trombosi

Motivi

24 febbraio 2012

trombosi È una condizione caratterizzata dall'educazione coaguli di sangue nei lumi dei vasi del sistema circolatorio o nelle cavità del cuore. Nel processo di sviluppo di questa malattia si verifica l'emergenza coaguli di sangue - coaguli di sangue - in vene. Tali coaguli consistono in piastrina, eritrociti, leucociti, fibrina. Interferiscono con il normale flusso sanguigno. Tali trombi possono anche essere attaccati alla parete della vena ed essere mobili. Ma in generale, questo disturbo è considerato molto pericoloso e richiede un trattamento immediato. Tuttavia, l'insidiosità della malattia consiste nel fatto che la trombosi, a seconda della posizione, della natura del trombo e anche in che misura blocca il lume della nave, può svilupparsi completamente in modo inavvertito per una persona. Soprattutto l'assenza di sintomi è caratteristica di un trombo che si muove. Tale coagulo di sangue pone un particolare pericolo per la salute e la vita del paziente, perché nel processo di movimento, può passare a arteria polmonare e provocare il suo blocco completo.

Cause di trombosi

Ci sono una serie di condizioni che si traducono in una cattiva circolazione del sangue nelle vene degli arti inferiori di una persona. Questo è tipico per le vene varicose, di gravidanza, soggiorni a lungo termine in posizione seduta. Non appena il movimento del sangue diventa più lento, i prerequisiti si presentano nel corpo per la comparsa di coaguli di sangue nelle vene.

Inoltre, la trombosi si sviluppa spesso in quei pazienti che soffrono di troppa coagulabilità del sangue. In alcuni casi, questa patologia è ereditata. Tuttavia, più spesso questo fenomeno si verifica a causa di una forte disidratazione del corpo. A sua volta, la disidratazione può essere il risultato di un consumo eccessivo di alcol, un lungo periodo di conservazione della temperatura corporea elevata e l'uso di numerosi contraccettivi ormonali.

La trombosi può verificarsi in presenza di danni alle pareti venose, a causa della marcata influenza dei microrganismi patologici che vivono nei tessuti molli.

È consuetudine identificare una serie di fattori che possono innescare lo sviluppo della trombosi. A quelli è consuetudine includere l'età, la presenza di una propensione all'obesità, operazioni precedentemente trasferite sulla cavità addominale, estremità, articolazioni, prolungate inattività fisica a causa del prolungato riposo a letto dopo l'intervento chirurgico. Nelle donne in gravidanza si osserva un rischio più elevato di trombosi: è una conseguenza della maggiore coagulazione del sangue dovuta ad un aumento del contenuto proteico in esso contenuto. Anche peggiorare il flusso di sangue può aumentare durante il processo di trasporto dell'utero del bambino. I vasi sanguigni possono essere danneggiati sia durante il parto, sia a causa di lesioni di diversa natura. Pertanto, la trombosi si verifica spesso nel periodo postpartum. Il meccanismo di innesco che porta alla formazione di coaguli di sangue è spesso lo sviluppo del cancro.

Recentemente, i casi di trombosi degli arti superiori sono diventati più frequenti. In questo caso, vengono determinate altre cause di questa patologia. Quindi, l'emergenza trombosi venosa profonda negli arti superiori può essere una conseguenza della presenza di un catetere nella vena. A causa di una prolungata permanenza nella vena, il catetere provoca irritazione. Di conseguenza, un trombo può formarsi sulla sua parete. Inoltre, a volte la trombosi si verifica a causa della presenza di un cardiofibrillatore o di un pacemaker artificiale, nonché di tumori di natura maligna nella vena. Anche un eccessivo esercizio delle mani può diventare un fattore predisponente. Questo tipo di trombosi, di regola, è il sacco di persone ben costruite che praticano sport. In questo caso, le vene profonde sono schiacciate dai muscoli sviluppati della cintura della spalla e, di conseguenza, violano la pervietà.

Sintomi di trombosi

In una persona con questo disturbo, si osservano sintomi pronunciati di trombosi. Prima di tutto, sperimenta dolori molto forti di una natura scoppiata, sensazioni spesso dolorose appaiono nel processo di camminare. Se confrontiamo il colore della pelle sulla zona interessata con il colore della pelle sana, nel primo caso ci sarà un marcato cambiamento di colore. La pelle, in considerazione della stagnazione del sangue venoso, acquisisce un colore cianotico. I sintomi della trombosi si verificano durante lo sviluppo della malattia. I pazienti mostrano gonfiore, arrossamento della pelle, la temperatura corporea può crescere, c'è un'alta sensibilità o manifestazioni di dolore ai fianchi, ai polpacci, quando si tocca il punto colpito dalla malattia. Tali sentimenti si intensificano durante la deambulazione, in piedi prolungati.

Tuttavia, nel processo di diagnosi è importante distinguere tra sintomi di trombosi e segni di altre malattie. Dopo tutto, gli stessi sintomi possono essere osservati con Busto di Baker, a cellulite. Ciò complica in modo significativo il processo di diagnosi della trombosi.

Come il primo segno di trombosi venosa profonda, manifestazione di tromboembolia arteria polmonare. Per questa condizione, un blocco improvviso dell'arteria polmonare è caratteristico. Molto spesso la causa di questo è un trombo, che è apparso nelle vene profonde degli arti inferiori e avanzato all'arteria polmonare. In questo caso, il paziente sentirà un'improvvisa apparizione mancanza di respiro, un aumento della frequenza cardiaca, dolore al petto, che sarà aggravato se la persona respira profondamente. Il paziente può soffrire di attacchi di tosse, in cui verrà assegnato sangue, può perdere conoscenza a causa di questa condizione.

Complicazioni di trombosi

Come complicanze della trombosi arteriosa e dei disturbi del flusso sanguigno, il paziente può successivamente sviluppare disturbi abbastanza gravi. In alcuni casi l'infarto del sistema circolatorio diventa una complicazione di questa malattia. Può essere infarto miocardico, malattia ischemica, tromboembolia.

In alcuni casi, la trombosi diventa il primo passo verso lo sviluppo dell'infiammazione venosa - flebite. In questo caso, le vene sono interessate circa tre volte più spesso dell'arteria. Ciò causa un flusso più lento di sangue nelle vene, che contribuisce alla manifestazione tromboflebite.

Inoltre, questa condizione diventa spesso un prerequisito per lo sviluppo della trombosi dei vasi cerebrali.

Non permettere un blocco del trombo dell'arteria polmonare. La conseguenza degli edemi in alcuni casi diventa cancrena con la successiva amputazione dell'arto.

Diagnosi di trombosi

Prima di applicare i metodi strumentali di indagine per la diagnosi di trombosi, gli specialisti applicano i grappoli. Per fare questo, le bende le gambe con una benda elastica. Dopo questo, vengono valutate le sensazioni del paziente, la natura del riempimento delle vene e il flusso sanguigno. Tipicamente, per stabilire il livello di pervietà delle vene profonde, viene utilizzato un test di marcia. Per fare questo, la gamba dalla piega inguinale alla punta delle dita viene fasciata con una benda elastica, e il paziente cammina per un po '. Se una persona avverte dolori fiorenti alle gambe e non si lasciano cadere le vene sottocutanee, si può ipotizzare una violazione della pervietà delle vene profonde che si è manifestata a seguito della trombosi.

Oggi vengono utilizzati con successo diversi metodi di diagnosi delle malattie, con l'uso di metodi invasivi e non invasivi. Il metodo più accurato per rilevare la trombosi è venografia. Per fare questo, in una delle vene, che si trova sotto il filo, inserire un agente di contrasto per dirigere il contrasto nelle vene profonde. Dopo questo, viene eseguito un esame radiografico dell'arto inferiore. Thrombi può essere rilevato sulla radiografia come difetto di riempimento per contrasto.

A volte per la rilevazione dei trombi viene prescritta l'ecografia dei vasi. Usandolo, puoi determinare come cambia la velocità del flusso sanguigno, in quali condizioni le pareti delle vene e anche vedere trombi.

Con l'aiuto della scansione del radionuclide puoi scoprire il livello al quale si trova il trombo. Per fare questo, una speciale preparazione radioattiva viene iniettata nella vena del piede, che quindi si accumula nel trombo. Dopodiché, viene scansionato il trombo.

Trattamento della trombosi

Considerando il fatto che gravi complicazioni sono la conseguenza della trombosi, una persona a cui viene diagnosticata la trombosi deve essere immediatamente ricoverata in ospedale.

Se non ci sono controindicazioni a questa procedura, allora nei primi cinque giorni a una persona viene rimosso un trombo. Se c'è un trombo distaccato, le vene sono tese. Di norma, questa procedura non provoca il verificarsi di effetti collaterali e il paziente si riprende molto rapidamente.

Se i sintomi della trombosi si verificano negli anziani, che soffrono di molti disturbi e hanno una predisposizione al blocco dell'arteria polmonare, vengono utilizzate trappole speciali che impediscono l'ingresso di coaguli di sangue nei polmoni del paziente.

Se a un paziente viene diagnosticata una coagulo di sangue attaccato alle pareti dei vasi, molto spesso vengono utilizzati vari farmaci per il trattamento della trombosi.

In questo caso è consigliabile utilizzare anticoagulanti, ridurre la coagulabilità del sangue, e farmaci-trombolitici, agenti fibrinolitici, antiaggregante.

Molto spesso, i pazienti vengono assegnati eparina per via endovenosa e sottocutanea. Il dosaggio e la via di somministrazione sono determinati su base individuale. È anche possibile utilizzare, in parallelo con eparina, un anticoagulante indiretto (bishydroxycoumarin). Tale trattamento dura, almeno, alcuni mesi al fine di prevenire il ripetersi della malattia. Nel corso della terapia, viene spesso eseguito un controllo delle condizioni del sangue per determinare i probabili cambiamenti nelle dosi di farmaci.

In alcuni casi, è prescritta la somministrazione di un disaggregante - aspirina. Distrugge quelle cellule che sono responsabili della coagulabilità del sangue. L'aspirina è anche considerata un farmaco efficace nel prevenire la trombosi. Questo medicinale può essere usato per prevenire la trombosi.

Profilassi della trombosi

Prima di tutto, per la prevenzione della trombosi dovrebbe prendere tutte le misure per il trattamento tempestivo delle vene varicose e altre malattie delle vene. È molto importante sapere se esiste una predisposizione familiare alla trombosi. Se tali malattie sono state trovate nei parenti, una persona dovrebbe condurre un esame del sangue per la trombofilia. Uno studio simile deve essere fatto per le persone che hanno determinati fattori di rischio per la trombosi. Questi sono forti fumatori, persone che soffrono obesità, malattie delle vene delle gambe. Inoltre, i fattori di rischio sono un lavoro sedentario permanente e un livello elevato colesterolo.

È importante eseguire la terapia in temposistema cardiovascolare, disturbi oncologici, diabete mellito.

Nel processo di profilassi della trombosi, uno dei passaggi fondamentali è quello di garantire il corretto livello di attività quotidiana e un esercizio moderato costante. Uno stile di vita sano dovrebbe essere tenuto costantemente, e in alcuni periodi della vita (con sovraccarico fisico, operazioni chirurgiche) è necessario assumere farmaci speciali.

Le persone con una tendenza alla trombosi dovrebbero prendere tutte le misure per attivare il lavoro del cuore venoso. Nel processo di lavoro sedentario, è importante fare pause regolari, che sono accompagnate dall'esecuzione di diversi esercizi. Camminare all'aria aperta è utile. Come misura preventiva della trombosi è importante e il regime di bere, perché per mantenere l'equilibrio idrico è necessario bere abbastanza liquidi.

Come misura preventiva, hai bisogno di una completa cessazione del fumo, una dieta sana. Le persone che sono inclini a vene varicose, è necessario indossare calze a compressione, l'assunzione di farmaci niacina, complessi vitaminici (vitamine B importante, acido folico).

Trombosi venosa: sintomi, trattamento, prevenzione

Trombosi - una sorta di patologia vascolare, in cui vi è una formazione locale di un coagulo di sangue (trombo) nella nave. Questo processo porta a una sovrapposizione parziale o completa del lume della nave. Successivamente, vi è una violazione della circolazione del sangue, si sviluppa una mancanza di nutrizione (ischemia) di organi. La progressione della patologia può causare la morte dei tessuti, la necrosi (infarto). Un trombo può formarsi sia nel canale arterioso che in quello venoso. Il nostro compito è di trattare la trombosi venosa.

Cause della trombosi venosa

Il fattore principale che contribuisce alla formazione di trombi è una violazione della coagulabilità del sangue nella direzione dell'accelerazione. Nel 70% dei casi, la trombosi colpisce le vene (delle vene) principali delle gambe e delle mani. Il trombo dell'area femorale e poplitea è in pericolo di vita. È in loro che si formano coaguli di sangue che hanno la capacità di staccarsi, muoversi con embolia (blocco) dei vasi sanguigni.

Al centro della formazione di trombi ci sono tre principali meccanismi patogenetici:

  • danno alla parete del vaso da tossine batteriche o effetti traumatici;
  • violazione dei processi di coagulabilità nella direzione di una maggiore coagulabilità, come risultato dell'uso di farmaci, sostanze chimiche, malattie congenite che causano alterazioni anormali delle cellule del sangue (piastrine);
  • il rallentamento del flusso sanguigno nell'area del letto vascolare a causa del malfunzionamento delle vene della valvola. Ridurre la velocità di circolazione può causare la compressione meccanica della nave.

Fattori che contribuiscono allo sviluppo della trombosi venosa:

  • età oltre 40 anni;
  • interventi chirurgici su trauma toracico, addominale;
  • posizione immobile del paziente per un lungo periodo;
  • l'obesità;
  • fumo di tabacco;
  • stile di vita sedentario, lavoro sedentario.

Cause di trombosi:

  • cateterizzazione delle vene delle mani;
  • installazione di pacemaker;
  • terapia ormonale delle malattie ginecologiche da lungo tempo;
  • uso di contraccettivi ormonali;
  • primo periodo postpartum;
  • processi infettivi gravi a lungo termine (esposizione di tossine ai vasi sanguigni).

Segni e sintomi di trombosi venosa

La trombosi delle vene omerali si manifesta:

  • sensazioni dolorose lungo le vene;
  • la formazione di un filamento venoso con infiammazione;
  • piccolo gonfiore.

Questo tipo di trombosi si verifica negli ospedali a causa del trattamento a lungo termine con soluzioni endovenose. È anche una reazione alla ricerca di un ago, un catetere in una vena.

La trombosi delle vene superficiali della parte inferiore della gamba è accompagnata da:

  • dolore nel luogo di formazione di trombo;
  • definizione di un filamento doloroso e denso del sito patologico della vena nella ricerca con le dita;
  • arrossamento della pelle in un luogo doloroso;
  • risposta della temperatura locale.

Se ci fosse una trombosi di vene profonde degli arti inferiori, in particolare nella vena poplitea, femorale, iliaca, si notano le seguenti manifestazioni dolorose:

  • Gonfiore pastovy graduale (non espresso) intensificante della gamba;
  • sensazione di pelle alterata, senso di "pelle d'oca in corsa";
  • dolore doloroso e dolente nell'area della formazione di trombi;
  • cambiamento nel colore della pelle, perdita di capelli al posto della trombosi.

I sintomi della trombosi degli arti inferiori hanno un quadro chiaro e nella diagnosi degli errori sono estremamente rari.

In caso di trombosi della vena porta (piletrombi):

  • milza ingrossata;
  • accumulo di liquido nella cavità addominale;
  • sanguinamento dal tratto gastrointestinale;
  • dolore addominale, stitichezza, diarrea, vomito.

Questi cambiamenti si verificano a seguito di una maggiore pressione nel canale venoso della vena porta.

La formazione di trombi del sistema renale procede da:

  • intenso dolore doloroso nella parte bassa della schiena sul lato della lesione;
  • l'aspetto del sangue nelle urine;
  • edema, aumento della pressione sanguigna.

Trombosi mesenterica delle vene intestinali è formato principalmente negli anziani. La frequenza della sua comparsa negli ultimi anni è in crescita. La lesione più pronunciata è nella vena mesenterica superiore, solitamente associata alla trombosi dell'arteria mesenterica.

Si verifica dopo:

  • lesioni addominali;
  • suppurazione della cavità addominale;
  • cambiamenti cirrotici nel tessuto epatico con un marcato aumento della pressione nel sistema delle vene portale;
  • l'emergere di nuovi processi educativi;
  • sviluppo di insufficienza circolatoria cronica.

Nota: la complicazione più formidabile di questo tipo di trombosi è un infarto intestinale di origine venosa. Si alza e si sviluppa lentamente.

Reclami per trombosi mesenterica:

  • aumento del dolore nell'addome;
  • nausea, che provoca vomito;
  • diarrea con contenuto di sangue-muco;
  • gonfiore dell'intestino.

I cambiamenti dolorosi descritti indicano lo sviluppo dell'ostruzione intestinale.

Se nessun trattamento è stato intrapreso, si sviluppa ulteriormente:

  • aumento della temperatura corporea;
  • grave debolezza;
  • calo della pressione sanguigna e del polso.

È importante: questi sono segni molto formidabili di sviluppo dell'infiammazione del peritoneo - la peritonite, che è soggetta a trattamento di emergenza secondo le indicazioni vitali.

Trombosi del nodo emorroidario

La patologia è una complicazione delle emorroidi. Si sviluppa a causa di disturbi circolatori nelle vene varicose del retto con spasmo dello sfintere anale. Il nodo nella zona di pressione si gonfia, si sviluppano processi necrotici.

La trombosi può essere:

  • esterno (un trombo si forma nei nodi emorroidali che escono, dietro lo sfintere);
  • interno.

Molto spesso si sviluppa trombosi esterna.

La trombosi emorroidaria è promossa da:

  • lavoro prolungato;
  • occupazione da lavoro fisico pesante;
  • sovraccarico sportivo di potenza;
  • sesso anale;
  • costipazione.

I pazienti con trombosi acuta del nodo emorroidario si lamentano di un forte dolore al retto e all'ano durante l'atto di defecazione, specialmente con sforzi severi. Il dolore è accompagnato dalla sensazione di un corpo estraneo.

Diagnosi della trombosi venosa

La diagnosi viene fatta sulla base dei reclami del paziente, i dati dell'esame.

In alcuni tipi di trombosi delle vene degli arti inferiori, vengono utilizzati test funzionali:

  • Lovenberga. Sopra il ginocchio, viene applicato il bracciale del tonometro. Ad una pressione di circa 100 mm Hg. Art. c'è dolore Su un arto sano, il dolore non si verifica nemmeno a 150-180 mm Hg. Art.
  • Pratt-1. Nella posizione prona, le gambe vengono sollevate e mantenute per diversi minuti. La circonferenza del polpaccio è misurata in cm. Quindi, una fascia elastica è posta sull'arto, che sale dalle dita sopra. I vasi sottocutanei subiscono compressione, mentre il sangue scorre lungo le vene collaterali nella rete profonda. Dopo 10 minuti a piedi, la benda viene rimossa. Con trombosi venosa profonda, appaiono dolore e aumento del volume dello stinco.
  • Homans. Posizione sdraiata sulla schiena. Le gambe nelle ginocchia devono essere piegate. Quando tiri "su te stesso" il piede c'è un dolore acuto nel muscolo gastrocnemio, la pelle sopra di esso impallidisce.
  • Mayo-Pratt. Sotto la gamba dolorante, un paziente viene posto sotto un letto. Colpi di massaggio il sangue viene spinto dalle vene superficiali. Quindi un laccio emostatico viene posto sulla parte superiore della coscia, con la quale viene chiesto al paziente di camminare per circa mezz'ora. La trombosi delle vene profonde delle gambe è accompagnata allo stesso tempo da una sensazione di scoppio e dolore.

Lo studio è completato da dati Doppler. Questo è un metodo che ti permette di conoscere le dinamiche del passaggio del sangue lungo il letto vascolare. Si basa sulla registrazione del segnale ad ultrasuoni riflesso dalle cellule del sangue. Sfortunatamente, non consente di ricevere dati da vene profonde.

A favore della presenza di trombosi dice:

  • assenza di flusso sanguigno durante la fase inspiratoria;
  • assenza di aumento del flusso sanguigno nella vena femorale dopo la profanazione delle vene superficiali;
  • rallentare il movimento del sangue in alcune parti del letto vascolare;
  • differenza nella velocità del flusso sanguigno sui due arti.

Lo è un metodo chiaro per diagnosticare la trombosi angiografia - studio della nave con l'aiuto dei raggi X e durante l'aggiunta di mezzo di contrasto.

Per esaminare le vene, viene utilizzata una delle varianti di angiografia - venografia.

Sulle immagini flebografiche e durante l'osservazione dinamica, viene registrato quanto segue:

  • l'effetto di una "vena tritata" - un trombo non consente il libero passaggio del contrasto attraverso la nave;
  • lume della vena significativamente ristretto;
  • rugosità del contorno "ruvidità" della parete del vaso a causa di depositi aterosclerotici esistenti (placche);
  • visualizzazione di un coagulo di sangue sotto forma di una formazione arrotondata a contatto con il muro della nave.

È importante: il sangue del paziente viene necessariamente ispezionato, oltre all'analisi clinica, vengono indagati i fattori della coagulazione, viene eseguito un coagulogramma.

Trattamento della trombosi venosa

Quanto prima è iniziato il trattamento della trombosi, migliore è il risultato. Le misure per eliminare la patologia possono essere eseguite a livello ambulatoriale o in ospedale, a seconda della gravità del processo, della sua fase, della presenza di complicanze.

Esistono due tipi principali di trattamento:

Obiettivi del trattamento:

  • restauro della vena;
  • fermare la diffusione del processo trombotico;
  • misure per prevenire complicanze della trombosi;
  • prevenzione di disturbi che causano disturbi del tessuto trofico.

Principi generali della terapia conservativa della trombosi venosa

La terapia medica prevede l'effetto sui diversi legami patogenetici della formazione di trombi.

Principali direzioni delle misure conservative:

  1. L'introduzione di fondi che impediscono il deterioramento del normale flusso di sangue nelle navi. Con questo compito far fronte ai cosiddetti anticoagulanti di azione diretta e indiretta - Warfarin, Enoxaparina, ecc. La scelta tiene conto dell'individualità del paziente. Il farmaco è prescritto solo da un medico! Gli anticoagulanti prevengono l'emergere di trombi galleggianti, che possono, spostandosi attorno alle navi, causarne l'intasamento in luoghi diversi, che in alcuni casi porta alla morte.
  2. Il trattamento farmacologico da parte di un gruppo di farmaci che alterano le proprietà del sangue, interferiscono con il suo piegamento, impedendo così lo sviluppo di un trombo. I principali farmaci in questo settore sono Trental, Clopidogrel. Migliora la microcircolazione vascolare - Detraleks, Cyclos 3 fort, Escuzan.
  3. Terapia anti-infiammatoria È prescritto per prevenire lo sviluppo di processi infiammatori. Al paziente viene assegnato Voltaren, Ketoprofen, ecc.

Con lo sviluppo di complicanze settiche, la terapia è integrata con antibiotici.

Nota: il trattamento viene effettuato sotto il controllo obbligatorio di esami del sangue, coagulogrammi.

Trattamento chirurgico della trombosi

Nel caso della trombosi mesenterica sviluppata, il trattamento chirurgico è il principale tipo di assistenza. Il paziente viene preparato con una correzione medicamentosa dei processi circolatori, esegue i necessari metodi diagnostici. Durante l'operazione, il sito dell'intestino necrotico viene asportato, l'embol viene rimosso, si forma la circolazione di bypass. Dopo l'operazione, è prescritto un farmaco a lungo termine.

La trombosi delle vene emorroidali allo stadio attuale può essere ben trattata con tecniche minimamente invasive, compresi i metodi delle onde radio, l'elettrocoagulazione, la rimozione chirurgica del nodo seguita dalla chirurgia plastica vascolare.

Il trattamento chirurgico della trombosi delle vene degli arti inferiori viene effettuato mediante accesso diretto. Viene anche usato un approccio cateterico alla zona interessata della vena. Il trombo viene asportato, le vene principali sono fasciate. Il deflusso di sangue assume le vene collaterali.

Profilassi della trombosi

Le misure per prevenire la trombosi venosa comprendono l'eliminazione dell'ipodynamia, l'osservanza di una dieta che comporta la riduzione degli alimenti grassi, limitando l'uso di carboidrati. Nel caso di vene varicose degli arti inferiori, è necessario indossare mezzi di compressione. È utile versare sistematicamente acqua fredda, doccia a contrasto, esercizio moderato.

Per ulteriori informazioni sulle cause della trombosi venosa, sui metodi di trattamento di questa malattia e sui metodi di prevenzione, riceverai visualizzando questa recensione video:

Stepanenko Vladimir, chirurgo

17.853 visualizzazioni in totale, 5 visualizzazioni oggi

Sintomi, sintomi e trattamento della trombosi

Dall'articolo imparerai cos'è la trombosi. Di quanto sia pericoloso, a quali conseguenze può portare. Cause della malattia, le sue principali manifestazioni cliniche a seconda della localizzazione del processo. Metodi di patologia rivelatrice e metodi del suo trattamento.

Trombosi - un processo di formare sulla parete interna degli elementi conglomerato vaso sanguigno (piastrine, globuli rossi, globuli bianchi) e filamenti di fibrina, che si restringe o sovrapposizioni lume vascolare completamente.

Un tale conglomerato è chiamato trombo. Se avviene la separazione completa o parziale dalla parete del vaso, allora si forma un embolo - una particella patologica mobile che si muove con il flusso sanguigno e può depositarsi in altri vasi.

Il processo di formazione di trombi è un normale meccanismo di protezione del corpo in danno alle strutture vascolari, finalizzato a fermare il sanguinamento. Ma se perde il suo carattere localmente restrittivo e (o) diventa ridondante, allora questa condizione è una patologia.

Con una tale malattia, la formazione di un coagulo all'interno della nave porta a un'interruzione dell'afflusso (nell'arteria) o del deflusso (nella vena) del sangue. A seconda del grado del blocco del flusso sanguigno, si sviluppa la patologia:

  • diminuzione della fornitura di ossigeno e sostanze nutritive ai tessuti nella variante arteriosa,
  • violazione dell'escrezione di liquidi e prodotti metabolici da organi con forma venosa.

Entrambe le opzioni sono pericolose perché nella zona con flusso sanguigno disturbato vengono attivati ​​i processi di disintegrazione cellulare e si formano le aree di necrosi dei tessuti.

Con il blocco arterioso, questo processo procede più velocemente rispetto al blocco venoso. Pertanto, il disturbo del flusso sanguigno nell'arteria è una patologia più pericolosa che può causare rapidamente la morte se il trombo si trova in grandi vasi cardiaci, polmonari o cerebrovascolari.

La possibilità di curare la malattia è determinata da:

  • tipo di vaso - arterioso o venoso;
  • diametro del lume - più grande è la nave, maggiore è il rischio di gravi conseguenze, inclusa la morte;
  • momento dell'inizio del trattamento - è particolarmente importante per i disturbi arteriosi e ampi tronchi venosi;
  • capacità tecniche dell'istituzione medica - più grande è il centro, i più moderni metodi di trattamento e rimozione dell'ostruzione della nave;
  • l'età, la presenza di patologia concomitante nel paziente - più il paziente è anziano, più le forze riparatrici e protettive del corpo e le gravi patologie cardiovascolari peggiorano significativamente la possibilità di correzione.

Il problema dell'identificazione e del trattamento della trombosi è rappresentato dai chirurghi vascolari e generali. Quando il processo è localizzato nel cervello, i neurologi sono collegati e se i vasi cardiaci sono bloccati, i cardiologi.

trombosi

trombosi È una malattia vascolare causata da una coagulazione accelerata ed eccessiva del sangue, accompagnata da una violazione del flusso sanguigno nel lume della nave e, di conseguenza, da disturbi trofici dei tessuti molli e degli organi interni.

La localizzazione preferita di trombosi sono venosa profonda backbone estremità superiori e inferiori, che rappresentano circa il 70% di tutti i casi, ma la presenza di trombi in qualsiasi arteriosi o venosi desiderata sia grandi che piccoli calibro.

Il più minaccioso per la qualità della vita e la salute del paziente è considerato trombosi venosa profonda del segmento femoropoplitea degli arti inferiori, in quanto è presente la localizzazione in maggior parte dei casi, è la fonte di trombi che possono fare appello embolia polmonare galleggiante, spesso con un esito fatale.

Cause di trombosi

Trombosi entrambi i vasi sanguigni arteriosi e venosi è causata da una combinazione di tre principali fattori patogenetici: violare l'integrità della parete vascolare (azione tossine infettivi o danno meccanico diretto), elevato livello di fattori di analisi del sangue di coagulazione (esposizione a sostanze chimiche e farmaci, sviluppo piastrinica congenita) e una netta diminuzione di sangue attraverso il vaso (compressione della parete vascolare dall'esterno, un malfunzionamento delle valvole venose) portata. Con la combinazione di tutti questi fattori praticamente il 100% delle manifestazioni iniziali trombosi verificarsi, in assenza di trattamento adeguato non sviluppa solo quadro clinico classica, ma complicazioni.

In aggiunta alle specifiche cause eziologiche di trombosi, ci sono fattori di rischio comuni, la totalità che aumenta la possibilità di insorgenza di trombosi in una persona particolare. Questi fattori includono: l'età avanzata, la consegna è con taglio cesareo, vantaggi operativi nel campo della traumatologia trasferiti chirurgia addominale seguita da un lungo periodo di riabilitazione, l'uso prolungato di farmaci che influenzano i processi di coagulazione del sangue, il fumo, il sovrappeso.

La trombosi vascolare si verifica non solo nelle persone anziane che hanno problemi di salute, ma anche nei giovani che sono costretti a trascorrere molto tempo nella posizione di "seduta" e preferiscono uno stile di vita a bassa attività.

I pazienti che avevano subito una grave operazione, così come coloro che sono costretti per lungo tempo a rispettare il riposo a letto probabilità di sviluppare trombosi venosa, come per un adeguato flusso di sangue ritorno al cuore che manca la contrazione muscolare agli arti inferiori, in questo contesto, si creano le condizioni per rallentare il flusso di sangue.

Tra le ragioni per l'insorgenza della trombosi dei vasi degli arti superiori, il cateterismo a lungo termine di grandi vasi del cingolo superiore omerale, così come la creazione di impianti (pacemaker, cardiofibrillatore) sono il primo posto.

Tra la metà femminile dell'umanità, la trombosi è più influenzata dai contraccettivi ormonali a lungo termine, così come dalle puerperie nel primo periodo postparto.

Malattie infettive gravi accompagnate da intossicazione prolungata del corpo sono spesso complicate dalla comparsa di segni di trombosi a causa dell'effetto dannoso delle tossine sulla parete vascolare.

trombosi arteriosa non ha solo le caratteristiche del quadro clinico, ma diversa in definendolo i fattori eziologici. La trombosi arteriosa principale è un provocatore di lesioni vascolari aterosclerotiche, accompagnata dalla formazione di placche, non solo nell'intima della nave, ma anche denso coagulo, il 90% costituito da tessuto connettivo.

Un'altra localizzazione comune della trombosi è il cuore. Cavità cardiache possono sorgere trombo a causa della formazione del flusso sanguigno vortice che si verifica durante il danno ischemico acuto del miocardio, malattie cardiache congenite ed acquisite con rigurgito, impianto di valvole cardiache artificiali, miocardite origine infettiva e tossica.

Generalmente, trombosi è quasi non presente in forma pura, ma nella maggior parte dei casi è contro altre malattie che coinvolgono lesioni vasi arteriosi e venosi (diabete, malattia occlusiva, reumatismi).

Sintomi di trombosi

La sintomatologia della trombosi dipende dalla localizzazione del processo, dal grado di otturazione del lume vascolare e le sue peculiarità sono sia di tipo venoso che arterioso di trombosi.

Sintomi di trombosi venosa nei sistemi profonda degli arti inferiori vene principali (iliaca, femorale, poplitea Vienna) sono: aumentando gonfiore, tessuti pastoznost molle sul lato interessato, parestesia, dolore dolore nel corso di tirare il fascio vascolare, tessuti molli alterazioni trofiche.

Trombosi della vena porta epatica è accompagnata da sintomi, indicando lo sviluppo dell'ipertensione portale (dispepsia funzionale, splenomegalia, accumulo di ascite, sanguinamento gastrointestinale).

Per trombosi nel sistema renale è caratterizzata da dolore doloroso unilaterale nella regione lombare, sindrome nefritica ed ematuria. Una tipica colica renale in questa situazione non è stata osservata.

La trombosi venosa giugulare è una patologia comune tra i pazienti che soffrono di tossicodipendenza e neoplasie maligne ed è caratterizzata dallo sviluppo di complicanze settiche e dell'edema del nervo ottico.

Trombosi arteriosa più spesso localizzata nel cervello e nel cuore, e le malattie causano come l'ictus ischemico e sindrome coronarica acuta. Manifestazioni di ictus ischemico causato dalla sovrapposizione di masse trombotiche sulle lesioni aterosclerotiche tonaca intima dei vasi circolo di Willis sono: cefalea, alto grado di disturbo di coscienza, disturbi dell'attività motoria e sensibilità in una delle due metà del corpo. Per sindrome coronarica acuta è caratterizzata dalla comparsa di dolore anginoso tipico, grave pallore della pelle, deterioramento della coscienza, un fallimento del cuore, mancanza di respiro e talvolta dolore nella parte superiore dell'addome.

Trombosi acuta

La trombosi acuta è una condizione di emergenza ed è più spesso localizzata nel bacino delle navi arteriose. La trombosi acuta della gamba si verifica con l'otturazione delle arterie iliache, femorali e poplitee ed è caratterizzata dai seguenti sintomi:

- Sindrome acuta del dolore nell'arto inferiore interessato;

- violazione di tutti i tipi di sensibilità (dolore, tattilità, temperatura) e comparsa di parestesie;

- un forte raffreddamento e un marcato pallore della pelle;

- Impossibilità di palpazione della pulsazione del fascio vascolare sotto il sito di trombosi;

- Insufficienza transitoria acuta dell'attività motoria dell'arto interessato (paresi, paralisi);

- intensificazione delle sensazioni dolorose durante la palpazione dei tessuti molli;

- sviluppo della contrattura muscolare, che è un segno dell'inizio di cambiamenti irreversibili nei tessuti molli.

Esiste una classificazione internazionale generalmente accettata della trombosi arteriosa, secondo la quale si distinguono tre gradi di gravità. Al primo grado non ci sono manifestazioni cliniche pronunciate. Il secondo grado è caratterizzato da una brusca comparsa di tutti i sintomi di cui sopra, fatta eccezione per la contrattura muscolare e l'edema subfasciale. Il terzo grado è irreversibile e nella maggior parte dei casi è accompagnato dall'amputazione degli arti.

Per confermare la diagnosi di trombosi acuta e per stabilire la localizzazione del trombo nel lume della nave, il paziente deve eseguire la scansione Doppler a ultrasuoni dell'arto inferiore e, in assenza di controindicazioni, l'angiografia.

Una chiara definizione della localizzazione dei trombi consente l'uso di tecniche chirurgiche minimamente invasive di trattamento, tra le quali le più frequenti sono la trombolisi endovascolare percutanea e la trombectomia con aspirazione transluminale. Il primo metodo prevede la somministrazione locale di masse trombotiche di farmaci fibrinolitici (Urokinase in una dose fino a 100.000 unità). Nella seconda tecnica, un trombo non viene sciolto, ma rimosso da un catetere a palloncino.

Nel periodo postoperatorio, la componente obbligatoria della terapia è la nomina della terapia anticoagulante in una dose di mantenimento e l'assunzione per tutta la vita di disaggregati (Aspirina in una dose giornaliera di 100 mg).

Più di una dozzina di anni per la prevenzione della trombosi e malattie ischemiche utilizzato l'acido acetilsalicilico (ASA), ma la lunghezza della sua nomina potrebbe portare a problemi con il tratto gastrointestinale, come bruciore di stomaco, gastriti, nausea, mal di stomaco, ecc Per ridurre il rischio di tali conseguenze indesiderabili, è necessario assumere i farmaci in uno speciale rivestimento enterico. Ad esempio, si può usare il farmaco "trombotica ASS®" * ciascuna compressa è rivestita con pellicola di rivestimento enterico.

Trombosi intestinale

Intestini forniti con vasi sanguigni del mesentere, e, come sappiamo, in qualsiasi vaso del corpo umano può causare trombosi. Nelle lesioni vascolari mesenterica mesentere un cosiddetto "trombosi mesenterica." A causa del fatto che la localizzazione di trombosi nel 90% dei casi nel segmento arteria mesenterica superiore, tutte le parti interessate della tenue e l'intestino crasso di flessura epatica con sintomi clinici gravi e la rapida insorgenza di necrosi della parete intestinale.

meccanismi patogenetici di trombosi mesenterica assomigliano con infarto miocardico con la sola differenza che la trombosi intestinale non ha manifestazioni cliniche specifiche e spesso è diagnosticata solo sulla fase terminale quando il rischio di morte è elevato. Il gruppo a rischio per questa malattia è gli anziani, indipendentemente dal sesso, che hanno malattie croniche della genesi vascolare:

- Le malattie aterosclerotiche (colpite da placche aterosclerotiche sono una fonte di stratificazione delle masse trombotiche);

- malattia ipertensiva (provoca la distruzione delle placche aterosclerotiche a causa di alta pressione);

- intervento sugli organi della cavità addominale (formazione di masse trombotiche nei vasi, come risposta compensatoria al sanguinamento).

Nella maggior parte dei casi, la causa principale dell'occorrenza di trombosi intestinale di qualsiasi localizzazione è la lesione aterosclerotica delle navi intime. Le manifestazioni iniziali della trombosi sono causate da un'interruzione locale dell'afflusso di sangue intestinale in connessione con l'ostruzione del lume vascolare. A causa di prolungati disturbi trofici nella parete intestinale, si verificano cambiamenti distruttivi fino alla perforazione della parete intestinale e allo sviluppo della peritonite.

Un sintomo distintivo caratteristico della trombosi mesenterica arteriosa è la presenza del cosiddetto periodo prodromico, della durata di circa un mese. I sintomi del periodo prodromico comprendono: dolore doloroso periodico nella cavità addominale, flatulenza, nausea e vomito, che ha una chiara dipendenza dall'assunzione di cibo, allentamento delle feci. Alcuni pazienti notano una perdita di peso rapida ma progressiva. La comparsa dei suddetti sintomi è dovuta al restringimento del lume dei vasi arteriosi dovuto alla sovrapposizione di masse aterosclerotiche sull'intima. La trombosi venosa è caratterizzata da un decorso più rapido e il quadro clinico si sviluppa in pochi giorni. Le manifestazioni iniziali della trombosi venosa dell'intestino sono un aumento della temperatura corporea a cifre subfebbrili, disagio lungo l'intestino senza una certa localizzazione del dolore.

Il sintomo sottostante che accompagna sempre la trombosi mesenterica è una grave sindrome del dolore massima nella fase ischemica della malattia (le prime 6-12 ore), non bloccabile anche con l'uso di analgesici narcotici. Per alleviare la sindrome del dolore, i pazienti assumono una posizione forzata nella "postura dell'embrione". Un piccolo rilievo arriva solo con l'uso di farmaci spasmolitici nella forma iniettabile (Riabal 2 ml per via intramuscolare). La sindrome del dolore nell'80-90% dei casi è accompagnata da disturbi delle feci (diarrea con una miscela di sangue nelle feci).

Con un esame obiettivo del paziente vi è un marcato pallore della pelle, ipertensione compensatoria, una diminuzione dell'impulso. La palpazione dell'addome non causa sensazioni dolorose e resistenza dalla parete addominale anteriore. Gli indicatori di laboratorio di sangue nello stadio ischemico della trombosi sono leucocitosi lievi.

Dopo 12 ore dall'inizio della malattia, inizia la fase di infarto, la cui durata massima è di circa 24 ore. In questo periodo, la sindrome del dolore diminuisce, e compaiono i segni di intossicazione (l'aumento del polso, la localizzazione del dolore secondo quale delle sezioni dell'intestino ha subito necrosi, l'aumento di leucocitosi nel sangue).

Dopo 36 ore dall'apparizione dei primi sintomi di trombosi, si sviluppa una clinica peritonitica, per la quale un significativo deterioramento delle condizioni del paziente è causato da grave intossicazione e disturbi elettrolitici. Le sensazioni dolorose nella cavità addominale non hanno una chiara localizzazione e sono amplificate dal minimo movimento. Con un esame obiettivo del paziente, secchezza pronunciata, una diminuzione del turgore della pelle e delle mucose, un forte calo della pressione arteriosa fino allo sviluppo di shock ipotensivo, viene determinata una diminuzione della frequenza cardiaca. L'indicatore di laboratorio di peritonite è pronunciato leucocitosi.

Al fine di stabilire una diagnosi definitiva "trombosi mesenterica" ​​con definizione della localizzazione del processo patologico, il paziente è consigliabile eseguire angiografia vasi mesenterici, in cui viene rivelato alcun contrasto riempimento trombosi lume vasale. Con controindicazioni paziente esistenti all'uso dell'angiografia (agente di contrasto idiosincrasia) ad un espediente paziente di eseguire laparoscopia diagnostica (esame endoscopico dello stato delle pareti intestinali, così come la presenza di ripple sui vasi mesenterici) o laparotomia (siti di studio intestinali modificato con successiva resezione).

La principale direzione del trattamento della trombosi mesenterica è l'uso del metodo chirurgico, poiché questa malattia ha un flusso rapido e gravi complicanze. La terapia farmacologica viene utilizzata solo come trattamento sintomatico per alleviare le condizioni del paziente e prepararsi per la chirurgia.

La durata della trombosi arteriosa non supera i due giorni e in assenza di una terapia adeguata si ha un esito fatale a causa di uno shock da intossicazione. La trombosi venosa, di regola, ha un decorso più lungo con alti tassi di mortalità anche nel periodo postoperatorio. A questo proposito, la trombosi mesenterica si riferisce alla categoria di malattie che sono sfavorevoli per la previsione di vita del paziente.

Trombosi del nodo emorroidario

La trombosi delle emorroidi dovrebbe essere valutata come una complicanza delle emorroidi, causata da uno spasmo acuto dello sfintere rettale, accompagnato da una violazione del flusso ematico di emorroidi. Con ischemia prolungata, c'è un aumento dell'edema del nodo seguito da necrosi. Molto spesso si sviluppa una trombosi esterna, nella quale si osservano cambiamenti ischemici nelle emorroidi esterne.

eziologico affidabile provoca il 100% provocando la trombosi delle emorroidi non esiste, ma ci sono predisponente ai fattori di malattia - lavoro, il sesso anale, di lavoro relative al lavoro fisico pesante, alcolismo.

La trombosi del nodo emorroidario è caratterizzata da un debutto acuto e da un rapido sviluppo dei sintomi clinici. Le principali lamentele che il paziente fa per questa trombosi è una sindrome da dolore grave, chiaramente associata a sforzo e senza alcuna connessione con l'atto di defecazione. I pazienti descrivono queste sensazioni dolorose come "la sensazione di avere un corpo estraneo nel retto".

Con un esame obiettivo del paziente, si attira l'attenzione sul cambiamento del colore dei nodi dal rosa al blu-viola, al gonfiore della pelle perianale e all'incapacità di raddrizzare i nodi.

Questa patologia richiede una diagnosi urgente e un trattamento immediato, poiché è possibile il rapido sviluppo della necrosi con lo sviluppo della paraprocitite. La diagnosi nella maggior parte dei casi non è difficile ed è già disponibile all'esame iniziale del paziente.

I metodi applicano sia conservativa (trombolitica, analgesici, terapia antinfiammatoria) e trattamento chirurgico (asportazione di emorroidi o alterato rimozione locale coagulo di sangue) come misure terapeutiche trombosi emorroidi. Va tenuto presente che anche un'operazione eseguita in modo radicale non garantisce al 100% che il paziente non avrà una ricaduta della malattia.

In alcune situazioni, è possibile evitare la chirurgia radicale utilizzando supposte anti-infiammatorie locali contenenti eparina (supposta per 2 giorni Proctogliolone 1 per 7 giorni).

La direzione fondamentale del trattamento di qualsiasi grado di trombosi del nodo emorroidario è la lotta contro il sanguinamento esistente. Il trattamento locale in questa situazione viene effettuato utilizzando candele contenenti trombina, tamponatura con una soluzione al 10% di cloruro di calcio o una spugna emostatica, scleroterapia. Con una massiccia emorragia per prevenire lo shock ipovolemico, è consigliabile condurre una trasfusione di massa plasmatica ed eritrocitaria.

Il paziente di lavorare funzionamento e nel periodo postoperatorio dovrebbe seguire le raccomandazioni del regime e la dieta: rigorosa riposo a letto, la correzione del comportamento alimentare con l'eccezione di alimenti dietetici, provocando stitichezza, se necessario, l'uso di pulizia clisteri e lassativi che applicano raffreddamento impacchi a base di erbe, lavando via dopo ogni minzione e atto di defecazione con acqua a temperatura ambiente.

Trattamento di trombosi

Il successo del trattamento della trombosi dipende direttamente dalla diagnosi precoce, dalla corretta valutazione della gravità delle condizioni del paziente e dalla scelta di un metodo terapeutico appropriato per ogni particolare situazione. A seconda del grado di ostruzione di alcuni vasi, e anche dalla presenza di malattie concomitanti, trombosi venosa e trombosi delle arterie trattate paziente in flebologo costante controllo di profilo vascolare ospedale.

Le principali direzioni della terapia trombotica sono: l'uso di metodi conservativi di trattamento o interventi chirurgici in presenza di un certo intervallo di indicazioni. L'uso di qualsiasi metodo di trattamento è volto a fermare la diffusione della trombosi, a prevenire complicazioni tromboemboliche, a prevenire i disturbi trofici e a ripristinare la pervietà della nave.

La base del trattamento conservativo della trombosi è l'uso di farmaci volti a migliorare le proprietà reologiche del sangue, oltre a normalizzare il normale flusso di sangue attraverso i vasi. Il gruppo più efficace di farmaci per la normalizzazione della funzione di coagulazione del sangue è anticoagulante di azione diretta e indiretta (Enoxaparina 0,2 ml per via sottocutanea, Warfarin a una dose giornaliera di 10 mg / kg).

La terapia anticoagulante scopo principale è la prevenzione di insorgenza di trombi "galleggianti" nel lume, che sono i principali istigatori di verificarsi di tale condizione pericolosa per la vita del paziente, come embolia polmonare. Una condizione obbligatoria per la prescrizione di farmaci anticoagulanti è il controllo degli indici dei coagulogrammi e tenendo conto delle possibili reazioni collaterali derivanti dall'uso di questi farmaci.

Il gruppo di farmaci che migliorano la reologia del sangue comprende: Clopidogrel in una dose giornaliera di 75 mg, Pentoxifylline ad una dose giornaliera massima di 600 mg. I farmaci che migliorano la microcircolazione del sangue sono farmaci fleboattivi (Detralex 500 mg al giorno per via orale, Escuzan 15 gocce 3 volte al giorno).

Al fine di evitare alterazioni infiammatorie vascolari area di parete lesione di tutti i pazienti si consiglia l'uso della terapia antitrombotica (Diclofenac 75 mg 2 volte al giorno per iniezione intramuscolare, una dose giornaliera di 900 mg Ketoprofene).

In una situazione in cui il paziente ha il rischio di sviluppare una condizione settica, è consigliabile prescrivere agenti antibatterici di ampio spettro d'azione in forma iniettabile.

Chirurgia della trombosi

La trombosi mesenterica diagnosticata è un'indicazione per il trattamento chirurgico urgente dopo un'attenta preparazione preoperatoria, correggendo la violazione dell'emodinamica centrale.

I principali componenti del trattamento chirurgico in questa situazione comprendono: revisione intestino con sezione definizione vincolante della nave mesenterica in cui non c'è ripple, ricostruzione dei vasi e embolectomia nonché segmentale o resezione completa della porzione dell'intestino necrotico. La chirurgia ricostruttiva in questo caso consiste nell'intervento diretto nella zona di trombosi e nella formazione di uno shunt. Dopo la resezione dell'intestino alterato, l'anastomosi "end-to-end" è formata dal chirurgo. Nel periodo postoperatorio, tutti i pazienti sono indicati per la nomina della terapia anticoagulante utilizzando alte dosi di eparina a basso peso molecolare.

Il trattamento chirurgico della trombosi del nodo emorroidario è rappresentato da operazioni minimamente invasive che non richiedono la preparazione preoperatoria. L'efficacia del trattamento dipende dalla durata dell'operazione e dalle capacità compensative del corpo. I principali metodi di trattamento chirurgico sono: rimozione del trombo mediante il metodo delle onde radio o mediante elettrocoagulazione, escissione delle emorroidi insieme alla membrana mucosa circostante con successivo cross-linking del difetto formato. Nel periodo postoperatorio, la frangia emorroidaria si forma sul sito delle emorroidi asportate, che non sono altro che le smagliature della pelle.

Quando diagnosticata trombosi delle vene profonde dell'arto inferiore seguenti vantaggi operativi si applicano: accesso diretto o catetere per trombectomia, l'impianto percutaneo di filtri per vena cava, la legatura delle vene principali e plicatura della vena cava inferiore.

Profilassi della trombosi

La trombosi può svilupparsi in qualsiasi vaso del corpo umano e provocare gravi complicazioni, quindi anche una persona in buona salute deve seguire le misure per prevenire questa condizione pericolosa per la vita e la salute.

Certamente, ci sono fattori di rischio non modificabili per la trombosi di una o di un'altra localizzazione (eredità ereditata, età) che non può essere eliminata. Tuttavia, nell'emergenza della trombosi un ruolo importante è giocato dal modo di vita e dall'alimentazione umana.

Come non specifici interventi preventivi che impediscono lo sviluppo di trombosi delle vene e arterie periferiche sono considerati: l'eliminazione di inattività, la correzione del comportamento alimentare in conformità con malouglevodnoy e dieta priva di grassi, indossando calze compressione.

Al fine di prevenire la trombosi delle emorroidi, è necessario utilizzare misure terapeutiche per prevenire l'insorgenza di emorroidi e l'allargamento varicoso delle vene esterne ed interne del retto. Quando un paziente ha già segni di emorroidi, è opportuno utilizzare tecniche minimamente invasive chirurgia (scleroterapia, fotocoagulazione infrarossi, legatura lattice anello nodo) per ridurre manifestazioni e prevenire trombosi emorroidi.

* Ci sono controindicazioni, prima dell'uso è necessario consultare uno specialista

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Flebite: sintomi e trattamento

Motivi

La flebite è l'infiammazione della parete venosa. La flebite si è trasformata abbastanza velocemente in una malattia più formidabile: la tromboflebite, quando i trombi appaiono nel lume di una nave infiammata....

Trombosi venosa profonda

Motivi

Trombosi venosa profonda È una malattia caratterizzata dalla formazione di coaguli di sangue (cioè, coaguli di sangue), che creano ostacoli al normale flusso sanguigno.Secondo le osservazioni mediche, la trombosi venosa profonda degli arti inferiori è patologia più comune di trombosi vene che sono localizzate altrove....