Flebologia (trattamento delle vene varicose)

Che a trattare

La scleroterapia a compressione è una media del grado di esposizione ed è nella posizione intermedia tra i metodi operativi e quelli conservativi di trattamento delle vene varicose. Attualmente, la scleroterapia a compressione ha raggiunto un nuovo livello di efficacia e questo attira l'attenzione dei flebologi.

La scleroterapia a compressione è stata utilizzata per molti anni negli Stati Uniti e nei paesi europei ed è considerata una classica terapia ambulatoriale per le fasi iniziali delle vene varicose. L'uso di questo tipo di scleroterapia ha contribuito ad evitare un numero significativo di complicazioni e forme trascurate di vene varicose.

Con la scleroterapia a compressione, una sostanza sclerosante viene iniettata nella vena varicosa, che causa la sclerosi alle pareti del vaso. Questa sostanza provoca un'ustione chimica, che provoca l'infiammazione asettica della parete venosa, quindi incollata e cicatrizzata. Di conseguenza, la nave "scompare", lasciando dietro di sé una cicatrice.

Spesso usato la tecnica della schiuma formando scleroterapia (schiuma-forma).

Lo sclerosante viene somministrato come una schiuma, che in alcuni casi presenta vantaggi prima dell'introduzione dello sclerosante in forma liquida.

Procedura per la preparazione di scleroterapia con schiuma per l'attuazione sviluppato dal Dr. Lorenzo Tessar e la tecnologia di trattamento delle vene varicose con questo metodo è stato perfezionato dal suo allievo Attilio Cavezzo e applicato a partire dal 2002.

Tutti sclerosante può essere suddiviso in tre gruppi: detergenti (polidocanol (LPO, Etoksisklerol), tetradecile sodio (fibro Wayne), soluzioni osmotici (sodio salicilato 30 e 40%, cloruro di sodio al 10% e 20%, saccarosio 5%, fenolo 1 %, destrosio 66%) e sclerosante chimica (glicerina, etanolo, 4% poliiodny iodio).

Una caratteristica dei farmaci osmotici è il loro effetto indiscriminato e il danno a tutte le cellule, incluse le cellule del sangue. In alcuni casi, questi farmaci possono penetrare attraverso la parete del vaso nei tessuti circostanti, causando necrosi.

Pertanto, quando si utilizza questo tipo di sclerosi, è necessaria una grande cura. Le iniezioni di questi farmaci sono piuttosto dolorose.

sclerosante chimica (etanolo) è efficace nel trattamento di malformazioni arterovenose, lesioni vascolari cioè con una grande portata, e ciò richiedeva alte concentrazioni di farmaco (30%), ma l'effetto simile può essere ottenuto utilizzando polidocanol. Una complicazione frequente della somministrazione di etanolo è la formazione di necrosi dei tessuti molli.

Quando somministrato fibro-Wayne ha indicato dolore moderato, necrosi cutanea può verificarsi se la soluzione stravaso ad una concentrazione di oltre l'1%, come una rara reazioni avverse osservate reazioni allergiche e iperpigmentazione.

PAUL - indolore quando somministrato, con stravaso 1% non causa necrosi cutanea, meno spesso sviluppa iperpigmentazione, raramente reazioni allergiche. L'efficienza è pari a Fibro-Wayne.

Il nostro Paese è attualmente autorizzato per l'uso in scleroterapia seguente sostanza sclerosante: polidocanol (etoksisklerol, Germania) (Fibro-Vein, Inghilterra). Il loro utilizzo ha dimostrato efficacia e sicurezza nel rispetto delle regole di sclerosi attuazione.

Indicazioni per la scleroterapia

La scleroterapia può essere un metodo separato per trattare le vene varicose e può anche essere usato come supplemento ai metodi chirurgici, tra cui:

• Varicosi nelle prime fasi, in cui non vi è alcuna scarica patologica venosa dalle vene profonde nelle vene superficiali;
• piccole vene varicose che persistono o riappaiono dopo l'intervento chirurgico, coagulazione endovascolare con laser, trattamento con onde radio;
• vene reticolari (maglie vascolare), telangiectasia ( "capillari"), anche nei casi in cui non v'è alcun riflusso verticale o orizzontale.

Quando sclerosando il tronco della grande vena safena e grandi afflussi varicosi, si sviluppano spesso tromboflebite acuta e ricanalizzazione.

Il successivo trattamento chirurgico di tali vene è molto più traumatico per i pazienti.

Controindicazioni alla scleroterapia

• Pazienti con restrizioni di attività fisica, poiché dopo lo sclerosamento è necessario camminare per un'ora;
• incinta e in allattamento;
• Persone con allergie a sclerosanti, con grande cura - a pazienti con asma bronchiale e malattie autoimmuni;
• Persone con tendenza alla trombosi di qualsiasi localizzazione;
• quando la varicità è combinata con grave insufficienza valvolare nei tronchi principali delle vene sottocutanee o perforanti;
• con malattie purulente-infiammatorie di qualsiasi localizzazione.

Prima di scleroterapia deve informare il medico sull'assunzione di qualsiasi farmaco (ad esempio, ormoni, farmaci antinfiammatori non steroidei, ecc.). Tali farmaci possono essere annullati da un medico pochi giorni prima della scleroterapia, in quanto influenzano la coagulabilità del sangue e possono portare a complicazioni dopo la procedura.

Inoltre, è fortemente raccomandato prima di scleroterapia per 2 giorni per limitare il fumo e bere alcolici.

Anche raccomandato per qualsiasi procedura di cosmetici che comporta la rimozione dei peli sulle gambe (rasatura, ceretta e creme), in quanto possono provocare irritazioni della pelle o infezione.

Scleroterapia: tecnica di attuazione

1. La posizione del paziente.

La procedura è in posizione eretta non viene eseguita già da molti anni, a causa di alto rischio di trombosi venosa profonda e bassa efficienza, poiché sclerosante per 5 secondi si abbassa i 8cm vena, senza dover avere un impatto significativo sulla vena nella posizione desiderata. Inoltre, abbastanza spesso in questa procedura, il paziente ha un effetto vasovagale (collasso).

Attualmente, la procedura viene eseguita nella posizione prona del paziente. Sull'arto sotto il sito di puntura è posto sulla calza di compressione.

Dopo aver trattato la pelle con una soluzione alcolica antisettica, il medico fora la vena e introduce lo sclerosante.

È più comodo inserire l'ago con un taglio verso il basso, in questa posizione diminuisce il rischio di toccare la parete opposta della vena.

Dopo aver rimosso l'ago fino al punto della puntura, viene fissata una palla di garza sterile. Si adatta al pad in lattice e indossa una calza (bendaggio elastico).

Dopo questo, la procedura viene ripetuta nelle parti soprastanti dell'arto, se necessario. Dopo la fine della procedura, il paziente si alza e cammina energicamente, sollevando le ginocchia per 30-40 minuti per prevenire la trombosi venosa profonda. La biancheria da compressione deve essere indossata per almeno 3 giorni. Di norma, il terzo giorno viene nominato un esame di controllo. Durante l'esame, la domanda sulla necessità di continuare la compressione, condurre ulteriori sessioni di scleroterapia.

Entro una settimana dopo la procedura di scleroterapia è opportuno limitare l'attività fisica, comprese le visite in palestra, piscina e sauna.

2. Scleroterapia con schiuma sclerosante.

La particolarità è che immediatamente prima della somministrazione lo sclerosante viene schiumato utilizzando un semplice adattatore.

Il rapporto "gas liquido" dovrebbe essere: 1 parte del liquido a 3 o 4 parti di gas. L'aria è usata come gas. La durata della schiuma per 1% di polidocanolo è di 120 secondi, rispettivamente, durante questo periodo la schiuma dovrebbe cadere nella vena.

Il vantaggio di introdurre uno sclerosante sotto forma di schiuma è che la quantità di farmaco usata è inferiore a quella di una semplice forma liquida.

La schiuma, penetrando nel vaso, sposta il sangue da esso e contatta direttamente l'endotelio della vena, causandone il danno. Quando sclerosando vene di grande diametro, somministrare il preparato in forma liquida porta alla sua diluizione con il sangue e, di conseguenza, a una diminuzione della concentrazione e dell'efficienza.

L'uso di schiuma per recipienti di diametro inferiore a 1 mm non è ragionevole.

Efficacia della scleroterapia nell'eliminazione delle manifestazioni delle vene varicose raggiunge l'85%.

Effetti collaterali della scleroterapia

1. Iperpigmentazione - la comparsa di macchie brune nei siti di iniezione dello sclerosante.

La frequenza dello sviluppo di iperpigmentazione varia ampiamente e dipende dalla preparazione utilizzata, dalla concentrazione e dalla quantità della soluzione. Molto spesso l'aspetto della pigmentazione è un fenomeno temporaneo, e nel giro di un anno scompare da solo. Tuttavia, nell'1-2% dei pazienti, la pigmentazione persiste per oltre un anno dopo il trattamento.

Iperpigmentazione dopo scleroterapia è la deposizione di emosiderina nel derma. Durante lo studio delle cause dello sviluppo di questa condizione, è stato riscontrato che molti dei pazienti hanno una violazione del trasporto del ferro nella pelle. Più spesso, la pigmentazione si verifica dopo il trattamento delle teleangectasie. C'è anche una predisposizione alla formazione di iperpigmentazione in persone dalla pelle scura e dai capelli scuri.

Prevenzione: uso di concentrazioni moderate di sclerosante, che provoca solo endotelio necrosi, e non l'intera parete vascolare, seguite da diapedesi di eritrociti nel tessuto circostante, limitando la pressione sul pistone quando somministrato sclerosante, la restrizione ricezione supplementazione di ferro per 1 mese dopo la sclerosi e navi compressione moderata dopo la procedura per ridurre il rischio di globuli rossi uscita perivazalno, è necessaria compressione per 3 giorni dopo la procedura.

trattamento: rimozione delle macchie di pigmento con un laser Q-switched, la cui azione è diretta ai depositi di emosiderina.

2. Edema di regola, si sviluppa durante il primo giorno nell'area di navi sklerozirovanny e passa indipendentemente per 2-3 giorni.

prevenzione: compressione, ricevimento di farmaci antinfiammatori non steroidei, antistaminici.

3. La comparsa di teleangectasie.

La comparsa di teleangectasie precedentemente non rilevabili dopo vasi sclerosanti si riscontra nel 20% dei casi. Di norma, queste navi scompaiono da sole entro 3-6 mesi. La ragione del loro aspetto risiede probabilmente nella stimolazione della neoangiogenesi a seguito di un danno alla parete vascolare durante lo sclerosante.

trattamento: nella stragrande maggioranza dei casi, queste navi hanno un diametro ridotto e la loro terapia laser (laser al neodimio o IPL) è più efficace.

4. Dolore.

Per evitare dolore durante la procedura, non è consigliabile utilizzare anestetici locali, poiché causano vasocostrizione e la localizzazione della nave diventa molto difficile. Pertanto, la riduzione del dolore si ottiene scegliendo il farmaco, la sua concentrazione e lo spessore dell'ago.

5. arrossamento (orticaria) nella zona di iniezione.

Si sviluppa con l'introduzione di qualsiasi sclerosante e dura circa mezz'ora. Se il rossore è accompagnato da prurito, allora è possibile utilizzare un unguento corticosteroide (ad esempio, clobetasol).

6. Recidiva delle vene varicose.

La recidiva può verificarsi nel 40-50% dei casi e dipende da molte ragioni. Prima di tutto, sul diametro e l'estensione della nave sclerosata, sul grado e sulla durata della sua compressione dopo la procedura.

Complicazioni di scleroterapia

1. Necrosi della pelle.

motivi: Iniezione Perivazalnye in tessuto, pelle o arteriole legato al telangiectasia, vasospasmo reattiva. Quando la piccola quantità della procedura di preparazione può penetrare il tessuto circostante quando si rimuove l'ago, con forature multiple possono verificarsi rottura della nave al la somministrazione, e necrosi della nave a seguito di azione del farmaco. Lo sclerosante osmotica più pericoloso più sicura per quanto riguarda lo sviluppo di necrosi della pelle polidocanol.

trattamento: se sospettato di somministrazione extravasale del farmaco deve essere immediatamente somministrato ialuronidasi al fisico. soluzione nella zona danneggiata. Ciò impedisce la comparsa di necrosi. Nel caso dello sviluppo della gayluronidase necrotica, introdotta nel primo periodo, in alcuni casi consente di ottenere la guarigione senza una cicatrice.

Con il riconoscimento tardivo delle complicanze, la necrosi, di regola, non supera i 4 mm di diametro e guarisce con la formazione di cicatrici accettabili.

2. tromboflebite di superficie.

Si sviluppa entro la prima settimana dopo la sclerosi e cattura prima la vena in cui sclerosante somministrato, ma in futuro potrebbe estendersi prossimalmente, così come vene perforanti per il sistema venoso profondo. Più spesso la tromboflebite si verifica quando le vene sclerosanti hanno un diametro superiore a 2 mm. Circa il quadro clinico e il trattamento è detto qui.

prevenzione: adeguata terapia di compressione e follow-up regolare da parte di un chirurgo dopo la procedura.

3. Rare complicazioni.

• Reazione sistemica tossica o allergica

• Complicanze tromboemboliche (tromboembolismo dei rami dell'arteria polmonare).

Come complicazione dell'introduzione dello sclerosus, la vena profonda tromboflebite si verifica nelle vene profonde. Thrombi può migrare con flusso di sangue nell'arteria polmonare, causando un quadro clinico dell'insufficienza cardiopolmonare. Questa complicazione è potenzialmente letale, ma con la sclerosi di piccole vene praticamente non si trova.

prevenzione: restrizione dell'introduzione di sclerosante in un recipiente 0,5-1,0 ml per impedire al farmaco di entrare nel sistema delle vene profonde attraverso i perforatori. Terapia di compressione adeguata obbligatoria. Certamente! Dopo lo sclerosante, il paziente deve camminare ATTIVAMENTE per almeno 30 minuti, quindi le persone con limitazioni di attività fisica (a seguito di qualsiasi causa) non sono controindicate nello sclerosante!

Scleroterapia delle vene delle mani

La scleroterapia delle vene delle mani non è una procedura di routine, spesso eseguita per diversi motivi.

In primo luogo, queste vene non sono esposte all'effetto della pressione ortostatica e non sono quasi mai varicose. Nelle persone impegnate nel lavoro fisico, nello sport, le vene degli arti superiori si allargano, ma questa espansione ha un carattere adattativo fisiologico e non provoca sensazioni spiacevoli.

Più spesso che no, i pazienti in cerca di aiuto si lamentano di allargare il pennello. I pazienti sembrano pensare che le loro mani appaiano "vecchie". Quando vengono esaminati, di regola vengono determinate le venature blu allargate sulla superficie posteriore del pennello con un diametro di circa 4-5 mm.

È molto importante spiegare al paziente che, dopo il trattamento, le vene del polso saranno INCREVABILI LESIONI PER INIEZIONI INTRAVENITE in futuro, se è necessario curare qualsiasi malattia o operazione.

Procedura per la scleroterapia delle vene delle mani: il paziente viene posizionato sul divano. Il pennello sale sopra il livello orizzontale. Per una puntura, di solito vengono utilizzate una siringa da 3 ml e un ago da 30G. La vena sfenoidale viene premuta con le dita per impedire la diffusione dello sclerosante sull'avambraccio. Come sclerosante, si forma una schiuma Fibro-vena allo 0,5%, si usa l'1% di LP.

Dopo aver rimosso l'ago, la mano viene delicatamente massaggiata. Sul posto della vena trattata viene applicato un cuscino e una maglieria elastica. Si consiglia di indossare una benda elastica entro un giorno.

Un altro modo possibile per rimuovere le vene della mano è l'operazione - mini-flebectomia.

La tecnica di esecuzione è simile a questa operazione sulle vene degli arti inferiori (vedi minifleectomia).

Sotto anestesia locale, vengono eseguite punture lungo la vena, di cui le vene vengono rimosse con strumenti speciali. Bende sterili e maglieria a compressione vengono applicate ai punti di puntura e il giorno successivo viene eseguita una medicazione.

In questo metodo, la rimozione delle vene nel periodo postoperatorio può essere un piccolo ematoma, il braccio non può essere lavato per 7 giorni, per la guarigione della ferita.

Tromboflebiti dopo scleroterapia

Per 2 ore prima della prossima visita dal medico, è necessario rimuovere la benda elastica o la maglia. Dopo l'ultima sessione di scleroterapia, una compressione continua è raccomandata per 7 giorni, con la successiva transizione alla compressione diurna per 4-5 mesi (o più lunga se necessario). Il risultato cosmetico positivo si osserva non immediatamente, ma 2-8 settimane dopo la scleroterapia. Durante questo periodo, piccole aree di pigmentazione ("lividi") possono rimanere nella zona di iniezione, che quindi scompare senza lasciare traccia. Se necessario, i corsi di flebosclerobliteration possono essere ripetuti.

Regole generali di scleroterapia:

  • Quando è meglio fare la scleroterapia? Il periodo tradizionale di attivazione della popolazione femminile è la primavera. I primi giorni caldi e il sole dolce incoraggia le ragazze e le donne a provare su gonne, che in alcuni casi porta alla scoperta delle stelle colorate specchio poco attraente e la maglia blu sulle gambe, desiderosi di calore. A questo proposito, c'è il desiderio logico di liberarsi del difetto estetico prima delle vacanze estive, il che incoraggia una visita di emergenza dal medico-flebologo. Purtroppo, nella maggior parte dei casi, la primavera è un momento estremamente inadatto per la scleroterapia, perché la tecnica non consente di raggiungere il risultato estetico finale all'inizio dell'estate, come verrà discusso di seguito. Il periodo ottimale per la scleroterapia è il tardo autunno, l'inverno e l'inizio della primavera. In primo luogo, la scleroterapia implica la necessità di indossare maglieria a compressione, in alcuni casi 24 ore su 24 e per un lungo periodo. È chiaro che indossare calze a compressione, molto meno dormire in esse, è molto più facile nella stagione fredda! In secondo luogo, il periodo caldo dell'anno sin dai tempi antichi è sinonimo di epidemie, perché nel caldo, la diffusione delle infezioni è facilitata, quindi non è consigliabile effettuare manipolazioni invasive, a cui si applica anche la scleroterapia, in estate. In terzo luogo, per ottenere un effetto estetico finale dopo scleroterapia richiede tempo, in alcuni casi, ci vogliono molto lunghi, in modo da ottenere le gambe di bellezza per le vacanze estive, quando si esegue la procedura in primavera, in molti casi, impossibile.
  • Quando aspettarsi un risultato cosmetico dopo la scleroterapia? La prima cosa che diciamo ai nostri pazienti prima della procedura: "Quando togli le calze, le cose andranno molto peggio!". Il fatto è che quando l'iniezione sklerozant spinge completamente sangue da una vena, è più leggero e quasi scompaiono davanti ai nostri occhi. Questo può essere visto su qualsiasi video, dedicato alle tecniche pubblicitarie. In questo momento si verifica un danno critico alla parete venosa, che è la chiave per il suo "incollaggio" di successo. Nel frattempo, dopo un paio di minuti, il sangue ritorna in vena, perché la procedura viene eseguita in un organismo vivente con circolazione sanguigna attiva! Dopo aver contattato il sangue di ritorno dalla parete del vaso danneggiato avvia il processo infiammatorio, e in particolare lume vena formate coagulo che chiude completamente dalla circolazione. Questa è l'occlusione o "sigillare la vena". L'ulteriore destino di una vena è un'involuzione. il suo "riassorbimento", che può durare per settimane e mesi, e la sua durata è altamente individuale. Per il completo riassorbimento della vena, a seconda delle sue dimensioni, diamo fino a 3-9 mesi. Allo stesso tempo, mentre Vienna è riempito con un coagulo, ed è un processo infiammatorio, diventa più luminoso (blu o verde), incomprimibile, leggermente doloroso, e sopra di esso v'è un regolare in vari gradi, espresso pigmentazione, e in un luogo fatto colpi - lividi - in generale, la gamba inizia a fiorire attivamente! E se hai bisogno di eseguire diverse sedute di scleroterapia, allora ogni settimana ricomincia tutto! Come risultato, contando dall'ultima iniezione, lividi scompaiono generalmente entro 1-2 settimane, pigmentazione - per 1-3 mesi, e la completa scomparsa del termine vena dipende dalla sua dimensione e l'individuo e medie circa 3 mesi, ma può essere esteso a 6 e fino a 9. Quindi, se una ragazza vuole avere belle gambe entro l'estate, allora dovresti iniziare a pensarci in autunno! Se cominciamo a scleroterapia in tarda primavera - si dovrà andare al resort in inverno e la maglia abbigliamento estivo e nascondere sotto l'aria condizionata!
  • Quanto è dolorosa la procedura? La microscleroterapia viene eseguita con aghi molto sottili (30 g), che vengono utilizzati per le iniezioni di insulina, quindi la puntura cutanea non viene percepita. L'introduzione del farmaco può causare una leggera sensazione di bruciore, ma in generale la procedura è quasi indolore. La scleroterapia a base di schiuma delle vene reticolari viene eseguita con aghi più grandi (24-26 g) e, a seconda del dolore, assomiglia ad una normale iniezione endovenosa. La stessa introduzione del farmaco si fa sentire sempre meno e spesso è una sensazione di scoppiare lungo le vene. La scleroterapia ECHO è eseguita da cateteri-on-ago di grandi dimensioni (18-22 g). La puntura della vena può essere dolorosa, quindi in alcuni casi applichiamo l'anestesia locale del punto di iniezione. L'introduzione del farmaco in grosse vene non è quasi avvertita.
  • Perché ho bisogno di compressione e posso farne a meno? Senza compressione, puoi farlo! Ma senza che aumenta la probabilità di complicanze ed effetti collaterali indesiderati della scleroterapia, passare più ecchimosi, lenti vene involuzione non scompaiono i sintomi di insufficienza venosa cronica, così come aumenta il rischio e il rendimento della ulteriore progressione della malattia, fino alla "vene incolla". Pertanto, puoi rinunciare alla compressione, ma se ne hai bisogno.

Tipi di scleroterapia:

L'utilizzo di una combinazione di una varietà di moderne tecniche di scleroterapia consente di risolvere il problema del trattamento radicale delle forme iniziali delle vene varicose senza ricorrere ad altre tecniche chirurgiche. Ciò pone il fleboskleroblitteration su un livello con un'operazione chirurgica radicale. Poiché il reflusso del sangue attraverso il tronco grandi o piccoli safena possono essere eliminati con successo o puntura catetere stelo scleroobliteration sotto guida ecografica tramite il modulo microfoam sclerosante (ago catetere o schiuma-forma ECHO scleroterapia). perforanti possono essere sclerosed con microschiuma utilizzando ECHO scleroterapia e varicose affluenti trasformate eliminato scleroterapia compressione schiuma-forma. Così tutti i problemi sono risolti trattamento varicosis - sono eliminati e riflussi (meccanismi patogenetici) e sintomi (sindrome varicosa) utilizzando il metodo traumatico più economico e meno. Tuttavia, un grave inconveniente di questo metodo di trattamento patogenetichnskogo varicosis è la mancanza di affidabilità e la possibilità di utilizzare solo per le forme iniziali di vene varicose. Inaffidabilità si manifesta nel fatto che il 40-60% del flusso di sangue nelle arterie principali sclerosed rendimenti malattia finalmente restaurato (verifica ricanalizzazione), e. Allo stesso tempo, scleroterapia con schiuma in combinazione con metodi moderni endovasal eliminare reflusso (EVLT, RCHO) è un mezzo efficace per eliminare la sindrome varicosa e una buona alternativa per miniflebektomii chirurgici.

EFFETTI AVVERSI E COMPLICANZE DI SCLEROTERAPIA

inizio:

  • FORTE DOLORE E LIQUIDAZIONE dopo l'introduzione dello sclerosus si verificano molto raramente, dipendono dal sito di iniezione e dalla concentrazione della soluzione, passano rapidamente. La maggior parte dei pazienti sperimenta un leggero bruciore o "formicolio" entro 1-2 ore dopo le iniezioni.
  • REAZIONI VAGO-VASALI (vertigini, mal di testa, palpitazioni, sudorazione eccessiva, tachicardia, svenimento) - possono verificarsi in pazienti con disturbi eccessivi e non richiedono una terapia speciale.
  • CAPITALE LOCALE (l'arrossamento della pelle direttamente sopra i vasi in cui viene somministrato il farmaco è dovuto a una violazione della permeabilità dell'endotelio a seguito di un'ustione chimica). Passa da solo.
  • REAZIONI ALLERGICHE (broncospasmo, edema di Quincke, shock anafilattico) sono estremamente rari e per lo più in pazienti che hanno precedentemente avuto reazioni allergiche a qualsiasi farmaco. Pertanto, è importante informare il medico su di esso. Le reazioni allergiche vengono rimosse con un farmaco speciale.
  • LA NECROSI EPIDERMICA Essa si verifica in 0,5-1% dei casi dopo elementi scleroterapia intradermica vascolari (varici e vene reticolari) e mostra la formazione di bolle superficiali o croste secche, che si trovano nell'epidermide e nel derma superficiale. La causa è considerato soluzioni sclerosanti paravasal infiltrazioni di concentrato (0,5%) a causa di un guasto tecnico nell'esecuzione di iniezione o ad alta permeabilità vascolare. Un altro motivo può essere la penetrazione del farmaco nell'estremità arteriosa del capillare quando viene iniettato in grandi volumi sotto pressione. Si ritiene che una soluzione allo 0,5% Etoksisklerola non in grado di indurre necrosi epidermica anche a paravasal e somministrazione intradermica, e quindi la principale causa di queste complicazioni nel suo utilizzo è veloce iniezione sotto pressione [Schuller-Petrović S et al 2011 ]. Allo stesso tempo, un Fibro-Wayne più aggressivo può causare la denaturazione diretta delle proteine ​​della pelle. La necrosi epidermica richiede il trattamento con soluzioni concentrate di antisettici abbronzanti (permanganato di potassio) per formare una crosta densa. Entro 1-3 mesi si auto-strappano via con la formazione di un orlo negli strati superficiali della pelle di diverse profondità.
  • GAMBE DEL PIEDE nella stragrande maggioranza dei casi è associato a bendaggio improprio, quindi è importante imparare come bendare correttamente la gamba quando si usano bende elastiche. Con l'uso della maglieria a compressione, quasi mai si verifica.
  • THROMBOZE OF DEEP WINE è una complicazione piuttosto rara, che si verifica principalmente in pazienti che hanno precedentemente avuto tromboembolia venosa o che soffrono di trombofilia ereditaria. Pertanto, è molto importante informare il medico prima di decidere se condurre una procedura per tutti gli episodi di trombosi venosa in te o nei parenti più prossimi. Secondo i dati della letteratura generalizzata, lo sviluppo della trombosi venosa sintomatica è stato osservato in meno dello 0,1% delle persone sottoposte a scleroterapia. Nel frattempo, con un accurato studio ecografico post-intervento dopo la scleroterapia con schiuma di perforanti e piccole vene sottocutanee, i segni di occlusione trombotica possono essere rilevati in un numero molto più ampio di pazienti. Allo stesso tempo, queste occlusioni non sono vere trombosi. Sono localizzati principalmente in una zona limitata delle vene muscolari del caviale e sono una conseguenza della penetrazione della forma attiva dello sclerosante in essi. Tali "trombosi" non hanno manifestazioni cliniche pronunciate, tendono a crescere, non minacciano lo sviluppo di embolia polmonare e si risolvono completamente entro 3-6 mesi senza danni alla salute. L'eccezione è rappresentata da quelle occlusioni che, a causa della presenza di una tendenza individuale alla trombosi, iniziano ad aumentare con la comparsa di un quadro clinico vivido e lo sviluppo di una minaccia di embolia polmonare. Tali trombosi sono vere complicanze e richiedono terapia anticoagulante in regime ambulatoriale o ospedaliero. La frequenza di sviluppo della PE sintomatica dopo scleroterapia è inferiore allo 0,1%, con esiti fatali non osservati nel mondo. Un caso di tromboembolismo paradosso in un ampio circolo di circolazione con sviluppo di un ictus ischemico è descritto [Ma RW et al 2011].
  • DANNI DEGLI STELI NERVOSI E DELLE INIEZIONI INTRAIRERIALI. Iniezioni intraarteriose possono portare a cancrena ischemica dell'arto e danni ai tronchi nervosi alla paralisi periferica. Grave complicazione associata a errori tecnici grossolani. Richiede un trattamento speciale.

Necrosi profonda della pelle dopo scleroterapia con una schiuma di etossichitro 1% (con le parole). Il meccanismo più probabile è l'ingresso di una grande quantità di farmaco nel letto arterioso quando l'iniezione è forzata o la presenza di un grande shunt artero-venoso, tipico per la regione della caviglia.

Necrosi epidermica dopo l'introduzione di una forma liquida dello 0,5% di r-ra etossiclerolo

Necrosi epidermica dopo 1 mese

Necrosi epidermica dopo l'introduzione di una forma liquida dello 0,5% di etossiglicerolo

Necrosi epidermica dopo 2 mesi

Iperpigmentazione persistente 12 mesi dopo la scleroterapia delle vene varicose con una forma di schiuma dell'1,5% di etossichiterolo

in ritardo:

  • Tromboflebite. La vera tromboflebite delle vene sottocutanee si sviluppa raramente dopo scleroterapia di vasi vasti e significativamente alterati ed è accompagnata da un quadro clinico classico di infiammazione. Si verifica nell'1,5-3% dei casi. Di solito la tromboflebite post-scleroterapia non è una minaccia, perché non tende a progredire nel processo trombotico e viene trattato in modo conservativo. Un buon effetto è dato dalla puntura di nodi infiammati con l'evacuazione di masse trombotiche da parte di un ago spesso. Una situazione separata è una leggera infiammazione delle vene occluse, che si sviluppa nel 25-30% dei casi dopo lo sclerosamento di grandi afflussi. Tali vene sono caratterizzate da moderato dolore e densificazione, che è spesso combinato con la pigmentazione della pelle sopra di loro. Tale infiammazione di solito non richiede trattamento; è una caratteristica reazione involutiva della vena. Nel frattempo, il disagio può essere alleviato dalla puntura della vena con un ago spesso con l'evacuazione dei coaguli.
  • IPERPIGMENTAZIONE - l'oscuramento della pelle sulla vena sclerotizzata, che si verifica nella maggior parte dei casi dopo vena sclerosante di qualsiasi calibro e dipende direttamente dalla concentrazione del farmaco. Iperpigmentazione non persistente prolungata si verifica in circa il 2% dei pazienti. Circa il 30% dei pazienti presenta lieve iperpigmentazione fino a 6 mesi dopo il trattamento; scomparendo completamente in 10-12 mesi. Cause: sintesi e accumulo di melanina nelle cellule epidermiche con una risposta infiammatoria locale dopo l'iniezione di sclerosante; la penetrazione attraverso la parete danneggiata della vena nell'epidermide e la pelle degli eritrociti distrutti e dell'emoglobina. In alcuni casi, è consigliabile eseguire procedure cosmetiche per accelerare il processo di normalizzazione del colore della pelle. La pigmentazione può essere considerata non una complicazione, ma un naturale effetto indesiderato della scleroterapia, che dovrebbe essere preparato moralmente per ciascun paziente.
  • PELLE PROFONDE E CELLE SUBCUTANEE. molto rara complicazione che si verifica quando una quantità sostanziale di contatto con la soluzione sclerosante concentrata all'esterno del recipiente nel tessuto circostante, e quando erronea atkzhe somministrati farmaci nel canale sangue direttamente o tramite disposti accanto a artero shunt e rappresenta la morte di un'area della pelle nella zona di iniezione. Il trattamento locale viene effettuato secondo i principi della conduzione della necrosi ischemica secca. Una singola tattica di trattamento non è disponibile. Il periodo di guarigione è di 4-6 mesi con la successiva formazione del bambino. Possibile correzione estetica successiva della cicatrice.
  • TELE REFRIGERATE (Metting). rappresentano vasi rossi molto piccoli in luoghi di vene sclerotizzate. Possono comparire entro 2 o 4 settimane dopo il trattamento e scomparire entro i prossimi 2-6 mesi. Circa il 30% delle donne utilizza (o assume di recente) contraccettivi ormonali e nel 2-4% di tutti gli altri pazienti. È più comune quando si usano bende elastiche rispetto alla maglieria terapeutica. Il trattamento speciale, di regola, non è richiesto, qualche volta il corso di prendere aumenti di medicine venotonicny. Il trattamento resistente può essere eliminato con il metodo della coagulazione del laser per irradiazione.
  • FORMAZIONE DELLA SOGLIA DI DENSITÀ - è una complicazione del catetere sclerobliterante. Normalmente, il legamento, formato dopo sclerosante la vena, può essere rilevato solo dopo la palpazione mirata. In alcuni casi si forma una pesantezza, a volte dolorosa, che modella la pelle e provoca disagio, soprattutto nei pazienti astenici.
  • COMPLICAZIONI NEUROVASCOLARI. Nella letteratura mondiale ha una descrizione dei singoli casi di ictus ischemico associato con l'introduzione di forme schiuma sclerosante [Ma RW et al 2011; Gillet JL et al 2009; Bush RG et al 2008; Forlee MV et al 2006]. Tutti i tratti sono stati associati con la presenza di pazienti PFO e diffondere la forma schiuma del farmaco nella circolazione sistemica, in particolare nelle arterie cerebrali. Nessuno dei casi descritti è stato fatale ei sintomi neurologici sono parzialmente o completamente regrediti nel giro di pochi mesi. attacchi ischemici transitori sono stati riportati in più pazienti ed è stato anche legato alla presenza nel cuore di finestre PFO e introducendo lo sclerosante schiuma. A differenza di colpi rare e attacchi ischemici transitori, complicazione abbastanza comune è minore sintomi neurologici in forma di mal di testa, vertigini, visione offuscata transitoria. Si è constatato che dopo l'introduzione del sclerosante nella vena di schiuma in tutti i casi arriva al cuore destro, e quasi la metà dei pazienti arriva ai vasi sanguigni del cervello, indipendentemente dalla finestra di PFO verificato. Pertanto, ad oggi, non è raccomandato indirizzare questa anomalia dello sviluppo prima della procedura. Allo stesso tempo, il rischio di complicanze neurologiche è direttamente dipendente dalla quantità iniettata in una sessione e la preparazione della sua composizione. Così, l'introduzione di 10 ml o meno forme schiuma sclerosante frequenza di complicanze è inferiore all'1%, mentre l'aumento del volume di schiuma di 20-40 ml può aumentare il tasso al 8%. Inoltre l'uso di anidride carbonica al posto dell'aria durante la preparazione di schiuma riduce l'incidenza di complicanze neurologiche fino al 3%, anche sullo sfondo l'uso di grandi dosi.
  • DISORDINI RESPIRATORI sotto forma di pesantezza al petto, mancanza di respiro, mal di e crudezza in gola e trachea, e tosse secca sono anche associati con la diffusione della forma di schiuma sclerosante sul sistema circolatorio, ma il modo tradizionale - attraverso il cuore destro nell'arteria polmonare allo sviluppo della base polmonare microembolica aria. Minacce alla vita questa condizione non rappresenta e si risolve in modo indipendente entro 30-60 minuti. La frequenza di insorgenza di questi sintomi dipende anche dal volume e dalle caratteristiche della schiuma iniettata. Limitando la quantità di schiuma sclerosante 10 ml per 1 seduta - disturbi respiratori si verificano in meno dell'1% dei pazienti. Se il volume di schiuma aumenta a 20-40 ml - la frequenza di queste complicazioni può essere aumentata a 12-18%. In questa applicazione della schiuma preparata sulla base di anidride carbonica, a causa della sua maggiore solubilità fisica nel sangue, riduce l'incidenza di questi effetti collaterali è più di 3 volte.

Complicazioni dopo la scleroterapia

Informazioni generali

Scleroterapia - questo è uno dei metodi più comuni per trattare le vene varicose con l'introduzione di speciali farmaci (sclerosanti) in esse, sotto l'influenza di cui le pareti delle vene si uniscono, si uniscono e poi si forma il tessuto cicatriziale al loro posto.

Come ogni altro intervento medico nel corpo, la scleroterapia ha alcune indicazioni e controindicazioni, nonché possibili complicanze dopo la procedura, che sono suddivisi in locale e vascolare.

Complicazioni locali dopo la scleroterapia

Sensazioni dolorose

Una delle complicanze più comuni dopo la scleroterapia, la causa immediata del cui verificarsi non è determinata in modo definitivo.

Il dolore compare più spesso di notte quando il paziente è a riposo.

Superare il dolore può essere con l'aiuto di analgesici. La cessazione del dolore è anche promossa dal camminare attivo.

Questa complicazione si pone spesso nella manipolazione delle vene, posti sotto l'articolazione della caviglia, se la concentrazione di farmaco somministrato era troppo elevato, e l'indumento di compressione utilizzata in modo scorretto.

La complicazione con il tempo passa da sola.

iperpigmentazione

L'oscuramento della pelle sulle vene che hanno subito la scleroterapia è una delle complicanze locali più comuni dopo questa procedura.

Circa il 10-30% dei pazienti durante le prime settimane dopo la procedura, la pelle sopra imbarcazione sclerotizzato è verniciata in un colore marrone scuro, che può contenere fino a un anno, dopo di che, di regola, regredisce in modo indipendente. Abbastanza rara iperpigmentazione persiste per un periodo più lungo.

Ulcere e cicatrici

Complicazione causata dall'introduzione extravascolare di sclerosanti sotto la pelle. Se la quantità di farmaco sotto la pelle è grande, questo può portare alla necrosi del tessuto cutaneo nell'area della procedura.

L'ulcera è solitamente indolore e viene eliminata per diverse settimane applicando una benda asciutta e mantenendo una buona compressione in quest'area della pelle. Le cicatrici richiedono un trattamento speciale aggiuntivo.

parestesia

Intorpidimento della pelle nell'area della scleroterapia, causata dall'effetto del farmaco sul nervo superficiale.

Non ha bisogno di cure, va da solo per diversi mesi.

allergia

In alcuni pazienti è possibile osservare l'intolleranza individuale agli sclerosanti iniettati nella vena. In casi molto rari, può esserci una perdita di coscienza e persino uno shock anafilattico.

Pertanto, quando si esegue la scleroterapia richiede una storia preliminare approfondita, compresi allergici.

Se l'allergia è ancora lì, di regola, è abbastanza facilmente trattato con farmaci antistaminici.

Complicazioni vascolari dopo scleroterapia

Thrombophlebitis di vene superficiali

Complication dopo scleroterapia causata di solito non corretta bendaggio compressivo sovrapposizione o paziente sbagliato lo indossa quando la benda è rotolato, formando un forte, traumatico bordo vene superficiali.

Particolarmente spesso questa complicazione sviluppa la scleroterapia delle vene del terzo superiore della coscia, del perineo o della piega glutea.

tromboflebite superficiale può evitare, disponendo la guarnizione sopra il bordo superiore della benda lungo la vena safena, che crea un passaggio graduale da decompressa a vene compressi e riduce il rischio di danneggiare la benda vena bordo.

Se la tromboflebite superficiale si verifica ancora, viene eliminata mediante bendaggio ripetuto, l'imposizione di una guarnizione di gomma sulla vena trombizzata e una camminata intensa.

Tromboflebite venosa profonda

Abbastanza una complicanza rara, che si verifica più spesso nei pazienti che in passato hanno già sofferto di trombosi venosa profonda.

Tromboflebite limitata

Complicanza dopo scleroterapia derivanti nei casi in cui non è trasformato completamente per rilasciare la vena durante l'iniezione di sclerosanti, così come nel caso di compressione non corretta nella zona di iniezione.

La tromboflebite limitata viene trattata con una corretta compressione e una camminata attiva.

Telangiectasie secondarie

Abbastanza frequente complicazione (circa il 15% del totale), manifestata sotto forma di sottili vasi intradermici di colore rosso (teleangectasie) che si manifestano dopo la scleroterapia.

Molto spesso, le teleangectasie scompaiono entro pochi mesi dalla procedura di scleroterapia.

Caratteristiche della scleroterapia delle vene delle gambe

La scleroterapia (flebosclerosi) - un metodo moderno necessario per il trattamento dei sistemi linfatici e circolatori, è anche usato per trattare le vene varicose delle estremità (in tutte le fasi dello sviluppo) e altre patologie. Non è meno efficace della chirurgia tradizionale, ma non implica interferenze con la distruzione dell'integrità dei tessuti corporei. Dopo aver eseguito la procedura, è necessario indossare biancheria di compressione.

L'essenza della scleroterapia

Nel processo di scleroterapia c'è l'incollaggio e la rimozione delle vene danneggiate. Per fare ciò, all'interno di ciascuno di essi (usando uno speciale ago sottile, come l'insulina), viene aggiunta una soluzione che incolla le pareti della membrana, con conseguente coagulazione. Dopo un po ', rimane solo una piccola formazione fibrosa sul sito della vena, il suo lume si sovrasta, la patologia scompare. Il liquido iniettato è completamente eliminato dal corpo. Il farmaco non è dannoso per la salute, non sviluppa dipendenza e dipendenza.

Tipi di scleroterapia

Oggi, i seguenti tipi di procedura sono noti e praticati:

  • Microscleroterapia (si usa l'agente sclerosante, che viene iniettato nelle vene, se quest'ultimo non supera i 2 millimetri.) Non adatto per le vene di grandi dimensioni;
  • ecoscleroterapia (il processo deve essere eseguito insieme ad un esame ecografico che aiuti a determinare l'ingresso esatto del farmaco nel sito previsto situato nei tessuti profondi);
  • Schiuma scleroterapia vena, un altro nome - «forma schiuma» (per proviene farmaci che prendono stato schiumosa mescolata con l'aria, che meglio contatto con la parete venosa danneggiato, ampliando così l'applicazione del metodo);
  • crioscleroterapia (il farmaco viene raffreddato a bassa temperatura prima della somministrazione);
  • catetere per puntura sclerobliterante (la soluzione viene iniettata con un catetere). L'efficienza è discutibile, poiché il rischio di ricanalizzazione è elevato (oltre il 40%);
  • scleroterapia sotto venovizorom (metodo superficie per la rimozione di lesioni. Si intende utilizzare l'apparecchio VeinViewer, che sporge ictus vasi deformi sulla superficie del corpo. Il più efficace in combinazione con altri sclerosante).

Indicazioni e controindicazioni per l'uso

La scleroterapia delle vene degli arti inferiori è raccomandata per:

  • rimozione di asterischi vascolari (telangiectasia) e mesh (varicosità reticolare);
  • trattamento di vene varicose (la necessità di una procedura è determinata dal dottore);
  • sbarazzarsi di emangioma, linfangioma (neoplasie sottocutanee), emorroidi;
  • ripristino del trofismo alterato dei tessuti;
  • eliminazione di ulcere trofiche e tromboflebite acuta.

La scleroterapia delle vene varicose ha le seguenti controindicazioni:

  • malattie infettive;
  • reazioni allergiche;
  • gravidanza e allattamento;
  • diabete mellito;
  • malattie cardiache, sistema cardiovascolare, reni;
  • patologia delle vene profonde (ostruzione).

Vantaggi e svantaggi

Il metodo ha i suoi pro e contro.

La scleroterapia delle vene degli arti inferiori presenta i seguenti vantaggi:

  • indolore;
  • sicurezza per la salute;
  • assistenza ambulatoriale (non è necessario stare in ospedale);
  • ricevuta rapida del risultato (dopo la prima manipolazione);
  • il corso di trattamento è di breve durata;
  • non lascia conseguenze sulla pelle (segni, cicatrici e cicatrici, che lo distinguono dal metodo chirurgico).
  • Altri siti possono essere colpiti (se le navi non hanno forza sufficiente);
  • sul sito dei piercing medici, precedentemente chiusi da un farmaco, potrebbero esserci dei lumi (in questo caso è necessaria la consulenza e la supervisione con uno specialista);
  • possibilmente il ritorno della malattia (se è causata da insufficienza cardiaca);
  • la droga iniettata è in grado di causare allergie nelle persone inclini a risposte simili;
  • l'inosservanza di una dieta con emorroidi promuove una malattia ripetuta.

Possiamo confrontare l'effetto con la terapia laser?

Per sbarazzarsi di varicosi insieme alla scleroterapia, applicare un trattamento laser (obliterazione). Viene eseguito in un ospedale dotato di una struttura appropriata, non richiede l'anestesia, l'effetto è sentito solo per le aree difettose delle vene.

Il laser agisce sulle pareti dei vasi dall'interno e ripristina la struttura alterata senza alterare o danneggiare la pelle e lo strato sottocutaneo. La radiazione del dispositivo penetra nelle vene situate in profondità e ha un effetto curativo su di esse.

A differenza della scleroterapia, il laser non ha effetti collaterali, praticamente non consente il verificarsi di ricadute, ma il costo della sua applicazione è più alto.

Ci sono una serie di controindicazioni alla laser scleroterapia. Non può essere passato:

  • donne durante la gravidanza;
  • persone che assumono droghe contenenti ferro;
  • pazienti con manifestazioni di photodermatoses;
  • i proprietari di colore della pelle abbronzata (bruno).

Preparazione di

Prima della scleroterapia, il paziente deve seguire alcune raccomandazioni per la preparazione:

  • avere un esame con un medico;
  • condurre uno studio Doppler (una sorta di diagnosi ecografica, che rivela la patologia dei vasi sanguigni);
  • effettuare la rimozione dei peli dell'area del problema in cui verrà eseguita l'operazione (senza l'uso di creme, lozioni e unguenti);
  • Fumo e alcol sono vietati (non meno di due giorni);
  • con te devi avere scarpe larghe (vestiti);
  • prima della procedura (per 2 ore) si raccomanda l'assunzione di cibo facile e la doccia igienica (prima di venire in ospedale).

Come viene eseguita la procedura

Prima dell'inizio della manipolazione, le parti delle navi che richiedono un trattamento vengono attentamente esaminate. Quindi uno speciale ago molto sottile introduce un farmaco, sclerosando le vene e bloccando il decorso della malattia. L'azione è accompagnata dalla diagnosi ecografica: ti permette di colpire il bersaglio con precisione, oltre a tracciare l'effetto del farmaco. La sessione include da due a dieci iniezioni (durata: da 10 a 20 minuti).

Quando tutte le iniezioni gambe Fasciatura elastica (consiglia l'uso di un indumento di compressione o calze benda scleroterapia), della somministrazione della sostanza potrebbe avere uno sklerozivny (adesivo) effetto e prevenire il sanguinamento.

Quali farmaci vengono usati per la scleroterapia?

Per trattare le vene varicose delle gambe con la scleroterapia, vengono utilizzati speciali agenti sclerosanti. Sono divisi in diversi gruppi.

  1. Rotolamento proteina (coagulo formato nel foro, fornendo effetto incollaggio) detergenti sintetici, "Trombovar", "polidocanol" Sotradekol, sodio tetradecil "fibro Wayne".
  2. Causando la comparsa di coaguli di sangue (a parete singola Transform) farmaci karroziynye: soluzione di ioduro di Shotin, varikotsida soluzione Variglobina "Etoksisklerol» (Aethoxysklerol), «Trombovar".
  3. Preparazioni osmotiche (iperosmotiche, che causano la disidratazione delle pareti dei vasi sanguigni): sodio cloruro (10-24%), sodio salicilato (30-40%).

Fasi di partecipazione

La procedura di scleroterapia si svolge in più fasi:

  • accettazione da parte del paziente della corretta posizione del corpo (definita per ogni singola malattia - sdraiata o seduta);
  • designazione dell'area che richiede correzione e trattamento (la pelle intorno all'area bersaglio viene trattata con una soluzione antisettica), esecuzione di iniezioni (sempre in direzione ascendente);
  • Sul sito di puntura, viene applicato del cotone, si usa la compressione: gli indumenti a compressione sono usurati o la gamba è avvolta con una benda elastica;
  • La scleroterapia presuppone dopo la procedura l'esecuzione di azioni per prevenire la distruzione di vasi profondi, la formazione di coaguli di sangue (camminare è raccomandato per circa un'ora).

Periodo di riabilitazione

La scleroterapia a compressione dei piedi, come qualsiasi altra operazione, richiede tempo per riprendersi. Le tecniche raccomandate in questo periodo dovrebbero essere seguite in futuro.

La riabilitazione dopo la procedura è la seguente:

  • È necessario fare regolarmente passeggiate a piedi regolarmente (uno stile di vita sedentario è controindicato);
  • dovrebbe rifiutare la corsa pesante, non è possibile trasportare a mano carichi pesanti;
  • Non dovresti fare esercizi ginnici, aerobica ed esercizio fisico;
  • poiché molti farmaci usati nella procedura hanno alcol nella loro composizione, è meglio limitare la guida il più possibile;
  • rifiutare di visitare il solarium e la sauna.

Effetti collaterali dopo la scleroterapia

Nonostante la sua efficacia e indolenzimento, la scleroterapia delle vene delle gambe può avere effetti collaterali di diversa natura.

Effetti collaterali normali

La scleroterapia delle vene delle gambe porta alla combustione, l'aspetto di una ciocca. Questo effetto dura per un anno.

Effetti collaterali per un breve periodo:

  • prurito (diverse ore, un giorno);
  • brucia (scompare rapidamente e indipendentemente);
  • microtrauma, esfoliazione della pelle nei siti di iniezione (durata - una settimana, a volte due);
  • un po 'di dolore con la somministrazione del farmaco;
  • setochka vascolare (passa tra un mese o più);
  • gonfiore.

Complicazioni più gravi

Le complicazioni dopo la scleroterapia sono molto rare (la probabilità della loro comparsa nel rapporto percentuale è solo dello 0,02% del numero totale di procedure eseguite). Eppure, la manipolazione della scleroterapia delle vene delle gambe può portare a gravi conseguenze:

  • sanguinamento (le loro cause sono ulcere, formate a causa di un eccesso di fluido introdotto dalla mucosa);
  • lo sclerosante può influire sul fegato (se entra nel sangue);
  • disfunzione della prostata (infertilità, violazione della minzione, prostatite, infiammazione purulenta, ascesso con penetrazione profonda nei tessuti);
  • gravi ustioni;
  • tromboflebite;
  • trombosi di vene.

Costo della procedura

Il prezzo della partecipazione è costituito dal costo dei materiali di consumo (siringhe, aghi, rulli, salviette), medicinali strumenti, il lavoro professionale (procedura di scleroterapia viene eseguita da personale altamente qualificato medici-flebologo) utilizzati.

In media, il costo per sessione di scleroterapia ai piedi in Russia è di 9.000 rubli. Per il trattamento di molte malattie, una visita non sarà sufficiente.

In Europa, questo metodo di trattamento costerà da 200 a 800 euro, in Israele o negli Emirati Arabi Uniti dovrà pagare circa millecinquecento dollari.

Non importa quanto sia efficace il moderno metodo di trattamento delle vene varicose mediante la scleroterapia delle vene degli arti inferiori, ha delle conseguenze e non fornisce una garanzia assoluta dell'assenza di recidiva (malattia ricorrente).

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Come alleviare l'affaticamento delle gambe

Che a trattare

su piedi stanchi, ogni mamma lo sa non per sentito dire. Lavora "sulle gambe", i negozi, correndo in giro con il bambino - anche sederti e non avere tempo per riposare....

Revisione delle teleangiectasie (asterischi vascolari): cause e trattamento

Che a trattare

Da questo articolo imparerai: cos'è la telangiectasia, perché si sviluppa, come si manifesta e viene trattata. Le persone che non sono collegate alla medicina chiamano questa sindrome "asterischi vascolari"....