warfarin

Che a trattare

Il warfarin è un medicinale la cui funzione principale non è quella di consentire al sangue di coagularsi.

La sua azione è di sopprimere la vitamina K, che è attivamente coinvolta nel processo di coagulazione del sangue. Il compito principale di un tale effetto sul corpo è prevenire la formazione di coaguli di sangue. Questo farmaco è usato per la trombosi nelle vene.

In questa pagina troverai tutte le informazioni su Warfarin: istruzioni complete per l'uso di questo farmaco, prezzi medi nelle farmacie, analoghi completi e incompleti, nonché recensioni di persone che hanno già usato Warfarin. Vuoi lasciare la tua opinione? Si prega di scrivere nei commenti.

Gruppo clinico e farmacologico

loading...

Anticoagulante dell'azione indiretta.

Condizioni di congedo dalle farmacie

loading...

È rilasciato su prescrizione medica.

Quanto costa Warfarin? Il prezzo medio nelle farmacie è al livello di 90 rubli.

Forma di emissione e composizione

loading...

Prodotto sotto forma di compresse. Warfarin - una compressa di forma rotonda, blu chiaro, con un rischio cruciale. Le compresse sono confezionate in flaconi di plastica da 50 o 100 pezzi ciascuno. Le fiale sono chiuse con coperchi, che sono avvitati.

  • La composizione di 1 compressa include il principio attivo - warfarin di sodio in una quantità di 2,5 mg.
  • Ingredienti aggiuntivi: amido di mais, lattosio, calcio indigocarmato diidrato idrofosfato, magnesio stearato, povidone 30.

Effetto farmacologico

loading...

L'effetto anticoagulante di Warfarina (Warfarina Nycomed) passa inibendo o rallentando la sintesi dei fattori di coagulazione della vitamina K nel fegato (sconvolge la biosintesi delle proteine ​​della sua coagulazione).

Poiché il farmaco non influenza la coagulazione dei coaguli di sangue direttamente nel sangue, l'effetto del prelievo inizia approssimativamente nel terzo o quinto giorno. Warfarin (Warfarin Nycomed) ha una lunga emivita, alta biodisponibilità (oltre il 90 percento).

Indicazioni per l'uso

loading...

La droga descritta è raccomandata per prevenzione e cura delle malattie seguenti:

  1. Vene varicose
  2. Emorroidi.
  3. Tromboflebite.
  4. Trombosi venosa ricorrente.
  5. Trombosi postoperatoria
  6. Trombosi delle vene prossimali e profonde.
  7. Trombosi di vasi cerebrali.
  8. Tromboembolia dell'arteria polmonare, anche ripetuta.
  9. Infarto miocardico ripetuto
  10. Danni alle valvole cardiache.
  11. Fibrillazione atriale.
  12. Complicazioni tromboemboliche nell'impianto di valvole artificiali o nel trapianto di vasi sanguigni.

La conduzione del trattamento chirurgico o trombolitico della trombosi richiede anche l'uso di Warfarin. Questo farmaco viene anche usato durante il periodo di recupero dopo qualsiasi intervento chirurgico, durante il quale il paziente ha ricevuto troppi farmaci per arrestare il sangue.

Controindicazioni

loading...

Di solito, i medici non prescrivono questo rimedio a pazienti con:

  • ictus emorragico;
  • endocardite batterica;
  • aneurismi;
  • recentemente sofferto di operazioni craniocerebrali o oftalmologiche;
  • sanguinamento acuto o probabilità di scoperta;
  • trombocitopenia;
  • pericardite (soprattutto essudativa);
  • forma grave di ipertensione arteriosa;
  • infermità di reni e fegato.

Inoltre, una controindicazione all'assunzione di una sostanza è una maggiore sensibilità ad essa o una tendenza all'alcolismo e alla psicosi.

Applicazione in gravidanza e allattamento

loading...

Warfarin penetra facilmente la barriera placentare può provocare disturbi emorragici fetali, anomalie di atrofia ossea del nervo ottico, cataratta, tra cui la cecità, ritardare il ritardo fisico e mentale, microcefalia. Pertanto, il farmaco è controindicato nelle donne in gravidanza.

Con il latte materno, il warfarin è secreto in una forma inattiva. Quando prendeva il farmaco come una donna che allatta nei bambini, non c'erano cambiamenti nel modello di coagulazione. Di conseguenza, il warfarin può essere usato durante l'allattamento. L'effetto di Warfarin sul corpo dei neonati pretermine non è stato studiato.

Istruzioni per l'uso

loading...

Le istruzioni per l'uso indicano che Warfarin è assunto per via orale, 1 volta / giorno, allo stesso tempo.

  • La dose iniziale è 2,5-5 mg / giorno. L'ulteriore regime di dosaggio viene impostato individualmente, in base ai risultati del tempo di protrombina o del MNO. Il tempo di protrombina deve essere aumentato di 2-4 volte dall'iniziale e l'INR dovrebbe raggiungere 2.2-4.4 a seconda della malattia, del rischio di trombosi, del rischio di sanguinamento e delle caratteristiche individuali del paziente.

Nel determinare l'INR dovrebbe essere considerato un indice di sensibilità tromboplastina e può usarlo come un fattore di correzione (1.22 - usando tromboplastina domestica da coniglio "Neoplast" del cervello, e 1,2 - utilizzando società di tromboplastina "Roche Diagnostics").

  1. Nel caso di fibrillazione atriale e con terapia di mantenimento per trombosi, vene e tromboembolia raggiungono un moderato effetto anticoagulante (INR 2-3).
  2. Prima del prossimo intervento chirurgico (ad alto rischio di complicanze tromboemboliche) il trattamento viene iniziato 2-3 giorni prima dell'operazione.
  3. In protesi valvolari cardiache, vene trombosi acuta venosa o embolia (nelle fasi iniziali), la trombosi del ventricolo sinistro e per la prevenzione di ischemia miocardica hanno bisogno di lottare per un'azione efficace tale informazione nella INR - 2,8-4,0.
  4. In caso di trombosi acuta il trattamento viene effettuato in associazione con eparina fino a quando l'effetto della terapia anticoagulante orale non si manifesta pienamente (non prima di 3-5 giorni di trattamento).
  5. Quando l'uso congiunto di warfarin con ASA, l'INR dovrebbe essere compreso nell'intervallo 2-2,5.

Ai pazienti più anziani e ai pazienti indeboliti viene generalmente prescritto un farmaco a dosi più basse.

La durata del trattamento dipende dalle condizioni del paziente. Il trattamento può essere annullato immediatamente.

Effetti collaterali

loading...

In alcuni casi, l'uso di Warfarin può provocare lo sviluppo di effetti collaterali indesiderati da vari sistemi corporei. Vale a dire:

  • ittero;
  • rash cutaneo;
  • orticaria;
  • prurito;
  • diarrea;
  • eosinofilia;
  • eczema;
  • necrosi della pelle;
  • vasculite;
  • perdita di capelli;
  • giada;
  • urolitiasi;
  • sanguinamento;
  • aumentata sensibilità al warfarin dopo un uso prolungato;
  • l'anemia;
  • nausea, vomito;
  • dolore addominale;
  • necrosi tubulare;

reazioni di ipersensibilità, manifesta sotto forma di eruzioni cutanee, e caratterizzate da un aumento reversibile degli enzimi epatici concentrazioni, epatite colestatica, vasculite, priapismo, reversibile alopecia trachea e calcificazione.

overdose

loading...

I sintomi di intossicazione cronica con un'overdose di warfarin è la presenza di sangue nelle vene delle urine e le feci, sanguinamento dal naso o delle gengive, sanguinamento nella pelle, eccessivo sanguinamento durante le mestruazioni, grave e prolungata emorragia con piccole lesioni dell'epidermide.

Se il tempo di protrombina supera il 5% e sono assenti altre possibili fonti di sanguinamento (nefropolitiasi, ecc.), La correzione del regime posologico non è necessaria. Con sanguinamento minore, la dose di Warfarin viene ridotta o annullata per un breve periodo. Se un paziente sviluppa forti emorragie, viene prescritto vitamina K fino a quando l'attività coagulante è completamente ripristinata. Il sanguinamento minaccioso è un'indicazione per trasfusione di plasma fresco congelato, sangue fresco o concentrati di fattori complessi della protrombina.

Istruzioni speciali

loading...
  1. Prima dell'inizio della terapia determinare l'indicatore di INR (o tempo di protrombina, tenendo conto del coefficiente di sensibilità della tromboplastina). In futuro, viene eseguito un monitoraggio di laboratorio regolare (ogni 2-4-8 settimane).
  2. L'uso di quasi tutti i farmaci influenza l'assorbimento di Warfarin.
  3. Non assumere warfarin in pazienti con galattosemia ereditaria, deficienza dell'enzima lattasi, malassorbimento di glucosio-galattosio.
  4. L'azione del farmaco è potenziata da insufficienza cardiaca scompensata, febbre, alcolismo con danno epatico concomitante, ipertiroidismo. Nell'ipotiroidismo, al contrario, l'effetto del suo uso può essere ridotto.

Trattamento di pazienti anziani deve essere effettuata con particolare cautela a causa sintesi dei fattori della coagulazione e metabolismo epatico in questi pazienti è ridotto, per cui l'effetto può avvenire da eccessiva azione del warfarin.

Interazioni farmacologiche

loading...
  1. I diuretici possono ridurre l'effetto degli anticoagulanti (in caso di pronunciata azione ipovolemica, che può portare ad un aumento della concentrazione dei fattori della coagulazione).
  2. FANS, dipiridamolo, acido valproico, inibitori del citocromo P450 (cimetidina, cloramfenicolo) aumentano il rischio di sanguinamento. L'uso combinato di questi farmaci e warfarin deve essere evitato (la cimetidina può essere sostituita con ranitidina o famotidina). Se è necessario trattare il cloramfenicolo, la terapia anticoagulante deve essere temporaneamente interrotta.
  3. Indebolire l'effetto dei barbiturici warfarin, vitamina K, glutetimide, griseofulvina, dicloxacillina, carbamazepina, mianserina, paracetamolo, retinoidi, rifampicina, sucralfato, fenazone, colestiramina.
  4. Quando si utilizzano farmaci (ad es. Lassativi), che possono aumentare il rischio di sanguinamento a causa di una diminuzione della coagulazione normale (inibizione dei fattori della coagulazione o degli enzimi epatici), la strategia della terapia anticoagulante deve essere determinata dalla possibilità di condurre test di laboratorio. Se è possibile un frequente monitoraggio di laboratorio, se la necessità di terapia con tali farmaci, la dose di warfarin può essere ridotta del 5-10%. Se il monitoraggio di laboratorio è difficile, se necessario, la somministrazione di questi farmaci warfarin deve essere annullata.
  5. Warfarin amplificare allopurinolo, amiodarone, steroidi anabolizzanti (alchilati nella posizione C17), ASA e altri FANS, eparina, glibenkdamid, glucagone, danazolo, diazossido, dizopiramnd, disulfiram, isoniazide, ketoconazolo, claritromicina, clofibrato, levamisolo, metronidazolo, miconazolo, nalidixico acido, nilutamide, omeprazolo, paroxetina, proguanile, ipoglicemizzanti orali - sulfamidici derivati, simvastatina, sulfamidici, tamoxifene, tiroxina, chinina, chinidina, fluvoxamina, fluconazolo, fluoro acile, chinoloni, cloralio idrato, cloramfenicolo, cefalosporine, cimetidina, eritromicina, acido etacrinico, etanolo. Nel caso di uso combinato di warfarin con i farmaci sopra è necessario monitorare l'INR all'inizio e alla fine del trattamento e per quanto possibile in 2-3 settimane di terapia.

Recensioni

loading...

Abbiamo raccolto alcuni commenti della gente su Warfarin:

  1. Alexander. Ho preso Warfarin per sei mesi già. La questione è che all'atto di ispezione in un ospedale è stato scoperto, che ho un'aritmia. E questa diagnosi contribuisce alla formazione di coaguli di sangue. Il medico mi ha consigliato di usare anticoagulanti. All'inizio ero spaventato da questo nome e presi solo l'aspirina per diluire il sangue. Ma poi mi sono convinto che dovevo provare. Ho iniziato con una compressa al giorno. Un mese dopo ho controllato il sangue nella clinica, e ho scoperto che questa dose mi va bene. Il fatto è che il "Warfarin" è un forte anticoagulante e quando è sovradosaggio è possibile il sanguinamento locale. Quindi vale la pena mantenere un monitoraggio sistematico del test del sangue.
  2. Lyudmila. Il cardiologo prescriveva il warfarin, poiché vi erano attacchi di fibrillazione atriale e il medico vascolare (anch'io ho una tromboflebite) non prescrive il warfarin. Ho paura di iniziare questo trattamento, è impossibile fare iniezioni, ma devo ricorrere al loro aiuto per il trattamento della malattia lombare. Mi chiedo se c'è un'altra droga che non è così complicata?
  3. Tatiana. Mio fratello non prende più Warfarin. Domani è un funerale. Rotture di mucosa gastrica e esofago, sanguinamento massiccio, in ospedale fallito. Nessun medico ha avvertito della sua dieta. Lui stesso, come molti pazienti, non ha letto le istruzioni per l'uso e non ha riferito ai parenti circa il farmaco prescritto. Penso che nella nostra medicina questa sia una medicina pericolosa. A giudicare dalle recensioni, nessuno ha una garanzia da un tale evento. Un caso simile di amico di mia madre - un marito che giace malato dopo un ictus emorragico e con un'ulcera allo stomaco. Warfarin.
  4. Ilya. Ho avuto un infarto un mese e mezzo fa e ho avuto un infarto. Ha preso il mese di Warfarin. sanguinamento dal naso tre volte. Ho chiamato un'ambulanza. Smesso di prendere warfarin, ASA. In una settimana ho iniziato a prenderlo di nuovo. Prendiamo lividi. Diminuzione della dose della metà a 1,25 mg. La condizione migliorò, ci furono meno mal di testa, crampi alle gambe. Ma MNO era 1.68,.89. Proverò di nuovo warfarin 2,5 e ASK 100 mg.

analoghi

loading...

Come analoghi di Warfarin, si può notare quanto segue:

  • Sinkumar;
  • Fepromaron;
  • neodikumarin;
  • fenilin;
  • Etil biscumacetato e alcuni altri.

Prima di usare analoghi, consultare il medico.

Condizioni di conservazione e durata

loading...

Il farmaco viene conservato in un luogo protetto dalla luce solare e dall'umidità, inaccessibile ai bambini ad una temperatura inferiore a 25 ° C.

La data di scadenza è 3 anni o 5 anni (dipende dal produttore). Non prendere la pillola dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Warfarin Nycomed

loading...

contenuto

Proprietà farmacologiche del farmaco Warfarin nycomed

loading...

Antitrombotici. Il warfarin blocca la sintesi di fattori di coagulazione dipendenti dalla vitamina K nel fegato, ad esempio il fattore II, VII, IX e X. La concentrazione di questi componenti nel sangue diminuisce e il processo di coagulazione è inibito. L'effetto ottimale si osserva al 3-5 ° giorno dall'inizio del farmaco. L'effetto del warfarin cessa 3-5 giorni dopo la fine del trattamento.
Il farmaco è quasi completamente assorbito nel tratto digestivo. Legando a proteine ​​del plasma sanguigno - il 97-99%. La concentrazione terapeutica nel plasma sanguigno è 1-5 μg / ml (0,003-0,015 mmol / l).
Nel corpo umano il warfarin ha la forma di un composto racemico, mentre la forma levogira ha una maggiore attività farmacologica rispetto a quella destrogira. I metaboliti formati nel fegato sono composti inattivi o debolmente attivi. Vengono riassorbiti dalla bile, mentre la forma levogira viene metabolizzata più rapidamente. Il periodo di escrezione del warfarin racemico è di circa 40 ore, viene escreto nelle urine.

Indicazioni per l'uso del farmaco Warfarin Nycomed

loading...

Prevenzione e trattamento di trombosi profonda e prossimale trombosi venosa, vascolare cerebrale, embolia polmonare, trombofilia congenita (in particolare a deficienza di proteina C e S), prevenzione di complicazioni tromboemboliche durante l'impianto di protesi valvolari o trapianto di vasi sanguigni, fibrillazione atriale, malattia cardiaca valvolare, prevenzione secondaria infarto miocardico.

Applicazione del farmaco Warfarin Nycomed

loading...

i pazienti che hanno bisogno di un intervento chirurgico (con un alto rischio di complicanze tromboemboliche) dovrebbero preferibilmente iniziare 2-3 giorni prima dell'operazione.
In caso di trombosi acuta, il trattamento con warfarin deve essere completato con eparina fino a quando l'effetto della terapia anticoagulante orale non si manifesta pienamente (non prima di 3-5 giorni di trattamento).
La dose iniziale di Warfarin Nycomed è 2,5-5 mg al giorno.
L'ulteriore regime di dosaggio viene impostato individualmente, in base ai risultati del tempo di protrombina o del rapporto internazionale normalizzato (INR).
Il tempo di protrombina può essere 2-3 volte più lungo dell'originale e il valore INR dovrebbe raggiungere 2,2-4,4 a seconda della malattia, del rischio di trombosi, del rischio di sanguinamento e delle caratteristiche individuali del paziente.
Nel determinare l'INR, l'indice di sensibilità della tromboplastina deve essere preso in considerazione e utilizzare questo indice come fattore di correzione (1,22 per tromboplastina "Neoplast" e 1,20 per tromboplastina da Roche Diagnostics).
Ai pazienti più anziani e ai pazienti indeboliti viene prescritto un farmaco a dosi più basse.
Una dose giornaliera completa è prescritta in una sessione, alla stessa ora del giorno.
In protesi valvolari cardiache, trombosi venosa acuta o embolia (nelle fasi), trombosi ventricolare sinistra e per la prevenzione di infarto dovrebbe cercare di ottenere la massima espressione del valore INR effetto anticoagulante dovrebbe raggiungere 2,8-4,5.
Alla fibrillazione degli atri e durante la terapia di mantenimento per trombosi, vene ed embolie si ottiene un moderato effetto anticoagulante (valore INR di 2.8-3).
All'applicazione simultanea di warfarin con preparazioni di acido acetilsalicilico, l'INR deve essere compreso tra 2 e 2,5.
Controllo durante il trattamento
Prima dell'inizio della terapia determinare l'indicatore di INR (o tempo di protrombina, tenendo conto del coefficiente di sensibilità della tromboplastina). In futuro, regolare, ogni 4-8 settimane, un test di laboratorio. La durata del trattamento dipende dalle condizioni cliniche del paziente. Il trattamento può essere annullato immediatamente.

Controindicazioni all'uso del farmaco Warfarin Nycomed

loading...

Periodo di gravidanza, gravi malattie ai reni e al fegato, ipertensione grave, ictus emorragico, trombocitopenia, ipersensibilità al warfarin, minaccia di sanguinamento, trauma.

Effetti collaterali di Warfarin Nycomed

Le manifestazioni più frequenti degli effetti collaterali del warfarin sono le emorragie. Diarrea meno frequente, aumento dei livelli di attività degli enzimi epatici, eczema, necrosi cutanea, vasculite, perdita di capelli.

Istruzioni speciali per l'uso del farmaco Warfarin Nycomed

Una condizione obbligatoria per la terapia con warfarin è l'aderenza rigorosa alla dose prescritta del farmaco. Non prescrivere warfarin a pazienti con emorragia in qualsiasi sede. È necessario esercitare una particolare cautela nella violazione della coagulazione del sangue, trombocitopenia, ulcera peptica dello stomaco e del duodeno, ictus emorragico, alcolismo e funzionalità renale compromessa. Il rischio di sanguinamento aumenta con l'uso simultaneo di farmaci acido acetilsalicilico e altri FANS a causa della loro inibizione dell'attività funzionale delle piastrine.
Il farmaco non deve essere somministrato a donne in gravidanza a causa di effetti teratogeni e rischio di sanguinamento nel feto.
Il warfarin penetra nel latte materno in una piccola quantità e non influenza la coagulazione del sangue nei neonati, quindi il farmaco può essere usato durante l'allattamento. Per motivi di sicurezza, i neonati non dovrebbero ricevere il latte materno per i primi 3 giorni all'inizio del trattamento della madre.
In caso di abuso di alcool, aumenta il rischio di ipoprotrombinemia e sanguinamento.

Interazioni del farmaco Warfarin Nycomed

Molti farmaci interagiscono con anticoagulanti orali. I più importanti di questi sono: antibiotici ad ampio spettro, salicilati e altri FANS, clofibrato, barbiturici, fenitoina, antidiabetici orali.
Il warfarin in combinazione con i FANS aumenta significativamente il rischio di sanguinamento. Questo vale anche per altri inibitori dell'aggregazione piastrinica, come il dipiridamolo. Tali combinazioni dovrebbero essere evitate.
Può anche essere correlato a composti con un pronunciato effetto inibitorio sul sistema del citocromo P450, ad esempio, cimetidina e cloramfenicolo, che, per diversi giorni, aumenta il rischio di sanguinamento. In questi casi, la cimetidina può essere sostituita, ad esempio, ranitidina o famotidina. Se è necessario il trattamento con chloramphenicol, la terapia anticoagulante deve essere temporaneamente interrotta. L'uso di diuretici in caso di effetti ipovolemici pronunciati può portare ad un aumento della concentrazione dei fattori della coagulazione, che riduce l'efficacia degli anticoagulanti.
In caso di associazione con altri farmaci che sono elencati sotto controllo INR deve essere effettuata all'inizio e alla fine del trattamento, dopo 2-3 settimane di terapia. Questo vale per i farmaci che causano l'induzione di enzimi epatici (barbiturici, fenitoina, carbamazepina) e quindi ridurre l'effetto anticoagulante di warfarin. Nel caso di prescrizione, aumentando sanguinamento dovuto alla inibizione del normale processo di coagulazione e inibendo i fattori di coagulazione o causa dell'inibizione reversibile degli enzimi epatici (per esempio lassativi), strategia di terapia anticoagulante dipenderà dalla possibilità del controllo di laboratorio. Se possibile, è necessario effettuare il controllo laboratorio frequente della terapia che permette l'inizio di un trattamento complementare per correggere la dose warfarin, per esempio, ridurre o aumentare al 5-10%. Con limitate capacità di monitoraggio di laboratorio, questi farmaci dovrebbero essere evitati. Va sottolineato che il seguente elenco di farmaci che interagiscono con che devono essere considerati, è lungi dall'essere completa.
L'attenuazione del warfarin osservata mentre la sua applicazione con barbiturici, vitamina K, glutetimide, griseofulvina, dicloxacillina, carbamazepina, coenzima Q10, mianserina, paracetamolo, retinoidi, rifampicina, sucralfato, fenazone, kolestriaminom.
Rafforzamento degli effetti del warfarin osservata mentre l'applicazione di allopurinolo, amiodarone, anabolizzanti (alchilata a C-17), aspirina e altri FANS, eparina, glibenclamide, glucagone, danazolo, diazossido, disopiramide, disulfiram, isoniazide, ketoconazolo, claritromicina, clofibrato, levamisolo, metronidazolo, miconazolo, acido nalidixico, nilutamide, omeprazolo, paroxetina, proguanidom, antidiabetici (sulfamidici derivati), simvastatina, sulfamidici m, tamoxifene, tiroxina, chinina, chinidina, fluvoxamina, fluconazolo, fluorouracile, chinoloni, cloralio idrato, cloramfenicolo, cefalosporine, cimetidina, eritromicina, acido etacrinico. L'etanolo può migliorare gli effetti del warfarin.

Overdose del farmaco Warfarin Nycomed, sintomi e trattamento

Ottimale effetto terapeutico del farmaco è sul punto di sanguinamento e può ematuria microscopica, sanguinamento delle gengive e altri. Se il paziente non ha malattie che possono provocare sanguinamento (ad esempio calcoli renali), grave rischio di emorragia non sono fino tempo di protrombina superiore al 5%. Nel caso di sanguinamento minore abbastanza per ridurre la dose o interrompere il trattamento per un po '.
In caso di sviluppo di sanguinamento serio come antidoto nominano la vitamina K IV in una dose di 5-10 mg.
In emorragie potenzialmente letali è necessaria una trasfusione immediata del concentrato di fattori del complesso protrombinico o plasma sanguigno congelato fresco o sangue intero.

Condizioni per la conservazione del farmaco Warfarin Nycomed

A temperature fino a 25 ° С. Periodo di validità - 5 anni.

Elenco delle farmacie dove è possibile acquistare Warfarin Nycomed:

Warfarin Nycomed: istruzioni per l'uso

Farm Group: Il farmaco si riferisce agli anticoagulanti di un tipo di azione indiretta

Forma di preparazione, sua composizione e confezione

Il farmaco Warfarin Nycomed è disponibile sotto forma di compresse rotonde di colore blu con una linea di divisione a forma di croce.

1 compressa Warfarin Nycomed contiene sodio warfarin 2,5 mg, oltre a sostanze aggiuntive: amido di mais, lattosio, calcio fosfato di calcio, indigocarmina come colorante, povidone e magnesio stearato.

Le compresse sono confezionate in contenitori di plastica della quantità di 50 o 100 pezzi.

Meccanismo d'azione

Warfarin Nycomed è un anticoagulante con un tipo di azione indiretto. Inibisce la formazione di specifici fattori di coagulazione nel fegato, cioè 2,7,9 e 10 (vitamina K-dipendente). Il contenuto di queste sostanze nel plasma sanguigno diminuisce e il processo di coagulazione del sangue è inibito.

L'inizio dell'azione anticoagulante avviene 1,5-3 giorni dopo la prima dose e raggiunge un massimo di circa 5-7 giorni. L'azione di Warfarin Nycomed continua per 4-5 giorni dopo il ritiro.

farmacocinetica

Warfarin Nycomed, entra nel corpo, rapidamente assorbito dall'intestino nel sangue. Si osserva un alto grado di legame con albumine plasmatiche.

Quindi il metabolismo passa nel fegato. Il warfarin è una miscela di isomeri ottici di R- e S-. Ognuno di loro passa il suo modo di scambiare, formando due prodotti diversi. L'isomero sinistrorso mostra un'efficacia più pronunciata (2-5 volte) dell'isomero destrorso, ma l'emivita del secondo è inferiore, cioè l'isomero destrogiro dura più a lungo nel corpo. I catalizzatori per il metabolismo degli isomeri di warfarin sono gli enzimi CYP2C9, CYP1A2 e CYP3A4. I pazienti che presentano un polimorfismo di queste sostanze mostrano una maggiore sensibilità al farmaco e possono verificarsi sanguinamenti.

In futuro, il warfarin viene convertito in prodotti inattivi, che insieme alla bile vengono escreti nell'intestino, da lì assorbiti nel sangue ed escreti nelle urine. L'emivita è in media tra 20 e 60 ore. L'isomero destrogiro viene ritardato più a lungo e viene dedotto entro il 37-89 dal 50% e l'isomero sinistrorso è già in 21-43 ore.

Quando e chi dovrei prendere?

Warfarin Nycomed utilizza:

  • per le misure terapeutiche e profilattiche per la trombosi delle vene e l'embolia delle arterie
  • prevenzione dell'infarto del miocardio e prevenzione delle complicanze nel periodo post-infarto
  • prevenzione dell'occlusione vascolare nella fibrillazione atriale, difetti valvolari e protesi
  • terapia e prevenzione dell'ostruzione nel periodo postoperatorio

Chi e quando non è consigliabile prendere?

  • Sanguinamento improvviso di natura acuta
  • Grave danno al fegato
  • Ridotto numero di piastrine nel sangue
  • Insufficienza di proteine ​​C e S
  • Periodo di gestazione
  • Ipersensibilità ai componenti del farmaco
  • Con un aumentato rischio di emorragia

Come prenderlo?

Il farmaco Warfarin Nycomed viene assunto una volta al giorno, allo stesso tempo. Il corso del trattamento dipende dal decorso della malattia ed è determinato individualmente dal medico.

Prima di iniziare il trattamento, viene eseguito l'INR, l'analisi ripetuta viene eseguita ad una frequenza di una volta ogni -1-2 mesi. La condizione clinica del paziente determina la necessità di ulteriore terapia. Annulla il trattamento può essere immediatamente se necessario.

Se il paziente non ha precedentemente assunto Warfarin Nycomed, la sua dose iniziale è di 2 compresse al giorno (5 mg) per 4 giorni. Successivamente, viene eseguita la definizione di INR e, a seconda dei numeri ottenuti, viene somministrata una dose di mantenimento. Di norma, varia da 1 a 3 compresse al giorno.

Se il paziente ha già assunto Warfarin Nycomed, nei primi due giorni viene prescritta una doppia dose di mantenimento (stabilita in precedenza), e quindi continua il trattamento con il consueto dosaggio di mantenimento. Dopo 4 giorni dall'inizio della terapia, l'INR viene monitorato e viene somministrata una dose in conformità con i dati ottenuti.

Quando occlusione della vena, arteria embolia, malattie delle valvole cardiache, fibrillazione atriale, protesi valvolari bioprotesi devono possedere indicatore INR nell'intervallo 2 a 3. Se la valvola protesica è tenuta protesica meccanica osservata o infarto miocardico acuto, si raccomanda di controllare a cifre INR superiori - di Da 2,5 a 3,5.

Le informazioni sull'uso del farmaco nell'infanzia non sono molte. Il trattamento iniziale standard è una dose di 0,2 mg per kg di peso corporeo al giorno. Se c'è una disfunzione del fegato, la dose viene dimezzata e vengono prescritti 0,1 mg per kg di peso corporeo. La dose di mantenimento, così come nel caso di pazienti adulti, è selezionata sulla base degli indici dell'INR. La terapia viene effettuata sotto la supervisione di uno specialista esperto.

Il trattamento dei pazienti anziani non richiede cambiamenti nel dosaggio o nella molteplicità dell'ammissione, ma è condotto sotto stretta osservazione, poiché questa categoria di pazienti aumenta il rischio di effetti collaterali.

Se c'è un malfunzionamento del fegato, è necessario un attento monitoraggio dell'INR, poiché il fegato partecipa, sia nel metabolismo del farmaco che nello sviluppo dei fattori della coagulazione.

Con insufficienza renale, non è necessario modificare la dose. La conduzione della dialisi peritoneale non è un'occasione per aumentare la dose.

La terapia anticoagulante prima, dopo e durante l'intervento chirurgico viene eseguita come segue. È necessario determinare l'INR 7 giorni prima dell'intervento. Quindi, a seconda degli indicatori INR, è necessario smettere di ricevere alcuni giorni prima dell'operazione. Se l'INR è superiore a 4, la ricezione viene interrotta in 5 giorni. Se l'INR è nell'intervallo da 3 a 4 - già in 3 giorni, se l'INR oscilla tra 2 e 3 - la ricezione viene interrotta in 2 giorni. Se esiste il rischio di trombosi, l'eparina deve essere iniettata per via sottocutanea. Se la sera prima dell'operazione l'INR è superiore a 1,8, il paziente viene somministrato per via endovenosa o orale con vitamina K alla dose di 0,5-1 mg.

È necessario effettuare l'introduzione regolare di heparin basso e molecolare tra una settimana dopo l'operazione e restaurare l'introduzione di Warfarin Nycomed. Se l'intervento chirurgico di una piccola quantità di warfarin in una dose di mantenimento scelta individualmente viene assunto lo stesso giorno. Se è stata eseguita un'operazione principale, il trattamento con Warfarin viene ripristinato lo stesso giorno in cui il paziente ritorna all'alimentazione enterale.

I sintomi di sovradosaggio e il loro trattamento

I segni di overdose di droga sono la sede dell'INR al confine dello sviluppo delle emorragie. Il paziente può avere gengive sanguinanti, una leggera fuoriuscita di sangue nelle urine.

Trattamento: con sintomi minori di sovradosaggio, il trattamento consiste nella sospensione temporanea dell'assunzione di Warfarin Nycomed o addirittura nella riduzione del dosaggio. L'efficacia della terapia è determinata dal raggiungimento degli MNO degli indicatori richiesti. Con lo sviluppo di una grave emorragia per via endovenosa di vitamina K, plasma appena congelato, e per via orale prendere carbone attivo o altri assorbenti.

Se il paziente ha bisogno di tornare a ricevere anticoagulanti di nuovo, alte dosi di vitamina K non dovrebbero essere utilizzate, poiché la resistenza a Warfarin Nycomed inizia a svilupparsi.

Interazione di warfarin con altre droghe

Per iniziare o interrompere l'assunzione di altri farmaci durante l'uso di Warfarin è solo dopo aver consultato lo specialista del trattamento. In questo caso, dovrebbe essere presa in considerazione l'inibizione o l'induzione reciproca.

Se usato con farmaci warfarin che influiscono sul numero di piastrine, aumenta il rischio di sanguinamento. Questi includono: l'aspirina e la maggior parte dei FANS (a parte gli inibitori selettivi della COX-2), il clopidogrel, il dipiridamolo, le penicilline in grandi dosaggi.

Non è necessario utilizzare inibitori del citocromo P450 insieme a Warfarin, poiché in questo caso si può sviluppare un sanguinamento.

Molte medicine e persino erbe medicinali sono in grado sia di rafforzare e ridurre l'effetto di Warfarin Nycomed, quindi vale la pena consultare il proprio medico prima di iniziare a prendere un nuovo medicinale durante l'uso di Warfarin.

Non è necessario prendere warfarin con preparazioni di erba di San Giovanni, che è l'induttore di questa medicina. In questo caso, il potenziamento può durare fino a 14 giorni. Tutte le azioni relative al ritiro dei farmaci o al proseguimento della loro ammissione dovrebbero essere eseguite in un contesto di attento monitoraggio da parte dell'INR.

Va tenuto presente che il cibo ricco di vitamina K è anche in grado di alterare l'effetto di Warfarin, ovvero di inibirlo. Se, al contrario, la vitamina K non va abbastanza contro uno sfondo di diarrea o lassativo, si osserva un aumento degli effetti di Warfarin.

L'uso di Warfarin Nycomed in gravidanza e allattamento

Warfarin Nycomed è controindicato per tutto il periodo della gestazione. È dimostrato che il farmaco penetra la barriera placentare e ha un effetto dannoso sullo sviluppo del feto con conseguenti disturbi nel lavoro di organi e sistemi. L'assunzione di warfarin può portare a sanguinamento, sia durante la gravidanza che durante il processo di nascita.

Warfarin Nycomed viene ingerito nel latte materno, ma in quantità così magre che non è in grado di influenzare il sistema di coagulazione del bambino. Pertanto, il farmaco può essere usato durante l'allattamento.

Effetti collaterali

Il più spesso tra gli effetti collaterali caratteristici dell'ammissione Warfarin sviluppa sanguinamento. La loro frequenza tra le persone che assumono il farmaco è dell'8%. In questo caso, il sanguinamento pesante non è superiore all'1% e lo 0,25% fatale. Il più delle volte, lo sviluppo di ipertensione sanguinamento, che non era sotto controllo e non sottoposti a terapia appropriata. Un alto livello di INR contribuisce anche allo sviluppo di emorragie. Se l'INR rientra nei limiti normali e l'emorragia inizia, devono essere condotti ulteriori studi per stabilire i fattori che influenzano questo effetto collaterale.

Il rischio di sanguinamento è anche aumentato nei seguenti casi: età avanzata, terapia antiplateletica concomitante intensiva, sanguinamento nel tratto gastrointestinale nell'anamnesi.

Da parte dell'apparato digerente: dispepsia, nausea e vomito, frustrazione.

Dalla pelle: sindrome palmare-plantare e necrosi cumarina. Il primo si verifica più spesso negli uomini con occlusioni aterosclerotiche dei vasi sanguigni. In questo caso, le placche si staccano dalla parete del vaso sotto l'influenza della droga e bloccano il loro lume. Si osservano emorragie dolorose simmetriche sulle dita e sui piedi. La necrosi della cumarina è più tipica delle donne. Ha l'aspetto di una pelle scura e gonfia sulle gambe e sui glutei, che in seguito muore.

Tutti gli eventi avversi sono reversibili e gradualmente scompaiono dopo la sospensione del farmaco.

Come e dove conservare?

Warfarin Nycomed è conservato a una temperatura non superiore a 25 ° C, per 5 anni dalla data di produzione. Tenere lontano dalla portata dei bambini

Condizioni di congedo dalle farmacie

Warfarin Nycomed appartiene alla lista dei farmaci da prescrizione.

Warfarin Prezzo di Nycomed

Compresse di Warfarin Nycomed 2,5 mg - 100-121 sfregamento.

VARFARIN NICOMED

compresse Colore blu chiaro, rotondo, biconcavo, con rischio a forma di croce.

Eccipienti: lattosio - 50 mg amido di mais - 34,6 mg di calcio idrogeno fosfato diidrato - 32.2 mg, indaco - 6,4 mg, povidone 30 - 1,0 mg di magnesio stearato - 600 microgrammi.

50 pezzi - Bottiglie di plastica.
100 pezzi - Bottiglie di plastica.

Anticoagulante dell'azione indiretta. Blocca nel fegato la sintesi dei fattori di coagulazione dipendenti dalla vitamina K, cioè II, VII, IX e X. La concentrazione di questi componenti nel sangue diminuisce, il processo di coagulazione del sangue rallenta.

L'inizio dell'azione anticoagulante si osserva 36-72 ore dopo l'inizio dell'applicazione del farmaco con lo sviluppo del massimo effetto su 5-7 giorni dall'inizio dell'applicazione. Dopo la sospensione del farmaco, il ripristino dei fattori di coagulazione vitamina K-dipendenti si verifica entro 4-5 giorni.

Aspirazione e distribuzione

Il farmaco viene rapidamente assorbito dal tratto digestivo. Il legame alle proteine ​​plasmatiche è del 97-99%.

Metabolizzato nel fegato Il warfarin è una miscela racemica, con gli isomeri R e S che vengono metabolizzati nel fegato in vari modi. Ciascuno degli isomeri viene convertito in 2 metaboliti principali. Il catalizzatore principale per il metabolismo del warfarin S-enantiomero è CYP2C9 enzima, e per R-enantiomero del warfarin CYP1A2 e CYP3A4. Levogiro isomero warfarin (S-warfarin) viene 2-5 volte maggiore attività anticoagulante che l'isomero destrogiro (R-enantiomero), ma T1/2 il secondo è più grande. I pazienti con polimorfismo dell'enzima CYP2C9, compresi gli alleli CYP2C9 * 2 e CYP2C9 * 3, possono avere una maggiore sensibilità al warfarin e un aumentato rischio di sanguinamento.

Il warfarin viene escreto dal corpo sotto forma di metaboliti inattivi con la bile, che vengono riassorbiti nel tratto digestivo ed escreti nelle urine. T1/2 è da 20 a 60 ore. Per l'enantiomero R T1/2 è da 37 a 89 ore, e per l'enantiomero S è da 21 a 43 ore.

- trattamento e prevenzione della trombosi ed embolia dei vasi sanguigni: trombosi venosa acuta e ricorrente, embolia polmonare;

- prevenzione secondaria dell'infarto del miocardio e prevenzione delle complicanze tromboemboliche dopo infarto miocardico;

- profilassi delle complicanze tromboemboliche nei pazienti con fibrillazione atriale, lesioni delle valvole cardiache o con valvole cardiache protesiche;

- trattamento e prevenzione di attacchi e ictus ischemici transitori, prevenzione della trombosi postoperatoria.

- grave malattia del fegato;

- grave malattia renale;

- carenza di proteine ​​C e S;

- I pazienti con un alto rischio di sanguinamento, inclusi i pazienti con malattie emorragiche, varici esofagee, aneurismi, puntura lombare, ulcera gastrica e duodenale con lesioni gravi (tra cui operativa), endocardite batterica, ipertensione maligna, ictus emorragico, intracranici emorragia;

- Gravidanza (I trimestre e le ultime 4 settimane);

- ipersensibilità accertata o sospetta ai componenti del farmaco.

Warfarin è prescritto 1 volta / giorno allo stesso tempo. La durata del trattamento è determinata dal medico secondo le indicazioni per l'uso.

Prima dell'inizio della terapia, MHO è determinato. Ulteriori controlli di laboratorio vengono effettuati regolarmente ogni 4-8 settimane.

La durata del trattamento dipende dalle condizioni cliniche del paziente; il trattamento può essere annullato immediatamente.

La dose iniziale per i pazienti che non avevano precedentemente usato il warfarin è 5 mg / die (2 tab.) Per i primi 4 giorni. Il 5 ° giorno di trattamento, l'MHO è determinato e, secondo questo indicatore, viene somministrata una dose di mantenimento del farmaco. Di solito la dose di mantenimento del farmaco è 2,5-7,5 mg / giorno (1-3 compresse).

Per i pazienti che hanno utilizzato in precedenza warfarin, la dose iniziale raccomandata è una dose doppia di una dose di mantenimento nota del farmaco e viene somministrata entro i primi 2 giorni. Il trattamento viene quindi continuato con una dose di mantenimento nota. Il 5 ° giorno di trattamento, il monitoraggio MHO e l'aggiustamento della dose vengono eseguiti in conformità con questo indicatore.

Si raccomanda di mantenere indice MHO da 2 a 3 nel caso di profilassi e trattamento della trombosi venosa, embolia polmonare, fibrillazione atriale, cardiomiopatia dilatativa, malattie valvolari complicate, protesici bioprotesi valvola cardiaca. Elevati indici MHO da 2.5 a 3.5 sono raccomandate per protesi valvolari cardiache, protesi meccanica complessa e infarto miocardico acuto.

Dati sull'uso di warfarin y bambini sono limitati La dose iniziale è di solito 0,2 mg / kg / die con funzionalità epatica normale e 0,1 mg / kg / die se la funzionalità epatica è compromessa. La dose di mantenimento viene selezionata in base agli indici MHO. I livelli raccomandati di MHO sono gli stessi di quelli degli adulti. La decisione di prescrivere il warfarin nei bambini dovrebbe essere presa da uno specialista esperto. Il trattamento deve essere eseguito sotto la supervisione di un pediatra esperto. Le dosi sono selezionate in base alla tabella seguente.

- 3 giorni prima dell'intervento con MHO da 3 a 4;

- 2 giorni prima dell'intervento con MHO dal 2 al 3.

Dovrebbe essere determinato MHO la sera prima dell'operazione e inserire 0,5-1 mg di vitamina K1 per via orale o endovenosa, con INR> 1,8.

Considerare la necessità di infusione di eparina non frazionata o somministrazione preventiva di eparina a basso peso molecolare nel giorno dell'intervento. Deve continuare la somministrazione di SC di eparina a basso peso molecolare entro 5-7 giorni dopo l'intervento chirurgico con il concomitante ripristino di warfarin.

Continuare a prendere warfarin con una normale dose di mantenimento lo stesso giorno la sera dopo piccoli interventi chirurgici e il giorno in cui il paziente inizia a ricevere nutrizione enterale dopo un intervento chirurgico maggiore.

Le reazioni avverse al farmaco sono ordinate secondo la classe organo-sistema e sono coerenti con i termini di utilizzo preferito (in accordo con MedDRA). All'interno della categoria della classe organo-sistema, le reazioni sono distribuite in base alla frequenza di occorrenza secondo lo schema seguente: molto spesso (≥1 / 10), spesso (da ≥1 / 100 a 9

Dopo il trattamento, è necessario un monitoraggio prolungato del paziente, dato che T1/2 il warfarin è di 20-60 ore.

Non è consigliabile iniziare o interrompere l'assunzione di altri medicinali, cambiare le dosi dei farmaci assunti senza consultare il medico curante.

All'atto di appuntamento simultaneo, è anche necessario prendere in considerazione gli effetti della cessazione dell'induzione e / o dell'inibizione dell'azione di warfarin da parte di altri farmaci.

Il rischio di emorragia è aumentata, mentre warfarin con farmaci che influenzano piastrine e dell'emostasi primaria: acido acetilsalicilico, ticlopidina, clopidogrel, dipiridamolo, la maggior parte dei FANS (eccetto inibitori COX-2), antibiotici gruppo penicillina ad alte dosi.

Anche evitare terapia concomitante con warfarin, possesso di un effetto inibitorio marcato sul sistema isoenzimi del citocromo P450 (per esempio, cimetidina, cloramfenicolo), al ricevimento del quale più giorni aumenta il rischio di sanguinamento. In questi casi, la cimetidina può essere sostituita, ad esempio, ranitidina o famotidina.

Mezzi che riducono l'effetto del warfarin

colestiramina: ridotto assorbimento del warfarin ed effetti sul ricircolo enteroepatico.

bosentan: induzione della conversione di warfarin in CYP2C9 / CYP3A4 nel fegato.

aprepitant: induzione della conversione di warfarin in CYP2C9.

mesalazina: eventualmente riducendo l'effetto anticoagulante del warfarin.

sucralfato: la probabilità di una diminuzione dell'assorbimento di warfarin.

griseofulvina: diminuire l'effetto anticoagulante delle cumarine.

retinoidi: la possibilità di ridurre l'attività di warfarin.

dikloksatsillin: aumento del metabolismo di warfarin.

rifampicina: aumento del metabolismo di warfarin; è necessario evitare l'uso congiunto di questi farmaci.

Agenti antivirali (nevirapina, ritonavir): un aumento del metabolismo di warfarin mediato da CYP2C9.

nafcillina: una diminuzione dell'effetto anticoagulante del warfarin.

fenazone: induzione del metabolismo degli enzimi, diminuzione della concentrazione di warfarin nel plasma sanguigno; può essere richiesto un aumento della dose di warfarin.

rofecoxib: il meccanismo di interazione è sconosciuto.

Barbiturici (ad es. Fenobarbital): aumento del metabolismo di warfarin.

Farmaci antiepilettici (carbamazepina, acido valproico, primidone): aumento del metabolismo di warfarin.

Antidepressivi (trazodone, mianserina): in quattro casi di uso clinico, è stato riscontrato che l'interazione di trazodone e warfarin ha causato una diminuzione del tempo di protrombina e dell'INR, ma il meccanismo di questa interazione è sconosciuto. Il meccanismo di interazione tra warfarin e mianserin è anche sconosciuto.

glutetimmide: diminuzione dell'effetto anticoagulante del warfarin a causa dell'aumento del metabolismo.

chlordiazepoxide: una diminuzione dell'effetto anticoagulante del warfarin.

aminoglutetimide: aumento del metabolismo di warfarin.

azatioprina: una diminuzione dell'assorbimento del warfarin e un aumento del metabolismo del warfarin.

mercaptopurina: una diminuzione dell'effetto anticoagulante del warfarin.

mitotano: eventualmente riducendo l'effetto anticoagulante del warfarin.

ciclosporina: il warfarin aumenta la concentrazione di ciclosporina o ne aumenta l'effetto, influenzando il metabolismo della ciclosporina.

colestiramina: può ridurre l'effetto anticoagulante del warfarin a causa di una diminuzione del suo assorbimento.

Spironolattone, clortalidone: l'uso di diuretici in caso di effetti ipovolemici pronunciati può portare ad un aumento della concentrazione dei fattori della coagulazione, che riduce l'effetto degli anticoagulanti.

Erba di San Giovanni (Hypericum perforatum): aumenta il metabolismo di warfarin, effettuato da CYP3A4 e CYP1A2 (metabolismo di R-warfarin), nonché effettuato dal CYP2C9 (metabolismo di S-warfarin); l'effetto di induzione degli enzimi può persistere per 2 settimane dopo la fine dell'uso dell'iperico. Nel caso in cui un paziente prenda preparazioni di erba di San Giovanni, l'INR deve essere misurato e interrotto. Dovrebbe essere effettuato uno stretto monitoraggio dell'INR, come il suo livello può aumentare quando l'erba di San Giovanni viene scartata; dopo questo, puoi prescrivere il warfarin.

Ginseng (Panax ginseng): L'induzione della conversione di warfarin nel fegato è possibile; è necessario evitare l'uso congiunto di questi farmaci.

Alimenti contenenti vitamina K: indebolire l'effetto del warfarin. La maggior parte della vitamina K è contenuto nelle verdure verdi (ad esempio, amaranto verde, avocado, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo, olio di canola, foglia Chaillot, cipolla, il coriandolo (coriandolo), buccia di cetriolo, cicoria, kiwi, lattuga, menta, senape, olio di oliva, prezzemolo, i piselli, i pistacchi, alghe rosse, verdi spinaci, cipolle, fagioli di soia, foglie di tè (ma non il tè-bevande), cime di rapa, crescione), in modo che il trattamento di warfarin dovrebbe essere con usare cautela nel mangiare questi prodotti.

Vitamina C: una diminuzione dell'effetto anticoagulante del warfarin.

Vitamina K: Il warfarin blocca la sintesi dei fattori di coagulazione dipendenti dalla vitamina K.

Mezzi che potenziano l'effetto del warfarin

Abciximab, tirofiban, eptifibatid, clopidogrel, eparina: effetto aggiuntivo sul sistema di emopoiesi.

cimetidina: un marcato effetto inibitorio sul sistema del citocromo P450 (la cimetidina può essere sostituita con ranitidina o famotidina), portando ad una diminuzione del metabolismo del warfarin.

glibenclamide: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

Omerpazol: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

amiodarone: ridotto metabolismo del warfarin dopo una settimana di applicazione articolare; questo effetto può persistere per 1-3 mesi dopo l'abolizione dell'amiodarone.

Acido ectrico: può potenziare l'effetto del warfarin a causa dello spostamento di warfarin dai legami con le proteine.

Agenti ipolipemizzanti (fluvastatina, simvastatina, rosuvastatina, gemfibrozil, bezafibrato, clofibrato, lovastatina, fenofibrato): competizione per il metabolismo mediata da CYP2C9 e CYP3A4.

propafenone: diminuzione del metabolismo di warfarin.

chinidina: diminuzione nella sintesi dei fattori della coagulazione.

diazossido: può sostituire warfarin, bilirubina o altre sostanze legate alle proteine ​​dai legami proteici.

digossina: aumento dell'effetto anticoagulante.

propranololo: aumento dell'effetto anticoagulante.

ticlopidina: aumento del rischio di sanguinamento; è necessario il monitoraggio dell'INR.

dipiridamolo: aumento della concentrazione di warfarin o dipiridamolo a causa del potenziamento degli effetti; aumento del rischio di sanguinamento (emorragia).

Miconazolo (incluso nella forma di un gel per la cavità orale): una diminuzione della clearance intrinseca del warfarin e un aumento della frazione libera di warfarin nel plasma sanguigno; una diminuzione del metabolismo del warfarin, mediato dagli enzimi del sistema del citocromo P450.

Ormoni steroidei - anabolici e / o androgeni (danazolo, testosterone): una diminuzione del metabolismo del warfarin e / o un effetto diretto sui sistemi di coagulazione e fibrinolisi.

Farmaci tiroidei: aumento del metabolismo dei fattori di coagulazione dipendenti dalla vitamina K.

glucagone: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

allopurinolo: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

sulfinpirazone: aumento dell'effetto anticoagulante dovuto a una diminuzione del suo metabolismo e ad un indebolimento del legame con le proteine.

Penicilline in alte dosi (cloxacillina, amoxicillina): possibile aumento del sanguinamento, incluso sanguinamento delle gengive, naso, comparsa di lividi atipici o feci scure.

tetracicline: è possibile potenziare l'effetto anticoagulante del warfarin.

Sulfonammidi (sulfametisolo, sulfafurazolo, sulfafenazolo): è possibile potenziare l'effetto anticoagulante del warfarin.

Chinoloni (ciprofloxacina, norfloxacina, ofloxacina, grepafloxacina, acido nalidixico): diminuzione del metabolismo di warfarin.

Antibiotici del gruppo macrolidico (azitromicina, claritromicina, eritromicina, roxithromycin): diminuzione del metabolismo di warfarin.

Agenti antifungini (fluconazolo, itraconazolo, ketoconazolo): diminuzione del metabolismo di warfarin.

cloramfenicolo: una diminuzione del metabolismo del warfarin, un pronunciato effetto inibitorio sul sistema del citocromo P450.

Cefalosporine (cefamandolo, cefalossina, cefmoxime, cefmetazolo, cefoperazone, cefuroxime): l'intensificazione dell'effetto del warfarin a causa della soppressione della sintesi di fattori di coagulazione dipendenti dalla vitamina K e di altri meccanismi.

Sulfametossazolo / trimetoprim: riduzione del metabolismo del warfarin e spostamento del warfarin dai siti di legame alle proteine ​​plasmatiche.

levamisolo: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

codeina: La combinazione di codeina e paracetamolo aumenta l'attività di warfarin.

Acido acetilsalicilico: spostamento del warfarin dai siti di legame con albumine, restrizione del metabolismo del warfarin.

FANS (azaprospan, indometacina, ossifenutazone, piroxicam, sulindac, tolmetin, feprazone, celecoxib e altri (ad eccezione degli inibitori della COX-2): La competizione per il metabolismo, effettuata da CYP2C9.

leflunomide: restrizione del metabolismo di warfarin mediata da CYP2C9.

Paracetamolo (acetaminofene), specialmente dopo 1-2 settimane di uso continuo: restrizione del metabolismo del warfarin o effetto sulla formazione dei fattori della coagulazione (questo effetto non appare quando si usa paracetamolo in una dose inferiore a 2 g / die).

fenilbutazone: una diminuzione del metabolismo del warfarin, spostamento del warfarin dai siti di legame alle proteine ​​plasmatiche; l'uso di questa combinazione dovrebbe essere evitato.

Analgesici narcotici (destropropossifene): un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

Farmaci antiepilettici (fosfenitoina, fenitoina): spostamento del warfarin dai siti di legame con le proteine ​​plasmatiche, aumento del metabolismo del warfarin.

tramadol: competizione per il metabolismo mediata da CYP3A4.

Antidepressivi - inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), incl. fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina, sertralina: restrizione del metabolismo del warfarin. Si ritiene che gli SSRI limitino l'isoenzima CYP2C9. Questo enzima metabolizza l'isomero più potente di S-warfarin. Inoltre, sia gli SSRI che il warfarin si legano fortemente alle albumine, in conseguenza delle quali aumenta la possibilità di spostare uno di essi dai siti di legame con le proteine ​​(con applicazione simultanea).

Idrato di cloralio: il meccanismo di interazione è sconosciuto.

fluorouracile: diminuzione della sintesi di CYP2C9, metabolizzando il warfarin.

capecitabina: diminuzione della sintesi di CYP2C9.

imatinib: soppressione competitiva dell'isoenzima CYP3A4 e soppressione del metabolismo di warfarin mediato da CYP2C9 e CYP2D6.

ifosfamide: soppressione del CYP3A4.

tamoxifene: è un inibitore del CYP2C9, può aumentare la concentrazione di warfarin nel siero a causa di una diminuzione del suo metabolismo.

methotrexate: aumento dell'effetto warfarin a causa di una diminuzione della sintesi dei fattori procoagulanti nel fegato.

tegafur: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

trastuzumab: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

Flutamide: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

ciclofosfamide: la probabilità di un cambiamento nell'effetto anticoagulante del warfarin; la ciclofosfamide è un agente antitumorale.

etoposide: è possibile aumentare l'effetto anticoagulante delle cumarine.

Interferone alfa e beta: un aumento dell'effetto anticoagulante e un aumento delle concentrazioni sieriche di warfarin richiedono una riduzione della dose di warfarin.

disulfiram: diminuzione del metabolismo di warfarin.

Metolazone: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

Acido tienilico: un aumento dell'effetto anticoagulante del warfarin.

zafirlukast: aumento della concentrazione o aumento dell'effetto zafirlukast sullo sfondo dell'uso di warfarin a causa di cambiamenti nel metabolismo di zafirlukast.

troglitazone: una diminuzione della concentrazione o dell'indebolimento dell'effetto del warfarin a causa di un cambiamento nel metabolismo del warfarin.

Vaccino influenzale: la possibilità di potenziare l'effetto anticoagulante del warfarin.

proguanil: è possibile aumentare l'effetto anticoagulante del warfarin in base ai singoli report.

Prodotti alimentari (mirtilli rossi): riduce il metabolismo del warfarin, mediato dal CYP2C9.

Bevande toniche contenenti chinino: l'uso di un gran numero di bevande toniche contenenti chinino può comportare la necessità di ridurre la dose di warfarin. Questa interazione può essere spiegata dal fatto che il chinino riduce la sintesi nel fegato dei fattori procoagulanti.

Ginkgo (Ginkgo biloba), l'aglio (Allium sativum), Angelica medicinali (Angelica sinensis), papaia (Carica papaya), la salvia (Salvia miltiorrhiza): il potenziamento di un effetto anticoagulante / antiaggregante può aumentare il rischio di sanguinamento.

Mezzi che riducono o potenziano l'effetto del warfarin

dizopiramid: può indebolire o aumentare l'effetto anticoagulante del warfarin.

Coenzima Q10: può aumentare o inibire l'effetto del warfarin a causa dell'omogeneità della struttura chimica con la vitamina K.

etanolo: inibizione o induzione del metabolismo del warfarin.

Il warfarin può potenziare l'azione degli agenti ipoglicemici per la somministrazione orale (derivati ​​sulfonilurea).

In caso di uso concomitante di warfarin con i suddetti farmaci, è necessario monitorare l'INR all'inizio e alla fine del trattamento e, se possibile, 2-3 settimane dopo l'inizio della terapia.

Una condizione obbligatoria per la terapia con warfarin è la stretta aderenza all'assunzione da parte del paziente della dose prescritta del farmaco. I pazienti che soffrono di alcolismo, così come i pazienti con demenza, potrebbero non essere in grado di rispettare la modalità prescritta per l'assunzione di warfarin.

Febbre, ipertiroidismo, insufficienza cardiaca scompensata, alcolismo con concomitante danno epatico, possono aumentare l'effetto del warfarin.

Con l'ipotiroidismo, l'effetto del warfarin può essere ridotto.

In caso di insufficienza renale, sindrome nefrosica o aumento dei livelli di frazione libera di warfarin nel plasma che, a seconda comorbidità può sia aumentare o ridurre l'effetto. In caso di insufficienza epatica moderata, l'effetto del warfarin è aumentato. In tutte le suddette condizioni, deve essere eseguito un attento monitoraggio di MHO.

Ai pazienti che ricevono warfarin devono essere prescritti il ​​paracetamolo, il tramadolo o gli oppiacei come farmaci antidolorifici.

I pazienti con una mutazione del gene che codifica per l'enzima CYP2C9 hanno una T più lunga1/2 warfarin. Questi pazienti richiedono dosi più basse del farmaco, poiché le solite dosi terapeutiche aumentano il rischio di sanguinamento.

non devono assumere pazienti warfarin con una rara intolleranza ereditaria al galattosio, deficit di lattasi, sindrome di glucosio-galattosio per la presenza di formulazione lattosio (come adiuvante).

Se è necessario ottenere un rapido effetto antitrombotico, si raccomanda di iniziare il trattamento con la somministrazione di eparina; quindi per 5-7 giorni, la terapia combinata con eparina e warfarin deve essere eseguita fino a mantenere il valore di MHO bersaglio per 2 giorni.

Nei pazienti con carenza di proteina C, esiste il rischio di necrosi cutanea senza l'uso di una dose per ictus di warfarin. Tale terapia deve essere iniziata senza l'uso di una dose d'urto di warfarin, anche con l'eparina. Anche i pazienti con deficit di proteina S possono essere esposti a questo rischio; in queste circostanze, si raccomanda un avvio più lento della terapia con warfarin.

Nel caso di resistenza individuale al warfarin (è raro) per ottenere un effetto terapeutico, sono necessarie da 5 a 20 dosi di shock di warfarin. Se l'uso di warfarin in tali pazienti è inefficace, dovrebbero essere stabilite altre possibili cause: somministrazione contemporanea di warfarin con altri farmaci, dieta inadeguata, errori di laboratorio.

Trattamento di pazienti anziani deve essere effettuata con particolare cautela a causa sintesi dei fattori della coagulazione e metabolismo epatico in questi pazienti è ridotto, per cui l'effetto può avvenire da eccessiva azione del warfarin.

Si raccomanda cautela nei pazienti con funzione renale compromessa, di conseguenza dovrebbe frequente monitorare l'INR in pazienti a rischio di ipercoagulazione, per esempio, ipertensione grave o malattie renali.

Warfarin è rapidamente attraversa la barriera placentare, ha effetti teratogeni sul feto, portando allo sviluppo di sindrome di warfarin nel feto a 6-12 settimane di gestazione. Le manifestazioni di questa sindrome: ipoplasia nasale (naso a sella deformità e altri cambiamenti nella cartilagine) e punto chondrodysplasia esame a raggi X (in particolare della colonna vertebrale e delle ossa lunghe), a breve spazzola e le dita, l'atrofia del nervo ottico, cataratta porta alla cecità, ritardo mentale e sviluppo fisico, microcefalia. Il farmaco può causare emorragie alla fine della gravidanza e durante il parto.

L'assunzione del farmaco durante la gravidanza può causare malformazioni congenite e portare alla morte del feto. Il farmaco non può essere somministrato nel primo trimestre di gravidanza e nelle ultime 4 settimane. L'uso di warfarin non è raccomandato nei rimanenti periodi di gravidanza, tranne nei casi di estrema necessità.

Le donne in età riproduttiva devono usare un metodo contraccettivo efficace durante l'uso di warfarin.

Il warfarin è escreto nel latte materno, ma quando si assume il warfarin a dosi terapeutiche, non è previsto che ciò influisca sul bambino allattato al seno. Il farmaco può essere usato durante l'allattamento (allattamento al seno).

I dati sull'effetto del warfarin sulla fertilità non sono disponibili.

Appuntamento controindicato nella grave malattia renale.

I pazienti con insufficienza renale non hanno bisogno di raccomandazioni particolari per la scelta di una dose di warfarin. I pazienti in dialisi peritoneale non hanno bisogno di una dose aggiuntiva di warfarin.

Controindicazioni per gravi malattie del fegato.

La perturbazione della funzionalità epatica aumenta la sensibilità al warfarin, poiché il fegato produce fattori di coagulazione e metabolizza anche il warfarin. Questo gruppo di pazienti richiede un attento monitoraggio degli indicatori MHO.

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Vantaggi e svantaggi del farmaco Reparil: recensioni e consigli sull'assunzione

Che a trattare

Reparil è un angioprotettore antinfiammatorio prodotto in Germania.Il principale principio attivo del farmaco è l'escina glicosidica delle piante, ottenuta dai frutti dell'ippocastano....

Tabelle di calze a compressione.

Che a trattare

La biancheria a compressione viene selezionata singolarmente previa consultazione con il medico curante e la scelta corretta della dimensione e del grado di compressione garantirà non solo un comodo utilizzo, ma anche un alto grado di efficienza dal suo utilizzo....