Raccomandazioni nel periodo postoperatorio di flebectomia

Struttura

Poiché oggi circa il 30% della popolazione soffre di vene varicose, una delle operazioni più comuni è la flebectomia: la rimozione chirurgica della zona interessata delle vene.

Sebbene questo tipo di intervento non sia considerato pericoloso, il recupero di successo dipende non solo dall'esperienza e dalla qualifica del chirurgo, ma anche dal fatto che il paziente seguirà il consiglio per un ulteriore recupero.

Qual è l'operazione

La probabilità di insorgenza di complicanze postoperatorie è piuttosto piccola, ma è impossibile escluderle completamente. Quali raccomandazioni nel periodo postoperatorio di flebectomia (venectomia) devono essere rispettate e quanto dura il recupero?

Oggi la flebectomia è anche chiamata vena- tomia, durante il quale il chirurgo usa strumenti speciali per rimuovere le sezioni delle vene affette da vene varicose e ricucire i vasi. Operazioni di questo tipo non sono considerate pericolose, dal momento che il corpo può far fronte e senza le vene sottocutanee, stabilendo nuove vie di deflusso del sangue.

Gli obiettivi principali della flebectomia:

  • estrazione meccanica dei capillari interessati;
  • normalizzazione della circolazione del sangue nelle vene profonde;
  • accelerazione del flusso sanguigno.

La flebectomia è più spesso prescritta per insufficienza venosa cronica o quando il trattamento farmacologico non funziona.

Come viene eseguita l'operazione?

Attualmente, diversi tipi di flebectomia vengono eseguiti in centri medici, il metodo viene selezionato individualmente per ciascun paziente. Secondo le statistiche, il più comune è combinato flebectomia.

Prima dell'operazione, vengono sempre eseguiti ecografia e flebografia, il rilevamento delle aree interessate con l'introduzione di un mezzo di contrasto. Dopo che le vene da rimuovere sono etichettate, il paziente viene anestetizzato e procede all'operazione stessa, che consiste nei seguenti passaggi:

  1. Crossectomia. Il chirurgo esegue una piccola incisione nella zona inguinale, all'interno della quale si trova la bocca della grande vena safena. Il dottore bendaggi ordinatamente gli affluenti con la bocca e attraversa la nave stessa. A causa di questo effetto, è possibile ottenere la legatura di tutti i dotti.
  2. Spogliarello. Rimozione della zona interessata della vena con un dispositivo speciale. Nei casi trascurati, il paziente viene immediatamente rimosso dall'intera gamba dalla gamba all'inguine.
  3. Miniflebektomiya. Realizzazione di piccole incisioni per rimuovere sezioni di vene sottoposte a cambiamenti. Dopo aver rimosso il tessuto interessato, il chirurgo esegue una medicazione per le vene perforanti.

Ogni stadio di una venerectomia richiede da 40 a 60 minuti, la durata media di un tale intervento è di circa 3 ore.

Periodo postoperatorio

La riabilitazione dopo l'intervento di flebectomia richiede in genere non più di 2 settimane e passa senza complicazioni. Per ottenere un risultato così favorevole, l'intervento chirurgico deve essere eseguito solo da uno specialista qualificato con esperienza e il paziente deve seguire scrupolosamente tutte le raccomandazioni mediche.

Principali complicanze dopo la rimozione delle vene

Uno degli effetti più comuni è la formazione di ematomi e sanguinamento dalle incisioni. I flebologi assicurano che una tale reazione è la norma, e non vale la pena di aver paura.

Nel periodo postoperatorio dopo flebectologia, possono verificarsi anche le seguenti complicanze:

  • sviluppo di tromboflebiti;
  • fistole e suppurazione dei tessuti molli;
  • drenaggio linfatico prolungato;
  • formazione di coaguli di sangue patogeni nelle vene profonde;
  • una violazione della sensibilità dovuta alla sconfitta dei nervi della pelle;
  • tromboembolismo dell'aorta polmonare.

Il compito di ogni medico è di prevenire lo sviluppo di tali complicazioni, in quanto aggraveranno la condizione, e il paziente si sentirà ancora peggio di prima dell'intervento.

Importante! Se le raccomandazioni non vengono seguite, le complicazioni possono essere estremamente gravi e persino provocare la morte del paziente.

Cosa succede subito dopo l'operazione, quanto giacere in ospedale

Il primo giorno di riabilitazione, molti pazienti si lamentano che la gamba fa male dopo flebectomia. L'insorgenza di disagio e sensazioni dolorose è una reazione naturale.

Per ridurre al minimo la loro probabilità, i primi 2 giorni sono consigliati per aderire al riposo a letto. Puoi provare a muoverti con le gambe non prima di 4 ore dopo l'operazione. Quando il paziente può alzarsi in piedi, il medico curante decide, in base alle condizioni generali e alla velocità di recupero.

Se il recupero è senza complicazioni, il paziente viene dimesso dalla clinica già da 3 giorni. Per i prossimi 2 mesi, è necessario indossare un'abbigliamento giornaliero speciale per la compressione e prendere il venotonick, che rafforzerà le pareti delle vene. Inoltre, ad alcuni pazienti vengono prescritti farmaci che promuovono il diradamento del sangue e riducono la probabilità di coaguli di sangue.

Dopo 7-10 giorni dopo flebectomia, è prevista una visita alla terapia fisica (ginnastica terapeutica). Esercizi protesici aiuteranno anche ad accelerare il processo di guarigione dei tessuti e rafforzare i capillari. Per ottenere il risultato ottimale, è raccomandata una terapia fisica abbinata a lunghe passeggiate.

Importante! Il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per varicose degli arti inferiori richiede in genere non più di 2 mesi. Durante questo periodo, completo restauro dei tessuti.

Cosa non si può fare dopo la dimissione

Per prevenire lo sviluppo di complicanze dopo l'intervento chirurgico, i pazienti devono attenersi rigorosamente a determinate regole:

  1. È severamente vietato bagnare l'arto (specialmente durante le prime due settimane) che ha subito un intervento chirurgico.
  2. Se ci sono piccole croste sulla superficie delle incisioni, non possono essere toccate con le mani e cercare di interrompere. Tali azioni possono interrompere la guarigione dei tessuti e provocare infezioni. Inoltre, non è possibile escludere la possibilità di divergenze.
  3. Nei primi 10 giorni è vietato esporre l'arto allo sforzo fisico. Il paziente deve prendere il minimo di ospedale per 7 giorni e cercare di non uscire per strada senza averne bisogno.
  4. Nel periodo di recupero dopo flebectomia, tutte le articolazioni devono essere trattate con cura. Se non si avvolge l'arto con speciali bende igieniche, la probabilità di infezione aumenta più volte.

Trattamento di supporto a casa

Se la gamba fa male dopo l'intervento chirurgico, aiutare con una tale situazione può utilizzare la biancheria da compressione. Le calze a compressione sono realizzate con speciali materiali elastici che non solo fissano il piede, ma danno anche un effetto massaggio. Di conseguenza, il sangue negli arti inizia a circolare più velocemente, il che contribuisce anche a una ripresa più rapida.

I flebologi avvertono sempre i pazienti che dovranno usare la compressione tutto il giorno, l'unico modo per superare completamente l'insufficienza venosa. Con una predisposizione genetica, è possibile indossare la biancheria intima a compressione anche dopo la riabilitazione, poiché tali misure rappresentano un'eccellente prevenzione delle vene varicose.

Per evitare complicazioni, il paziente deve prestare particolare attenzione alle cuciture. È importante ricordare che la formazione di cicatrici può richiedere diversi mesi e durante questo periodo È necessario aderire a tali raccomandazioni:

  • è vietato fare un bagno caldo. Il massimo consentito è solo una doccia calda (non superiore a 40 gradi). Devi lavarti con acqua naturale, senza aggiungere gel;
  • I punti non possono essere strofinati con salviette e spugne, in quanto la superficie può contribuire a rompere l'integrità della crosta protettiva;
  • Il trattamento delle cuciture con vari unguenti e gel curativi è vietato senza previo accordo con il medico;
  • durante il periodo di recupero è necessario seguire una dieta speciale. Le basi della dieta dovrebbero essere i prodotti che favoriscono la liquefazione del sangue e rafforzano le pareti dei vasi sanguigni. È severamente vietato mangiare piatti fritti e affumicati, nonché cibi con un alto contenuto di grassi.

Il paziente deve guardare per lo sforzo fisico, è possibile tornare alla normale attività fisica non prima di 1,5 mesi dopo.

conclusione

La flebectomia è il metodo più efficace per combattere le vene varicose. Se trovi una buona clinica e un medico esperto, e dopo l'intervento chirurgico per aderire a tutte le raccomandazioni, allora nessuna complicanza dopo la procedura non si presenterà.

flebectomia

Dall'espansione varicosa, l'umanità ha sofferto per secoli, ma la flebectomia, come forma di intervento chirurgico, è apparsa relativamente di recente - alla fine del 19 ° secolo. La tromboflebite può provocare qualsiasi cosa - vestiti sbagliati, mancanza di fibre nella dieta, fattori ereditari. La metà della popolazione terrestre è soggetta a malattie venose croniche, quindi il problema è molto rilevante.

Metodi moderni di flebectomia

Non seguiremo tutte le fasi dello sviluppo della flebectomia - ci concentreremo solo sulle moderne tecnologie utilizzate dai medici. La diagnosi competente consente di scegliere il miglior metodo di intervento, in alcuni casi è stata assegnata una flebectomia combinata.

Il primo passo è la scansione ad ultrasuoni duplex, accompagnata dalla marcatura dei siti venosi interessati. Se necessario, viene prescritta una flebografia. A seconda delle condizioni del paziente e dell'estensione delle vene, i medici scelgono la procedura operativa.

  1. Spogliarello. Questa delicata operazione consente di salvare la vena, rimuovendo solo l'area danneggiata. Il chirurgo fa una puntura nella pelle, attraverso la quale viene rimosso il tessuto interessato.
  2. Fleleectomia laser. Non sono necessari strumenti chirurgici con questo tipo di intervento - la coagulazione laser avviene all'interno della nave. L'anestesia locale viene eseguita, quindi viene eseguita una puntura e viene introdotta una luce laser guida nella nave. La bruciatura del muro venoso porta successivamente alla sua crescita eccessiva. Il diametro della puntura è minimo, il foro è sigillato con uno speciale intonaco. Il periodo di recupero del paziente è significativamente ridotto.
  3. Obliterazione a radiofrequenza. Questo tipo di intervento consente di incidere con precisione le parti interessate delle vene con cateteri monouso e controllo termico, il dolore è ridotto al minimo, la ricostruzione delle vene viene eseguita da un chirurgo in una volta sola. Anche il periodo di recupero postoperatorio è accelerato.

Indicazioni e controindicazioni

La flebectomia non è sempre prescritta. Se il trattamento conservativo raggiunge l'effetto desiderato, i medici non ricorrere alla chirurgia. È importante ricordare che il tromboembolismo può essere causato da varie malattie (ipertensione, infarto, ictus, diabete mellito). La mancanza di controllo medico può portare a conseguenze disastrose (fino alla cancrena).

La flebectomia è indicata in numerosi casi:

  • sporgenti vene sottocutanee con gonfiore pronunciato;
  • ristagno del sangue negli arti inferiori (posizione eretta);
  • Lesione varicosa, che ha afferrato le gambe fino al ginocchio (a volte più in alto);
  • gonfiore costante e gambe stanche;
  • dolore regolare alle gambe;
  • comparsa di ulcere trofiche;
  • varicothrombophlebitis (sopra il primo tipo);
  • una sensazione di bruciore che lampeggia lungo le linee venose.

Quando l'operazione non vale la pena

Ci sono situazioni in cui un'operazione sulle vene è severamente vietata. L'intervento, eseguito nonostante le controindicazioni, può seriamente complicare la vita di un paziente. Sono noti casi di esiti letali.

La flebectomia è vietata nelle seguenti situazioni:

  • malattia ipertensiva;
  • stadio tardivo delle vene varicose;
  • ischemia del cuore;
  • paziente anziano;
  • gravi malattie infettive;
  • seconda metà della gravidanza;
  • infiammazione erysipelatous;
  • pyoderma;
  • eczema.

È importante ricordare: la flebectomia è preceduta da un effetto terapeutico. Spesso la necessità di un intervento chirurgico si presenta quando il periodo di trattamento farmacologico è stato perso. Non puoi ignorare le campane d'allarme. Sospettare che qualcosa sia sbagliato, andare urgentemente in clinica.

Preparazione per un'operazione chirurgica

Non è necessario trarre tragedia da un'operazione. Moralmente sintonizzati su un risultato di successo e produci una serie di azioni semplici. Ciò contribuirà ad alleviare lo stress e ad alleviare il compito del chirurgo.

Ecco le fasi necessarie per la preparazione:

  • fare la doccia;
  • esame dell'arto operato (cercare brufoli e pustole);
  • epilazione del piede;
  • conversazione con il medico curante (chiedere il tipo di anestesia, informare su tutte le medicine che si prendono);
  • purificazione dell'intestino (se esiste un'anestesia generale);
  • preparazione di scarpe morbide e vestiti larghi;
  • comunicazione con il chirurgo (è necessario segnalare la presenza di un'allergia ai farmaci contenenti iodio e alla novocaina).

È necessario superare un esame ecografico - questo aiuterà a valutare lo stato attuale delle vene. Ci sono due opzioni qui: scansione triplex e duplex. Preparati al fatto che una parte dei farmaci prima dell'operazione sarà bannata. Parla con qualsiasi medico di eventuali anomalie in salute.

Come va

Spesso, la flebectomia comporta la completa rimozione delle vene danneggiate. L'anestesia generale nella maggior parte dei casi non viene applicata - il chirurgo è limitato all'anestesia locale. Il paziente è consapevole di ciò che sta accadendo, ma non prova dolore. Una precauzione standard è quella di fissare il tronco del paziente sul tavolo operatorio. Questo aiuta a prevenire movimenti involontari del paziente, in grado di danneggiarlo.

Non illustreremo tutte le tecniche di flebectomia. Tra i momenti standard notiamo un taglio della pelle (prodotto nelle regioni distale e prossimale dell'arto - dove viene proiettata l'estensione varicosa).

Attraverso le incisioni, il tronco venoso danneggiato viene rimosso. La fase finale dell'operazione è la sutura delle incisioni. Nei casi particolarmente avanzati, è richiesta una flebectomia combinata.

Fasi di intervento chirurgico combinato

Se si tratta di chirurgia d'urgenza, ai medici può essere assegnata una flebectomia combinata. Questa operazione consiste in stripping, crossectomy, microflebectomy e l'intersezione di vene comunicative. Tutte le procedure sopra descritte sono eseguite in stretta sequenza.

Parliamo di loro in modo più dettagliato:

  1. Crossectomia. In questa fase, è necessario interrompere il flusso sanguigno. Per questo, le vene superficiali sono fasciate e soppresse. Ciò si verifica nella piega inguinale femorale, a volte nella regione poplitea.
  2. Spogliarello. La scansione duplex rivela le parti interessate delle vene, dopo di che i tronchi vengono rimossi. Soffrono principalmente grandi vene longitudinali, la parte inferiore della gamba è più spesso non influenzata dal processo patologico. Il fenomeno più comune è il corto stripping (la vena viene espulsa attraverso la puntura nella zona dello stinco e l'incisione inguinale). Esistono diverse tecniche operative, tra cui la sonda Bebokka, la crioscansione, l'inversione e la rimozione del PIN.
  3. Soppressione delle vene comunicative. Se le vene comunicative sono localizzate vicino alla pelle, viene utilizzata la manipolazione a bassa traumatica. Con un letto vascolare profondo, i medici attivano l'attrezzatura endoscopica. Il metodo consente di sbarazzarsi di cicatrici antiestetiche e riduce il periodo di recupero postoperatorio.
  4. Microphlebectomy. Questo tipo di chirurgia combina l'efficacia cosmetica con un'efficienza piuttosto elevata. In anestesia locale vengono praticate punture di pelle, dopo le quali vengono rimosse le aree danneggiate delle navi e i noduli varici. La vena viene rimossa per mezzo di un gancio speciale. I punti non sono sovrapposti, le cicatrici sono praticamente assenti.

Flebectomia tradizionale all'uncinetto.

Periodo di riabilitazione

Per ogni paziente, la riabilitazione dopo flebectomia viene calcolata dal medico individualmente. Il periodo di recupero dipenderà dalle condizioni generali del paziente. Anche le malattie croniche, contro le quali si manifestano le vene varicose, hanno un significato.

Ecco alcuni suggerimenti per ripristinare il corpo:

  1. Puoi girare e piegare le gambe subito dopo l'operazione. Alza il bordo del letto d'ospedale - questo aiuta a migliorare il flusso sanguigno.
  2. In un giorno i medici sono autorizzati a usare maglieria a compressione e bende elastiche. Dopo aver fatto una medicazione, puoi alzarti dal letto.
  3. Il periodo postoperatorio comprende anche il massaggio preventivo e l'allenamento fisico terapeutico. Ciò impedisce la formazione di coaguli di sangue.
  4. Dopo una settimana, non essere zelante con lo sforzo fisico. Evitare aerobica e ginnastica. Non fare il bagno (caldo) e non andare al bagno.
  5. I punti vengono rimossi il nono giorno, prenditi cura di te durante questo periodo di tempo.
  6. Due volte al mese, comprimi.

Complicazioni: cosa può succedere dopo l'intervento

I medici stimano la probabilità delle complicanze postoperatorie come piuttosto bassa, ma è impossibile escludere completamente il pericolo. La flebectomia non è una procedura cosmetica facile, è un intervento chirurgico. La maggior parte dei momenti spiacevoli si osservano nelle prime ore dopo l'operazione.

Elenchiamo le probabili conseguenze della chirurgia:

  • sanguinamento pesante;
  • diminuzione della sensibilità (manifestata in caso di danno ai nervi sottocutanei);
  • suppurazione (formata nella zona dell'ematoma);
  • intorpidimento (toccando le gambe e le caviglie);
  • lividi (conseguenza della chirurgia laser);
  • dolore (luoghi di influenza);
  • trombosi venosa profonda (rara).

Ora la flebectomia è una procedura molto comune, che non devi temere. Puoi farlo in un ospedale normale o in una clinica privata. Per fare questo, è necessario contattare il dipartimento di chirurgia vascolare. Le cliniche di Mosca offrono questo servizio per 15-270 mila rubli (il prezzo dipende dal livello dell'istituto, dalla complessità dell'operazione e dal livello di formazione del chirurgo). A San Pietroburgo, l'intervento di un medico è più economico.

Recupero dopo flebectomia

Ogni persona che decide di fare un'operazione per rimuovere le vene, è importante capire che il recupero corretto dopo la flebectomia non è meno importante dell'intervento chirurgico stesso. Ciò è dovuto al fatto che le vene varicose sono solo una delle manifestazioni della malattia. La rimozione di queste vene è certamente molto importante per migliorare l'aspetto delle gambe. Ma l'operazione stessa è solo una parte del processo di guarigione.

Problemi da risolvere nel processo di riabilitazione

L'espansione delle vene sottocutanee della parte inferiore delle gambe e delle cosce è una manifestazione delle vene varicose, che deriva dalla stasi del sangue nei vasi. È promosso da uno stile di vita sedentario, gravidanza, parto, eccesso di peso, cattive abitudini, duro lavoro fisico, una lunga durata sulle gambe, ereditarietà.

La rimozione delle vene non elimina le cause della malattia. Risolve, prima di tutto, i problemi estetici del paziente. Inoltre, dopo la flebectomia, i sintomi spiacevoli (gravità, intorpidimento, dolore) diminuiscono e la progressione della malattia rallenta. Ma se non segui le raccomandazioni prescritte dal medico, le manifestazioni della malattia possono tornare, e già altre vene si espandono e appaiono sotto la pelle.

Inoltre, dopo la flebectomia possono svilupparsi complicanze (ad esempio, infiammazione della ferita postoperatoria, sanguinamento, divergenza delle suture). E l'operazione stessa, come un forte fattore di stress, può portare a un'esacerbazione di malattie croniche. Pertanto, quando si sviluppa un piano individuale di riabilitazione, è necessario pianificare attività mirate a:

  • sull'eliminazione delle complicanze durante l'intervento chirurgico e nel primo periodo postoperatorio,
  • prevenzione di esacerbazione di malattie croniche,
  • prevenzione della ricorrenza della malattia.

Vari mezzi sono usati per risolvere questi problemi. Questo è il regime, le medicine e l'esercizio terapeutico. Un ruolo speciale nella prevenzione delle ricadute è svolto dall'adesione alle raccomandazioni sui cambiamenti dello stile di vita dopo la flebectomia.

Farmaci prima e dopo l'intervento chirurgico

Malattie varicose: di solito sono le persone di mezza età e di età avanzata. Alcuni di loro dovrebbero assumere costantemente farmaci per malattie concomitanti.

Alcuni dei farmaci dovrebbero essere presi con molta attenzione (ad esempio, antipertensivi), a ben controllare la malattia prima e dopo l'intervento chirurgico. Altri (questo accade raramente) dovrebbero essere cancellati per alcuni giorni. Spesso, un paziente con una predisposizione a qualsiasi complicazione viene assegnato un breve ciclo di anti-trattamento (ad esempio, a Omez Aspirina ulcera o la tendenza alla trombosi).

Queste domande il paziente dovrebbe decidere non in modo indipendente, ma con la partecipazione di un chirurgo, così come un anestesista. A volte, per ricevere tali raccomandazioni, è necessario consultare un terapeuta o un medico di una specialità ristretta.

Dei farmaci prescritti direttamente per le vene varicose, si possono menzionare i venotonick, i fondi che rafforzano la parete vascolare, le vitamine. La loro ricezione è raccomandata per molto tempo. Occasionalmente nel periodo postoperatorio, vi è la necessità di antibiotici (se ci sono segni di infiammazione della ferita postoperatoria) o in un breve ciclo di farmaci per il dolore.

Attività motoria nel periodo postoperatorio

Il momento successivo a cui si dovrebbe prestare attenzione è l'attività motoria. Le prime ore dopo l'intervento, il paziente è ancora sotto l'influenza dell'anestesia e deve rispettare il riposo a letto. Ma non appena l'azione dei farmaci finisce, è possibile e necessario espandere l'attività motoria. I primi esercizi del complesso di ginnastica terapeutica dopo flebectomia vengono eseguiti sdraiati. Questi possono essere i seguenti esercizi:

  • girandosi dalla schiena alla pancia e ritorno;
  • mahi shin in posizione supina;
  • "forbici"
  • Una "bicicletta".

L'attivazione precoce del paziente dopo flebectomia è importante per prevenire la formazione di coaguli di sangue nelle vene. A volte si formano a causa dell'immobilità involontaria prolungata (in pazienti costretti a letto, dopo l'intervento chirurgico). Se tale trombo si stacca, può trasferirsi agli altri vasi sanguigni con flusso sanguigno, causando tromboembolia - una complicanza molto grave.

Il giorno successivo all'intervento, il paziente può alzarsi in piedi. Nel complesso di esercizio terapia dopo flebectomia includono inclinazioni, gambe e gambe. Le suture vengono rimosse 7-14 giorni dopo l'intervento (a seconda della quantità di intervento). Una settimana dopo, puoi iniziare a eseguire squat, affondi e altri esercizi per i muscoli delle gambe.

Dopo la completa guarigione delle ferite postoperatorie (circa un mese dopo), si possono iniziare regolari esercizi fisici - camminare, fare jogging, andare in bicicletta, nuotare. È importante che i muscoli delle gambe siano regolarmente "inclusi nel lavoro". Questo aiuta a normalizzare la circolazione sanguigna, migliorare il deflusso venoso. In questo caso, va ricordato che in caso di malattia varicosa, anche dopo l'operazione, un forte sforzo fisico, visitando la sauna, rimanere a lungo sulle gambe è contro-indicativo.

Bendaggio, bendaggio con bendaggio elastico e intimo a compressione

Nonostante il fatto che la flebectomia moderna sia eseguita attraverso piccole incisioni, il volume dei tessuti traumatizzati è relativamente grande - questo è tutto lo spazio sotto la pelle nel corso della vena remota. Pertanto, il rischio di ematomi e sanguinamento è piuttosto alto.

Per accelerare la guarigione e la prevenzione del sanguinamento dopo l'intervento chirurgico, viene utilizzato un bendaggio stretto delle gambe con una benda flessibile. Il legame migliora anche il deflusso venoso dai tessuti, essendo una misura preventiva delle vene varicose. La fasciatura deve essere applicata al mattino, senza alzarsi, dal basso verso l'alto. Invece di fasciatura, è possibile utilizzare biancheria intima compressione - calze o calze al ginocchio.

Il grado di compressione immediatamente dopo l'intervento dovrebbe essere massimo. Allo stesso tempo, il paziente dovrebbe indossare bende o biancheria intima tutto il giorno. Circa un mese dopo, puoi iniziare a vestirti con meno compressione, e solo durante il giorno, togliendolo di notte. Tuttavia, non è possibile astenersi completamente dal tirare su golf o calze - i pazienti devono essere indossati per tutta la vita, specialmente nei giorni in cui si prevede un carico pesante sui loro piedi.

Raccomandazioni sul modo di vivere

Come già accennato, uno dei fattori nello sviluppo delle vene varicose è il sovrappeso. Pertanto, la perdita di peso è un punto importante nella riabilitazione. La nutrizione dopo la flebectomia deve essere regolata in modo tale da ottenere una quantità sufficiente di proteine, cereali, verdure e frutta di alta qualità. La quantità di grassi, in particolare di prodotti animali, zucchero e farina, al contrario, dovrebbe essere ridotta.

Particolare attenzione dovrebbe essere data alle vitamine e ai minerali. Se è impossibile comporre una dieta a tutti gli effetti, è possibile utilizzare additivi biologicamente attivi per colmare la carenza di sostanze necessarie.

Anche molto importante nella riabilitazione è il rifiuto delle cattive abitudini (fumo, abuso di alcool). Inoltre, alcuni pazienti possono aver bisogno di cambiare lavoro (se è associato a un intenso sforzo fisico o prolungati soggiorni in piedi) o al passaggio a lavori leggeri.

In conclusione, va detto che la riabilitazione dopo flebectomia non è questione di un paio di giorni, e nemmeno un paio di settimane. Inizia dal momento della preparazione del paziente per l'operazione, continua nel periodo postoperatorio e non si ferma nemmeno dopo la dimissione dall'ospedale. Alcune raccomandazioni volte a prevenire lo sviluppo di recidiva dovrebbero essere osservate per tutta la vita.

Riabilitazione dopo flebectomia periodo postoperatorio

Flebectomia - un metodo efficace di rimozione delle vene varicose

La flebectomia è un intervento chirurgico, durante il quale vengono rimosse le vene sottocutanee malsane degli arti inferiori. Il suo obiettivo è riprendere il normale flusso sanguigno. Simultaneamente, l'aspetto delle gambe migliora.

L'operazione flebectomia non è pericolosa per il sistema circolatorio, poiché colpisce solo le vene sottocutanee, fornendo solo un decimo del flusso sanguigno totale.

Rimuovere le vene varicose in modi moderni è estremamente efficace. La pelle non è gravemente ferita, quindi, le tracce post-operatorie sono ridotte al minimo.

Le indicazioni per flebectomia sono:

  • Guarnizioni varicose (vene varicose);
  • Gonfiore della vena;
  • Gonfiore dei piedi;
  • Sensazioni dolorose;
  • Formazioni trofiche

La flebectomia degli arti inferiori non viene eseguita nei seguenti casi:

  • La fase iniziale delle vene varicose;
  • la gravidanza;
  • Età avanzata
  • Infiammazione e infezione nell'area operatoria;
  • Patologie gravi, l'uso di anestesia in cui vi è un rischio;
  • Rischio di coaguli di sangue;
  • Cardiopatia ischemica;
  • ipertensione;
  • Impossibilità di attività motoria postoperatoria.

Se ci sono controindicazioni, viene prescritto un trattamento alternativo (ad esempio, la scleroterapia) o vengono eseguite solo fasi separate di flebectomia combinata.

Preparazione per un'operazione

Lo scopo dell'intervento imminente è determinato dal metodo di flebografia, che prevede l'introduzione di un mezzo di contrasto o dalla diagnostica ultrasonica (scansione duplex).

L'area della lesione, le parti delle navi da rimuovere, i luoghi delle incisioni sono rilevati.

Alla vigilia della flebectomia, il paziente dovrebbe radersi le gambe e la zona inguinale, lavare a fondo, preparare la compressione di maglieria o bende.

18 ore prima dell'intervento, dovresti smettere di mangiare.

È necessario essere d'accordo con il dottore che prende medicine. Forse prima dell'operazione dovrai pulire l'intestino con un clistere.

Tecniche per la conduzione

La scelta del metodo di funzionamento dipende da molti fattori, tra cui la dimensione dell'area interessata, il diametro della vena da rimuovere, la sua traiettoria (diritta o con curve), la presenza di malattie concomitanti e altre.

La flebectomia combinata più efficace e quindi più comunemente usata, combinando diverse tecniche.

Comprende 4 fasi:

  • crossectomia. In questa fase, il flusso sanguigno nei vasi varicosi si arresta.

Per fare ciò, viene praticata una piccola incisione nell'area della vena superficiale con la vena profonda. Di solito è la regione inguinale, meno spesso poplitea. Qui la vena superficiale è fasciata e sezionata.

Una cross -ectomia può diventare un'operazione indipendente nei casi in cui vi sia il rischio di diffondere tromboflavite nelle vene interne.

  • strippaggio. Stage, su cui viene rimossa la vena interessata. Per questo, una seconda incisione è fatta nella regione dello stinco. La vena viene estratta usando una sonda inserita in una delle aperture. Ci sono diversi design. Classica: la sonda di Bebkokk. È dotato di una punta di taglio che, spostandosi lungo la vena, la taglia fuori dai tessuti e dai vasi sanguigni adiacenti. Pertanto, nonostante la sua efficacia colossale, la sonda Bebkokk è piuttosto traumatica.

Per ridurre al minimo i danni ai tessuti, alle arterie e ai nervi circostanti, nelle sonde della medicina moderna vengono sempre più utilizzati gli utensili da taglio. In questo caso, non viene eseguita una seconda incisione, ma solo una piccola apertura per fissare la sonda sulla vena. La sonda si estende attraverso la prima incisione, capovolgendo la vena.

Questo metodo è stato chiamato PRO-stripping. Nonostante gli ovvi vantaggi, il decorso dell'operazione può essere complicato dal distacco della vena durante il suo allungamento.

Un metodo ancora più delicato è la criomatura. L'essenza di ciò è che la fine della vena striscia verso la sonda, a causa della quale la vena può essere estratta in modo sicuro ruotandola. Il metodo è costoso, ma riduce significativamente il rischio di complicanze.

  • Il palcoscenico, su cui la legatura delle vene, collega varicose con profondo (perforante). Quindi, il gocciolamento del sangue dalle vene profonde nelle soste superficiali, e quindi la pressione nel sistema venoso superficiale viene quindi rimosso.
  • Miniflebektomiya. Palcoscenico, sul quale attraverso piccole (1-2 mm) punture vengono rimosse singole vene e nodi venosi. Miniflebectomia è un intervento indipendente e diffuso nelle prime fasi delle vene varicose. La procedura è non traumatica, non richiede il ricovero in ospedale e l'anestesia generale, praticamente non lascia tracce e cicatrici.

Recupero dopo flebectomia

Le raccomandazioni per il recupero variano per ogni paziente e dipendono dalla portata e dal tipo di intervento, dall'anamnesi, dalle condizioni fisiche generali, dalle malattie concomitanti.

Il medico curante fornirà consigli individuali su come comportarsi dopo la flebectomia. Seguire queste regole - la raccomandazione principale del periodo di recupero.

Le regole generali per la maggior parte dei pazienti, che include il periodo postoperatorio, sono le seguenti:

  • Immediatamente dopo l'intervento chirurgico puoi rotolare sul letto e fare semplici esercizi dopo flebectomia in posizione prona sulla flessione-estensione delle gambe, movimenti circolari della caviglia.
  • Prescrizione di farmaci di manutenzione (antibiotici, antinfiammatori, analgesici, anti-deglutizione).
  • Già il prossimo giorno postoperatorio È necessario indossare lingerie di compressione e iniziare a camminare. Nei primi tempi non fare lunghe passeggiate, ogni 10 minuti i piedi dovrebbero riposare.
  • Per migliorare il deflusso di sangue e prevenire la trombosi La posizione delle gambe del paziente durante il sonno dovrebbe essere leggermente più alta del corpo. Per ottenere ciò, puoi alzare il bordo del letto.
  • La riabilitazione dopo flebectomia deve necessariamente includere la terapia compressiva. Le bende elastiche o la maglieria a compressione speciale devono essere indossate 24 ore su 24 per un mese dopo l'operazione. Un flebologo può abbreviare o aumentare questo periodo a sua discrezione.
  • Non rimuovere i punti da soli. strappare sangue secco e croste. Come rimuovere i punti, conosce lo staff medico. Di solito, il prelievo avviene 7-10 giorni dopo l'operazione.
  • Il lavaggio della gamba operata è possibile solo per 9-10 giorni. ma non prima che le cuciture vengano rimosse. Non fare docce calde, saune, bagni per tre mesi. La lana dovrebbe essere il più morbida possibile, in modo da non danneggiare le ferite delle ferite e non strappare le croste essiccate. Il sapone è bambino, inodore. Dopo ogni lavaggio, dovresti trattare le articolazioni con iodio o alcool. Non utilizzare cera e depilatoria per rimuovere i capelli fino a quando i piedi non guariscono.
  • Esercizi di fisioterapia e massaggio ai piedi - una parte importante dell'intero periodo di recupero. Ciò eviterà la congestione del sangue e aiuterà a evitare complicazioni.
  • Sport dopo flebectomia non dovrebbe assumere gravi sforzi fisici. Nuotare, camminare, andare in bicicletta, correre facilmente sono i più accettabili. Dovresti proteggere i tuoi piedi dalle contusioni.

Conseguenze della flebectomia

È necessario distinguere tra conseguenze fisiologiche e complicazioni regolari dopo la flebectomia.

  • Dolore locale nei luoghi di ferite
  • Ematomi, lividi dopo flebectomia.
  • Elevata temperatura corporea pochi giorni dopo l'intervento.
  • Sigilli sul sito delle vene rimosse, così come la compattazione all'inguine dopo flebectomia nell'area della cucitura della pelle.
  • A causa dello stato alterato del flusso sanguigno dopo flebectomia, la gamba può gonfiarsi.
  • A volte, dopo la flebectomia, le gambe si sentono fredde a causa del fatto che le strutture del sistema venoso sono rotte e la normale circolazione sanguigna non è stata ancora ripristinata.

Queste conseguenze sono completamente eliminate da sole per diversi mesi.

Foto prima e dopo

Molto meno spesso accade lipofotechenie a causa di danni durante l'incisione dei vasi linfatici. Inoltre, potrebbe esserci una diminuzione della sensibilità del tessuto associata a danni ai nervi che accompagnano la vena principale.

Il ripristino della sensibilità è lungo, può raggiungere diversi anni. Queste conseguenze sono spiacevoli, ma non sono un errore di flebectomia.

Se ci sono vene dopo flebectomia, è necessario condurre uno studio e, eventualmente, eseguire nuovamente l'operazione.

Possibili complicanze includono ematomi di grandi dimensioni, suppurazione di ferite, forti emorragie e trombosi dopo flebectomia.

Se dopo la flebectomia è comparsa una vena nell'area della cicatrice, allora possiamo dire che la malattia è ripresa. L'aspetto delle vene varicose sulle aree remote dalle cicatrici è la prova che la malattia sta progredendo. Nessuna delle cliniche più moderne garantisce il 100% di smaltimento delle future vene varicose dopo flebectomia.

Marukhin Pavel Alekseevich

Panoramica del trattamento a radiofrequenza delle vene varicose, dei suoi effetti e dell'efficacia. Come avviene la coagulazione a radiofrequenza, indicazioni e controindicazioni alla procedura.

Venectomia - un'operazione chirurgica per rimuovere i vasi colpiti nelle vene varicose. Il corso dell'operazione, il periodo postoperatorio e le possibili complicanze.

Strippare le vene è un'operazione delicata, alleviando i sintomi delle vene varicose. Indicazioni e controindicazioni allo stripping, la tecnica di esecuzione e il prezzo dell'operazione.

Come trattare le vene varicose sulle mani e sui palmi?

Flebectomia - un metodo efficace di rimozione delle vene varicose

Vene varicose - cosa dovrei fare? Trattamento degli occhi varicosi

Trattamento delle vene varicose con soda

Flebectomia, periodo postoperatorio: raccomandazioni per il recupero

Secondo le statistiche dell'OMS, le vene varicose (o semplicemente le vene varicose) soffrono di circa un terzo della popolazione. Più di questa afflizione sono i rappresentanti del giusto sesso degli uomini.

Uno dei metodi radicali di trattamento di questa malattia è l'intervento chirurgico, la flebectomia: rimozione delle vene varicose affette e non risolvibili.

Lo scopo della flebectomia è la normalizzazione del flusso sanguigno attraverso i vasi profondi. Ecco perché le persone che sono consigliate per questa operazione, per posticiparla in un secondo momento, non possono, questo può causare complicazioni.

Indicazioni per il funzionamento

La flebectomia non è prescritta per tutti i pazienti che soffrono di vene varicose. Se riesci a eliminare il problema con il trattamento non chirurgico tradizionale, al paziente non viene prescritto un intervento chirurgico.

Le indicazioni per flebectomia sono:

  • vaste vene varicose;
  • la presenza di ulcere trofiche causate da vene varicose;
  • segni evidenti di una violazione del flusso di sangue, accompagnata da una sensazione di pesantezza, gonfiore, aumento della fatica delle gambe, anche senza l'espansione delle vene superficiali;
  • tromboflebite acuta;
  • ristagno di sangue negli arti inferiori;
  • sensazione di bruciore lungo le linee venose delle vene varicose.

Come viene eseguita l'operazione?

La flebectomia prevede la rimozione completa delle vene colpite. La durata di questa operazione è di una o due ore. Nella maggior parte dei casi, viene utilizzata l'anestesia locale - il paziente non sente dolore e realizza tutto ciò che sta accadendo in sala operatoria. Il corpo del paziente è fissato sul tavolo operatorio per prevenire movimenti involontari durante l'intervento.

Attraverso le incisioni, il chirurgo rimuove il tronco venoso danneggiato. Dopo l'operazione, rimangono insignificanti, solo circa 3-5 mm delle cicatrici, che alla fine diventano bianche e diventano completamente invisibili.

Se necessario, all'intervento chirurgico urgente viene assegnata una flebectomia combinata.

Questa operazione consiste di quattro parti:

  • cross -ectomia: medicazione e soppressione delle vene superficiali, interruzione del flusso sanguigno. Questo viene fatto nella piega inguinale femorale o nella regione poplitea;
  • stripping - la rilevazione delle aree colpite dei vasi sanguigni mediante scansione duplex. Vienna viene espulsa attraverso una foratura nell'area dell'inguine o dello stinco. Esistono diverse tecniche operative di stripping - cryoscraping, inversion, sonda Bebokka, scripting PIN;
  • soppressione delle vene comunicative. Se i vasi comunicativi sono localizzati vicino alla pelle, i chirurghi applicano manipolazioni a basso rischio. Con una disposizione profonda delle vene, il medico usa attrezzature endoscopiche. Questo metodo consente di sbarazzarsi di cicatrici antiestetiche sulla pelle dopo l'intervento chirurgico e riduce il periodo postoperatorio.
  • microflebectomia: questo tipo di intervento chirurgico combina buoni risultati ed efficacia cosmetica. Sotto anestesia locale, il medico fa delle punture nei punti giusti della pelle, da cui, usando un gancio speciale, estrae le vene colpite. Il vantaggio di questo tipo di operazione è che le cicatrici praticamente non rimangono sulla pelle.

Controindicazioni all'operazione

La flebectomia è controindicata in questi casi:

  • presenza di gravi processi infettivi;
  • processi infiammatori sulla pelle delle gambe, come eczema, erisipela, piodermite;
  • il periodo di gravidanza, in particolare il secondo e il terzo trimestre;
  • stadio tardivo delle vene varicose;
  • vecchiaia del paziente (più vecchia di 74-75 anni);
  • cardiopatia ischemica;
  • malattia ipertensiva;
  • impossibilità di compressione elastica (ad esempio, obesità in un paziente);
  • l'incapacità di una persona di muoversi attivamente dopo un intervento chirurgico;
  • trombosi acuta di vene superficiali o profonde;
  • aterosclerosi delle arterie degli arti inferiori.

Una controindicazione relativa è la trombosi precedentemente trasferita. In questo caso, la possibilità dell'intervento chirurgico è determinata dal medico individualmente.

Possibili complicazioni dopo l'intervento

Dopo interventi chirurgici analfabeti e cure di scarsa qualità, il paziente può sperimentare tali complicazioni:

  • sanguinamento;
  • suppurazione delle ferite;
  • morbilità nell'area dell'intervento chirurgico;
  • intorpidimento delle gambe e delle cosce;
  • linfocele - la formazione di cavità riempite di linfa;
  • diminuita sensibilità della pelle.

Una complicazione insignificante di flebectomia, che si incontra quasi sempre, è la formazione di lividi - piccole contusioni. Queste formazioni scompaiono entro una o due settimane dopo l'intervento chirurgico.

Complicazioni più gravi, come il tromboembolismo, la trombosi venosa profonda della parte inferiore della gamba oggi sono rare, perché i medici usano metodi moderni di trattamento.

La riabilitazione impropria può anche portare al fatto che vene sane adiacenti ai pazienti che sono stati rimossi diventano varicose. Il periodo postoperatorio è il momento in cui deve essere prestata particolare attenzione alla salute del sistema cardiovascolare.

Flebectomia, periodo postoperatorio: raccomandazioni

Il recupero dopo l'intervento chirurgico non è costoso e richiede tempo.

  1. Nelle prime ore dopo l'operazione non giace necessariamente immobile. È possibile e necessario piegare e piegare la gamba malata, alzandola sopra il livello del corpo.
  2. Per migliorare il flusso sanguigno, sollevare leggermente sopra il bordo del materasso del letto d'ospedale. Puoi anche fare ancora più facilmente e mettere sotto i piedi un materasso arrotolato o un cuscino stretto.
  3. Un giorno dopo l'intervento chirurgico, puoi indossare biancheria intima a compressione: maglieria a compressione e bende elastiche. Dopo aver fatto una medicazione, puoi prendere una posizione verticale.
  4. Nelle prime tre settimane, e specialmente nei primi cinque giorni dopo l'intervento, non dovresti essere zelante con lo sforzo fisico. In nessun caso dovresti fare il bagno, soprattutto caldo? È anche inaccettabile visitare questi giorni bagni, saune, solarium, spiaggia.
  5. Le suture vengono rimosse dopo nove giorni. Durante questo periodo, due volte al giorno, le articolazioni devono essere trattate con perossido di idrogeno e iodio.
  6. La compressione flessibile dovrebbe essere utilizzata per altri due mesi dopo il rilascio dalle articolazioni.

Una settimana dopo l'operazione, puoi praticare fisioterapia e massaggi. La riabilitazione sotto forma di esercizi fisici dopo flebectomia è particolarmente necessaria per le persone anziane che hanno superato il confine dei sessanta anni. L'intensità dell'allenamento è determinata dal medico individualmente, a seconda delle condizioni del paziente e della sua età.

Una raccomandazione obbligatoria nel periodo postoperatorio della flebectomia è la limitazione dello sforzo fisico, ovvero il sollevamento dei pesi. Inoltre, una persona operata è severamente sconsigliata di bere alcolici e fumare.

Osservando queste raccomandazioni, puoi condurre uno stile di vita del tutto normale e dimenticare per sempre il problema delle vene varicose.

Condividi con gli amici

flebectomia

Dall'espansione varicosa, l'umanità ha sofferto per secoli, ma la flebectomia, come forma di intervento chirurgico, è apparsa relativamente di recente - alla fine del 19 ° secolo. La tromboflebite può provocare qualsiasi cosa - vestiti sbagliati, mancanza di fibre nella dieta, fattori ereditari. La metà della popolazione terrestre è soggetta a malattie venose croniche, quindi il problema è molto rilevante.

Metodi moderni di flebectomia

Non seguiremo tutte le fasi dello sviluppo della flebectomia - ci concentreremo solo sulle moderne tecnologie utilizzate dai medici. La diagnosi competente consente di scegliere il miglior metodo di intervento, in alcuni casi è stata assegnata una flebectomia combinata.

Il primo passo è la scansione ad ultrasuoni duplex, accompagnata dalla marcatura dei siti venosi interessati. Se necessario, viene prescritta una flebografia. A seconda delle condizioni del paziente e dell'estensione delle vene, i medici scelgono la procedura operativa.

  1. Spogliarello. Questa delicata operazione consente di salvare la vena, rimuovendo solo l'area danneggiata. Il chirurgo fa una puntura nella pelle, attraverso la quale viene rimosso il tessuto interessato.
  2. Fleleectomia laser. Non sono necessari strumenti chirurgici con questo tipo di intervento - la coagulazione laser avviene all'interno della nave. L'anestesia locale viene eseguita, quindi viene eseguita una puntura e viene introdotta una luce laser guida nella nave. La bruciatura del muro venoso porta successivamente alla sua crescita eccessiva. Il diametro della puntura è minimo, il foro è sigillato con uno speciale intonaco. Il periodo di recupero del paziente è significativamente ridotto.
  3. Obliterazione a radiofrequenza. Questo tipo di intervento consente di incidere con precisione le parti interessate delle vene con cateteri monouso e controllo termico, il dolore è ridotto al minimo, la ricostruzione delle vene viene eseguita da un chirurgo in una volta sola. Anche il periodo di recupero postoperatorio è accelerato.

Indicazioni e controindicazioni

La flebectomia non è sempre prescritta. Se il trattamento conservativo raggiunge l'effetto desiderato, i medici non ricorrere alla chirurgia. È importante ricordare che il tromboembolismo può essere causato da varie malattie (ipertensione, infarto, ictus, diabete mellito). La mancanza di controllo medico può portare a conseguenze disastrose (fino alla cancrena).

La flebectomia è indicata in numerosi casi:

  • sporgenti vene sottocutanee con gonfiore pronunciato;
  • ristagno del sangue negli arti inferiori (posizione eretta);
  • Lesione varicosa, che ha afferrato le gambe fino al ginocchio (a volte più in alto);
  • gonfiore costante e gambe stanche;
  • dolore regolare alle gambe;
  • comparsa di ulcere trofiche;
  • varicothrombophlebitis (sopra il primo tipo);
  • una sensazione di bruciore che lampeggia lungo le linee venose.

Quando l'operazione non vale la pena

Ci sono situazioni in cui un'operazione sulle vene è severamente vietata. L'intervento, eseguito nonostante le controindicazioni, può seriamente complicare la vita di un paziente. Sono noti casi di esiti letali.

La flebectomia è vietata nelle seguenti situazioni:

  • malattia ipertensiva;
  • stadio tardivo delle vene varicose;
  • ischemia del cuore;
  • paziente anziano;
  • gravi malattie infettive;
  • seconda metà della gravidanza;
  • infiammazione erysipelatous;
  • pyoderma;
  • eczema.

È importante ricordare: la flebectomia è preceduta da un effetto terapeutico. Spesso la necessità di un intervento chirurgico si presenta quando il periodo di trattamento farmacologico è stato perso. Non puoi ignorare le campane d'allarme. Sospettare che qualcosa sia sbagliato, andare urgentemente in clinica.

Preparazione per un'operazione chirurgica

Non è necessario trarre tragedia da un'operazione. Moralmente sintonizzati su un risultato di successo e produci una serie di azioni semplici. Ciò contribuirà ad alleviare lo stress e ad alleviare il compito del chirurgo.

Ecco le fasi necessarie per la preparazione:

  • fare la doccia;
  • esame dell'arto operato (cercare brufoli e pustole);
  • epilazione del piede;
  • conversazione con il medico curante (chiedere il tipo di anestesia, informare su tutte le medicine che si prendono);
  • purificazione dell'intestino (se esiste un'anestesia generale);
  • preparazione di scarpe morbide e vestiti larghi;
  • comunicazione con il chirurgo (è necessario segnalare la presenza di un'allergia ai farmaci contenenti iodio e alla novocaina).

È necessario superare un esame ecografico - questo aiuterà a valutare lo stato attuale delle vene. Ci sono due opzioni qui: scansione triplex e duplex. Preparati al fatto che una parte dei farmaci prima dell'operazione sarà bannata. Parla con qualsiasi medico di eventuali anomalie in salute.

Come va

Spesso, la flebectomia comporta la completa rimozione delle vene danneggiate. L'anestesia generale nella maggior parte dei casi non viene applicata - il chirurgo è limitato all'anestesia locale. Il paziente è consapevole di ciò che sta accadendo, ma non prova dolore. Una precauzione standard è quella di fissare il tronco del paziente sul tavolo operatorio. Questo aiuta a prevenire movimenti involontari del paziente, in grado di danneggiarlo.

Non illustreremo tutte le tecniche di flebectomia. Tra i momenti standard notiamo un taglio della pelle (prodotto nelle regioni distale e prossimale dell'arto - dove viene proiettata l'estensione varicosa).

Attraverso le incisioni, il tronco venoso danneggiato viene rimosso. La fase finale dell'operazione è la sutura delle incisioni. Nei casi particolarmente avanzati, è richiesta una flebectomia combinata.

Fasi di intervento chirurgico combinato

Se si tratta di chirurgia d'urgenza, ai medici può essere assegnata una flebectomia combinata. Questa operazione consiste in stripping, crossectomy, microflebectomy e l'intersezione di vene comunicative. Tutte le procedure sopra descritte sono eseguite in stretta sequenza.

Parliamo di loro in modo più dettagliato:

  1. Crossectomia. In questa fase, è necessario interrompere il flusso sanguigno. Per questo, le vene superficiali sono fasciate e soppresse. Ciò si verifica nella piega inguinale femorale, a volte nella regione poplitea.
  2. Spogliarello. La scansione duplex rivela le parti interessate delle vene, dopo di che i tronchi vengono rimossi. Soffrono principalmente grandi vene longitudinali, la parte inferiore della gamba è più spesso non influenzata dal processo patologico. Il fenomeno più comune è il corto stripping (la vena viene espulsa attraverso la puntura nella zona dello stinco e l'incisione inguinale). Esistono diverse tecniche operative, tra cui la sonda Bebokka, la crioscansione, l'inversione e la rimozione del PIN.
  3. Soppressione delle vene comunicative. Se le vene comunicative sono localizzate vicino alla pelle, viene utilizzata la manipolazione a bassa traumatica. Con un letto vascolare profondo, i medici attivano l'attrezzatura endoscopica. Il metodo consente di sbarazzarsi di cicatrici antiestetiche e riduce il periodo di recupero postoperatorio.
  4. Microphlebectomy. Questo tipo di chirurgia combina l'efficacia cosmetica con un'efficienza piuttosto elevata. In anestesia locale vengono praticate punture di pelle, dopo le quali vengono rimosse le aree danneggiate delle navi e i noduli varici. La vena viene rimossa per mezzo di un gancio speciale. I punti non sono sovrapposti, le cicatrici sono praticamente assenti.

Flebectomia tradizionale all'uncinetto.

Periodo di riabilitazione

Per ogni paziente, la riabilitazione dopo flebectomia viene calcolata dal medico individualmente. Il periodo di recupero dipenderà dalle condizioni generali del paziente. Anche le malattie croniche, contro le quali si manifestano le vene varicose, hanno un significato.

Ecco alcuni suggerimenti per ripristinare il corpo:

  1. Puoi girare e piegare le gambe subito dopo l'operazione. Alza il bordo del letto d'ospedale - questo aiuta a migliorare il flusso sanguigno.
  2. In un giorno i medici sono autorizzati a usare maglieria a compressione e bende elastiche. Dopo aver fatto una medicazione, puoi alzarti dal letto.
  3. Il periodo postoperatorio comprende anche il massaggio preventivo e l'allenamento fisico terapeutico. Ciò impedisce la formazione di coaguli di sangue.
  4. Dopo una settimana, non essere zelante con lo sforzo fisico. Evitare aerobica e ginnastica. Non fare il bagno (caldo) e non andare al bagno.
  5. I punti vengono rimossi il nono giorno, prenditi cura di te durante questo periodo di tempo.
  6. Due volte al mese, comprimi.

Complicazioni: cosa può succedere dopo l'intervento

I medici stimano la probabilità delle complicanze postoperatorie come piuttosto bassa, ma è impossibile escludere completamente il pericolo. La flebectomia non è una procedura cosmetica facile, è un intervento chirurgico. La maggior parte dei momenti spiacevoli si osservano nelle prime ore dopo l'operazione.

Elenchiamo le probabili conseguenze della chirurgia:

  • sanguinamento pesante;
  • diminuzione della sensibilità (manifestata in caso di danno ai nervi sottocutanei);
  • suppurazione (formata nella zona dell'ematoma);
  • intorpidimento (toccando le gambe e le caviglie);
  • lividi (conseguenza della chirurgia laser);
  • dolore (luoghi di influenza);
  • trombosi venosa profonda (rara).

Ora la flebectomia è una procedura molto comune, che non devi temere. Puoi farlo in un ospedale normale o in una clinica privata. Per fare questo, è necessario contattare il dipartimento di chirurgia vascolare. Le cliniche di Mosca offrono questo servizio per 15-270 mila rubli (il prezzo dipende dal livello dell'istituto, dalla complessità dell'operazione e dal livello di formazione del chirurgo). A San Pietroburgo, l'intervento di un medico è più economico.

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Quale è meglio scegliere - Relief or Relief Ultra e perché

Struttura

Proctologi in presenza di emorroidi prescrivono più spesso supposte rettali Relief o Relief Ultra è meglio scegliere, il paziente decide sulla base delle sue lamentele....

Come fasciare i piedi con le vene varicose: istruzioni passo passo con una foto

Struttura

Con le vene varicose, le vene proliferano e le valvole non sono in grado di impedire il flusso di sangue nel volume normale....