Come sono le emorroidi interne, i primi sintomi e il regime di trattamento

Struttura

Emorroidi - una malattia caratterizzata da processi infiammatori di emorroidi situati sulla parete interna del retto, all'ano. Le emorroidi sono vene dolorosamente dilatate che formano pieghe e nodi sulla superficie mucosa del retto.

A volte interi plessi di tali nodi si formano - emorroidi. Fenomeni stagnanti e sovracapacità in queste aree spostano i nodi più vicino allo sbocco, dove c'è un aumento innaturale delle loro dimensioni e deformazione in caso di afflusso di sangue disturbato.

Cause dello sviluppo

Emorroidi è un problema delicato, che i pazienti si sentono in imbarazzo a parlare. Per questo motivo, la malattia viene spesso diagnosticata in stadi avanzati. I principali fattori eziologici nella comparsa delle emorroidi sono:

  1. Gravidanza e parto. Sfortunatamente, un tale processo fisiologico come la gravidanza con il parto successivo può anche diventare l'origine delle emorroidi. Ciò è dovuto al riempimento eccessivo delle vene pelviche e all'aumento della pressione al loro interno.
  2. Uno stile di vita sedentario. La mancanza di attività fisica regolare, che colpisce la maggior parte degli abitanti del nostro pianeta che non praticano sport, è anche un fattore di rischio nel verificarsi di emorroidi. Molte persone moderne trascurano l'attività fisica, sostituendola con un riposo passivo vicino alla TV con un pacchetto di patatine e una bottiglia di birra. Il lavoro sedentario in assenza di attività fisica è la causa principale del ristagno del sangue nella piccola pelvi.
  3. Nutrizione errata e squilibrata. Le emorroidi sono più comuni nelle persone che mangiano troppo. L'assunzione abbondante di cibi fritti e grassi, così come dolci e prodotti affumicati è uno dei principali fattori di rischio in termini di comparsa di questa malattia. Un fattore aggravante nello sviluppo della malattia è l'assenza nella dieta di prodotti a base di latte fermentato, cereali e prodotti contenenti fibre - frutta e verdura. La malnutrizione è la principale causa di stitichezza, che porta ad una maggiore pressione sul plesso vascolare pelvico. Quindi la stagnazione del sangue si verifica nella piccola pelvi, che porta alla comparsa di emorroidi interne, i cui sintomi inizialmente non possono essere significativi, ma alla fine diventano più intensi. Una dieta adeguata con abbondante uso di fibre è uno dei principali metodi preventivi per prevenire le emorroidi. Va notato che la causa delle emorroidi può anche essere una piccola quantità di assunzione di liquidi.
  4. Eccessiva attività fisica. Le emorroidi si trovano spesso negli atleti che sollevano regolarmente oggetti pesanti e sperimentano una maggiore attività fisica. Nel gruppo a rischio per la frequenza delle emorroidi ci sono persone professionalmente impegnate nel sollevamento pesi, nel bodybuilding e negli sport di potenza.

L'emersione di emorroidi può provocare altre malattie, come la% dei tumori pelvici, scarsa ereditarietà (presenza di emorroidi nell'anamnesi dei genitori e parenti stretti).

Sintomi di emorroidi interne, foto

All'inizio, i sintomi delle emorroidi interne non infastidiscono davvero il paziente. Il sintomo comincia ad aumentare con l'aumento delle emorroidi. Il quadro clinico dipende dallo stadio del processo patologico.

1) Il primo stadio. Le formazioni cavernose sono piccole, quindi la protuberanza delle mucose non infastidisce la persona. Solo occasionalmente, se sono danneggiati da forti feci, si verifica un'infiammazione. I primi sintomi di emorroidi sono i seguenti:

  • una sensazione di disagio nel canale rettale dopo il movimento intestinale;
  • bruciore e prurito nella zona anorettale a causa dell'essudato infiammatorio (fluido) secreto dai vasi sanguigni;
  • tracce di sangue occasionalmente rilevabili sulla carta igienica dopo aver visitato il bagno.

2) Il secondo stadio. Se il trattamento delle emorroidi non viene eseguito, il processo patologico nel retto aumenta solo, passando a uno stadio più grave, che è caratterizzato da:

  • un aumento ancora maggiore delle emorroidi;
  • il rilascio di formazioni cavernose ingrandite dal retto (di solito durante la defecazione) e il loro ritorno indipendente al loro posto abituale;
  • disagio e sensazione di trovare un oggetto estraneo nel canale anale;
  • scarica sanguinolenta più intensa;
  • dolore quando si visita il bagno.

3) Il terzo stadio. Il quadro clinico "cresce", la gravità dei sintomi negativi aumenta solo:

  • il sanguinamento dal retto diventa più frequente e peggiore;
  • I coni emorroidali escono dall'ano a qualsiasi carico fisico e devono essere reinseriti nelle loro stesse mani;
  • il dolore aumenta anche, specialmente se le ragadi e le infiammazioni anali sono attaccate alle emorroidi.

4) Il quarto stadio. Questa è una forma trascurata della malattia, in cui tutti i segni dell'ingrossamento varicoso delle vene emorroidali sono espressi nel modo più luminoso possibile:

  • La sindrome del dolore è presente costantemente, e tali semplici azioni come il movimento e la seduta, esacerbano solo il dolore;
  • le formazioni cavernose si incurvano regolarmente e non possono essere inserite nell'ano nella schiena;
  • Il sanguinamento può essere così intenso che è difficile fermarli.

La rapida crescita di sintomi sfavorevoli dipende in gran parte dal numero di fattori patogeni e dalle caratteristiche del corpo umano.

Come appaiono le emorroidi interne mostrate nella foto qui sotto.

complicazioni

Tra le complicazioni delle emorroidi interne ci sono:

  • trombosi venosa;
  • violazione delle emorroidi;
  • perdita di vene varicose;
  • emorragia rettale;
  • insufficienza dello sfintere anale.

Le emorroidi portano a ristagni di sangue nelle vene e questo causa una trombosi. I sintomi di questa complicazione sono un aumento dei nodi, l'acquisizione di una tonalità cianotico-porpora e dolori acuti nella regione perianale, che aumentano con la palpazione.

La complicazione frequente di stadi III-IV è il sanguinamento costante da corpi cavernosi. Con lui, il paziente lamenta una debolezza generale (che è dovuta all'aumento dell'anemia). Le analisi mostrano il calo dell'emoglobina del sangue a 40-50 g / l.

Nei pazienti anziani, il frequente prolasso dei linfonodi sullo sfondo delle emorroidi progressive in alcuni casi porta alla debolezza dello sfintere anale. Questa complicazione si manifesta con l'incontinenza di gas e persino il contenuto del retto (masse fecali liquide).

diagnostica

Determinare la presenza di emorroidi interne può medico-proctologo dopo l'esame e la palpazione. Se i nodi emorroidali si trovano ad una distanza di 5-7 cm dall'ano, il medico sarà in grado di tastarli, determinare la densità e la tenerezza del nodo. In altri casi, quando le foche venose si trovano più in alto nel retto, sarà necessaria una diagnosi aggiuntiva.

Lo studio principale, che può rivelare emorroidi, è chiamato anoscopia. Durante la procedura, un anotubo sottile con un dispositivo ottico all'estremità viene inserito nella cavità rettale. Il tubo permette di valutare una condizione di un retto su profondità di 10 centimetri. Il medico può non solo rilevare la presenza di emorroidi, ma anche per identificare crepe retto fistole adrectal o addirittura il cancro dell'intestino, che danno gli stessi sintomi di emorroidi interne.

Uno studio più informativo è una sigmoidoscopia. Il design del dispositivo consente di vedere lo stato dell'intestino a una profondità di fino a 25 cm. Inoltre, un medico può prescrivere una procedura di colonscopia per distinguere i polipi intestinali dalle emorroidi.

Come curare le emorroidi?

Con emorroidi interne per trattamenti complessi, vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci:

  1. Farmaci anti-infiammatori Di regola vengono utilizzati agenti locali: unguenti e supposte. Possono essere non steroidei (candele di indometacina) o steroidi (unguenti e supposte con idrocortisone).
  2. Venotoniki. Ad esempio, detraleks, phlebodia, vasocet sono utilizzati in compresse. Inoltre, vengono prodotti compresse e candele, che contengono estratto di ippocastano. Questi farmaci aumentano l'elasticità della parete vascolare e prevengono l'allungamento delle vene.
  3. Analgesici. Per l'anestesia, vengono utilizzati analgesici non steroidei e anestetici locali. Ad esempio, candele con belladonna, mentolo.
  4. Trombolitici e correttori di microcircolazione. Impediscono la formazione di trombi nelle emorroidi. Prodotto sotto forma di unguenti e supposte (eparina, troxevasin).
  5. Agenti di guarigione delle ferite. Questi farmaci stimolano la rigenerazione dei tessuti, tra cui olio di olivello spinoso, propoli, metiluracile.
  6. Antisettici. Sopprimere lo sviluppo del processo infettivo nelle emorroidi. Può essere sia naturale (calendula, olivello spinoso), sia farmaceutico (ittiolo, fenolo).
  7. Droghe emostatiche Utilizzato sotto forma di compresse (Vikassol) e candele (trombina, adrenalina).

La maggior parte dei farmaci causa varie reazioni avverse, il loro uso viene effettuato sotto controllo medico.

operazione

Nel caso in cui i metodi conservativi non aiutino, ricorrere all'intervento chirurgico.

  1. La legatura con anelli di lattice viene utilizzata nella seconda (terza) fase delle emorroidi interne. La procedura viene eseguita su base ambulatoriale utilizzando un anoscopio. La conclusione è che le emorroidi sono premuti con anello speciale lattice, causando il problema si risolto - noduli potenza rotto con il sangue, e hanno appena muoiono. Efficace e procedure poco costoso, ma molto doloroso e lungo - in una sessione, è possibile gestire un solo nodo.
  2. La fotocoagulazione a infrarossi viene eseguita in anestesia locale e non richiede il ricovero del paziente. In questo metodo, l'area interessata viene trattata con onde luminose dello spettro infrarosso, che porta alla cessazione dell'afflusso di sangue e all'essiccazione del nodo. Lo svantaggio di questo metodo è il rischio di formazione di un trombo nel sito di cauterizzazione.

Secondo indicazioni, scleroterapia, coagulazione laser, può essere usata la crioterapia. Tuttavia, l'emorroidectomia è considerata il modo più efficace e cardinale per risolvere il problema: la rimozione delle emorroidi con il solito metodo chirurgico.

Rimedi popolari: unguenti e supposte

Per il trattamento dei nodi interni usano gli stessi unguenti di quelli esterni. È necessario assorbire l'unguento con una garza dalla garza e inserirlo nell'ano per la notte. Le candele per uso rettale sono preparate dal ghiaccio, è possibile da patate, grassi o miele.

  • Per la preparazione delle candele, una forma speciale a forma di cono viene prima realizzata con carta spessa. Quindi un tale cono viene riempito con la preparazione preparata, che viene posta in frigorifero per il congelamento. Prima di utilizzare candele fatte da sé, viene rimosso un involucro di carta. Il riempitivo di grasso o celidonia grattugiata è buono in quanto riduce sensazioni e nodi dolorosi nelle dimensioni. Lo stesso effetto può essere ottenuto dal miele pre-candito. Inoltre, il miele è talvolta mescolato con le mummie. Al fine di mantenere le candele in forma, l'amido e la farina vengono aggiunti alla loro preparazione.
  • Per preparare candele da patate, è necessario ritagliare una candela a forma di cono da un tubero umido, prelavato. Quindi inseriscilo nell'ano di notte. Per evitare sensazioni di disagio e secchezza, l'ano è imbrattato con olio vegetale o miele. Candele fatte da ghiaccio, eccellente per far fronte al sanguinamento delle emorroidi interne. Per la loro preparazione, l'acqua è congelata a forma di cono. Prima dell'introduzione, il modulo cartaceo viene rimosso dalla candela di ghiaccio.

Come clisteri per il trattamento delle emorroidi interne, utilizzare i decotti delle loro erbe medicinali. Vengono utilizzati anche oli che hanno un effetto terapeutico, soluzioni di oli, mummie, succhi vegetali, propoli. Tali clisteri devono essere iniettati nel retto. Per la loro preparazione adeguati foglie di fragola, artemisia, succo di barbabietola, calendula, camomilla, iperico, salvia e altre tisane. Le infusioni curative aiutano a ridurre la dimensione dei nodi, il dolore, il prurito, la combustione.

Cibo dietetico

La direzione principale della dieta è l'uso di prodotti che non causano stitichezza e problemi con l'intestino. Nella dieta diurna dovrebbero includere alimenti pieni di fibre, quindi è necessario consumare un sacco di verdure, frutta e tutti i tipi di porridge. È importante utilizzare prodotti a base di latte acido e carne a basso contenuto di grassi. Il cibo dovrebbe essere bollito o cotto a vapore.

Non usare:

  • sottaceti;
  • cibo in scatola;
  • cibi grassi e fritti;
  • piatti piccanti;
  • prodotti affumicati;
  • alcol;
  • caffè.

È importante garantire l'assunzione di liquidi sufficienti nel corpo, per questo dovresti bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Come prevenire la comparsa di emorroidi?

Un trattamento efficace di questo disturbo è impossibile senza misure preventive. Ogni paziente è obbligato a conoscere non solo come trattare le emorroidi, ma anche come evitare il suo aspetto.

  1. Elimina la stitichezza. Questo aiuterà in questa dieta speciale, così come i lassativi.
  2. Escludere una forte attività fisica e sollevare correttamente i pesi.
  3. Per condurre uno stile di vita attivo: camminare, ginnastica, educazione fisica.
  4. In gravidanza, usa la posizione del ginocchio-gomito più volte al giorno per la profilassi.
  5. Prevenire lo sviluppo dell'obesità.

Se segui queste raccomandazioni, l'aspetto delle emorroidi interne può essere evitato.

Emorroidi interne: sintomi e trattamento

Emorroidi - una patologia delle vene del retto, che è accompagnata dalla loro espansione con la formazione di vene varicose. Le emorroidi interne sono caratterizzate dal fatto che questi nodi sono localizzati sotto la mucosa delle pareti intestinali all'interno del suo lume. Secondo le statistiche mediche, la sua prevalenza nella popolazione è di circa il 4% (tenendo conto di forme miste, le cifre sono 1,5 volte superiori).

È importante: Le emorroidi si sviluppano in quasi l'80% delle donne che partoriscono. La probabilità di sviluppare la patologia delle vene della regione rettale aumenta con ogni nascita ripetuta.

La malattia è accompagnata da una sindrome del dolore, la cui intensità aumenta durante lo svuotamento dell'intestino. I nodi hanno la capacità di sanguinare e cadere. All'atto di ricerca di laboratorio di sangue ai segni pazienti di un'anemia sono spesso rivelati.

La patologia nella maggior parte dei casi procede cronicamente con una lenta progressione. Nelle prime fasi, potrebbe non apparire clinicamente, dal momento che ci sono relativamente poche terminazioni nervose nell'intestino rettale. I cambiamenti vascolari non possono essere determinati visivamente. A questo proposito, il proctologo è spesso trattato da pazienti con emorroidi interne già abbastanza trascurate.

Perché si sviluppano le emorroidi interne?

È importante: per la formazione di emorroidi interne è necessaria una combinazione di due condizioni: la relativa debolezza delle pareti vascolari (venose) e l'aumento della pressione intestinale (rettale).

Le cause della malattia includono:

  • predisposizione ereditaria;
  • mancanza di esercizio;
  • lavoro sedentario;
  • attività fisica eccessiva;
  • inosservanza del regime di consumo di alcol (il basso consumo di acqua porta ad un ispessimento del sangue);
  • abuso di alcol;
  • costipazione cronica;
  • frequente diarrea (compreso sullo sfondo di abuso di lassativi);
  • dieta impropria;
  • sovrappeso (obesità);
  • parto;
  • neoplasie degli organi pelvici;
  • infezioni intestinali;
  • il fattore età;
  • fattori psicoemotivi (stress).

Uno dei principali fattori che predispongono agli esperti di malattie considera la predisposizione ereditaria. Anche nel periodo di sviluppo intrauterino, le formazioni cavernose (cavernose) allargate sono poste nella parte distale dell'intestino. In futuro, aumentano e si spostano, formando nodi.

Il sollevamento frequente dei pesi provoca anche la formazione di nodi patologici del plesso venoso.

Una bassa assunzione di liquidi (meno di 1,5 litri al giorno) provoca la condensazione di materiale fecale, che spesso porta alla stitichezza. Inoltre, sullo sfondo della disidratazione del corpo, le proprietà reologiche del sangue si deteriorano e questo a sua volta provoca la trombosi delle vene.

Gli spuntini "in fuga", l'assunzione di fibre basse e la dipendenza da cibi acuti e salati interrompono la peristalsi intestinale.

La circolazione circolatoria nella parete intestinale peggiora significativamente se c'è una compressione dei vasi con un tumore o depositi di grasso.

Le infezioni intestinali spesso contribuiscono alla comparsa di lesioni microscopiche sulla superficie della mucosa intestinale, che contribuisce anche allo sviluppo di emorroidi interne.

Nei pazienti anziani, a seguito di cambiamenti naturali legati all'età, le fibre muscolari sono atrofia e questo spesso porta alla formazione di nodi interni.

Gli stress frequenti influenzano negativamente molte funzioni del corpo, tra cui - e l'attività dell'intestino.

Sintomi di emorroidi interne

La differenza più importante tra la forma interna delle emorroidi da quella esterna o mista è l'assenza di cambiamenti che si notano durante l'esame esterno. Formazioni patologiche (nodi) sono localizzate nel lume nelle immediate vicinanze dello sfintere anale o ad una certa distanza da esso.

La gravità dei sintomi dipende direttamente dalla dimensione delle estensioni varicose. Le emorroidi sono caratterizzate dalla progressione del palcoscenico; in proctologia clinica è consuetudine distinguere 4 fasi di sviluppo di questa patologia:

  1. In una fase iniziale, i nodi sono piccoli; non causano alcun inconveniente al paziente. In rari casi, le estensioni varicose possono essere danneggiate da fitte masse fecali, che provocano un processo infiammatorio. A causa del rilascio di essudato c'è un costante inumidimento della zona perianale, che causa prurito (o sensazione di bruciore). Lievi tracce di sangue si trovano talvolta sulla carta igienica dopo l'atto della defecazione, ma nella stragrande maggioranza dei casi, il sangue viene rilevato solo nell'esame di laboratorio delle prove delle feci. I pazienti lamentano vaghe sensazioni spiacevoli nell'area rettale dopo il movimento intestinale.
  2. Se la terapia non viene avviata in una fase iniziale, il processo prosegue. L'ingrandimento del varicose aumenta di dimensioni, causando la sensazione di corpo estraneo e gravità nell'intestino. Dopo lo sforzo fisico, la tosse o la tensione, i nodi escono dall'ano, ma poi "ritrattano" spontaneamente. Lo scarico sanguinante diventa facilmente visibile sulla carta igienica e sulla superficie delle masse fecali. Ogni rilascio dell'intestino è accompagnato da una sindrome dolorosa di intensità moderata. All'atto di analisi di laboratorio di segni di sangue di anemia sono rivelati. Le manifestazioni cliniche possono indebolirsi per un po ', cioè, la remissione è possibile. In questa fase il dolore diventa acuto e il paziente si preoccupa quasi costantemente. L'allargamento emorroidario aumenta così tanto che escono anche contro carichi molto piccoli. Non possono più auto-ritrarsi e il paziente deve correggerli. Una reazione infiammatoria pronunciata e lo sviluppo di complicazioni nella forma di sanguinamento rettale e ragadi anali sono caratteristici.
  3. La fase più pesante (trascurata) è caratterizzata dalla sporgenza dei nodi, che sono già praticamente impossibili da risolvere. Il dolore acuto è una preoccupazione costante; hanno la proprietà di aumentare con seduti o camminando. I periodi di esacerbazione diventano più frequenti. Esiste un'alta probabilità di tali complicazioni come la violazione dei nodi con necrosi tissutale.

Dalle caratteristiche individuali del corpo e dalla presenza di fattori provocatori, dipende la velocità di progressione delle emorroidi interne.

complicazioni

Tra le complicazioni delle emorroidi interne ci sono:

  • trombosi venosa;
  • violazione delle emorroidi;
  • perdita di vene varicose;
  • emorragia rettale;
  • insufficienza dello sfintere anale.

Le emorroidi portano a ristagni di sangue nelle vene e questo causa una trombosi. I sintomi di questa complicazione sono un aumento dei nodi, l'acquisizione di una tonalità cianotico-porpora e dolori acuti nella regione perianale, che aumentano con la palpazione.

L'infrazione è solitamente causata dal sollevamento di pesi e dalla tensione nei problemi di movimento intestinale. Nei siti danneggiati si sviluppa trombosi; una forte mancanza di circolazione locale porta alla necrosi (necrosi dei tessuti). I tipici segni di violazione sono il dolore intenso di raspiruyuschie e la sensazione di un corpo estraneo nel retto. Nel corso di un esame proctologico, i nodi prominenti che sono molto scuri (al nero) sono trovati.

Complicanza frequente III-IV fasi di emorroidi interne è un sanguinamento costante da corpi cavernosi. Con lui, il paziente lamenta una debolezza generale (che è dovuta all'aumento dell'anemia). Le analisi mostrano il calo dell'emoglobina del sangue a 40-50 g / l.

Nei pazienti anziani, il frequente prolasso dei linfonodi sullo sfondo delle emorroidi progressive in numerosi casi porta alla debolezza dello sfintere anale. Questa complicazione si manifesta con l'incontinenza di gas e persino il contenuto del retto (masse fecali liquide).

diagnostica

Nota: pathomorphologically con emorroidi interne, un nodo coperto con una membrana mucosa è rivelato, le formazioni vascolari di cui consistono di corpi patologici (cavernosi). A loro volta sono costituiti da un gran numero di cavità, separati da pareti di tessuto connettivo e muscolare.

La diagnosi precoce è spesso difficile, perché le estensioni varicose esterne non sono identificate e le lamentele del paziente sono piuttosto vaghe (spesso asintomatiche).

I nodi caratteristici sono rivelati nella ricerca delle dita. Lo studio manuale consente di valutare la loro localizzazione, consistenza, dimensione e grado di dolore. I corpi cavernosi possono essere raggruppati o distribuiti attraverso diverse parti della parete intestinale. Se la malattia si sviluppa per lungo tempo, viene rivelato un tono della muscolatura della zona rettale abbassato.

Per chiarire la diagnosi i proctologi ricorrono ai metodi endoscopici di diagnosi - anoscopia e sigmoidoscopia. Anskopia offre l'opportunità di esaminare il retto a una profondità non superiore a 10 cm; con una maggiore localizzazione delle dilatazioni varicose, è necessario un rectoromanoscope - un tubo lungo fino a 25 cm, dotato di ottica e un sistema di retroilluminazione.

Durante l'endoscopia, il medico può prelevare un campione bioptico - un campione di tessuto per l'esame citologico e istologico. Questo è necessario per la diagnosi differenziale di emorroidi da neoplasie.

Inoltre, viene utilizzata un'irrigoscopia: uno studio a raggi X dell'intestino crasso con introduzione retrograda nel suo lume di un mezzo di contrasto (solfato di bario). La fluoroscopia aiuta a visualizzare qualsiasi convessità (incluso l'allargamento cavernoso) e le fistole anali.

Fai attenzione: quando si esaminano i bambini, l'irrigoscopia spesso sostituisce tutti gli altri tipi di ricerca proctologica.

Il processo di preparazione per qualsiasi tipo di diagnostica strumentale nella pratica proctologica presuppone il rispetto della dieta per 1-2 giorni. Allo stesso tempo dalla dieta esclusa il cibo rude. Immediatamente prima dell'esame, il paziente viene trattato con un clistere purificante (in alcuni casi, i lassativi possono essere dispensati).

Ulteriori metodi di indagine comprendono l'analisi delle feci per sangue latente, lamblia e uova di elminti. È spesso la presenza di parassiti, piuttosto che di emorroidi, che causa la comparsa di un sintomo come il prurito anale.

È importante: La diagnosi differenziale delle vene varicose interne con diverticoli, condilomi, malformazioni, neoplasie maligne e prolasso del retto è necessariamente eseguita.

Trattamento di emorroidi interne e prevenzione

Con la diagnosi precoce della malattia nella fase acuta, è possibile un trattamento conservativo. La terapia sintomatica include la normalizzazione dell'attività funzionale dell'intestino (dieta e somministrazione di farmaci che stimolano l'attività motoria) e la nomina di agenti analgesici per l'applicazione topica. Uno dei compiti più importanti della terapia interna delle emorroidi è la prevenzione della trombosi venosa. Hepatrombin G localmente applicato e Proctosedil e oralmente - preparativi per migliorare il tono delle vene - Detraleks e Troxevasin.

I mezzi per immissione orale sono nominati corsi ripetuti; la durata di ciascuno di essi è di 3 mesi.

Clinicamente dimostrato l'efficacia di tali tecniche come la scleroterapia, così come l'elettrocoagulazione e la coagulazione a infrarossi.

Nota: La scleroterapia è l'introduzione di un agente sclerosante nelle vene, causando una diminuzione e la chiusura del lume dei vasi sanguigni. In un tempo abbastanza breve, le vene iniziano a desolidarsi e quindi vengono riassorbite.

Su II-IILa Fase I mostra la criodistruzione (impatto sui nodi con temperature ultra-basse usando azoto liquido).

In situazioni gravi, i medici devono ricorrere alla legatura delle arterie dei nodi mediante anelli dal lattice (sotto il controllo della Dopplerografia). La chirurgia può comportare la presenza di nodi patologici di fasciatura o di escissione. Un'alternativa è l'emorroidectomia.

Con la diagnosi di trombosi, vengono prescritti farmaci antinfiammatori. Spesso è necessario un intervento chirurgico, il cui scopo è la rimozione dei trombi e delle aree interessate del plesso venoso.

Il drop nodale è un'indicazione per il riposizionamento manuale. Se la tecnica è inefficace, ricorrono alla chirurgia, ma solo nella fase di remissione.

Con una terapia tempestiva e adeguata, la prognosi per una cura completa è favorevole.

Le misure più importanti per la prevenzione delle emorroidi interne:

  • la lotta contro la stitichezza cronica e la frequente diarrea;
  • normalizzazione della nutrizione;
  • aderenza al regime di bere;
  • eliminazione di sforzi fisici significativi;
  • stile di vita attivo;
  • rifiuto di alcol e nicotina.

Per ridurre la frequenza delle esacerbazioni, è consigliabile somministrare corsi di farmaci venotonici (per via orale e topica sotto forma di supposte rettali).

Plisov Vladimir, revisore medico

3,632 visualizzazioni in totale, 3 visualizzazioni oggi

Emorroidi interne

Le emorroidi interne sono una malattia causata dall'espansione delle varici e dall'iperplasia dei corpi cavernosi della parte terminale dell'ampolla del retto. La patologia è diffusa, secondo le statistiche mediche soffrono il 4-5% della popolazione adulta del pianeta. Nella struttura complessiva delle malattie proctologiche, la quota di emorroidi interne rappresenta il 35-40%. Più dell'80% delle donne che partoriscono sperimentano un'espansione del plesso venoso della parete del retto di un grado o dell'altro. Il parto ripetuto aumenta il rischio di sviluppare la malattia.

Cause e fattori di rischio

Le cause principali che portano alla formazione di emorroidi interne sono:

  • violazione del flusso di sangue attraverso le vene dai corpi cavernosi situati nella parete del retto;
  • tabulazione nel processo di embriogenesi di corpi cavernosi ingranditi;
  • insufficienza funzionale congenita del tessuto connettivo;
  • disturbo della regolazione nervosa del tono muscolare della parete venosa.

I principali fattori di rischio per le emorroidi interne includono:

  • aumento della pressione venosa dovuta a gravidanza, lavoro fisico pesante, lavoro prolungato in posizione seduta o in piedi, stitichezza cronica, stile di vita sedentario;
  • inosservanza dell'equilibrio idrico ottimale (con insufficiente apporto d'acqua, le masse fecali sono compattate, a seguito della quale il processo di defecazione è accompagnato da un significativo aumento della pressione nei plessi venosi dell'ampolla del retto);
  • l'abuso di alcol e cibi piccanti (provoca irritazione della mucosa del retto, creando così i prerequisiti per la formazione di emorroidi);
  • tumori maligni del retto;
  • l'obesità;
  • cirrosi epatica con fenomeni di ipertensione portale;
  • infezioni intestinali croniche, che portano a danni alla mucosa rettale;
  • atrofia delle fibre muscolari (osservata negli anziani);
  • forti tensioni nervose (hanno un effetto negativo sul funzionamento del sistema nervoso e l'innervazione delle pareti venose);
  • sesso anale.

Nel meccanismo patologico della formazione delle emorroidi interne, prendono sempre due fattori: la debolezza delle pareti venose e l'aumento della pressione rettale interna. Conducono all'espansione dei seni venosi e alla loro progressiva protrusione.

Il nodo emorroidario interno è un tessuto cavernoso maturo situato sotto la mucosa del retto, rappresentato da diverse lacune (cavità) e singoli vasi venosi con pareti piegate, in modo che possa facilmente cambiare il volume.

Più dell'80% delle donne che partoriscono sperimentano un'espansione del plesso venoso della parete del retto di un grado o dell'altro. Il parto ripetuto aumenta il rischio di sviluppare emorroidi interne.

Sintomi di emorroidi interne

Le emorroidi interne differiscono dalle emorroidi esterne per l'assenza di qualsiasi segno esterno della malattia nelle fasi iniziali. Ciò è dovuto al fatto che i nodi emorroidali si trovano all'interno del lume del retto nello spazio submucoso ad una certa distanza dallo sfintere.

I segni clinici delle emorroidi interne sono determinati dalla dimensione dei seni cavernosi dilatati. A seconda di questo, ci sono 4 fasi della malattia.

  1. Le estensioni del plesso venoso sono insignificanti e praticamente non causano alcun disagio al paziente. Con la stitichezza, le feci forti possono ferire il nodo emorroidario, che porta alla sua infiammazione. In questo caso viene rilasciato l'essudato, che provoca prurito e bruciore intorno all'ano. Dopo la defecazione, la maggior parte dei pazienti nota un leggero disagio nell'area dell'ano, del retto. A volte, dopo lo sgabello sulla carta igienica, sono visibili tracce di sangue. Tuttavia, la maggior parte dei sanguinamenti emorroidi in questa fase è così insignificante che può essere rilevata solo dai risultati degli esami di laboratorio (analisi del sangue occulto fecale, microscopia delle feci).
  2. La dimensione delle emorroidi aumenta tanto da essere percepita dal paziente come un corpo estraneo nel retto. Sotto l'influenza dello sforzo fisico, della defecazione, della tosse, questi nodi escono attraverso l'ano e poi si ritraggono in modo indipendente verso l'interno. Quasi ogni atto di evacuazione dell'intestino è accompagnato da sensazioni dolorose, secrezioni sanguinolente. Emorragia di lunga durata provoca anemia da carenza di ferro, a volte in misura significativa. Dopo un po ', la malattia può entrare spontaneamente nello stadio di remissione, cioè i segni di emorroidi interne diventano deboli, ma sotto l'influenza di fattori provocatori, presto c'è una esacerbazione.
  3. I nodi emorroidali diventano così grandi che cadono facilmente dal lume dell'ampolla del retto verso l'esterno. Indipendentemente non recuperano più, possono essere regolati manualmente. Complicazioni si verificano spesso, ad esempio, emorragia rettale, frattura dell'ano.
  4. I nodi emorroidali sono costantemente inclinati verso l'esterno, non possono essere corretti a causa delle loro grandi dimensioni, anche a mano. I pazienti lamentano il dolore costante nell'area del retto, dell'ano, del perineo, intensificando con qualsiasi, compreso lo sforzo fisico minore. Le esacerbazioni sono frequenti e accompagnate da segni clinici pronunciati.

diagnostica

La diagnosi precoce delle emorroidi interne è difficile, dal momento che non ci sono segni esterni della malattia e le lamentele del paziente sono scarse. Se il medico assume una patologia delle vene del retto, esegue un esame con le dita della sua ampolla. Durante lo studio, vengono determinate la dimensione, la densità e la posizione della localizzazione del nodo varicoso, il loro dolore e la densità. Le emorroidi interne al tatto hanno la forma di un gelso, facilmente sanguinante. Sullo sfondo di una emorroidi interne a lungo termine, i nodi e la membrana mucosa del retto cadono facilmente, il che è evidente durante l'esame delle dita.

Uno studio più dettagliato delle caratteristiche delle emorroidi viene effettuato con l'aiuto di anoscopia. Nel retto ad una profondità di 10 cm viene inserito un tubo per anoscopi, che ha uno speciale sistema di illuminazione. Se i nodi si trovano più in alto, invece di eseguire l'anoscopia, viene eseguita una sigmoidoscopia. I metodi di ricerca endoscopica offrono l'opportunità di ottenere informazioni dettagliate sullo stato della mucosa del retto, le dimensioni e il numero di protrusioni di corpi cavernosi e anche di identificare o escludere altre malattie proctologiche. Durante l'esame endoscopico, se necessario, viene eseguita una biopsia della parete rettale, seguita da un'analisi istologica del tessuto risultante. Ciò consente una diagnosi tempestiva delle neoplasie maligne del retto, che nelle fasi iniziali si manifestano clinicamente come segni di emorroidi interne.

Se non vi è alcuna possibilità di esame endoscopico, il retto ricorre all'irrigoscopia. Per fare questo, una sospensione di solfato di bario viene introdotta nel retto, e quindi viene eseguito un esame a raggi X. L'irrigazione consente di diagnosticare la presenza di fistole anali e rigonfiamenti della parete intestinale, che possono essere formati e le emorroidi.

Per valutare le funzioni inibitorie dello sfintere, eseguire la sfinterometria.

2-3 giorni prima di qualsiasi metodo strumentale di esame intestinale, al paziente viene prescritta una dieta con un contenuto minimo di fibre vegetali grossolane. La sera prima e la mattina del giorno della ricerca, un clistere purificante è obbligatorio.

I metodi strumentali di esame dell'intestino sono controindicati nell'esacerbazione delle emorroidi interne, poiché contribuiscono all'aumento del sanguinamento e alla diffusione del processo infiammatorio.

I metodi di laboratorio per la diagnosi delle emorroidi interne sono piuttosto ausiliari. Questi includono:

  • un esame del sangue generale (il sanguinamento determina una ridotta concentrazione di emoglobina, infiammazione delle emorroidi - leucocitosi e accelerazione della VES);
  • coprogram e feci per sangue occulto - in grado di rilevare anche sanguinamento minimo, chiarire le caratteristiche delle funzioni intestinali;
  • feci a cisti di lamblia e uova di vermi - permette di escludere l'invasione elmintica e la causa associata di prurito perianale.

Nella struttura complessiva delle malattie proctologiche, la quota di emorroidi interne rappresenta il 35-40%.

La diagnosi differenziale viene eseguita con le seguenti patologie:

  • ragade anale;
  • diverticolosi;
  • polipo del retto;
  • malformazioni congenite del retto e della regione perianale;
  • papilla anale ipertrofica;
  • Condilomi anali;
  • ascessi;
  • tumore villoso;
  • prolasso del retto;
  • cancro del retto.

Trattamento di emorroidi interne

Con emorroidi interne non complicate, accompagnate da rare emorragie, è indicata una terapia conservativa, finalizzata a regolare le feci, normalizzando la circolazione sanguigna nel retto ed eliminando l'infiammazione. A tal fine, nominare:

  • blocchi parziali della novocaina secondo AV Vishnevsky;
  • unguenti e supposte con anestetici locali;
  • lassativi;
  • microclasmi con linimento Vishnevsky, olio di rosa canina o olio di olivello spinoso;
  • unguenti e supposte con enzimi proteolitici e / o eparina;
  • acido nicotinico;
  • detrolex (con esacerbazione delle emorroidi interne);
  • procedure fisioterapeutiche - irradiazione ultravioletta con una lampada al quarzo, UHF.

Con sanguinamento significativo, al paziente possono essere assegnati agenti emostatici.

Il trattamento conservativo delle emorroidi interne sfortunatamente, raramente fornisce un risultato positivo persistente. Lo sforzo fisico pesante, le inesattezze nella dieta, lo stress, di norma, portano a un'altra esacerbazione.

Nel meccanismo patologico della formazione delle emorroidi interne, prendono sempre due fattori: la debolezza delle pareti venose e l'aumento della pressione rettale interna.

Con esacerbazioni frequenti o complicate decorso di emorroidi interne, è indicato un trattamento chirurgico, che dovrebbe essere preceduto da un breve ciclo (5-6 giorni) di terapia antiinfiammatoria. I metodi chirurgici per il trattamento delle emorroidi interne includono:

  1. Iniezioni sclerosanti. Il plesso espanso varicoso viene iniettato con una sostanza speciale chiamata sclerosante, che porta all'incollaggio delle pareti vascolari e successivamente all'infezione del lume del vaso con fibre di tessuto connettivo. L'operazione è indicata per i pazienti con emorroidi croniche senza pronunciata infiammazione e prolasso dei nodi.
  2. Legatura con anelli di lattice. La procedura viene eseguita utilizzando un apparecchio speciale. Indizi per esso sono: una condizione generale seria del paziente, emorroidi prolasso, cambiamenti incendiari significativi.
  3. Resezione classica delle emorroidi (emorroidectomia). È effettuato in pazienti con emorroidi croniche complicate da sanguinamento pesante e / o nodi prolassati. Nella maggior parte dei casi, viene eseguita l'operazione Milligan-Morgan.

Possibili conseguenze e complicazioni

Le complicazioni di emorroidi interne diventano:

  • prurito anale;
  • anemia da carenza di ferro;
  • incontinenza delle feci;
  • trombosi di emorroidi, manifestate clinicamente da un forte dolore al retto e all'ano;
  • violazione delle emorroidi cadute con lo sviluppo della loro necrosi;
  • ascessi;
  • sepsi;
  • flemmone dei tessuti molli del bacino.

prospettiva

Con un appello tempestivo al proctologo e conducendo un trattamento adeguato, la prognosi è generalmente favorevole. Se si sviluppano complicanze, la prognosi peggiora.

prevenzione

La prevenzione delle emorroidi interne è la seguente attività, che dovrebbe essere di natura sistemica:

  • trattamento tempestivo di diarrea e stitichezza;
  • toilette dell'area attenta dell'ano dopo ogni movimento intestinale;
  • inserimento nella dieta di una quantità sufficiente di frutta e verdura;
  • aderenza al regime di bere ottimale;
  • regolare esercizio di ginnastica, camminando all'aria aperta;
  • restrizione di eccessivo sforzo fisico;
  • rifiuto di indossare cinture strette, modellando biancheria intima;
  • rifiuto di abusare di alcol.

Emorroidi interne: cause, segni e metodi di trattamento della malattia

La proctologia moderna classifica le vene varicose delle vene emorroidali in base alla posizione dei noduli. Secondo questo principio, si distinguono due forme principali della malattia: emorroidi esterne ed interne. Se combinati, possiamo parlare di un processo combinato.

La terapia corretta della malattia dipende da una diagnosi accurata. E anche se è una prerogativa degli specialisti, tutti dovrebbero sapere quali sono i sintomi della patologia venosa interna, da dove proviene e, soprattutto, come curare le emorroidi interne.

Cause di emorroidi interne

Le emorroidi rettali sono una malattia vascolare in cui il plesso delle vene varicose forma noduli emorroidali situati sotto il tessuto mucoso all'interno del retto.

Gli scienziati distinguono le malattie poli-otologiche, alla cui comparsa conducono contemporaneamente diversi fattori. A tali disturbi includono anche emorroidi interne, perché le cause che lo causano sono molteplici.

Quindi, molti medici considerano l'ereditarietà come una delle cause principali dell'emergere di nodi interni.

Durante lo sviluppo fetale, il feto ha già formato ingrossate formazioni cavernose (cavernose) nella parte inferiore del retto poco prima della valvola rettale.

Sotto l'influenza di "provocatori", le formazioni cavernose, permeate di vasi venosi, iniziano ad aumentare e si spostano verso il basso, verso l'anello anale - così si formano i noduli emorroidali interni.

I seguenti fattori patogeni e cause possono provocare lo sviluppo delle vene varicose delle vene anali:

  1. Squilibrio di potere. La malattia emorroidaria è più comune negli amanti del cibo denso e gustoso. L'abuso di cibi grassi, affumicati e dolci, insieme all'assenza di cereali, verdure, frutta e "latte acido" porta a costipazione, che aumenta la pressione sul plesso venoso degli organi pelvici. Il risultato di sforzi sono fenomeni stagnanti nel retto e il traboccamento delle vene con il sangue.
  2. Scarsa mobilità. Molte persone sul pianeta soffrono di ipodynamia, una limitazione dell'attività motoria. Soprattutto spesso questo problema si verifica negli abitanti delle megalopoli, che si muovono in auto e si impegnano nel cosiddetto lavoro sedentario. Tutto ciò porta alla stagnazione del sangue nell'ano.
  3. Eccessiva attività fisica. Le emorroidi interne (tuttavia, come quella esterna) si trovano spesso nelle persone che sollevano costantemente oggetti pesanti e sperimentano carichi elevati. Quindi, rischioso di ottenere delicate liste di problemi di peso, culturisti, sollevatori di pesi, caricatori.
  4. Bere alcol con emorroidi. La preoccupazione per le bevande alcoliche "colpi" per molti organi interni, ma pochi sanno che l'alcol può innescare la comparsa di vene varicose emorroidi espandendo i vasi sanguigni del retto e migliorare il flusso di sangue al plesso venoso nel canale rettale.

Sintomi di emorroidi interne

La principale differenza tra la forma interna della malattia e il processo patologico localizzato esternamente è l'assenza di sintomi ovvi, poiché le emorroidi rettali sono una variante nascosta della malattia.

formazione cavernoso advanced situato sotto la mucosa del retto sopra delle valvole anali, in modo da vedere le emorroidi allargata "occhio nudo" nelle fasi iniziali è impossibile.

E all'inizio i segni di emorroidi interne non infastidiscono davvero il paziente. Il sintomo comincia ad aumentare con l'aumento delle emorroidi. Il quadro clinico dipende dallo stadio del processo patologico.

Il primo stadio. Le formazioni cavernose sono piccole, quindi la protuberanza delle mucose non infastidisce la persona. Solo occasionalmente, se sono danneggiati da forti feci, si verifica un'infiammazione. I primi sintomi di emorroidi sono i seguenti:

  • bruciore e prurito nella zona anorettale a causa dell'essudato infiammatorio (fluido) secreto dai vasi sanguigni;
  • una sensazione di disagio nel canale rettale dopo il movimento intestinale;
  • tracce di sangue occasionalmente rilevabili sulla carta igienica dopo aver visitato il bagno.

Il secondo stadio. Se il trattamento delle emorroidi non viene eseguito, il processo patologico nel retto aumenta solo, passando a uno stadio più grave, che è caratterizzato da:

  • un aumento ancora maggiore delle emorroidi;
  • disagio e sensazione di trovare un oggetto estraneo nel canale anale;
  • il rilascio di formazioni cavernose ingrandite dal retto (di solito durante la defecazione) e il loro ritorno indipendente al loro posto abituale;
  • dolore quando si visita il bagno;
  • macchie più intense.

Il terzo stadio. Il quadro clinico "cresce", la gravità dei sintomi negativi aumenta solo:

  • I coni emorroidali escono dall'ano a qualsiasi carico fisico e devono essere reinseriti nelle loro stesse mani;
  • il sanguinamento dal retto diventa più frequente e peggiore;
  • il dolore aumenta anche, specialmente se le ragadi e le infiammazioni anali sono attaccate alle emorroidi.

Il quarto stadio. Questa è una forma trascurata della malattia, in cui tutti i segni dell'ingrossamento varicoso delle vene emorroidali sono espressi nel modo più luminoso possibile:

  • le formazioni cavernose si incurvano regolarmente e non possono essere inserite nell'ano nella schiena;
  • La sindrome del dolore è presente costantemente, e tali semplici azioni come il movimento e la seduta, esacerbano solo il dolore;
  • Il sanguinamento può essere così intenso che è difficile fermarli.

La rapida crescita di sintomi sfavorevoli nelle emorroidi interne dipende in larga misura dal numero di fattori patogeni e dalle caratteristiche del corpo umano.

Complicazioni della malattia

Che cosa sono le emorroidi croniche interne pericolose? Poiché il processo patologico spesso si svolge in segreto, i pazienti cercano aiuto medico, di solito quando la malattia è cronica e vanno 2 o anche 3 stadi.

Le complicanze più frequenti della forma interna della malattia includono le seguenti condizioni:

  1. Trombosi di vene. A causa dei fenomeni stagnanti nei nodi, il sangue si condensa, si formano coaguli di sangue nelle vene, che comprimono le terminazioni nervose. Di conseguenza, i noduli varicosi diventano cianotici, si gonfiano e la sindrome del dolore è significativamente rafforzata (l'intero coccige può ferire).
  2. violazione dei noduli. Questa complicazione è piuttosto rara, ma deve ancora essere conosciuta a riguardo. Negli ultimi stadi, il cono interno si estende oltre il canale rettale e viene contratto dai muscoli dello sfintere anale. I nodi diventano praticamente neri, possono presentarsi necrosi e trombosi. A proposito di come il passaggio posteriore fa male, probabilmente non c'è bisogno di parlare.
  3. anemia. Di norma, il sanguinamento persistente o grave dal canale del retto porta all'anemia. Contro il suo background, l'emoglobina cade, una persona si sente debole, rapidamente si stanca. Come diminuisce anche l'immunità, la possibilità di aderire al processo di infezione delle emorroidi è alta.
  4. Debolezza dello sfintere. Con prolasso continuo e prolungato di formazioni cavernose (specialmente negli anziani), la valvola anale può essere indebolita, a seguito della quale si osserva incontinenza di gas intestinali e feci liquide.

Se l'infezione si è verificata nel retto o nella regione perianale, inizia il processo infiammatorio.

In assenza di trattamento, l'infiammazione passerà al grasso sottocutaneo, che può comportare lo sviluppo di una condizione pericolosa - un ascesso pararettale e persino la sepsi.

Misure diagnostiche

L'assenza di segni visibili e la debole gravità dei sintomi rendono difficile stabilire una diagnosi accurata nelle prime fasi del processo patologico.

Quando si sospetta una formazione cavernosa rettale, il proctologo esegue la palpazione. Il medico inserisce l'indice nell'ano e brancola tutti i noduli emorroidali vicino allo sfintere, stabilisce la sua durezza, volume e indolenzimento.

Inoltre, la palpazione consente di determinare se il tono dello sfintere è ridotto. Con insufficiente funzionamento dei muscoli dello sfintere, aumenta la probabilità di prolasso dei coni interni e della mucosa rettale durante l'attività fisica.

La mancanza di sensibilità delle dita è che i noduli vengono rilevati solo quando sono vicini all'ano. In una situazione diversa, sarà necessario l'uso di metodi diagnostici strumentali.

Ai metodi strumentali di esame del retto con emorroidi interne includono:

  • fo ø. Viene eseguito utilizzando un dispositivo con uno specchio, che è inoltre dotato di un sistema di illuminazione. Il dispositivo consente di "guardare" nel canale rettale fino a una profondità di 10-12 centimetri;
  • sigmoidoscopia. Questo è un metodo endoscopico per lo studio della mucosa dell'intestino inferiore. Permette di rilevare noduli emorroidali ad una profondità di fino a 30 centimetri. Inoltre, un dispositivo speciale consente di prelevare un campione per una biopsia, se il medico sospetta un tumore dell'intestino.

Prima di visitare il gabinetto proctologico, il paziente deve svuotare l'intestino e fare un clistere purificante. L'esame non mostrerà risultati se l'intestino inferiore è pieno di feci.

Svolte e prove di laboratorio: test del sangue dà un'indicazione della presenza di anemia, coprogram mostrando le viscere, e test del sangue occulto, che indica l'emorragia occhio invisibile.

Come trattare le emorroidi interne?

I sintomi e il trattamento sono stabiliti da uno specialista-proctologo. Nella medicina tradizionale, ci sono due approcci alla terapia delle vene varicose delle vene emorroidali: conservativa e chirurgica.

Il trattamento conservativo (medicamentoso) dimostra efficacia solo nelle fasi iniziali del processo patologico ed è anche usato nel periodo di esacerbazione delle emorroidi.

Uso di medicinali

Il proctologo dirà al paziente come trattare le emorroidi interne. Sul mercato farmaceutico ci sono molti farmaci anti-emorroidari, che è estremamente difficile da capire indipendentemente da una persona non preparata.

Nelle prime fasi, le emorroidi possono essere curate a casa usando i seguenti medicinali:

  • venotoniki. Questi farmaci sono progettati per combattere direttamente con una delle cause delle emorroidi - la debolezza dei vasi venosi. Detraleks Compresse Phlebodia 600, ecc Venarus. Migliora tono venoso, migliorare l'elasticità delle pareti dei vasi, normalizzare vasi sanguigni riempimento, eliminare il ristagno nel bacino e alleviare i sintomi principali della malattia. Ci sono anche venotonics di azione locale - per esempio, Troxevasin Gel.
  • Farmaci anti-infiammatori. L'infiammazione di emorroidi interne è trattata di solito con l'aiuto di preparazioni di azione locale - unguenti e supposte rettali. Sono non-ormonali (supposte indometacina, Rilievo, Levomekol, unguento Wisniewski) e ormonali, per esempio, idrocortisone (Ultraproct, Rilievo Ultra, Proctosedyl M). Va ricordato che i farmaci con ormoni eliminano rapidamente le emorroidi a casa, ma hanno più controindicazioni e reazioni collaterali.
  • anestetici. Per ridurre la sindrome del dolore, il medico può prescrivere sia i farmaci di azione sistemica (Naise, Pentalgin, Ibuklin), sia le supposte con azione anestetica.. Il più popolare di candela-analgesici: con Belladonna, Novocaina, Sollievo Advance, Anestezol, Neo-Anuzol, Ginkor Procto, proctite-Glivenol ecc Un'altra diffusa media locali - Bezornil unguento.
  • antisettici. Tali farmaci sono progettati per sopprimere la diffusione dell'infezione nelle formazioni cavernose. Nella composizione degli agenti antisettici ci sono entrambi componenti naturali (propoli, olivello spinoso, calendula) e ingredienti chimici (bismuto, zinco). I farmaci più popolari in questo gruppo sono supposte di ittiolo, supposte con olio di olivello spinoso, Anuzol, Neo-Anusol, Anestezol.
  • Farmaci per la guarigione delle ferite. Tali fondi sono destinati a stimolare i processi rigenerativi a causa del contenuto di ingredienti bioattivi in ​​essi contenuti. Il trattamento delle emorroidi con localizzazione interna dei noduli suggerisce l'uso di supposte con metiluracile, olio di olivello spinoso, propoli e grasso di fegato di squalo (Relief).
  • anticoagulanti. Per prevenire la formazione di coaguli di sangue nelle emorroidi, vengono utilizzati farmaci anti-invertenti, il cui principio attivo principale è l'eparina. Il paziente può assumere eparina o supposte Gepatrombina G, Nigepan.
  • gemostatiki. Questi farmaci smettono di sanguinare dal retto. È possibile utilizzare compresse (ad es. Vikasol) o supposte, che restringono i vasi sanguigni o riparano le aree interessate. A preparazioni locali portano candele con adrenalina, Relif, la religione Advance, Procto-Glivenol, Natalsid.

Sulla questione di come curare le emorroidi, i medici rispondono: anche con l'aiuto dei lassativi. I lassativi più popolari sono Dufalac, Guttalax, Normase, Portalac, ecc.

Intervento chirurgico

Sfortunatamente, la terapia farmacologica delle emorroidi interne non è sempre in grado di sconfiggere la malattia. Molto spesso, l'assunzione di farmaci prolunga la remissione.

In assenza di risultati positivi, il proctologo può prescrivere un trattamento più radicale - l'operazione classica di emorroidectomia o metodi minimamente invasivi di chirurgia.

Nelle fasi iniziali del processo patologico sono consigliate le seguenti tecniche mini-invasive:

  • fotocoagulazione - implica l'esposizione alle emorroidi interne da una stretta radiazione termica, che porta alla coagulazione di sostanze proteiche nei vasi;
  • scleroterapia - nelle formazioni cavernose colpite introdurre sostanze speciali - gli sclerosanti, che incollano i vasi sanguigni e disturbano la nutrizione dei noduli;
  • Legatura ad anello in lattice - costrizione della base di emorroidi con una legatura speciale fatta di lattice naturale;
  • cryolysis - uso di azoto liquido per congelare i plessi venosi ingranditi.

Tutte queste tecniche sono considerate traumatismi minori, implicano un breve periodo di recupero, poiché l'operazione viene eseguita senza anestesia generale e non comporta un'interferenza profonda nel corpo.

Nelle ultime fasi, viene prescritta l'escissione di noduli emorroidali - l'emorroidectomia. Questa procedura viene eseguita in un ospedale in anestesia generale.

Dopo l'operazione, il paziente è nel reparto per diversi giorni, dopodiché dovrebbe aver luogo una riabilitazione abbastanza lunga.

Trattamento di emorroidi interne da rimedi popolari

La medicina alternativa offre una serie di ricette abbastanza efficaci per la terapia delle vene varicose delle emorroidi interne.

Tuttavia, è importante capire che i rimedi popolari non possono sostituire completamente le droghe farmaceutiche. Le ricette di medicina alternativa dovrebbero essere combinate con l'uso di farmaci, solo in questo caso i sintomi della malattia possono essere dimenticati per un lungo periodo di tempo.

Come trattare le emorroidi croniche interne a casa, è meglio imparare da un proctologo. Questa regola deve essere osservata, poiché molti rimedi popolari hanno gravi controindicazioni.

Puoi curare le emorroidi a casa con l'aiuto di tali materie prime vegetali come:

  • fiori di camomilla;
  • corteccia di quercia;
  • salvia;
  • foglie di fragola;
  • calendula.

Di questi ingredienti, prima fai dei decotti curativi, che poi devono essere usati nei microcleari. Inoltre, irrigare la mucosa rettale con una soluzione di miele, succo di patate.

Qualsiasi forum proctologico offrirà agli utenti Internet la ricerca di informazioni su come curare rapidamente una malattia emorroidaria interna, utilizzare supposte fatte da sé da tali prodotti naturali come:

  • polpa di patate;
  • Miele zuccherato;
  • foglie di aloe;
  • candele di ghiaccio da decotti congelati di piante medicinali.

Prevenzione delle emorroidi interne

Molti pazienti sono interessati non solo alla questione di come trattare le emorroidi, ma anche alla prevenzione della malattia. Quali misure aiuteranno a prevenire l'insorgenza della malattia o ad aumentare il periodo di remissione dopo la terapia?

Le misure preventive più importanti sono:

  • eliminazione dei problemi con lo svuotamento del retto;
  • aderenza alla dieta ottimale (inclusione di frutta e verdura ricca di fibre, cereali, esclusione di cibi salati, affumicati, grassi, alcolici);
  • aderenza al regime di bere;
  • eliminazione di sforzi fisici intensi;
  • aumento dell'attività motoria (passeggiate, nuoto, esercizi ginnici);
  • monitoraggio del peso (l'obesità è un altro fattore di provocazione).

Pertanto, l'aderenza a uno stile di vita sano aiuterà a ridurre la probabilità di sviluppare vene emorroidali varicose e prevenire la ricaduta della patologia.

Le emorroidi interne, i cui sintomi e trattamento sono stati discussi sopra, sono una malattia grave. Se non vai dal dottore in tempo, il processo patologico progredirà.

Ai primi segni di disturbo, si dovrebbe consultare un proctologo che prescriverà i farmaci necessari o raccomandare rimedi popolari sicuri.

Siete Interessati Circa Le Vene Varicose

Il primo stadio di emorroidi: cause, sintomi e trattamento

Struttura

Le emorroidi sono una malattia abbastanza comune, da cui molte persone soffrono, malattie, sia donne che uomini, sono suscettibili.La malattia rappresenta le vene varicose del retto ed è accompagnata da alcuni sintomi....

Scegliere i migliori unguenti dalle emorroidi: mezzi economici ed efficaci

Struttura

Le emorroidi sono un'infiammazione e un conseguente aumento dei noduli venosi nell'ano, che è accompagnato da sanguinamento e dolore....