Gli sport dovrebbero essere eliminati per almeno 2-4 giorni, in modo che non vi sia alcuna complicazione dopo la scleroterapia delle vene. Va notato che dovresti consultare un medico sulla possibilità di praticare sport e sport da shock.

Un giorno dopo la scleroterapia è stata eseguita, puoi fare una doccia. Nella prima settimana dopo la procedura, non è possibile fare il bagno, visitare la sauna, la sauna e visitare la piscina.

Riprendere l'applicazione di unguento e crema per i piedi non dovrebbe essere precedente a 2-5 giorni dopo la procedura. Quando posso iniziare a bere vitamine e medicinali? L'ammissione di farmaci ormonali e antinfiammatori dopo scleroterapia delle vene deve essere esclusa per 10-14 giorni. L'inizio di tutti i farmaci deve essere concordato con uno specialista.

Complicazioni dopo la scleroterapia

La scleroterapia ha sia vantaggi che svantaggi. Nonostante la piccola invasività della procedura, è ancora un intervento chirurgico. Pertanto, è possibile, ma non necessariamente, la presenza di alcune complicazioni ed effetti collaterali. Ad esempio, ad esempio: allergia, necrosi, macchie (pigmentazione), temperatura, coni, lividi e fughe dopo la scleroterapia.

Dopo la scleroterapia, la gamba spesso fa male. Ma questa sensazione passa rapidamente nei primi giorni. Se il dolore doloroso nella vena, i sigilli, i coni, i lividi e la temperatura non persistono, il medico deve essere consultato il prima possibile. Non è possibile rimuovere tali effetti collaterali da soli. Queste sono complicazioni vascolari che potrebbero manifestarsi per ragioni completamente diverse. Identificarli ed eliminare correttamente nel più breve tempo possibile solo uno specialista.

Scleroterapia delle vene degli arti inferiori: controindicazioni

La procedura per "incollare" le vene è il più sicura ed efficace possibile e ha più vantaggi che svantaggi. Ma ci sono circostanze in cui è meglio non fare la scleroterapia. Hanno un nome - controindicazioni temporanee:

  • pianificazione della gravidanza;
  • trattamento per la dipendenza da alcol;
  • stagione calda;
  • sovrappeso.

Queste controindicazioni sono piuttosto arbitrarie. Pertanto, se c'è una necessità diretta di scleroterapia, tutto è soggetto a discussione nel processo di consultazione con uno specialista, dove dirà sicuramente se vale la pena eseguire la procedura.

Oltre a queste controindicazioni, esistono ancora controindicazioni assolute:

  • una reazione allergica al farmaco somministrato;
  • trombosi e tromboflebiti;
  • gravidanza e allattamento;
  • malattie infettive;
  • focolai purulenti sulla pelle degli arti;
  • malattie cardiache e renali croniche.

Scleroterapia delle vene degli arti inferiori - indicazioni e controindicazioni, conseguenze

La scleroterapia gamba vene - sono indagati alter-zdrav.ru on-line, che cosa è, che tipo di avere questa procedura, indicazioni e controindicazioni sclerosi, come nuovo, ma già ampiamente utilizzato metodo di trattamento delle vene varicose, valutare i pro ei contro di esposizione, le condizioni del paziente dopo l'intervento e, ovviamente, effetti collaterali e possibili conseguenze.

Cos'è la scleroterapia delle vene

Scleroterapia (scleroterapia vene degli arti inferiori) è una procedura indolore e atraumatica. Al momento questo è il metodo più efficace di terapia per le vene varicose. Come risultato dei suoi recipienti sono incollate insieme, e diventa tyazhem fibrosa che si scioglie in seguito e non ha effetti collaterali sul corpo umano.

Vene varicose

Il flusso sanguigno attraverso le vene del corpo umano proviene dalla periferia del centro. Nelle vene ci sono valvole specializzate, sono in grado di prevenire il movimento del sangue nella direzione opposta. Allo stesso modo, il movimento del sangue al cuore viene eseguito dai muscoli degli stinchi.

Le cause delle vene varicose

Ma sotto l'influenza di vari fattori, il biomeccanismo del passaggio del sangue attraverso il flusso sanguigno può essere alterato patologicamente. Ciò porta allo sviluppo di una patologia come le vene varicose.

Può svilupparsi per i seguenti motivi principali:

  • Influenza della predisposizione genetica.
  • Aumento della produzione di ormoni.
  • Aumento della pressione nel letto venoso.

Inoltre, ci sono cause secondarie dello sviluppo di questa patologia:

  • Tabacco e dipendenza da bevande alcoliche.
  • L'inattività fisica.
  • Stitichezza convenzionale, l'uso di alcune medicine
  • Scarpe strette e scomode.
  • Droga.

Per condurre scleroterapia flebologi o chirurghi vascolari (a seconda della negligenza della malattia) utilizzare farmaci di 3 gruppi farmacologici.

1. Detersivi (Thrombovar, Сотрадекол, Полидоканол).
2. Iperosmotico (salicilato di sodio, cloruro di sodio).
3. Preparati alla corrosione (fibrosi, etossisclerolo).

Principi di scleroterapia e sua essenza

L'essenza di questa manipolazione è che una sostanza viene iniettata nel lume di un vaso danneggiato mediante iniezione, che favorisce l'incollaggio delle sue pareti. Come risultato di ciò, il sangue non passa più attraverso il suo bagliore. La sostanza si dissolve col tempo e non ha effetti collaterali sul corpo.

Tipi di scleroterapia delle vene

Ad oggi, sono stati ampiamente utilizzati 3 metodi di base della scleroterapia.

  • Mikroskleroterapiya.

Per la sua esecuzione viene utilizzata la tecnica più semplice. Una sostanza sclerosante viene iniettata nella vena del paziente mediante iniezione, che porta all'incollaggio dei vasi. Questa terapia viene eseguita nelle fasi iniziali delle vene varicose.

  • echosclerotherapy.

Questo trattamento viene utilizzato per la scleroterapia con vene profonde, che viene eseguita utilizzando la scansione ad ultrasuoni. Ciò garantisce una penetrazione accurata della soluzione sclerosante nel lume della vena.

  • Scleroterapia con schiuma (forma di schiuma).

Con questo metodo, i preparati, entrando in contatto con l'ossigeno, si trasformano in schiuma. Questa procedura, rispetto ai due precedenti, è più efficace e consente la terapia delle vene sia superficiali che principali.

Preparazione per la scleroterapia

Prima di questa procedura, il paziente deve:

  • Evitare l'uso di bevande contenenti alcol, astenersi dal fumare.
  • Non prendere farmaci che diluiscono il sangue e violano la coagulabilità.
  • Non consentire l'uso di procedure cosmetiche, che possono causare lesioni alla pelle.

Per eseguire questa manipolazione, il paziente viene posizionato sul tavolo operatorio, facendo in modo che le gambe si elevino leggermente al di sopra del corpo. Ciò consente allo sclerosante di avere un grande effetto sulle pareti dei vasi venosi.

Durante una procedura, si possono effettuare 10 iniezioni e nel tempo tale manipolazione non richiede più di 1 ora. Il farmaco viene somministrato con l'aiuto di una puntura sottile dell'ago.

La procedura è leggermente dolorosa e dopo di essa potrebbe esserci un leggero prurito nel sito di iniezione.
L'ecografia viene monitorata quando la manipolazione viene eseguita su vene profonde. Ciò consente di impedire allo sclerosante di penetrare nei tessuti sottostanti.

Dopo la procedura, le gambe devono essere fasciate, una benda elastica è molto adatta a questo scopo. Puoi anche indossare calze elastiche (subito dopo l'intervento chirurgico).

Dopo tale terapia (dopo mezz'ora) consiglia di camminare all'aperto. Per 2 settimane, è meglio osservare un regime semi-postale, per non rimanere a lungo in una posizione eretta.

Evita di visitare bagni e saune e, in ogni caso, di non fare un bagno caldo per un mese e mezzo.

Indicazioni per la scleroterapia delle vene

Le principali indicazioni per questa procedura sono le vene varicose degli arti inferiori.

  • La scleroterapia può essere eseguita nella fase iniziale della malattia, in cui sono colpite per lo più vene profonde delle gambe.
  • Può anche essere usato in combinazione con la chirurgia e viene eseguito dopo una pausa di 3 settimane dall'inizio dell'operazione.
  • Linfangioma o emangioma, vasculatura pronunciata e asterischi (telangiectasia) sono anche indicazioni per questa procedura.
  • A volte le indicazioni per la scleroterapia sono le emorroidi (come sappiamo, questa patologia ha anche come base l'allargamento varicoso e la tortuosità delle vene emorroidali).

Controindicazioni di scleroterapia

Le controindicazioni possono essere assolute o relative. Il primo include:

  • Intolleranza individuale ai farmaci che vengono utilizzati in questa procedura.
  • Diabete mellito non compensato.
  • Insufficienza cardiaca e polmonare acuta.
  • Trombosi accompagnata da una sconfitta delle vene profonde.
  • Insufficienza epatica o renale in forme gravi.
  • Grave affezione dei vasi degli arti inferiori a causa dell'aterosclerosi.
  • Allattamento e gravidanza.

Le controindicazioni relative includono:

  • Vecchiaia
  • Uso di ormoni e loro analoghi.
  • Sovrappeso.

Complicazioni ed effetti collaterali - possibili conseguenze negative della scleroterapia

Quando si applica questo tipo di trattamento durante la manipolazione, il paziente può avvertire una sensazione di bruciore, di solito si verifica a causa dell'effetto del farmaco sulle pareti del vaso. La vena stessa, dopo la scleroterapia, dopo la palpazione assomiglia a uno sterno muscoloso.
Si risolve dopo 6 mesi dopo questa procedura.

A volte, dopo la scleroterapia delle vene, compaiono fenomeni funzionali minori, che si manifestano nella forma:

  • Aspetto di macchie di pigmento lungo le vene. Possono essere osservati per 1 anno.
  • Dopo un paio d'ore, può comparire un prurito nel sito dell'iniezione, che può continuare per i primi due giorni dopo la terapia.
  • La comparsa di dolore, ferita, desquamazione è molto rara e di solito si verifica sotto l'influenza di uno sforzo fisico.
  • Nel caso in cui il farmaco iniettato sia entrato nella cute, potrebbe esserci un leggero quadro clinico dell'ustione della pelle. Questo non è pericoloso e in questo caso non viene effettuato un trattamento speciale.
  • La mesh vascolare e il gonfiore passano da soli per due mesi.

Le gravi conseguenze della scleroterapia delle vene sulle gambe sono molto rare. Questi includono:

  • Bruciatura interna dei tessuti, che si trovano attorno alle navi. Il verificarsi di questo effetto collaterale non è dovuto alla condotta qualificata di questa procedura.
  • A causa del contatto dello sclerosante con il sangue, si possono formare trombi.
  • È anche possibile lo sviluppo di tromboflebiti, la cui causa principale è la violazione delle regole di comportamento nel periodo post-riabilitativo.

Raccomandazioni dopo la scleroterapia

Per ottenere un buon effetto dopo aver eseguito questa procedura, i pazienti devono rispettare le seguenti regole:

  • Assicurati di passeggiare per la strada fino a 1 ora.
  • Durante i primi 3 giorni, evitare un aumento dello sforzo fisico. Escludere le lezioni nei fitness club, non svolgere esercizi mattutini, non impegnarsi nel ciclismo.
  • Entro 2 mesi non fare bagni caldi, evitare di fare escursioni nei bagni e nelle saune.
  • È obbligatorio indossare una maglieria a compressione o utilizzare bende elastiche (fino a 3 mesi).
  • Per visitare il medico in termini strettamente prescritti.

La scleroterapia è un metodo valido e quasi indolore per trattare le vene varicose. Secondo le recensioni, la scleroterapia delle vene degli arti inferiori dà un risultato abbastanza a lungo termine. Ma il metodo ha i suoi svantaggi:

  • Il paziente può sviluppare ricadute alla scadenza di 5-10 anni dopo la procedura.
  • Inoltre, gli svantaggi significativi di questa tecnica possono essere attribuiti al fatto che questa procedura può essere eseguita solo nelle fasi iniziali di sviluppo delle vene varicose.
  • E, soprattutto, la scleroterapia non elimina in alcun modo le cause di debolezza delle pareti vascolari, rimuove solo il sintomo, effetto cosmetico.

Quanto è efficace e sicura la scleroterapia? Il principio di azione ci legge

Scleroterapia - che cos'è? La scleroterapia si riferisce al metodo di eliminazione delle vene varicose di vari diametri. Per fare questo, un farmaco viene iniettato nel lume della nave colpita, uno sclerosante che causa l'adesione delle sue pareti e ulteriormente - riassorbimento. La procedura viene eseguita per ottenere un risultato sia terapeutico che cosmetico. La manipolazione viene eseguita su base ambulatoriale e dura in media da 15 a 30 minuti.

Ci sono diverse varietà di questa procedura: puntura, catetere, compressore e schiuma. Indipendentemente dal metodo di trattamento scelto, la scleroterapia può eliminare le vene dilatate e non causa la formazione di cicatrici sulla pelle e sulle mucose.

Indicazioni e controindicazioni alla procedura


La scleroterapia è utilizzata come metodo di autoterapia o utilizzata in combinazione con un intervento chirurgico. La scleroterapia tratta le fasi iniziali delle vene varicose arti e vene varicose sciolte.

Dopo l'intervento chirurgico per rimuovere i grandi rami venosi, la scleroterapia viene utilizzata come metodo di terapia ausiliaria per eliminare i piccoli vasi rimanenti. Nella maggior parte dei casi, tale tattica viene utilizzata dopo 1,5-2 settimane di chirurgia.

Le indicazioni generali per la scleroterapia includono:

  • la comparsa di reti vascolari sugli arti inferiori;
  • asterischi vascolari - formazione vascolare sottocutanea, in cui i capillari divergono dal centro;
  • la fase iniziale delle vene varicose;
  • emorroidi;
  • una piccola espansione varicosa delle navi che rimangono dopo la rimozione.

Sebbene la procedura in sé non rappresenti un rischio per la salute del paziente, ci sono una serie di controindicazioni, alla presenza di cui non è consigliato fare ricorso a questa procedura:

  • ostruzione di vene profonde, violazione di flusso sanguigno, patologia di navi in ​​uno stato di esacerbazione;
  • gravidanza e allattamento;
  • periodo inferiore a 30 giorni dopo l'esacerbazione di una malattia cronica;
  • diabete mellito;
  • patologia del sistema cardiovascolare, escretore o epatico;
  • periodo di recupero dopo una malattia infettiva;
  • violazione del background ormonale, ipersecrezione della ghiandola tiroidea;
  • propensione alle reazioni allergiche;
  • reazioni cutanee infiammatorie o eruzioni pustolose sugli arti inferiori.

Pro e contro


Quanto è veloce l'effetto, e dopo che ora le vene scompaiono? La scleroterapia, come ogni altra manipolazione medica, ha i suoi pro e contro.

I vantaggi di questo metodo includono:

  1. Efficienza. In media, sono necessarie da 1 a 5 sedute per eliminare completamente i focolai patologici. Il risultato diventa evidente dopo la prima procedura, e in 2-3 settimane dopo il trattamento i reticolati vascolari e gli asterischi scompaiono completamente.
  2. Sicurezza. La scleroterapia è un intervento minimamente invasivo e non rappresenta un rischio per la salute. Se si seguono le regole di asepsi e antisettici, non vi è alcuna possibilità di infezione con qualsiasi infezione.
  3. Indolore. Durante la procedura, il paziente non avverte sensazioni spiacevoli, ad eccezione di una leggera sensazione di bruciore.
  4. Estetica. Dopo la procedura, la pelle del paziente non lascia cicatrici, gonfiore o cicatrici.

Foto prima e dopo

complicazioni

Molti sono interessati a ciò che è pericoloso questa procedura ed è pericoloso? Dopo la procedura, lo stato normale della maggior parte dei pazienti è il rossore locale della pelle, prurito e pigmentazione.

Questi sintomi non rappresentano un rischio per la salute e non richiedono alcun trattamento. A seconda della gravità gli effetti collaterali della scleroterapia passano da 1 a 4 giorni dopo la procedura.

Le conseguenze più frequenti dopo la procedura:

  • ecchimosi;
  • peeling della pelle;
  • dolore alle gambe;
  • dolore nell'area dell'iniezione.

Tuttavia, in un certo numero di pazienti la scleroterapia porta allo sviluppo di complicanze. La maggior parte di essi sono il risultato di procedure di scarsa qualità o di non conformità con le regole della riabilitazione dopo la manipolazione. Le complicazioni più comuni includono:

  • una reazione allergica allo sclerosus. Prima della procedura, il flebologo deve chiedere attentamente al paziente la presenza di allergie a vari farmaci;
  • epidermolisi È un'ustione che si forma quando la parete del vaso si rompe e penetra nell'epidermide. Questa patologia, sebbene sia un sintomo spiacevole e doloroso, è facilmente curabile e non rappresenta un pericolo per la salute;
  • necrosi di fibre e trombosi - si verifica non più di una volta ogni 10 mila procedure eseguite;
  • gonfiore dell'arto, apparendo a causa del rifiuto di usare la maglieria a compressione dopo la procedura.

Perché appaiono nuovi asterischi vascolari?


Circa il 12-14% dei casi in pazienti dopo la procedura compaiono piccoli asterischi vascolari. Se dopo la manipolazione di nuovi germogli è apparso, questo indica il danno alle navi vicine. La scleroterapia non è una cura per le vene varicose, quindi dopo la procedura, la patologia può diffondersi in altre vene.

Quanto spesso posso fare?

Le iniezioni sono raccomandate non più spesso di una volta alla settimana, mentre non è raccomandato condurre più di cinque sessioni in una zona. Con grave danno alle vene, il trattamento primario è la rimozione chirurgica della nave e la scleroterapia è utilizzata come metodo ausiliario.

Aspetto delle macchie dell'età

La pigmentazione dopo la scleroterapia è innocua per la salute della reazione del singolo paziente. Nella maggior parte dei casi, le macchie di pigmentazione scompaiono 1-3 mesi dopo la procedura. In alcuni casi, la procedura può richiedere fino a un anno. Per accelerare la scomparsa delle macchie, vale la pena usare creme sbiancanti, succo di limone o prezzemolo.

Preparazione di


Prima della procedura dovrebbe visitare un phlebologist specialista, che determinerà il grado di sviluppo delle vene varicose, raccogliere l'anamnesi della vita del paziente e valutare la necessità della procedura. Valutare le condizioni dei vasi sanguigni e consente il processo di flusso sanguigno Ultrasuoni delle vene degli arti inferiori. Se durante lo studio si scopre che è interessata una nave di grandi dimensioni, lo specialista può raccomandare un intervento chirurgico come alternativa alla scleroterapia.

2-3 giorni prima della scleroterapia, è necessario iniziare la preparazione per la procedura:

  1. Rifiuta di bere bevande calde e fumare.
  2. Non epilare o shugaring l'area in cui verrà eseguita la procedura. Non usare scrub, lettini abbronzanti e non visitare il solarium.
  3. Non assumere farmaci antinfiammatori non steroidei, poiché riducono la coagulazione del sangue.

Durante la gravidanza o le mestruazioni

Posso fare la scleroterapia durante le mestruazioni? Qualsiasi procedura associata all'esposizione ai vasi sanguigni, non è consigliabile spendere durante le mestruazioni. Questa misura è associata ad un aumento del sanguinamento all'inizio del ciclo mestruale. La manipolazione deve essere posticipata fino alla fine delle mestruazioni.

Tipi di scleroterapia


Esistono diversi tipi di procedure per la rimozione di reticoli e asterischi vascolari. Oltre alle tecniche tradizionali, si distinguono schiuma, echoscleroterapia e micro-scleroterapia:

  1. compressione - blocca le aree di flusso patologico del sangue dalle vene profonde a quelle superficiali. È un metodo tradizionale di scleroterapia.
  2. echosclerotherapy - una procedura che viene eseguita sotto il controllo di uno scanner speciale. Questo metodo consente di determinare la posizione dei vasi profondi e di introdurre il farmaco esattamente nella nave.
  3. etanolo - altrimenti chiamato distruzione dell'etanolo o distruzione dell'alcol. Il principio di azione in tale intervento è basato sull'azione del 95% di etanolo. Sotto la sua azione, i tessuti si degradano e si degradano. La scleroterapia con etanolo viene spesso utilizzata come metodo di terapia dei noduli tiroidei.
  4. Scleroterapia a schiuma, che è anche conosciuta come una tecnica di schiuma. Questa è la tecnica più recente, che utilizza un farmaco che fa girare la schiuma. Tale tecnica consente non solo di eseguire la scleroterapia di grandi vasi, ma anche di aumentare l'efficacia della procedura e ridurre la dose di farmaco somministrato nella nave.
  5. Scleroterapia micropenica - la procedura più semplice, durante la quale lo specialista introduce nella vena sclerosante con l'aiuto di un ago iper-sottile. La procedura consente di influenzare anche le navi più piccole.

Il corso della procedura


La scleroterapia viene eseguita secondo un principio: lo specialista introduce uno sclerosante nella nave interessata, provocando la diminuzione della vena e il riassorbimento. Tuttavia, la tecnica della procedura può differire in base all'area in cui il medico sta lavorando.

Preparati per la scleroterapia:

Vene di estremità inferiori

Al paziente viene chiesto di sdraiarsi in modo che le sue gambe siano in una posizione elevata. Questa misura viene utilizzata per drenare il sangue dagli arti inferiori, che è necessario per una migliore azione del farmaco sclerosante. In una sessione, viene data una media di 10 iniezioni. Il farmaco viene somministrato con una siringa o una speciale cannula ultrasottile.

Quando si esegue lo sclerosismo di vasi profondi, viene utilizzato il controllo Doppler. Dopo la fine della manipolazione, le gambe sono strettamente legate. Quanto andare con una benda? Dopo 1-3 giorni, è possibile rimuovere le bende per fare la doccia, dopo di che si dovrebbero indossare calze a compressione.

Grande vena safena

La scleroterapia della grande safena (BPV) richiede l'accesso alla nave. Pertanto, uno specialista inserisce un catetere in esso a 4-5 cm, lungo il quale si nutre lo sclerosante. Più lontano sul sito operato sovrapposto una sutura cosmetica, e la gamba è strettamente legata. Questa procedura combina elementi dell'operazione tradizionale di legatura della vena e scleroterapia.

Scleroterapia delle emorroidi


Questa procedura ha lo scopo di rimuovere la vena emorroidaria e il nodo risultante. Il principale vantaggio della scleroterapia è la mancanza di necessità di anestesia e manipolazione meno dolorosa rispetto alla tradizionale operazione di rimozione delle emorroidi.

Prima della procedura, al paziente viene chiesto di svuotare l'intestino, nella maggior parte dei casi è prescritto un lassativo per questo scopo. Il paziente giace sul suo stomaco sul tavolo operatorio. Sulla zona dell'ano viene applicato con un effetto analgesico. Quindi lo specialista introduce uno sclerosante nella vena interessata.

Recipienti sul viso

La rimozione delle navi nell'area facciale viene eseguita con l'aiuto della scleroterapia micropenica. Lo sclerosante viene iniettato nel vaso interessato con l'ago o microcatetere più sottile, che blocca il flusso di sangue lungo questo vaso. Le pareti dei vasi sono incollate e si dissolvono. Dopo la procedura, non è possibile pettinare l'area trattata della pelle, esposto alla luce diretta del sole o ferito per diverse settimane dopo la procedura.

costo del

In connessione con il trattamento rapido ed efficace, molti sono interessati a quanto costa? Il prezzo della scleroterapia dipende non solo dal numero di procedure necessarie, ma anche dal tipo di manipolazione. La tecnica più moderna - la forma di schiuma - costerà un po 'di più rispetto ad altri. In media, il costo della scleroterapia dipende dalla scala della zona interessata varia da 4-5 a 12 mila rubli a Mosca e da 3-4 a 11 mila rubli a San Pietroburgo.

Raccomandazioni dopo la procedura


Riabilitazione, cosa fare dopo la scleroterapia:

  1. Dopo la scleroterapia dei vasi delle gambe, si deve camminare per 10-30 minuti.
  2. Non rinunciare allo sforzo fisico, dopo aver sclerosato i vasi degli arti inferiori. Dopo la scleroterapia dei nodi emorroidali, si dovrebbe osservare la pace per 1-2 giorni al fine di ridurre la sindrome del dolore.
  3. Non puoi sederti o stare in piedi a lungo senza muoverti, facendo fitness.
  4. Entro 2-3 settimane dopo la procedura, non dovresti fare un bagno caldo, non puoi andare al bagno per 1-3 mesi.
  5. Dopo scleroterapia di emorroidi si consiglia di prendere mezzi indulgenti per evitare la stitichezza.

sport

Posso andare per sport e quando posso iniziare a studiare? Le restrizioni si applicano anche agli sport. Il rifiuto da attività fisiche attive, compresi gli sport, dovrebbe essere di 3-4 giorni dopo la procedura. L'allenamento di forza, che suggerisce un effetto sui muscoli delle gambe, dovrebbe essere posticipato per diverse settimane.

Unguenti per il restauro


Dopo la procedura, le vene scompaiono dopo circa 2-3 settimane. Per velocizzare l'aspetto del risultato, è possibile trattare la pelle con unguenti speciali-venotonick: troxevasin, venoalife o altri mezzi raccomandati dal medico.

Calze a compressione

Quanto indossare le calze a compressione? Devono essere indossati durante l'intero periodo di trattamento e in futuro almeno un mese. Durante l'appuntamento, il medico valuta le condizioni dell'area trattata, determina il funzionamento dei vasi con ultrasuoni e decide il periodo di tempo in cui il paziente deve utilizzare le calze a compressione.

alcool

L'alcol non può solo influenzare la coagulabilità del sangue, ma è anche in grado di reagire con i farmaci, per un minimo di tre giorni prima e dopo la procedura, è necessario limitare l'assunzione di bevande calde.

Video utile

Visualizza il metodo di scleroterapia:

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Trombofilia e gravidanza

Struttura

Durante la gravidanza, una donna diventa più vulnerabile alle infezioni, alle malattie, poiché la sua immunità è significativamente ridotta. Pertanto, i medici raccomandano sempre fortemente che le future mamme in presenza di malattie croniche nel corpo del piano di gravidanza....

Metodi per il trattamento delle ulcere trofiche a casa: i migliori rimedi e ricette popolari, consigli utili

Struttura

Oggi parleremo di una malattia molto sgradevole - un'ulcera trofica. Questa malattia è caratterizzata da un lungo processo....